Home » Patologie » Pagina 3

Patologie

Malformazione di Arnold-Chiari

La malformazione di Chiari è una condizione in cui il tessuto cerebrale si estende nel canale spinale. Essa si verifica quando una parte del cranio è eccessivamente piccolo o deforme, e quindi preme sul cervello forzando verso il basso.

La malformazione di Chiari è rara, ma i test di imaging moderni hanno portato a diagnosi più frequenti.

La malformazione di Chiari tipo I si sviluppa quando il cranio e il cervello sono in crescita. Come risultato, i segni ed i sintomi possono non verificarsi fino a tarda infanzia o in età adulta. La forma pediatrica più comune, chiamata malformazione di Chiari tipo II, è presente alla nascita (congenita).

Il trattamento dipende dalla forma, gravità e sintomi associati. Un monitoraggio regolare, i farmaci e la chirurgia sono le opzioni di trattamento. In alcuni casi, non è necessario alcun trattamento.

I medici dividono la malformazione di Chiari in tre tipi, a seconda dell’anatomia del tessuto cerebrale, e se anomalie dello sviluppo del cervello o della colonna vertebrale sono presenti.

Molte persone con malformazione di Chiari non hanno segni o sintomi e non necessitano di trattamento. Viene rilevata la loro condizione solo quando i test vengono eseguiti per i disturbi correlati. Tuttavia, a seconda del tipo e della gravità, questa sindrome può causare tutta una serie di problemi.

Sintomi

I tipi più comuni di malformazione di Chiari sono:

  • Tipo I
  • Tipo II

Nella malformazione di Chiari tipo I, segni e sintomi di solito compaiono durante la tarda infanzia o in età adulta.

La malformazione di Chiari tipo II è di solito notata con l’ecografia durante la gravidanza. Può anche essere diagnosticata dopo la nascita o nella prima infanzia.

Anche se questi tipi sono meno gravi rispetto alla forma pediatrica più rara, di tipo III, segni e sintomi possono ancora essere un problema.

Malformazione di Chiari.jpg

Leggi tutto »Malformazione di Arnold-Chiari

Cirrosi biliare primaria : cause, sintomi e cure

La cirrosi biliare primitiva è una malattia in cui i dotti biliari nel fegato vengono lentamente distrutti. La bile, un liquido prodotto nel fegato, svolge un ruolo nella digestione del cibo e aiuta a liberare il corpo dalle cellule ormai logore del sangue, colesterolo e tossine. Quando i dotti biliari sono danneggiati, come nella cirrosi biliare primaria, le sostanze nocive possono accumularsi nel fegato e, a volte portare a cicatrici irreversibili del tessuto del fegato (cirrosi epatica).

La cirrosi biliare primaria è  una malattia autoimmune in cui il corpo si rivolta contro le proprie cellule, tuttavia la cuasa di tutto questo non è chiara.

La cirrosi biliare primaria si sviluppa lentamente.

Sintomi

Anche se alcune persone con cirrosi biliare primaria rimangono senza sintomi per anni, altri sperimentano una serie di segni e sintomi, come ad esempio:

  • Stanchezza
  • Prurito della pelle
  • Dolore nella parte superiore destra dell’addome
  • Secchezza degli occhi
  • Secchezza della bocca
  • Ingiallimento della pelle e degli occhi (ittero)
  • Inscurimento della pelle che non è legato alla esposizione al sole
  • Piedi e caviglie gonfi
  • Accumulo di liquido nell’addome (ascite)
  • Depositi di grasso sulla pelle intorno agli occhi, palpebre, o nelle pieghe i palmi delle mani, piante dei piedi, i gomiti o le ginocchia (xantomi)
  • Diarrea

 

Cirrosi biliare primaria.jpeg

Leggi tutto »Cirrosi biliare primaria : cause, sintomi e cure