Macrosomia fetale : rischi, complicazioni, diagnosi e trattamento


Macrosomia fetale è un termine usato per descrivere un neonato che è significativamente più grande rispetto alla media.Un bambino con diagnosi di macrosomia fetale ha un peso alla nascita di più di 4 kg, a prescindere dalla sua età gestazionale. Circa il 9 per cento dei bambini nati in tutto il mondo pesare più di  4kg. Tuttavia, i rischi connessi con la macrosomia fetale aumentano notevolmente quando il peso alla nascita è superiore ai 4.5 kg.

Link sponsorizzati

La macrosomia rende il parto difficile e mette il bambino a rischio di lesioni durante il parto. La macrosomia fetale mette aumenta il rischio di problemi di salute dopo la nascita.

Sintomi

La macrosomia fetale è difficile da rilevare e diagnosticare durante la gravidanza. Possibili segni e sintomi includono:

  • Altezza fundal. Durante le visite prenatali, il ginecologo potrebbe misurare l’altezza fundal, ovverola distanza dalla cima dell’ utero all’osso pubico. Un  valore elevato di altezza fundal potrebbe essere un segno di macrosomia fetale.
  • Eccessivo liquido amniotico (polidramnios). troppo liquido amniotico, che è il fluido che circonda e protegge un bambino durante la gravidanza  potrebbe essere un segno che il bambino è più grande della media. La quantità di liquido amniotico riflette la produzione di urina del bambino e un bambino più grande produce più urina.

Cause

La macrosomia fetale si sviluppa in genere quando un bambino riceve troppe sostanze nutritive. Ciò può essere causato da fattori genetici, nonché delle condizioni materne, come l’obesità o il diabete. Raramente, un bambino potrebbe avere una condizione medica che accelera la crescita del feto.

In alcuni casi, ciò che provoca un maggiore peso medio alla nascita rimane inspiegabile.

Macrosomia fetale.jpg

Fattori di rischio

Molti fattori possono aumentare il rischio di macrosomia fetale alcuni sono modificabili, altri no.

Ad esempio:

  • Diabete materno. Il diabete prima della gravidanza (pre-diabete gestazionale) o lo sviluppo del diabete durante la gravidanza (diabete gestazionale), rendono la macrosomia fetale più probabile. Se il diabete è scarsamente controllato, il bambino rischia di avere le spalle più grandi e maggiori quantità di grasso corporeo.
  • Un precedente macrosomia fetale. Se in precedenza si ha partorito un bambino con diagnosi di macrosomia fetale, si è a rischio maggiore di avere un altro bambino con la stessa condizione.
  • Obesità materna. La macrosomia fetale è più probabile se si è obesi.
  • Eccessivo aumento di peso durante la gravidanza. Guadagnare troppo peso durante la gravidanza aumenta il rischio di macrosomia fetale.
  • Precedenti gravidanze. Il rischio di macrosomia fetale aumenta con ogni gravidanza. Fino alla quinta gravidanza, il peso medio alla nascita per ogni successiva gravidanza aumenta in genere fino a circa 120 grammi.
  • Maschi. I neonati maschi in genere pesano poco più dei neonati di sesso femminile. La maggior parte dei bambini che pesano più di 4,5 kg sono maschi.
  • Gravidanza in ritardo. Se la gravidanza continua per più di due settimane precedenti la data di scadenza, il bambino è a maggior rischio di macrosomia fetale.
  • L’età materna. Donne con più di 35 anni hanno maggiori probabilità di avere un bambino con diagnosi di macrosomia fetale.

La macrosomia fetale è più probabile che si sviluppi con il diabete materno, l’obesità o l’eccessivo aumento di peso durante la gravidanza rispetto ad altre cause. Se questi fattori di rischio non sono presenti e si sospetta macrosomia fetale, è possibile che il bambino possa avere una rara condizione medica che colpisce la crescita del feto.

Complicazioni

La macrosomia fetale pone rischi per la salute della madre e del bambino sia durante la gravidanza che dopo il parto.

Rischi materni

Possibili complicazioni materne di macrosomia fetale possono includere:

  • Problemi durante il parto. La macrosomia fetale può causare nel bambino lesioni alla nascita, o richiedere l’uso del forcipe e di un dispositivo a depressione durante il parto (parto vaginale operativo).
  • Lacerazioni del tratto genitale. Durante il parto, la macrosomia fetale può causare lacerazione dei tessuti vaginali e dei muscoli tra la vagina e l’ano (muscoli perineali).
  • Emorragia dopo il parto. La macrosomia fetale aumenta il rischio che i muscoli uterini non siano correttamente contratti dopo il parto (atonia uterina). Questo può portare ad emorragie potenzialmente gravi dopo il parto.
  • Rottura uterina Se si ha avuto un precedente cesareo o un grave intervento chirurgico all’utero, la macrosomia fetale aumenta il rischio di rottura uterina, una complicanza rara ma grave.

Rischi per i neonati

Possibili complicanze della macrosomia fetale per il bambino possono includere:

  • Un livello anormle di zucchero nel sangue. Un bambino con diagnosi di macrosomia fetale ha più probabilità di nascere con un livello di zuccheri nel sangue più alto del normale (ridotta tolleranza al glucosio).
  • L’obesità infantile. La ricerca suggerisce che il rischio di obesità infantile aumenta con l’aumentare del peso alla nascita.
  • La sindrome metabolica. La sindrome metabolica è un insieme di condizioni come l’aumento della pressione sanguigna, un alto livello di zucchero nel sangue, grasso corporeo in eccesso intorno alla vita o livelli di colesterolo anomali, che si verificano insieme, aumentando il rischio di malattie cardiache, ictus e diabete. Se il bambino viene diagnosticato con macrosomia fetale, è a rischio di sviluppare la sindrome metabolica durante l’infanzia.

Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se questi effetti potrebbero aumentare il rischio di diabete in età adulta, obesità e malattie cardiache.

Diagnosi

La stima o previsione del peso del bambino alla nascita è difficile. Una diagnosi definitiva di macrosomia fetale può essere effettuata soltanto quando il bambino è nato. Se si dispone di fattori di rischio per la macrosomia fetale, tuttavia, il medico probabilmente cercherà di stimare il peso alla nascita del bambino prima del parto.

Verso la fine del terzo trimestre, il medico potrebbe fare una ecografia per prendere le misure di parti del corpo del bambino, come la testa, addome e femore. Il medico quindi può collegare queste misure in una formula per stimare il peso del bambino.

E’ bene tenere presente che qualsiasi valutazione delle dimensioni di un bambino durante la gravidanza dipende dalla conoscenza accurata della sua età gestazionale. Se un bambino è grande per la sua età gestazionale, è importante verificare se la data prevista è corretta.

Se il medico sospetta la macrosomia fetale, potrebbe utilizzare il nonstress test per monitorare il bambino. Un nonstress test  misura la frequenza cardiaca del bambino in risposta ai suoi movimenti.

Trattamenti e cure

Se il medico sospetta la macrosomia fetale, un parto vaginale non è necessariamente fuori questione.

Induzione del travaglio. Le ricerche suggeriscono che l’induzione del travaglio non riduce il rischio di complicazioni legate alla macrosomia fetale e potrebbe aumentare la necessità di una C-sezione ovvero parto cesareo

In alcuni casi, il medico potrebbe raccomandare un parto cesareo. Ad esempio:

  • Diabete. In presenza di diabete pre-gestazionale o gestazionale e con la stima di un bambino che pesa più di 4.5 kg, il parto cesareo potrebbe essere il modo più sicuro per far nascere il bambino .
  • Il bambino pesa 5 chili senza diabete materno. Se non si ha il diabete gestazionale o pre-gestazionale ed il medico stima che il bambino pesa 5kg o più, un parto cesareo può essere raccomandato.
  • In passato si è partorito un bambino con distocia di spalla. Se in passato si è partorito un bambino con distocia di spalla, si è a rischio che il problema si ripeta. Un parto cesareo potrebbe essere consigliato per evitare i rischi connessi con la distocia di spalla.

Se il medico raccomanda un taglio cesareo elettivo, assicurarsi di discutere i rischi ed i benefici con lui.

Dopo che il bambino è nato, sarà probabilmente esaminato per la ricerca di eventuali lesioni alla nascita, ipoglicemia e policitemia. Potrebbe avere bisogno di cure particolari in unità neonatale dell’ospedale. Il bambino potrebbe essere a rischio di obesità infantile e di resistenza all’insulina, deve quindi essere monitorato per queste condizioni durante controlli futuri.

Prevenzione

Si potrebbe non essere in grado di prevenire la macrosomia fetale, ma è possibile promuovere una gravidanza sana.

Ad esempio:

  • Sesi  sta pensando di avere una gravidanza, rivolgersi al medico curante. Il medico potrebbe aiutare a pianificare o correggere se necessario le abitudini alimentari e di vita, per affrontare una gravidanza sicura.
  • Controllare il peso. Evitare di iniziare un gravidanza essendo in sovrappeso
  • Gestire il diabete. Se si ha il diabete prima della gravidanza o si sviluppa il diabete gestazionale, è fondamentale controllarlo e gestirlo correttamente.
  • Includere l’attività fisica nella routine quotidiana.

Referenze »

American College of Obstetricians and Gynecologists. La gravidanza e il parto. 5 ed. Washington, DC: American College of Obstetricians and Gynecologists, 2010:241.
Abramocwicz JS, et al. Macrosomia fetale. http://www.uptodate.com/index~~V. Consultato il 13 Marzo 2012.
Rodis JF. Tempi e metodi di parto in gravidanze a rischio di distocia di spalla. http://www.uptodate.com/index~~V. Consultato il 13 Marzo 2012.
Mandy GT. L’età gestazionale del neonato. http://www.uptodate.com/index~~V. Consultato il 13 Marzo 2012.
FG Cunningham, et al. Williams Obstetrics. 23a ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2010. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=6036563. Consultato il 14 Marzo 2012.
DeCherney AH, et al .. Diagnosi attuale & Obstetrics & Gynecology trattamento. 10 ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2007. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=2384988. Consultato il 14 Marzo 2012.
Gibbs RS, et al. Danforth di Ostetricia e Ginecologia. 10 ed. Philadelphia, Pa.: Wolters Kluwer Health Lippincott Williams & Wilkins, 2008. http://www.danforthsobgyn.com. Consultato il 19 marzo 2012.
Chatfield J. ACOG problemi di orientamento in materia di macrosomia fetale. Famiglia medico americano. 2001; 64:169.
Rodis JF. Intrapartum gestione dei risultati della distocia di spalla. http://www.uptodate.com/index~~V. Consultato il 20 marzo 2012.
Cure prenatali di routine. Bloomington, Minnesota: Institute for Clinical Improvement Systems. Consultato il 20 marzo 2012.
Tse G, et al. Aumento di peso e perdita in gravidanza. http://www.uptodate.com/index~~V. Consultato il 20 marzo 2012.
Mulik, et al. Il risultato di feti macrosomici in una popolazione a basso rischio. Gazzetta Internazionale di Ginecologia e Ostetricia. 2003; 80:15.
Hackmon R, et al. Un’analisi combinata con l’indice liquido amniotico e la stima del peso fetale per la previsione di macrosomia grave alla nascita. American Journal of Obstetrics and Gynecology. 2007;. 196:333 e1.
American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG) Commissione Bollettini Practice – Ostetricia. ACOG Practice Bulletin No.60. Diabete mellito pre-gestazionale. Obstetrics & Gynecology. 2005; 105:675.
Raio L, et al. Esito perinatale dei feti con un peso alla nascita superiore a 4500 g: L’analisi di 3356 casi. European Journal of Obstetrics and Gynecology e la biologia riproduttiva. 2003; 109:160.
Prove speciali per monitorare la salute del feto. Congresso Americano degli Ostetrici e Ginecologi. http://www.acog.org/publications/patient_education/bp098.cfm. Consultato il 20 marzo 2012.
Gillen Goldstein-J, et al. Valutazione della maturità polmonare fetale.http://www.uptodate.com/index~~V. Consultato il 20 marzo 2012.
Wegner EK, et al. Parto vaginale operativo. http://www.uptodate.com/index~~V. Consultato il 21 mar 2012.
McCulloch DK, et al. Previsione e prevenzione del diabete di tipo 2. http://www.uptodate.com/index~~V. Consultato il 21 mar 2012.
Che cos’è la sindrome metabolica? National Heart, Lung, and Blood Institute. http://www.nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/ms/. Consultato il 21 mar 2012.
Cleary-Goldman J, et al. Impatto della età materna in ostetrica. Obstetrics & Gynecology. 2005; 105:983.

Link sponsorizzati