Orticaria da freddo: cause e prevenzione

L’orticaria da freddo è una reazione cutanea al freddo che compare pochi minuti dopo l’esposizione a basse temperature. La pelle interessata sviluppa lividi rossastri e pruriginosi detti appunto orticaria.

Link sponsorizzati

Le persone con orticaria fredda o da freddo,  presentano sintomi ampiamente diversi. Alcuni hanno reazioni minori, mentre altri hanno reazioni gravi. Per alcune persone questa condizione, nuotare in acque fredde può portare a una pressione sanguigna molto bassa, svenimenti o shock.

Questa condizione si verifica più frequentemente nei giovani adulti.  Il trattamento di solito prevede misure preventive come l’assunzione di antistaminici ed evitare l’esposizione a temperature troppo basse o acque troppo fredde.

Sintomi

Segni e sintomi di orticaria da freddo possono includere:

  • Zone di pelle rossastre e pruriginose temporanee  nell’area della pelle esposta al freddo
  • Un peggioramento della reazione mentre la pelle si riscalda
  • Gonfiore delle mani mentre si maneggiano oggetti freddi
  • Gonfiore delle labbra dovuto al consumo di cibi o bevande fredde

Le reazioni gravi possono includere:

  • Una risposta di tutto il corpo (anafilassi), che può causare svenimenti, battito cardiaco accelerato, gonfiore di arti e busto e shock
  • Gonfiore della lingua e della gola, che può rendere difficile la respirazione

I sintomi dell’orticaria fredda iniziano subito dopo che la pelle è stata esposta a un improvviso calo della temperatura dell’aria o all’acqua fredda. Le condizioni umide e ventose possono rendere più probabile una riacutizzazione dei sintomi. Ogni episodio può persistere per circa due ore.

Le reazioni peggiori si verificano generalmente con un’esposizione completa della pelle, come il nuoto in acqua fredda. Tale reazione potrebbe portare alla perdita di coscienza.

In caso di reazioni cutanee dopo esposizione a freddo, consultare il medico. Anche se le reazioni sono lievi, il medico vorrà escludere le condizioni sottostanti che potrebbero causare il problema.

Cerca assistenza di emergenza se dopo un’esposizione improvvisa al freddo si avvertono difficoltà respiratorie.

Cause

Nessuno sa esattamente cosa provochi l’orticaria da freddo. Alcune persone sembrano avere cellule della pelle molto sensibili, a causa di un tratto ereditario, un virus o una malattia. Nelle forme più comuni di questa condizione, il freddo innesca il rilascio di istamina e altri prodotti chimici nel flusso sanguigno.

Queste sostanze chimiche causano arrossamento, prurito e talvolta una reazione di tutto il corpo (sistemica).

Fattori di rischio

È più probabile che si abbia questa condizione se:

  • Il paziente è giovane. Il tipo più comune –  si verifica più frequentemente nei giovani adulti.
  • Si ha una condizione di salute di base. Un tipo meno comune – l’orticaria fredda acquisita secondaria – può essere causato da un problema di salute di base, come l’epatite o il cancro.
  • Si hanno alcuni tratti ereditati. Raramente l’orticaria da freddo viene trasmessa a livello familiare. Questo tipo di orticaria familiare provoca lividi dolorosi e sintomi simil-influenzali dopo l’esposizione al freddo.

Complicazioni

La principale possibile complicazione di questa forma di orticaria è una grave reazione che si verifica dopo aver esposto al freddo ampie aree della pelle, ad esempio nuotando in acqua a temperature basse.

Diagnosi

L’orticaria da freddo può essere diagnosticata posizionando un cubetto di ghiaccio sulla pelle per cinque minuti. Se il paziente ha la condizione, si formerà una protuberanza rossa (alveare) sollevata pochi minuti dopo la rimozione del cubetto di ghiaccio.

In alcuni casi, l’orticaria è causata da una condizione di base che colpisce il sistema immunitario, come un’infezione o un cancro. Se il medico sospetta una condizione di base, potrebbero essere necessari esami del sangue o altri metodi diagnostici.

Cure e trattamenti

In alcune persone, l’orticaria fredda scompare da sola dopo settimane o mesi. In altri, dura più a lungo. Non esiste una cura per la condizione, ma il trattamento e le misure preventive possono aiutare.

Il medico può raccomandare di provare a prevenire o ridurre i sintomi con i rimedi casalinghi, come l’uso di antistaminici da banco ed evitare l’esposizione al freddo.

I farmaci da prescrizione usati per trattare l’orticaria fredda includono:

  • Antistaminici. Assumere in anticipo un antistaminico per aiutare a prevenire una reazione se si prospetta una esposizione a basse temperature. Esempi includono loratadina (Claritin), cetirizina (Zyrtec) e desloratadina (Clarinex).
  • Omalizumab (Xolair). Normalmente prescritto per il trattamento dell’asma, questo farmaco è stato usato con successo per trattare le persone con orticaria da freddo che non hanno risposto ad altri farmaci.

Se il paziente ha una storia di reazioni sistemiche, il medico può prescrivere un autoiniettore con epinefrina.

Prevenzione

I seguenti suggerimenti possono aiutare a prevenire un episodio ricorrente di orticaria da freddo:

  • Prendere un antistaminico da banco prima dell’esposizione a freddo.
  • Prendere i farmaci come prescritto.
  • Proteggere la pelle dal freddo o dagli sbalzi di temperatura.
  • Evita le bevande ghiacciate per prevenire il gonfiore della gola.
  • Se il medico ha prescritto un autoiniettore per epinefrina, tenerlo con sé per aiutare a prevenire reazioni gravi.
  • Se è programmato un intervento chirurgico, Il team chirurgico può prendere provvedimenti per aiutare a prevenire i sintomi indotti dal freddo in sala operatoria.

Referenze

Wolff K, et al. Orticaria e angioedema. In: Atlante dei colori di Fitzpatrick e sinossi della dermatologia clinica. 8a ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies; 2017.
Mauer M. Orticaria fredda. https://www.uptodate.com/contents/search. .
Lang DM, et al. Approcci contemporanei alla diagnosi e alla gestione dell’orticaria fisica. Annali di allergia, asma e immunologia. 2013; 111: 235.
Ombrello MJ, et al. Orticaria a freddo, immunodeficienza e autoimmunità correlate alle delezioni PLCG2. New England Journal of Medicine. 2012; 366: 330.
Isik S, et al. Orticaria fredda aniopatica e anafilassi. Cure pediatriche di emergenza. 2014; 30: 38.
Abajian M, et al. Orticaria fisica e orticaria colinergica. Cliniche di immunologia e allergie del Nord America. 2014; 34: 73.

Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Laureato in Medicina e Chirugia all'Università degli Studi di Milano, Spec. in Anatomia patologica - Patologie orali Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto al solo ed unico scopo informativo!

Lascia un commento

avatar