Morfea (Sclerodermia localizzata)

Ultimo aggiornamento 15 Giugno, 2019 at 09:30 pm

La Morfea  è una rara condizione della pelle che causa chiazze indolori e scolorite sulla pelle. In genere, le modifiche della pelle compaiono sull’addome, sul torace o sulla schiena. Ma potrebbero anche apparire sul tuo viso, braccia o gambe. Nel tempo queste chiazze possono diventare dure, secche e lisce.

Link sponsorizzati

La condizione tende ad influenzare solo gli strati esterni della pelle. Ma alcune forme  interessano anche i tessuti più profondi e possono limitare il movimento delle articolazioni.

La morphea di solito si attenua da sola nel tempo, anche se le ricadute sono comuni. Tuttavia, sono disponibili farmaci e terapie per aiutare a trattare la decolorazione della pelle e altri effetti tipici.

Sintomi

I segni e i sintomi della morfea variano a seconda del tipo e dello stadio della condizione. Loro includono:

  • Chiazze ovali rossastre o violacee di pelle, spesso sull’addome, sul petto o sulla schiena
  • Zone che si sviluppano gradualmente con un centro più chiaro o biancastro
  • Macchie lineari, specialmente su braccia o gambe
  • Un cambiamento graduale della pelle colpita, che diventa dura, ispessita, secca e lucente
  • Perdita di capelli e ghiandole sudoripare nell’area colpita nel corso del tempo

La Morfea di solito colpisce solo la pelle e il tessuto sottostante, ma a volte coinvolge anche l’osso. La condizione generalmente dura diversi anni e poi scompare da sola. Può pero’ lasciare cicatrici o aree di pelle scurita o scolorita.

Cause

La causa della morfea è sconosciuta. Alcuni esperti pensano che sia causata da un’infezione, ma questa teoria non è mai stata dimostrata. La condizione non è contagiosa.

Alcuni fattori possono influenzare il rischio di sviluppare morfea, tra cui:

  • Sesso. Le femmine hanno maggiori probabilità di sviluppare la morfea rispetto ai maschi.
  • Età. La condizione può colpire le persone a qualsiasi età. Di solito appare tra i 2 e i 14 anni o a 40  anni.

Complicazioni

La morphea può causare una serie di complicazioni, tra cui:

  • Problemi di autostima. La Morfea può avere un effetto negativo sull’autostima e sull’immagine del corpo, in particolare se macchie scolorite di pelle compaiono sulle  braccia, sulle gambe o sul viso.
  • Problemi di movimento. La morfea che colpisce le braccia o le gambe può compromettere la mobilità articolare.
  • Aree diffuse di pelle indurita e scolorita. Numerose nuove zone di pelle dura e scolorita possono sembrare unite, dando inizio ad una condizione nota come morphea generalizzata.
  • Danni agli occhi. I bambini  a cui la condizione colpisce testa e collo possono subire danni oculari impercettibili ma permanenti.

Diagnosi

Il medico può diagnosticare la morfea esaminando la pelle interessata e dai segni e sintomi. E’ anche possibile prelevare un piccolo campione della pelle interessata (biopsia cutanea) per un esame in laboratorio.

Questo potrebbe rivelare cambiamenti nella pelle, come l’ispessimento di una proteina (collagene) nel secondo strato di pelle (derma). Il collagene compone i tessuti connettivi, compresa la pelle. Aiuta a rendere la tua pelle elastica e resistente.

È importante distinguere la morfea dalla sclerodermia sistemica e da altre condizioni. Quindi il medico può indirizzare a uno specialista in disturbi della pelle (dermatologo) o malattie delle articolazioni, delle ossa e dei muscoli (reumatologo).

L’ecografia e la risonanza magnetica possono essere utili per monitorare la progressione della malattia e la risposta al trattamento.

Trattamenti e cure

La Morfea di solito va via senza trattamento, anche se può lasciare cicatrici o aree di pelle scolorita. Fino a quando la  condizione non si risolve, si potrebbe voler seguire un trattamento che aiuti a controllare i segni e i sintomi.

Le opzioni di trattamento includono:

  • Creme e farmaci. Il medico può prescrivere una crema di vitamina D, come calcipotriene (Calcipotriene, Dovonex, Taclonex). La pelle generalmente inizia a migliorare durante i primi mesi di trattamento. Possibili effetti collaterali includono bruciore, bruciore e eruzione cutanea. Il medico può prescrivere una crema di corticosteroidi per ridurre l’infiammazione. Se utilizzate a lungo, queste creme possono assottigliare la pelle.
  • Terapia della luce. Per la morfea grave o diffusa, il trattamento può includere l’uso della luce ultravioletta (fototerapia).
  • Farmaci per via orale. Il medico può prescrivere un farmaco immunosoppressivo, come il metotrexato orale (Trexall), pillole di corticosteroidi o entrambi. O il medico può suggerire l’idrossiclorochina (Plaquenil). Ognuno di questi farmaci ha effetti collaterali potenzialmente gravi.

Poiché la morfea asciuga la pelle colpita, le creme idratanti possono aiutare ad ammorbidire e migliorare la sensazione della pelle. È una buona idea evitare lunghe docce o bagni caldi, poiché possono seccare la pelle.

Referenze »

Goldsmith LA, et al., Eds. Morfea. In: Dermatologia di Fitzpatrick in medicina generale. 8 ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies; 2012. https://accessmedicine.mhmedical.com/book.aspx?bookID=392
Morphea – metodi di trattamento locali selezionati e la loro efficacia https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5825969/

Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Laureato in Medicina e Chirugia all'Università degli Studi di Milano, Spec. in Anatomia patologica - Patologie orali Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto al solo ed unico scopo informativo!

Lascia un commento

avatar