Stenosi dell’arteria renale

La stenosi dell’arteria renale è il restringimento di una o più arterie che portano il sangue ai reni (arterie renali). Il restringimento delle arterie impedisce alle normali quantità di sangue ricco di ossigeno di raggiungere i reni. I reni hanno bisogno di un adeguato flusso di sangue per aiutare a filtrare i prodotti di scarto e rimuovere i liquidi in eccesso.

Link sponsorizzati

Il flusso sanguigno ridotto può aumentare la pressione sanguigna in tutto il corpo (pressione arteriosa sistemica o ipertensione) e danneggiare il tessuto renale.

Sintomi

La stenosi dell’arteria renale non può causare segni o sintomi finché la condizione non raggiunge uno stato avanzato. La maggior parte delle persone con stenosi dell’arteria renale non ha segni e sintomi. Talvolta la condizione viene scoperta casualmente durante i test per qualche altra ragione. Il medico potrebbe anche sospettare un problema se si dispone di:

  • Ipertensione arteriosa che inizia improvvisamente o peggiora senza spiegazione
  • Ipertensione arteriosa che inizia prima dei 30 anni o dopo i 50 anni

Mentre la stenosi dell’arteria renale progredisce, altri segni e sintomi possono includere:

  • Ipertensione arteriosa difficile da trattare
  • Un suono sibilante mentre il sangue scorre attraverso una arteria ristretta (bruit), che il medico sente attraverso uno stetoscopio posto sopra i reni
  • Elevati livelli di proteine ​​nelle urine o altri segni di alterazione della funzionalità renale
  • Peggioramento della funzionalità renale durante il trattamento per l’ipertensione
  • Sovraccarico di liquidi e gonfiore dei tessuti del corpo
  • Insufficienza cardiaca resistente al trattamento

Cause

Le due principali cause della stenosi dell’arteria renale includono:

  • Aterosclerosi delle arterie renali. L’aterosclerosi è l’accumulo di grassi, colesterolo e altre sostanze (placche) nelle e sulle pareti delle arterie. Man mano che i depositi diventano più grandi, possono indurirsi, ridurre il flusso di sangue e causare cicatrici. Alla fine, può risultare un restringimento dell’arteria. La maggior parte dei casi di stenosi dell’arteria renale si verificano a causa dell’aterosclerosi.
  • Displasia fibromuscolare. Nella displasia fibromuscolare, il muscolo nella parete dell’arteria cresce in modo anomalo. L’arteria renale può avere sezioni strette che si alternano a sezioni più larghe, dando un aspetto simile a perline nelle immagini dell’arteria.

L’arteria renale può restringersi così tanto che il rene non riceve un’adeguata riserva di sangue e può danneggiarsi. Questo può accadere in uno o entrambi i reni. Gli esperti non sanno cosa causa la displasia fibromuscolare, ma la condizione è più comune nelle donne e può essere qualcosa che è presente alla nascita (congenita).

L’aterosclerosi e la displasia fibromuscolare possono interessare altre arterie del corpo e delle arterie renali e causare complicanze.

Raramente, la stenosi dell’arteria renale deriva da altre condizioni come l’infiammazione dei vasi sanguigni (vasculite); un disturbo del sistema nervoso che provoca lo sviluppo di tumori sul tessuto nervoso (neurofibromatosi); o una crescita che si sviluppa nell’addome e preme sulle arterie dei tuoi reni (compressione estrinseca).

Fattori di rischio

La maggior parte dei casi di stenosi dell’arteria renale deriva dall’aterosclerosi. I fattori di rischio per l’aterosclerosi delle arterie renali sono gli stessi dell’aterosclerosi in qualsiasi altra parte del corpo e includono:

  • Invecchiamento
  • Alta pressione sanguigna
  • Colesterolo alto
  • Diabete
  • Obesità
  • Fumo e altri usi del tabacco
  • Una storia familiare di malattie cardiache precoci
  • Mancanza di esercizio fisico

Complicazioni

Le possibili complicanze della stenosi dell’arteria renale includono:

  • Alta pressione sanguigna (ipertensione renovascolare)
  • Insufficienza renale, che richiede un trattamento con dialisi o un trapianto di rene
  • Ritenzione di liquidi (edema) nelle gambe, caviglie gonfie o piedi
  • Mancanza di respiro a causa di un improvviso accumulo di liquido nei polmoni (edema polmonare )

Diagnosi

Per la diagnosi di stenosi dell’arteria renale, il medico può iniziare con:

  • Un esame fisico che include l’auscultazione sopra le aree del rene alla ricerca di suoni che possono significare che l’arteria  è ristretta
  • Una analisi della storia medica
  • Esami del sangue e delle urine per verificare la funzionalità renale
  • Esami del sangue e delle urine per misurare i livelli di ormoni che regolano la pressione sanguigna

I test di imaging comunemente eseguiti per diagnosticare la stenosi dell’arteria renale includono:

  • Ecografia Doppler. Le onde sonore ad alta frequenza aiutano il medico a vedere le arterie e i reni e controllarne la funzione. Questa procedura aiuta anche il medico a trovare i blocchi nei vasi sanguigni e misurare la loro gravità.
  • Tomografia computerizzata (TC). Durante una scansione CT, una macchina a raggi X collegata a un computer crea un’immagine dettagliata che mostra le immagini trasversali delle arterie renali. Potrebbe essere usato anche un mezzo di contrasto.
  • Angiografia con risonanza magnetica (MRA). MRA utilizza onde radio e forti campi magnetici per produrre immagini tridimensionali dettagliate delle arterie renali e dei reni. Un’iniezione di colorante nelle arterie delinea i vasi sanguigni.
  • Arteriografia renale. Questo speciale tipo di esame a raggi X aiuta il medico a individuare il blocco nelle arterie renali ea volte apre la parte ristretta con un palloncino e uno stent. Prima di eseguire una radiografia, il medico inietta una tintura nelle arterie renali attraverso un tubo lungo e sottile (catetere) per delineare le arterie e mostrare il flusso sanguigno in modo più chiaro. Questo test viene spesso eseguito al momento del ripristino dell’apertura del vaso sanguigno con uno stent.

Trattamento

Il trattamento per la stenosi dell’arteria renale può comportare cambiamenti dello stile di vita, farmaci o  procedure mediche. A volte una combinazione di trattamenti è l’approccio migliore. A seconda della salute generale e dei sintomi, l’osservazione può essere tutto ciò di cui si ha bisogno.

Se la pressione del sangue è moderatamente o gravemente elevata, potrebbe essere necessario apportare alcune modifiche allo stile di vita, come ad esempio:

  • Mantenere un peso sano o dimagrire
  • Mangia cibi sani
  • Limitare il sale nella  dieta
  • Fare attività fisica
  • Ridurre i livelli di stress
  • Bere alcolici o bevande contenenti caffeina con moderazione
  • Non fumare

L’ipertensione arteriosa anche se principalmente correlata alla stenosi dell’arteria renale, spesso può essere trattata con successo con i farmaci. Trovare il giusto farmaco o la combinazione di farmaci può richiedere tempo e pazienza.

Alcuni farmaci comunemente usati per trattare l’ipertensione associata alla stenosi dell’arteria renale includono:

  • Inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE) e bloccanti del recettore dell’angiotensina II (ARB), che aiutano a rilassare i vasi sanguigni e bloccano la formazione o gli effetti di una sostanza chimica naturale chiamata angiotensina II, che restringe i vasi sanguigni
  • Diuretici,che aiutano il corpo a eliminare l’eccesso di sodio e acqua
  • Beta-bloccanti e beta-bloccanti alfa-beta, che possono avere l’effetto di far battere il cuore lentamente e con meno forza o allargando (dilatando) i vasi sanguigni, a seconda del farmaco
  • Bloccanti dei canali del calcio, che aiutano a rilassare i vasi sanguigni

Se l’aterosclerosi è la causa sottostante della stenosi dell’arteria renale, il medico può anche raccomandare l’aspirina e un farmaco per abbassare il colesterolo.

Procedure mediche

Per alcune persone, ad esempio quelle con ipertensione incontrollata e una complicazione come edema polmonare o peggioramento della funzione renale, si può raccomandare una procedura per ripristinare il flusso sanguigno attraverso l’arteria renale e migliorare il flusso sanguigno (perfusione) nel rene.

Le procedure per il trattamento della stenosi dell’arteria renale possono includere:

  • Angioplastica renale e stenting. In questa procedura, i medici aprono l’arteria renale ristretta e posizionano un dispositivo all’interno del vaso sanguigno che tiene aperte le pareti del vaso e consente un migliore flusso sanguigno.
  • Intervento di bypass dell’arteria renale. Durante una procedura di bypass, i medici innestano una nuova via che porti il sangue verso i reni.

Recenti risultati di studi clinici che hanno confrontato angioplastica renale e stenting con farmaci, e non hanno mostrato una differenza tra i due approcci terapeutici sulla riduzione della pressione alta e il miglioramento della funzionalità renale nei pazienti con stenosi moderata dell’arteria renale. Utilizzare le procedure chirurgiche deve essere preso in considerazione per le persone che non hanno benefici dalla terapia farmacologica.

[spoiler show=”Referenze”]Stenosi dell’arteria renale Clearinghouse informazioni su malattie renali e urologiche nazionali. https://www.niddk.nih.gov/health-information/kidney-disease/renal-artery-stenosis.
Chiang CE, et al. Linee guida 2015 della Taiwan Society of Cardiology e Taiwan Hypertension Society per la gestione dell’ipertensione. Journal of the Chinese Medical Association. 2015; 78: 1.
Displasia fibromuscolare (FMD). Associazione americana del cuore. https://www.ninds.nih.gov/Disorders/All-Disorders/Fibromuscular-Dysplasia-Information-Page
Herrmann SM, et al. Gestione della malattia renovascolare aterosclerotica dopo esiti cardiovascolari nelle lesioni aterosclerotiche renali (CORAL). Trapianto dialisi per nefrologia. 2015; 30: 375.
Stress e salute del cuore. Associazione americana. https://www.heart.org/en/healthy-living/healthy-lifestyle/stress-management/stress-and-heart-health [/spoiler]
Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Laureato in Medicina e Chirugia all'Università degli Studi di Milano, Spec. in Anatomia patologica - Patologie orali Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto al solo ed unico scopo informativo!

Lascia un commento

avatar