Aldosteronismo primario

L’aldosteronismo primario è un tipo di disturbo ormonale che porta a sviluppare gravi problematiche. Le ghiandole surrenali producono una serie di ormoni essenziali. Uno di questi è l’aldosterone, che bilancia il sodio e il potassio nel sangue.  Nell’alonosteronismo primario, le ghiandole surrenali producono troppa aldosterone, causando la perdita di potassio e il mantenimento del sodio.

Link sponsorizzati

L’eccesso di sodio a sua volta trattiene l’acqua, aumentando il volume del sangue e la pressione sanguigna.

La diagnosi e il trattamento dell’aldosteronismo primario sono importanti perché le persone con questa forma di ipertensione hanno un rischio più elevato di malattie cardiache e ictus. Inoltre, l’ipertensione arteriosa associata all’aldosteronismo primario può essere curabile.

Le opzioni per le persone con aldosteronismo primario includono farmaci, modificazioni dello stile di vita e chirurgia.

Sintomi

I principali segni di aldosteronismo primario sono:

  • Ipertensione da moderata a grave
  • Alta pressione sanguigna che richiede diversi farmaci da controllare (ipertensione resistente)
  • Ipertensione e basso livello di potassio (ipopotassiemia)

E’ importante controllare regolarmente la pressione sanguigna, specialmente se si hanno fattori di rischio per l’ipertensione. Chiedere al  medico circa la possibilità di avere aldosteronismo primario se si hanno queste caratteristiche:

  • 45 anni o più
  • Una storia familiare di ipertensione
  • La pressione alta che ha iniziato a 44 anni o prima
  • Si è in sovrappeso
  • Si ha uno stile di vita sedentario
  • Si  usa tabacco
  • Si consuma molto alcol
  • Si hanno squilibri nutrizionali

Cause

Le condizioni comuni che causano la sovrapproduzione di aldosterone includono:

  • Una crescita benigna in una ghiandola surrenale (adenoma che produce aldosterone), o iperplasia surrenale congenita
  • Iperattività di entrambe le ghiandole surrenali (iperaldosteronismo idiopatico)

In rari casi, l’aldosteronismo primario può essere causato da:

  • Una crescita cancerosa (maligna) dello strato esterno (corteccia) della ghiandola surrenale (carcinoma corticale surrenale)

Complicazioni

L’aldosteronismo primario può portare ad alta pressione sanguigna e bassi livelli di potassio. Queste complicazioni a loro volta possono portare ad altri problemi.

Problemi legati all’ipertensione

La pressione sanguigna persistentemente elevata può causare problemi al cuore e ai reni, tra cui:

L’ipertensione causata da aldosteronismo primario comporta un rischio più elevato di complicazioni cardiovascolari rispetto ad altri tipi di ipertensione. Questo eccesso di rischio è dovuto ai livelli elevati di aldosterone, che possono causare danni al cuore e ai vasi sanguigni, indipendentemente dalle complicazioni correlate all’ipertensione.

Problemi legati ai bassi livelli di potassio

Alcune, ma non tutte, le persone con aldosteronismo primario hanno bassi livelli di potassio (ipopotassiemia). L’ipopotassiemia lieve  può non causare alcun sintomo, ma livelli molto bassi di potassio possono portare a:

  • Debolezza
  • Aritmia cardiaca
  • Crampi muscolari
  • Eccesso di sete o minzione

Diagnosi

Sono disponibili numerosi test per diagnosticare l’aldosteronismo primario.

Inizialmente, il medico è in grado di misurare i livelli di aldosterone e renina nel sangue. La renina è un enzima rilasciato dai reni che aiuta a regolare la pressione sanguigna. La combinazione di un livello di renina molto basso con un alto livello di aldosterone suggerisce che l’aldosteronismo primario può essere la causa della pressione alta.

Se il test aldosterone-renina suggerisce la presenza di aldosteronismo primario, sarà necessario un altro test per confermare la diagnosi, ad esempio uno dei seguenti:

  • Carico di sale orale. Il paziente segue una dieta ricca di sodio per tre giorni prima che il medico calcoli l’aldosterone e i livelli di sodio nelle tue urine.
  • Test di infusione salina. I livelli di aldosterone vengono testati dopo che il sodio miscelato con acqua, viene infuso nel flusso sanguigno per diverse ore.
  • Test di soppressione del fludrocortisone. Dopo aver seguito una dieta ricca di sodio e assunto il fludrocortisone, che imita l’azione dell’aldosterone per diversi giorni, vengono misurati i
  • livelli di aldosterone nel sangue.

Test aggiuntivi

Se si riceve una diagnosi di aldosteronismo primario, il medico eseguirà ulteriori test per determinare se la causa sottostante sia un adenoma che produce aldosterone o l’iperattività di entrambe le ghiandole surrenali. I test possono includere:

  • Scansione tomografica computerizzata addominale. Una TAC può aiutare a identificare un tumore sulla ghiandola surrenale o un allargamento che suggerisce l’iperattività. Il paziente pero’, potrebbe aver bisogno di ulteriori test dopo una scansione TC perché questo test di imaging può perdere piccole ma importanti anomalie o trovare tumori che non producono aldosterone.
  • Campionamento delle vene surrenali. Un radiologo preleva il sangue dalle vene surrenali destra e sinistra e confronta i due campioni. Livelli di aldosterone che sono significativamente più alti su un lato indicano la presenza di un aldosteronoma su quel lato. Livelli simili di aldosterone da entrambe le parti indicano un’iperattività in entrambe le ghiandole.

Trattamenti e cure

Il trattamento per l’aldosteronismo primario dipende dalla causa sottostante, ma il suo obiettivo di base è normalizzare o bloccare l’effetto di alti livelli di aldosterone e prevenire le potenziali complicanze dell’ipertensione e dei bassi livelli di potassio.

Un tumore della ghiandola surrenale può essere trattato con interventi chirurgici o farmaci e cambiamenti nello stile di vita.

Rimozione chirurgica della ghiandola. La rimozione chirurgica della ghiandola surrenale contenente il tumore (adrenalectomia) è solitamente raccomandata perché può risolvere in modo permanente l’ipertensione e la carenza di potassio e può riportare i livelli di aldosterone alla normalità.

La pressione sanguigna di solito scende gradualmente dopo una surrenalectomia unilaterale.

Un’adrenalectomia comporta i soliti rischi di chirurgia addominale, tra cui sanguinamento e infezione. Tuttavia, la sostituzione dell’ormone surrenalico con una terapia, non è necessaria dopo una surrenalectomia unilaterale perché l’altra ghiandola surrenale è in grado di produrre quantità adeguate di tutti gli ormoni da sola.

Farmaci che bloccano l’aldosterone. Se non si è in grado di eseguire un intervento chirurgico o si preferisce non farlo, l’aldosteronismo primario causato da un tumore benigno può anche essere trattato con farmaci bloccanti l’aldosterone (antagonisti dei recettori mineralcorticoidi) e cambiamenti nello stile di vita.

Ma la pressione alta e il basso contenuto di potassio torneranno se sismettete di prendere i  farmaci.

Trattamento per iperattività di entrambe le ghiandole surrenali

Una combinazione di farmaci e modificazioni dello stile di vita può trattare efficacemente l’aldosteronismo primario causato da iperattività delle due ghiandole surrenali (iperplasia surrenale bilaterale).

Farmaci. Gli antagonisti dei recettori mineralocorticoidi bloccano l’azione dell’aldosterone nel corpo. Il medico può prescrivere in prima battuta lo spironolattone. Questo farmaco aiuta a correggere la pressione alta e il basso contenuto di potassio, ma può causare problemi.

Oltre a bloccare i recettori dell’aldosterone, lo spironolattone blocca i recettori androgeni e progesterone, quindi può inibire l’azione di questi ormoni.

Gli effetti collaterali possono includere ginecomastia, diminuzione del desiderio , impotenza, irregolarità mestruali e disagio gastrointestinale.

Un antagonista del recettore mineralcorticoide più nuovo e più costoso chiamato eplerenone agisce solo sui recettori aldosterone, ma elimina gli effetti collaterali dell’ormone sessuale associati allo spironolattone. Il medico può raccomandare l’eplerenone se si hanno gravi effetti collaterali con lo spironolattone.

Potrebbe anche essere necessario usare altri farmaci per la pressione alta.

Diventa ovvio quindi, che un paziente con questa condizione, debba lavorare con il proprio medico per creare un piano adatto a ridurre il sodio nella dieta e mantenere un peso corporeo sano.

[spoiler show=”Referenze”]Giovane WF. Fisiopatologia e caratteristiche cliniche di aldosteronismo primario. https://www.uptodate.com/contents/pathophysiology-and-clinical-features-of-primary-aldosteronism
Giovane WF. Diagnosi di aldosteronismo primario. https://www.uptodate.com/contents/diagnosis-of-primary-aldosteronism
Giovane WF. Trattamento di aldosteronismo primario. https://www.uptodate.com/contents/treatment-of-primary-aldosteronism
Aldosteronismo primario. Versione professionale manuale di Merck. https://www.merckmanuals.com/professional/endocrine-and-metabolic-disorders/adrenal-disorders/primary-aldosteronism. 
Descrizione della pressione alta. Istituto nazionale. http://www.nhlbi.nih.gov/health/health-topics/topics/hbp/.
Mount DB. Manifestazioni cliniche e trattamento dell’ipopotassiemia. https://www.uptodate.com/contents/clinical-manifestations-and-treatment-of-hypokalemia-in-adults
Nwariaku F. Adrenalectomia: chirurgia mini-invasiva e procedure aperte tradizionali. https://www.uptodate.com/contents/adrenalectomy-techniques[/spoiler]
Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Laureato in Medicina e Chirugia all'Università degli Studi di Milano, Spec. in Anatomia patologica - Patologie orali Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto al solo ed unico scopo informativo!

Lascia un commento

avatar