Sindrome di Dubin-Johnson

La sindrome di Dubin Johnson è un raro disturbo genetico del fegato che tende a colpire in modo sproporzionato alcune etnie. Sembra essere associato al fattore VII della coagulazione in queste popolazioni. I sintomi possono includere un colore giallastro sulla pelle (ittero) e un fegato a volte ingrandito.

Link sponsorizzati

Questa sindrome è rara, e colpisce maschi e femmine in ugual numero. Il disturbo può verificarsi in tutte le etnie. Tuttavia, in Giappone è stata riscontrata un’incidenza insolitamente alta della sindrome di Dubin-Johnson in un’area isolata in cui vi era un alto tasso di matrimoni misti. L’età all’esordio può essere in qualsiasi momento, quindi non ha un intervallo specifico.

Sintomi

L’ittero non pruriginoso, che è causato dall’eccesso di bilirubina (pigmento della bile), è solitamente l’unico sintomo della sindrome di Dubin Johnson.  Il disturbo appare raramente prima della pubertà.

Occasionalmente il paziente può avere un fegato ingrossato e lamentarsi della debolezza con presenza di addome doloroso, tuttavia il fegato funzionerà normalmente. A volte può verificarsi una lieve ricomparsa dell’ittero.

Il fegato di una persona affetta da questa sindrome, si presenta comunemente formato da aree  di pigmentazione scura-nerastra.

Cause

La sindrome di Dubin Johnson è ereditata come carattere genetico autosomico recessivo. I tratti umani, incluse le classiche malattie genetiche, sono il prodotto dell’interazione di due geni, uno ricevuto dal padre e uno dalla madre.

Nei disturbi recessivi, la condizione non appare a meno che una persona erediti lo stesso gene difettoso per lo stesso tratto da ciascun genitore.

Se un individuo riceve un gene normale e un gene per la malattia, la persona sarà portatrice della malattia, ma di solito non mostrerà i sintomi. Il rischio di trasmettere la malattia ai figli di una coppia, entrambi portatori di una malattia recessiva, è del 25%. Il 50% dei loro figli rischia di essere portatori della malattia, ma generalmente non mostrerà i sintomi del disturbo.

Il 25% dei loro bambini può ricevere entrambi i geni normali, uno da ciascun genitore e sarà geneticamente normale (per quel particolare tratto). Il rischio è lo stesso per ogni gravidanza.

Disturbi correlati

I sintomi dei seguenti disturbi possono essere simili a quelli della sindrome di Dubin Johnson. I confronti possono essere utili per una diagnosi differenziale:

La sindrome del rotore è molto simile alla sindrome di Dubin Johnson in quanto il sintomo principale è una colorazione gialla della pelle (ittero). Tuttavia, il fegato mantiene un colore normale. La sindrome del rotore è molto rara.

La cirrosi biliare primitiva è un disturbo epatico progressivo cronico che si ritiene sia correlato ad anomalie del sistema immunitario. L’ostruzione dei dotti biliari piccoli è accompagnata da scolorimento giallo della pelle (ittero). Quantità eccessive di rame si accumulano nel fegato e si sviluppa un indurimento fibroso o granulare (indurimento) del tessuto molle del fegato.

Questo disturbo si verifica principalmente nelle donne durante la quarta e la settima decade di vita ed è caratterizzato da quattro fasi progressive.

Virus dell’epatite B (HBV) . Questoè uno dei tre virus che causano l’infiammazione del fegato nota come “epatite”. L’epatite B è caratterizzata da febbre, nausea, vomito e colorazione gialla della pelle . Nella sua forma più grave l’epatite B può diventare un’infezione cronica o può causare cancro al fegato se non trattata.

Il virus dell’epatite B può essere trasmesso dalla madre al nascituro ed è altamente contagioso attraverso fluidi corporei. Spesso si diffonde da persona a persona attraverso l’uso di droghe per via endovenosa.

Ci sono molti altri disturbi del fegato che possono causare ittero, tipo la sindrome di Gilbert

Diagnosi

Studi di laboratorio rivelano iperbilirubinemia coniugata, con livelli sierici di bilirubina totale solitamente nell’intervallo da 2 a 5 mg / dL (ma potenzialmente anche di 25 mg / dL).

Nei pazienti con elevati livelli di bilirubina coniugata ma con risultati di funzionalità epatica normali, la diagnosi della sindrome di Dubin-Johnson può essere confermata dimostrando un aumento del rapporto tra coproporfirina urinaria I e coproporfirina III; il tipo I costituisce l’80%, piuttosto che il solito 25%, del contenuto di coproporfirina urinaria in questi pazienti.

I pazienti con sindrome di Dubin-Johnson tendono ad avere risultati unici sulle scansioni di scintigrafia epatobiliare, dimostrando una combinazione di visualizzazione intensa e prolungata del fegato e visualizzazione ritardata o fallita della cistifellea.

Terapie standard

Il trattamento della sindrome di Dubin Johnson è sintomatico e di supporto. In molti casi i pazienti possono non richiedere alcun trattamento, anche se hanno recidiva lieve di ittero.

Tuttavia, il metabolismo di alcuni farmaci può essere influenzato nei pazienti con sindrome di Dubin-Johnson poiché molti prodotti farmaceutici sono metabolizzati nel fegato. Pertanto, i farmaci devono essere attentamente controllati dal medico. La consulenza genetica può essere di beneficio per i pazienti e le loro famiglie colpite dalla sindrome.

Terapie sperimentali

Il farmaco Flumecinol (Zixoryn) è stato designato come “farmaco orfano” per il trattamento dell’ibillirinemia nei neonati che non rispondono alla fototerapia.

Referenze »

Sindrome di Dubin-Johnson come causa di ittero neonatale https://journals.sagepub.com/doi/10.1177/000992289803700809
Una mutazione nel gene del trasportatore anionico organico multispecifico canaliculare induce la sindrome di Dubin-Johnson. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9185779
Sindrome di Dubin-Johnson https://emedicine.medscape.com/article/173517-overview 

Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Laureato in Medicina e Chirugia all'Università degli Studi di Milano, Spec. in Anatomia patologica - Patologie orali Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto al solo ed unico scopo informativo!

Lascia un commento

avatar