Chirurgia mascellare correttiva

La chirurgia della mascelle, nota anche come chirurgia ortognatica, corregge le irregolarità delle ossa mascellari e riallinea le mascelle e i denti per migliorare il la loro modalità di funzione. Effettuare queste correzioni può anche migliorare l’aspetto del viso.

Link sponsorizzati

La chirurgia mascellare può essere un’opzione correttiva se si hanno problemi alla mascella/mandibola che non possono essere risolti con l’ortodonzia. Nella maggior parte dei casi, il paziente ha anche l’apparecchio sui denti prima dell’intervento chirurgico e durante il recupero dopo l’intervento chirurgico fino al completamento della guarigione e dell’allineamento. L’ortodontista può lavorare con il chirurgo orale, mascellare e facciale (maxillo-facciale) per determinare il piano di trattamento più adatto.

La chirurgia della mandibola è appropriata dopo l’arresto della crescita, di solito intorno ai 14-16 anni per le donne, e tra i 17 ei 21 anni per i maschi.

Perché viene eseguita?

La chirurgia mascellare può aiutare a:

  • Mordere e masticare più facilmente e migliorare la masticazione generale
  • Correggere i problemi con la deglutizione o la parola
  • Ridurre al minimo l’usura eccessiva e la rottura dei denti
  • Correzione corretta del morso o problemi di chiusura della mascella, come quando i molari toccano ma i denti frontali non si toccano (morso aperto)
  • Squilibrio facciale corretto (asimmetria), come piccoli menti, underbites, overbites e crossbites
  • Migliorare
  • La capacità delle labbra di chiudersi completamente e comodamente
  • Alleviare il dolore causato da disturbi dell’articolazione temporo-mandibolare (TMJ) e altri problemi correlati
  • Riparare lesioni facciali o difetti alla nascita
  • Fornire sollievo per l’apnea ostruttiva del sonno

Rischi

La chirurgia della mascella è generalmente sicura quando eseguita da un chirurgo maxillo-facciale, spesso in collaborazione con un ortodontista.

I rischi di intervento chirurgico possono includere:

  • Perdita di sangue
  • Infezione
  • Lesione del nervo
  • Frattura mascellare
  • Recidiva della mascella alla posizione originale
  • Problemi di morso e dolore alle articolazioni mascellari
  • Hai bisogno di un ulteriore intervento chirurgico
  • Necessità di terapia canalare su denti selezionati
  • Perdita di una porzione della mascella

Dopo l’intervento chirurgico, il paziente potrebbe sperimentare:

  • Dolore e gonfiore
  • Problemi di alimentazione che possono essere affrontati con supplementi nutrizionali o consultazione con un dietologo
  • Un breve periodo di adattamento a un nuovo aspetto del viso

L’ortodontista e il chirurgo maxillo-facciale lavorano insieme per sviluppare il piano di trattamento. Raggi X, e impronte dei denti fanno parte della pianificazione per la chirurgia della mascella. Occasionalmente, la differenza nel modo in cui i denti si incastrano tra loro richiede il rimodellamento dei denti, la copertura dei denti con le corone o entrambi per completare la correzione.

La scansione tridimensionale della tomografia computerizzata, la pianificazione del trattamento guidata dal computer e i dispositivi di ancoraggio ortodontico temporanei possono essere utilizzati per aiutare il movimento dei denti. A volte questi accorgimenti eliminano completamente la necessità di un intervento chirurgico alla mascella.

A volte verrà utilizzata la pianificazione chirurgica virtuale (VSP) per guidare il chirurgo a adattarsi e correggere la posizione del segmento della mascella durante la procedura per un risultato ottimale.

Cosa ci si puo’ aspettare

La chirurgia mascellare è eseguita da chirurghi  maxillo-facciali. La procedura avviene solitamente in anestesia generale. La chirurgia ha luogo in ospedale e richiede una permanenza in struttura che puo’ variare da due a quattro giorni.

Durante la procedura

La chirurgia di solito può essere eseguita all’interno della bocca, quindi nessuna cicatrice facciale sul mento, sulla mascella/mandibola o attorno alla bocca. Tuttavia, a volte piccole incisioni possono essere richieste fuori dalla bocca.

Il chirurgo esegue tagli nelle mascelle e le sposta nella posizione corretta. Una volta completato il movimento della mascella, è possibile utilizzare minuscole placche ossee, viti, fili e elastici per fissare le ossa nella loro nuova posizione. Queste viti, che sono veramente molto piccole, si integrano col tempo nella struttura ossea.

In alcuni casi, del tessuto osseo extra può essere aggiunto alla mascella. Il chirurgo trasferisce l’osso dall’anca, dalla gamba o da una costa e lo fissa con piastre e viti. In altri casi, l’osso può essere rimodellato per fornire una migliore aderenza.

La chirurgia mascellare può essere eseguita sulla mascella superiore, mascella inferiore, mento o qualsiasi combinazione di questi.

Mascella superiore (osteotomia mascellare)

La chirurgia sulla mascella superiore può essere eseguita per correggere:

  • Mascella superiore receduta o sporgente
  • Morso incrociato
  • Esposizione eccessiva dei denti
  • Morso aperto
  • La riduzione della crescita facciale a metà del viso (ipoplasia della parte media del viso)

Il chirurgo taglia l’osso sopra i denti in modo che l’intera mascella superiore, compreso il tetto della bocca e dei denti superiori, possa muoversi come un’unica unità. La mascella e i denti superiori vengono spostati in avanti fino a quando si adattano correttamente con i denti inferiori. Questo può essere pianificato su un computer per determinare se sarà necessario un lavoro aggiuntivo, come l’ortodonzia, per aiutare a correggere qualsiasi differenza di adattamento rimanente.

Un morso aperto si verifica quando l’osso in eccesso cresce sopra i molari, causando ciò che è normalmente una superficie piatta e uniforme per diventare angolata. Per risolvere il problema, il chirurgo si ritira o rimuove l’osso in eccesso.

Una volta che la mascella è riallineata, piastre e viti tengono l’osso nella sua nuova posizione.

Mascella inferiore (osteotomia mandibolare)

Un’osteotomia mandibolare può correggere:

  • Mascella inferiore sfuggente
  • Mandibola inferiore sporgente

Il chirurgo esegue tagli dietro i molari e longitudinalmente lungo la mascella in modo che la parte anteriore della mascella possa muoversi come un’unica unità. La mascella può quindi essere spostata nella sua nuova posizione in avanti o indietro. Piatti e viti tengono insieme la mascella mentre guarisce.

Chirurgia del mento (genioplastica)

Una genioplastica può correggere un mento piccolo. Un piccolo mento accompagna spesso una mascella inferiore molto receduta.

In genere, i chirurghi possono modificare la mascella e ristrutturare il mento durante lo stesso intervento chirurgico. Il chirurgo taglia un pezzo del mento sulla parte anteriore della mascella, lo sposta in avanti e lo fissa in una nuova posizione con piastre e viti.

Dopo la procedura

Dopo l’intervento, il medico ti fornirà le istruzioni. Questi di solito includono:

  • Cosa puoi mangiare
  • Igiene orale
  • Evitare il tabacco
  • Evitare attività faticose
  • Farmaci per controllare il dolore
  • Quando tornare al lavoro o a scuola, che di solito dura da una a tre settimane

La guarigione della mascella iniziale richiede in genere circa sei settimane dopo l’intervento, ma la guarigione completa può richiedere fino a 12 settimane.

Dopo la guarigione della mascella iniziale – a circa sei settimane – il tuo ortodontista finisce di allineare i denti con le parentesi graffe. L’intero processo ortodontico, compresi la chirurgia e le parentesi graffe, può richiedere diversi anni. Una volta che le parentesi graffe vengono rimosse, è possibile utilizzare fermi per mantenere la posizione del dente.

Risultati

La correzione dell’allineamento delle mascelle e dei denti con la chirurgia della mandibola può comportare:

  • Aspetto equilibrato della  faccia inferiore
  • Migliorata la funzione dei denti
  • Benefici per la salute derivanti da un miglioramento del sonno, della respirazione, della masticazione e della deglutizione
  • Miglioramento delle limitazioni del linguaggio

I benefici secondari della chirurgia mascellare possono includere:

  • Aspetto migliorato
  • Migliore autostima
[spoiler show=”Referenze”]Chirurgia della mascella correttiva. Associazione americana dei chirurghi orali e maxillo-facciali. http://myoms.org/procedures/corrective-jaw-surgery. Accesso 13 ottobre 2016.
Khechoyan DY. Chirurgia ortognatica: considerazioni generali. Seminari in chirurgia plastica. 2013; 27: 133.
Carta clinica: criteri per la chirurgia ortognatica. Associazione americana dei chirurghi orali e maxillo Facciali. https://www.aaoms.org/docs/practice_resources/clinical_resources/ortho_criteria.pdf
Hatamleh M, et al. Miglioramento della pianificazione virtuale per la chirurgia ortognatica bimaxillary. Journal of Caniofacial Surgery. 2016; 27: E568.
Berlin NL, et al. Risultati migliori a breve termine dopo la chirurgia ortognatica sono associati a centri ad alto volume. Chirurgia plastica e ricostruttiva. 2016; 138: e273.
Urban SD, et al. Osteotomia di Le Fort II quadrangolare mascellare intraorale: uno studio di follow-up a lungo termine. Journal of Oral and Maxillofacial Surgery. 2004; 62: 943.[/spoiler]
Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Laureato in Medicina e Chirugia all'Università degli Studi di Milano, Spec. in Anatomia patologica - Patologie orali Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto al solo ed unico scopo informativo!

Lascia un commento

avatar