Pallone intragastrico e obesità

Il palloncino intragastrico è una nuova procedura che puo’ aiutare a perdere peso. Questa procedura prevede l’inserimento nello stomaco di un palloncino di silicone con al suo interno una soluzione salina, che limitando la quantità di cibo che si puo’ ingurgitare aiuta a perdere peso. Di base uno dei grossi vantaggi di questa procedura è che il paziente si sente sazio più velocemente.

Link sponsorizzati

Questa procedura medica è utilizzabile nei pazienti con grave sovrappeso e negli obesi, nei casi dove dieta ed l’esercizio fisico hanno fallito.

Come altre procedure chirurgiche utilizzate per la perdita di peso, anche il  pallone intragastrico richiede che il paziente adotti uno stile di vita sano.  Quello che spesso  i pazienti che vogliono sottoporsi a queste procedure ignorano , è  che diventa ugualmente necessario apportare modifiche permanenti e salutari alla propria dieta e svolgere regolarmente attività fisica. Questo  per garantire il successo della terapia sul lungo termine.

Quando e perchè viene utilizzata

Il posizionamento del palloncino intragastrico aiuta i pazienti a perdere peso.  La perdita di peso non è solo affatto solo un fattore estetico, ma aiuta a ridurre il rischio di problemi di salute potenzialmente, ad esempio:

Tutte le procedure chirurgiche correlate alla perdita di peso vengono in genere eseguite solo quando la dieta con l’esercizio fisico non sono riusciti a dare ottimi risultati.

Chi è un buon candidato per questo intervento chirurgico

il pallone intragastrico può essere un’opzione accettabile se:

  • Il paziente mostra un indice di massa corporea (BMI) compreso tra 30 e 40.
  • Se il paziente risce ad attuare cambiamento allo stile di vita che comprendano una dieta sana ed esercizio fisico.
  • Non si ha avuto alcun intervento chirurgico allo stomaco o all’esofago in passato

Tuttavia, anche se sembra la panacea di tutti i mali,  i palloncini intragastrici non sono la scelta giusta per i pazienti in sovrappeso. Questo verrò ovviamente deciso dal medico sulla base di indagini  a 360 gradi sulla salute del paziente.

Rischi

Molti pazienti ( circa un terzo) sperimentano dolore e  nausea subito dopo l’inserimento del palloncino intragastrico. Tuttavia, questi sintomi di solito sono temporanei e durano solo qualche giorno dopo il posizionamento del palloncino, e spesso possono essere trattati con farmaci.

E’ bene pero’ ricordare che oltre ai rischi lievi, esistono dei rischi piu’gravi dopo il posizionamento e la rimozione del palloncino intragastrico. Anche se questi effetti gravi sono rari, è possibile che il pallone possa sgonfiarsi. Se il palloncino si sgonfia, esiste il potenziale rischio che possa muoversi attraverso il sistema digestivo. Ciò potrebbe causare un blocco che potrebbe richiedere un’ulteriore procedura chirurgica.

Altri possibili rischi possono includono la formazione di ulcere nello stomaco, che potrebbero richiedere un intervento chirurgico per sistemarle.

Come ci si prepara

Come per ogni intervento chirurgico, ai pazienti vengono fornite delle linee guida da seguire prima dell’intervento.

Potrebbe essere necessario limitare ciò che si mangia e si beve, così come i farmaci che si assumono, nel tempo che precede la procedura. Ma spesso viene anche chiesto di iniziare a fare attivita’ fisica, proprio per iniziare a vedere come la persona risponde ai cambiamenti dello stile di vita.

La procedura del palloncino intragastrico viene eseguita nell’unità di endoscopia come procedura ambulatoriale.a. Ovviamente il paziente viene sedato.

Durante la procedura, il medico introduce un catetere su cui è agganciato il palloncino intragastrico nella bocca dello stomaco. Successivamente, il medico utilizza un endoscopio, che è un tubo flessibile con una fotocamera collegata. La minuscola telecamera consente al medico di vedere il pallone mentre lo riempie di soluzione fisiologica.

La procedura richiede circa mezz’ora e la persona sottoposta ad intervento puo’ andare a casa dopo qualche ora.

Dopo la procedura

Una delle fasi piu’ delicate è sempre il dopo operazione, tuttavia sarà possibile ingerire piccole quantità di liquidi a partire da circa sei ore dopo la procedura. La dieta liquida continua generalmente fino all’inizio della seconda settimana, quando poi sarà possibile iniziare a mangiare cibi morbidi. Generalmente diventa possibile mangiare cibi “normali” circa tre settimane dopo l’inserimento del palloncino intragastrico.

I palloncini intragastrici vengono lasciati in sede per un massimo di 6 mesi e vengono quindi rimossi utilizzando un endoscopio.

I pazienti dovranno seguire un follow-up medico e psicologico per molti mesi.

Risultati

La procedura di impianto del palloncino intragastrico può aiutare i pazienti  a sentirsi sazi più velocemente del normale, il che spesso significa mangiare meno. Una ragione per cui questo avviene, potrebbe essere che il palloncino intragastrico rallenta il tempo necessario per svuotare lo stomaco. Un altro motivo potrebbe essere che il pallone sembra cambiare i livelli di ormoni che controllano l’appetito.

La quantità di peso che in individuo puo’ perdere dipende anche da quanto è disposto a cambiare il suo stile di vita.

La perdita di circa  il 15% del peso corporeo è tipica durante i sei mesi successivi al posizionamento del palloncino intragastrico. Uno studio clinico randomizzato ha evidenziato che persone con un BMI che oscillava tra 30 e 40, che si sono sottoposte ad intervento piu’ cambiamento dello stile di vita hanno perso il 29% del peso in eccesso, rispetto al 14% del gruppo che ha solo fatto terapia comportamentale.

Quando le procedure  falliscono

È possibile non perdere peso significativo o riguadagnare peso dopo qualsiasi tipo di procedura o intervento chirurgico, anche se la procedura stessa funziona correttamente. Questo aumento di peso può verificarsi se non si seguono le modifiche raccomandate allo stile di vita. Per evitare di riprendere peso, sono necessari cambiamenti salutari permanenti nella dieta, insieme a un’attività fisica regolare e all’esercizio fisico.

Referenze »

Abu Dayyeh BK, et al. ASGE Biatric Endoscopy Task Force revisione sistematica e meta-analisi che valutano le soglie ASPI PIVI per l’adozione di terapie bariatriche endoscopiche. Endoscopia gastrointestinale. 2015; 82: 425.
Abu Dayyeh BK, et al. Rapporto di valutazione dello stato – Terapie bariatriche endoscopiche. Endoscopia gastrointestinale. 2015; 81: 5.
Ponce J, et al. Lo studio registrativo REDUCE: uno studio clinico controllato randomizzato prospettico di un doppio palloncino intragastrico per il trattamento dell’obesità. Chirurgia per l’obesità e malattie correlate. In stampa. 2015. Accessibile il 3 luglio 2015.
Chirurgia bariatrica per obesità grave. Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Renali. http://www.niddk.nih.gov/health-information/health-topics/weight-control/bariatric-surgery-severe-obesity/Pages/bariatric-surgery-for-severe-obesity.aspx. Accesso 5 luglio 2015.
Riggins EA. AllScripts EPSi. Mayo Clinic, Rochester, Minn. 5 agosto 2015.
American College of Surgeons. https://www.facs.org/search/bariatric-surgery-centers?page=1&n=25&name=mayo. Accesso 5 luglio 2015.
Posizionamento/Rimozione di pallone endogastrico https://www.sanpiox.net/cure/posizionamentorimozione-di-pallone-endogastrico/ letto il 10/09/2018

Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Il Dr. Roberto Marino laureato in Medicina e Chirugia, ha eseguito la revisione e gli aggiornamenti. di questo articolo. Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto su questo sito al solo ed unico scopo informativo!

Lascia un commento

avatar