Dialisi peritoneale: rischi e benefici

La dialisi peritoneale  è un una procedura medica per rimuovere i prodotti di scarto dal sangue, quando i reni non riescono più a svolgere adeguatamente il loro lavoro. Un liquido detergente scorre attraverso un tubo (catetere) in una parte dell’addome e filtra i prodotti di scarto dal sangue. Dopo un periodo di tempo prestabilito, il fluido con prodotti di scarto filtrato defluisce dall’addome e viene scartato.

Link sponsorizzati

La dialisi peritoneale differisce dall’emodialisi, una procedura di filtraggio del sangue più comunemente usata. Con la dialisi peritoneale, il trattamento puo’ spesso essere eseguita a casa.

La dialisi peritoneale non è un’opzione per tutti i pazienti con insufficienza renale.

Perché  viene eseguita

La dialisi è necessaria se i reni non funzionano adeguatamente da soli. Il danno renale generalmente progredisce per un certo numero di anni a causa di condizioni a lungo termine, come ad esempio:

  • Diabete
  • Alta pressione sanguigna (ipertensione)
  • Infiammazione renale (glomerulonefrite)
  • Cisti multiple nei reni (malattia del rene policistico)

I benefici della dialisi peritoneale rispetto all’emodialisi possono includere:

  • Maggiore flessibilità e indipendenza nello stile di vita. Questi possono essere particolarmente importanti se lavori, viaggi o se il paziente vive lontano da un centro di emodialisi.
  • Linee guida dietetiche più flessibili. La dialisi peritoneale viene eseguita più continuamente rispetto all’emodialisi, con conseguente minor accumulo di potassio, sodio e liquidi.
  • Chimica del sangue più stabile e idratazione del corpo. La dialisi peritoneale non richiede l’accesso endovenoso (IV), che può disturbare la circolazione e i livelli di liquidi.
  • Funzione renale residua più duratura.  Le persone che usano la dialisi peritoneale potrebbero mantenere la funzione renale leggermente più a lungo rispetto alle persone che usano l’emodialisi.

Il medico discuterà con il paziente il tipo di dialisi che più appropriata. I fattori da considerare includono:

  • La funzione renale, misurata dai test del sangue e delle urine
  • La salute generale
  • Le preferenze personali
  • La  situazione a casa

La dialisi peritoneale può essere l’opzione migliore se:

  • Non si possono tollerare i rapidi cambiamenti nell’equilibrio dei liquidi associati all’emodialisi
  • Si vuole minimizzare l’interruzione delle  attività quotidiane
  • Si ha qualche funzione renale residua

La dialisi peritoneale potrebbe non funzionare se si dispone di:

  • Cicatrici chirurgiche estese nell’addome
  • Una vasta area di muscolo addominale indebolito (ernia)
  • Capacità limitata di prendersi cura di se stessi o mancanza di supporto assistenziale
  • Malattia infiammatoria intestinale o frequenti attacchi di diverticolite
  • Malnutrizione proteica

La maggior parte delle persone che iniziano la dialisi peritoneale alla fine sperimenterà un declino della funzionalità renale e avrà bisogno di emodialisi o trapianto di rene.

Rischi

Le complicanze della dialisi peritoneale possono includere:

  • Infezioni. Un’infezione del rivestimento addominale (peritonite) è una complicanza comune della dialisi peritoneale. Un’infezione può anche svilupparsi nel sito in cui è inserito il catetere per trasportare il liquido dentro e fuori dall’addome. Il rischio di infezione è maggiore se la persona che fa la dialisi non è adeguatamente addestrata.
  • Aumento di peso. Il dializzato contiene zucchero (destrosio). ssorbire parte del dializzato potrebbe causare l’assunzione di diverse centinaia di calorie in più al giorno, portando ad un aumento di peso. Le calorie in eccesso possono anche causare alti livelli di zucchero nel sangue, soprattutto se si ha il diabete.
  • Ernia. Trattenere il fluido nell’addome per lunghi periodi può affaticare i muscoli.
  • Dialisi inadeguata. La dialisi peritoneale può diventare inefficace dopo diversi anni. Potrebbe essere necessario passare all’emodialisi.

Se ci si sottopone a dialisi peritoneale, è bene evitare:

  • Alcuni farmaci da prescrizione e da banco che possono danneggiare i reni, compresi i farmaci antinfiammatori non steroidei.
  • Immergersi in un bagno o in una vasca idromassaggio o nuotare in un lago, stagno, fiume o piscina non clorurata, che aumenta il rischio di infezione. Docce e nuoto in una piscina clorurata sono generalmente accettabili.

Come ci si prepara alla  dialisi

Il paziente riceverà una formazione su ciò che comporta la dialisi peritoneale e su come utilizzare l’attrezzatura.

Avrà anche bisogno di un’operazione per inserire il catetere che porta il dializzato dentro e fuori dall’addome. L’inserimento può essere eseguito in anestesia locale o generale. Il tubo viene solitamente inserito vicino all’ombelico.

Dopo l’inserimento, il medico probabilmente consiglierà di attendere almeno due settimane prima di iniziare i trattamenti di dialisi peritoneale per dare al sito del catetere il tempo di guarire. La completa guarigione del sito del catetere può richiedere fino a due mesi.

Durante la dialisi peritoneale:

Il liquido scorre nell’addome e rimane lì per un periodo di tempo prestabilito (tempo di sosta) – di solito da quattro a sei ore
Il destrosio nel dializzato aiuta a filtrare rifiuti, sostanze chimiche e liquidi extra nel sangue da minuscoli vasi sanguigni (capillari) nel rivestimento della cavità addominale (peritoneo)
Quando il tempo di sosta è finito, la soluzione – insieme ai prodotti di scarto prelevati dal sangue – defluisce in una sacca di raccolta sterile

Il processo di riempimento e quindi di drenaggio dell’addome è chiamato scambio. Diversi metodi di dialisi peritoneale hanno diversi programmi di scambio.

I due programmi principali sono:

  • Dialisi peritoneale ambulatoriale continua (CAPD)
  • Dialisi peritoneale a ciclo continuo (CCPD)

Dialisi peritoneale ambulatoriale continua (CAPD)

Si riempie l’addome con il fluido, lasciandolo per un tempo di permanenza prestabilito, quindi si scarica il liquido. La gravità muove il fluido attraverso il catetere e dentro e fuori dall’addome.

Con CAPD:

  • Potrebbe essere necessario da tre a cinque scambi durante il giorno e uno con un tempo di sosta più lungo mentre si dorme
  • Si possono fare gli scambi a casa, al lavoro o in qualsiasi posto pulito
  • Il paziente è libero di fare le  normali attività

Dialisi peritoneale a ciclo continuo (CCPD)

Conosciuta anche come dialisi peritoneale automatizzata (APD), questo metodo utilizza una macchina (cycler automatico) che effettua più scambi di notte mentre si dorme.

Con CCPD:

  • È necessario rimanere attaccati alla macchina per 10 / 12 ore di notte.
  • Non si è attaccati alla macchina durante il giorno. Ma al mattino inizia uno scambio con un tempo di permanenza che dura tutto il giorno.
  • Si potrebbe avere un rischio minore di peritonite perché ci si connette e disconnette dall’apparecchiatura per dialisi meno frequentemente di quanto non si faccia con la CAPD.

Per determinare il metodo di scambio piùadatto, il medico valuterà le  condizioni mediche, lo stile di vita e le preferenze personali. Il medico potrebbe suggerire alcune modifiche per personalizzare il programma.

Risultati

Molti fattori influenzano il buon funzionamento della dialisi peritoneale nella rimozione dei rifiuti e del fluido extra dal sangue. Questi fattori includono:

  • La stazza del paziente
  • Quanto velocemente il  peritoneo filtra
  • Quanta soluzione di dialisi si usa
  • Il numero di scambi giornalieri
  • Durata dei tempi di sosta
  • La concentrazione di zucchero nella soluzione di dialisi

Per verificare se la  dialisi sta rimuovendo abbastanza prodotti di scarto, il medico probabilmente raccomanderà:

  • Test di equilibrazione peritoneale (PET). Questo test confronta i campioni del sangue e della soluzione di dialisi durante uno scambio. I risultati indicano se le tossine di scarto passano rapidamente o lentamente dal sangue al dializzato. Tale informazione aiuta a determinare se la dialisi sarebbe migliorata se la soluzione rimanesse nell’addome per un tempo più o meno lungo.
  • Test delle clearance. Un campione di sangue e un campione di soluzione di dialisi usata vengono analizzati per determinare la quantità di un determinato prodotto di scarto (urea) che viene rimosso dal sangue durante la dialisi. Se continua a produrre urina, il medico può anche prelevare un campione di urina per misurare la sua concentrazione di urea.

Se i risultati del test mostrano che il programma di dialisi non elimina abbastanza rifiuti, il medico potrebbe cambiare la routine di dialisi per:

  • Aumentare il numero di scambi
  • Aumenta la quantità di liquido di dialisi che si usa per ogni scambio
  • Utilizzare un dialisato con una maggiore concentrazione di destrosio

Si possono migliorare i  risultati di dialisi e della salute generale mangiando gli alimenti giusti, compresi gli alimenti a basso contenuto di sodio e fosforo. Un dietologo può aiutare a sviluppare un piano alimentare individualizzato basato sul peso; le tue preferenze personali;  la funzione renale residua e altre condizioni mediche, come il diabete o l’ipertensione.

Prendere i farmaci prescritti è importante anche per ottenere i migliori risultati possibili. Mentre si sta effettuando la dialisi peritoneale, probabilmente si avrà necessità di assumere vari farmaci per controllare la pressione sanguigna, stimolare la produzione di globuli rossi, controllare i livelli di alcuni nutrienti nel sangue e prevenire l’accumulo di fosforo nel sangue.

Referenze »

Wein AJ, et al., Eds. Eziologia, patogenesi e gestione dell’insufficienza renale. In: Urologia di Campbell-Walsh. 11 ed. Philadelphia, Pa .: Elsevier; 2016. http://www.clinicalkey.com. Consultato il 22 febbraio 2016.
Johnson RJ, et al., Eds. Dialisi peritoneale: principi, tecniche e adeguatezza. In: Nefrologia clinica completa. 5a ed. Philadelphia, Pa .: Elsevier; 2015. http://www.clinicalkey.com. Consultato il 22 febbraio 2016.
Burkart JM. Fisiopatologia e prevenzione della peritonite nella dialisi peritoneale. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 22 febbraio 2016.
Metodi di trattamento dell’insufficienza renale: dialisi peritoneale. Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Renali. http://kidney.niddk.nih.gov/kudiseases/pubs/peritoneal/. Consultato il 23 febbraio 2016.
Rosenberg M. Panoramica sulla gestione della malattia renale cronica negli adulti. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 22 febbraio 2016.
Burkart JM. Scelta di una modalità per la dialisi peritoneale cronica. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 22 febbraio 2016.
Skorecki K, et al., Eds. Dialisi peritoneale. In: Brenner and Rector’s The Kidney. Decimo ed. Philadelphia, Pa .: Elsevier; 2016. http://www.clinicalkey.com. Consultato il 22 febbraio 2016.
Bieber SD, et al. Risultati comparativi tra ambulatorio continuo e dialisi peritoneale automatizzata: una revisione narrativa. American Journal of Kidney Diseases. 2014; 63: 1027.Dialisi peritoneale vs emodialisi https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/22098661 2/9/2018

Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Il Dr. Roberto Marino laureato in Medicina e Chirugia, ha eseguito la revisione e gli aggiornamenti. di questo articolo. Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto su questo sito al solo ed unico scopo informativo!

1
Lascia un commento

avatar
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Maurizio Recent comment authors
più nuovi più vecchi più votati
Maurizio
Ospite
Maurizio

Articolo davvero completo grazie davvero mi è stato molto utile