Sarcoma pleomorfo indifferenziato: sintomatologia e cure

Il sarcoma pleomorfo indifferenziato, precedentemente noto come istiocitoma fibroso maligno, è un tipo di tumore dei tessuti molli. La parola “indifferenziato” in questo sarcoma  significa che le cellule non assomigliano ai tessuti corporei in cui si sviluppano. Questo tipo di cancro è chiamato pleomorfo  perché le cellule crescono in più forme e dimensioni.  Anche se i sarcomi non sono tumori comuni, rappresentano una delle più comuni neoplasie dei tessuti molli negli adulti. I sarcomi dei tessuti molli possono svilupparsi nei vasi sanguigni e nei tessuti profondi della pelle, dei grassi, dei muscoli, dei tessuti fibrosi o dei nervi.

Link sponsorizzati

In particolare,  di solito si verifica nelle braccia o nelle gambe, e un po’ meno spesso nella zona dietro la cavità addominale (retroperitoneo). Il cancro in genere diventa piuttosto grande in un periodo di settimane o mesi, a volte crescendo abbastanza rapidamente. Nella maggior parte dei casi, la rapida crescita causa dolore notevole. Tuttavia, anche se tende a crescere localmente, il cancro può diffondersi in altre parti del corpo, più spesso nei polmoni.

Il sarcoma pleomorfo indifferenziato è trovato e riconosciuto tramite diagnosi ad esclusione, il che significa che è concordato quando altre diagnosi sono state escluse; rappresenta meno del 5% dei sarcomi negli adulti.

Sintomi

Il segno più comune di sarcoma pleomorfo indifferenziato è una massa allargata, (solitamente) indolore, che può diventare piuttosto grande, specialmente se si sviluppa in una coscia o nel retroperitoneo.
I sarcomi nel retroperitoneo possono anche causare dolore, mancanza di appetito, stitichezza o emorragia intestinale o gastrica.

La massa può crescere abbastanza da sentirsi nell’addome. In caso di crescita estremamente rapida, si può anche avvertire dolore o senso di compressione attorno alla crescita, oppure si possono avere sensazioni di formicolio, pizzicore o bruciore inspiegabili sulla pelle, o accumulo di liquidi su un piede o altra estremità colpiti.

Più raramente, si possono sviluppare segni e sintomi sistemici come febbre o perdita di peso.

Cause

Sebbene le cause del sarcoma pleomorfo indifferenziato siano in gran parte sconosciute, una piccola percentuale (meno del 2-3%) si sviluppa nel sito della precedente radioterapia. In casi molto rari, il sarcoma può anche svilupparsi all’interno o attorno a ulcere croniche o cicatrici tissutali. Una causa specifica non è spesso identificata per la maggior parte degli UPS ( abbreviazione inglese per sarcoma pleomorfo indifferenziato)

Fattori di rischio

La maggior parte dei sarcomi pleomorfi indifferenziati si sviluppano in persone senza fattori di rischio noti. Tuttavia, alcuni fattori possono aumentare la loro probabilità, tra cui radiazioni, un sistema linfatico danneggiato e l’esposizione a determinate sostanze chimiche.

Diagnosi

La valutazione iniziale per un presunto sarcoma pleomorfo indifferenziato inizia di solito con una storia di quando hai notato per la prima volta la massa e quanto rapidamente è cresciuta, oltre a un esame fisico. L’esame fisico dovrebbe concentrarsi sulle dimensioni e sulla profondità della massa attuale, sia che sia collegata a tessuti normali vicini, sia segni di gonfiore associato o danni ai nervi.

I tuoi medici vorranno verificare se la tua massa è una delle numerose condizioni benigne più comuni, come i tumori dei tessuti molli (ad esempio i lipomi ). Dovrebbero essere esclusi anche altri tumori maligni, compresi linfoma , melanoma , carcinoma che ha metastatizzato o uno dei numerosi altri sarcomi .

Poiché i tumori benigni dei tessuti molli sono molto più comuni del sarcoma pleomorfo indifferenziato o di altri sarcomi maligni dei tessuti molli, può essere difficile valutare quali masse di tessuti molli richiedono un’ulteriore valutazione.

I criteri per l’ospedalizzazione urgente di un paziente con lesione di tessuti molli si concentrano su tre aspetti:

  • Una massa di tessuto molle, a forma di pallina da golf o più grande
  • Un grumo doloroso
  • Un nodulo che sta aumentando di dimensioni

Inoltre, le masse  più profonde hanno maggiori probabilità di essere sarcomi, così come i grumi che si rigenerano dopo essere stati rimossi chirurgicamente. Più di queste caratteristiche cliniche esistono, maggiore è la possibilità di malignità del tumore. L’aumento delle dimensioni è l’indicatore individuale più forte.

Il sarcoma pleomorfo indifferenziato è meglio trattato con un approccio multidisciplinare che coinvolge oncologi medici, patologi, radiologi, chirurghi, radioterapisti.

Anche la biopsia iniziale dovrebbe essere eseguita nello stesso centro di trattamento, oltre a qualsiasi intervento chirurgico di resezione.

In quasi tutti i casi il medico probabilmente raccomanderà di sottoporsi a test diagnostici, tra cui:

  • Test di imaging I test di imaging, come i raggi X, la tomografia computerizzata (TC), la risonanza magnetica (MRI) e la tomografia ad emissione di positroni (PET), possono essere utilizzati per valutare l’area di interesse. La valutazione stessa può includere la definizione della fonte di una massa tissutale, la determinazione dell’entità di un tumore primario per la pianificazione chirurgica e test per indicare se una eventuale crescita maligna si sia metastatizzata in altre sedi come un polmone.
  • Biopsia. Il medico può eseguire una procedura di biopsia per rimuovere un campione del sospetto sarcoma per il test in laboratorio. Per rimuovere il campione, il medico può usare un ago lungo e sottile. A volte  viene eseguita durante l’intervento chirurgico.
  • Ancora una volta è bene ribadire che, se si sospetta un sarcoma pleomorfo indifferenziato, è meglio cercare assistenza in un centro medico che curi molte persone con questo tipo di cancro.

In laboratorio, un medico specializzato nelle analisi dei tessuti corporei (patologo) esamina il campione di tessuto per rilevare eventuali segni di cancro. Il patologo analizza anche il campione per capire il tipo di cancro e determinare se il tumore è aggressivo.

Trattamenti e possibili cure

Le opzioni di trattamento per il sarcoma pleomorfo indifferenziato dipenderanno dalle dimensioni e dalla sede del tumore.

La chirurgia è in genere il trattamento principale per UPS. L’obiettivo è quello di rimuovere il cancro e un margine di tessuto sano attorno ad esso con il minimo impatto possibile. Quando UPS influisce su braccia e gambe, questo significa usare tecniche per risparmiare gli arti ogni volta che è fattibile.

Tuttavia, in alcuni casi potrebbe essere necessario amputare il braccio o la gamba colpiti. I medici lavorano molto duramente per evitare l’amputazione. Ad esempio, possono consigliare la radioterapia per ridurre il tumore prima dell’intervento chirurgico, il che può ridurre le probabilità che sia necessaria un’amputazione.

Se il sarcoma pleomorfo indifferenziato si diffonde in un’altra area del corpo, può essere possibile rimuovere chirurgicamente l’altro tumore, in base alle sue particolari esigenze mediche.

Radioterapia

La radioterapia coinvolge il trattamento del cancro con fasci di energia ad alta potenza, come i raggi X oi protoni.

  • Il medico può suggerire di usare la radioterapia prima di un’operazione per ridurre un tumore per renderlo più facile da rimuovere.
  • Le radiazioni possono anche essere usate dopo l’intervento chirurgico per uccidere tutte le cellule tumorali che rimangono.
  • Le radiazioni possono anche essere impiegate durante l’intervento chirurgico subito dopo una resezione, una procedura chiamata radioterapia intraoperatoria ( IORT ).

Chemioterapia

La chemioterapia è un trattamento farmacologico che utilizza sostanze chimiche per uccidere le cellule tumorali. Può essere somministrato con la pillola o attraverso una vena (per via endovenosa) o entrambi. Anche se generalmente non viene utilizzato nei primi stadi, la chemioterapia può essere usata per trattare tumori che si sono diffusi in altre parti del corpo o per curare malattie più avanzate.

La chemioterapia può anche essere combinata con la radioterapia

I farmaci di chemioterapia mirati usati per trattare il sarcoma pleomorfo indifferenziato includono:

  • Doxorubicina (Doxil) con olaratumab (Lartruvo)
  • Gemcitabina (Gemzar) con docetaxel (Taxotere)
  • Questi farmaci e altri possono essere prescritti a discrezione del medico.

Medicina alternativa

Nessun trattamento di medicina alternativa è risultato utile nel trattamento del sarcoma pleomorfo indifferenziato. Ma alcuni trattamenti complementari e alternativi possono alleviare i sintomi che si verificano a causa del cancro o dei trattamenti. Questi significa che insieme alle cure convenzionali che non devono mai essere interrotte, la medicina alternativa puo’ aiutare le persone a tollerare meglio i disagi delle cure o della malattia.

I trattamenti alternativi che possono aiutare ad alleviare i sintomi includono:

  • Agopuntura
  • Aromaterapia
  • Massaggio
  • Meditazione
  • Esercizi di rilassamento

Referenze »

Ryan CW, et al. Presentazione clinica, istopatologia, valutazione diagnostica e stadiazione del sarcoma dei tessuti molli. https://www.uptodate.com/contents/search. Accesso 21 agosto 2017.
George S, et al. Trattamento sistemico del sarcoma dei tessuti molli metastatico. https://www.uptodate.com/contents/search. Accesso 21 agosto 2017.
Mullen JT, et al. Caratteristiche cliniche, valutazione e trattamento del sarcoma retroperitoneale dei tessuti molli. https://www.uptodate.com/contents/search. Accesso 21 agosto 2017.
Attia S (opinione degli esperti). Mayo Clinic, Rochester, Minnesota il 12 settembre 2017.
DeLaney TF, et al. Panoramica del trattamento multimodale per il sarcoma dei tessuti molli primari delle estremità e della parete toracica. https://www.uptodate.com/contents/search. Accesso 21 agosto 2017.
Informazioni sul sarcoma dei tessuti molli. American Cancer Society. https://www.cancer.org. Accesso effettuato il 31 agosto 2017.
Fletcher CDM, et al., Eds. Classificazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanita ‘dei Tumori. Patologia e genetica dei tumori del tessuto molle e dell’osso. Lione, Francia: IARC Press; 2002. http://www.iarc.fr/en/publications/pdfs-online/pat-gen/bb5/index.php. Accesso effettuato il 31 agosto 2017.
Diagnosi precoce, diagnosi e stadiazione. American Cancer Society. https://www.cancer.org. Accesso effettuato il 31 agosto 2017.
Cause, fattori di rischio e prevenzione. American Cancer Society. https://www.cancer.org. Accesso 1 settembre 2017.
Trattamento del sarcoma dei tessuti molli. American Cancer Society. https://www.cancer.org. Accesso 1 settembre 2017.
Garner HW, et al. Localizzazione di semi radioattivi preoperatori di masse di tessuto molle non palpabili: una tecnica di localizzazione stabilita con una nuova applicazione. Radiologia scheletrica. 2017; 46: 209.
Tocca W, et al. Studio randomizzato di fase 3, multicentrico, in aperto, che confronta l’evofosfamide (Evo) in combinazione con doxorubicina (D) e D da sola nei pazienti (pts) con sarcoma avanzato dei tessuti molli (STS): Studio TH-CR-406 / SARC021. Annali di Oncologia. 2016; 27 (suppl 6): 13950.
Attia S, et al. Studio in fase di escalazione della fase Ib di TRC105 (anticorpo anti-endoglin) in associazione con pazopanib in pazienti con sarcoma avanzato dei tessuti molli (STS). Journal of Clinical Oncology. 2015; 33 (suppl 15): 10514.
Burgess MA, et al. SARC 028: studio di fase II dell’anticorpo anti-PD1 pembrolizumab (P) nei pazienti (Pts) con sarcomi avanzati. Journal of Clinical Oncology. 2015; 33 (suppl 15): 10578.
Riggin EA. Allscripts EPSi. Mayo Clinic, Rochester, Minn. 6 giugno 2017.
Goldblum JR, et al. Valutazione clinica e trattamento dei tumori dei tessuti molli. In: Enzinger e Weiss’s Soft Tissue Tumors. Sesto ed. Philadelphia, Pa .: Saunders Elsevier; 2014. https://www.clinicalkey.com. Accesso 1 settembre 2017.
Dangoor A. et al. Linee guida del Regno Unito per la gestione dei sarcomi dei tessuti molli. Ricerca clinica sul sarcoma. 2016; 6: 20.
Sarcoma dei tessuti molli. Fort Washington, Pa .: National Comprehensive Cancer Network. http://www.nccn.org/professionals/physician_gls/f_guidelines.asp. Consultato il 7 settembre 2017.
Derbel O, et al. Impatto sulla sopravvivenza della centralizzazione e linee guida cliniche per il sarcoma dei tessuti molli (una coorte prospettica ed esauriente basata sulla popolazione). PLOS One. 2017; 12:? E0158406.http: //journals.plos.org/plosone/article id = 10.1371 / journal.pone.0158406. Accesso 7 settembre 2017.
Townsend CM Jr, et al. Sarcoma dei tessuti molli. In: Sabiston Textbook of Surgery: La base biologica della moderna pratica chirurgica. 20 ed. Philadelphia, Pa .: Elsevier; 2017. https://www.clinicalkey.com. Accesso 8 settembre 2017.
Goldman L, et al., Eds. Tumori ossei maligni, sarcomi e altre neoplasie dei tessuti molli. In: Medicina Goldman-Cecil. 25 ed. Philadelphia, Pa .: Saunders Elsevier; 2016. https://www.clinicalkey.com. Accesso 8 settembre 2017.
Trattamento del sarcoma dei tessuti molli adulti (PDQ) – Versione professionale per la salute. Istituto nazionale del cancro. https://www.cancer.gov/types/soft-tissue-sarcoma/hp/adult-soft-tissue-treatment-pdq. Accesso 8 settembre 2017.
Prendendo tempo: supporto per le persone con il cancro. Istituto nazionale del cancro. http://cancer.gov/cancertopics/takingtime. Accesso 8 settembre 2017.
Niederhuber JE, et al., Eds. Sarcomi di tessuti molli. In: Clinical Oncology di Abeloff. 5a ed. Philadelphia, Pa .: Churchill Livingstone Elsevier; 2014. https://www.clinicalkey.com. Accesso effettuato il 15 settembre 201

Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Il Dr. Roberto Marino laureato in Medicina e Chirugia, ha eseguito la revisione e gli aggiornamenti. di questo articolo. Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto su questo sito al solo ed unico scopo informativo!

Lascia un commento

avatar