Prolasso uterino: sintomi, cause e cure

Ultimo aggiornamento 6 agosto, 2018 at 07:24 pm

Il prolasso uterino si verifica quando i muscoli del pavimento pelvico e i legamenti si estendono, si indeboliscono e non forniscono più supporto sufficiente per l’utero. Di conseguenza, l’utero scivola verso il basso o sporge fuori dalla vagina. Il prolasso uterino può verificarsi nelle donne di qualsiasi età. Ma spesso colpisce donne in postmenopausa che hanno avuto una o più parti naturali.

Link sponsorizzati

Il prolasso uterino lieve di solito non richiede un trattamento. Ma se il prolasso uterino  mette a disagio o crea difficoltà nella vita, la paziente puo’ trarre beneficio dal trattamento chirurgico.

Sintomi

Il prolasso uterino lieve generalmente non causa segni o sintomi. Segni e sintomi del prolasso uterino da moderato a severo comprendono:

  • Sensazione di pesantezza o tirando dentro il bacino
  • Tessuto che sporge dalla tua vagina
  • Problemi urinari, come perdite di urina (incontinenza) o ritenzione urinaria
  • Problemi con un movimento intestinale
  • Sentirsi come se si stesse seduti su una pallina o come se qualcosa stesse cadendo dalla tua vagina
  • Preoccupazioni sessuali, come una sensazione di scioltezza nel tono del tuo tessuto vaginale
  • Spesso i sintomi sono meno fastidiosi al mattino e peggiorano con il passare del tempo.

Rivolgersi al medico per discutere le opzioni se i segni e i sintomi del prolasso uterino diventano fastidiosi e interrompono le normali attività.

Cause

Il prolasso uterino risulta dall’indebolimento dei muscoli pelvici e dei tessuti di supporto. Cause di muscoli pelvici indeboliti e tessuti includono:

  • Gravidanza
  • Difficoltà di travaglio e parto o trauma durante il parto
  • Consegna di un grande bambino
  • Essere sovrappeso o obesi
  • Abbassa il livello di estrogeni dopo la menopausa
  • Stitichezza cronica o tesa con movimenti intestinali
  • Tosse cronica o bronchite
  • Ripetuto sollevamento di carichi pesanti

Fattori di rischio

I fattori che possono aumentare il rischio di prolasso uterino comprendono:

  • Una o più gravidanze
  • Dare alla luce un  bambino piu’ grande del normale
  • Aumento dell’età
  • Obesità
  • Chirurgia pelvica
  • Stitichezza cronica o tensione frequente durante i movimenti intestinali
  • Storia familiare di debolezza nel tessuto connettivo
  • Predisposizione genetica

Complicazioni

Il prolasso uterino è spesso associato a prolasso di altri organi pelvici. Nello specifico:

  • Prolasso anteriore (cistocele). La debolezza del tessuto connettivo che separa la vescica e la vagina può causare rigonfiamento. Il prolasso anteriore è anche chiamato vescica prolassata.
  • Prolasso vaginale posteriore (rettocele). La debolezza del tessuto connettivo che separa il retto dalla vagina può causare il rigonfiamento del retto. Questo potrebbe causare difficoltà ad avere movimenti intestinali.
  • Un grave prolasso uterino può spostare parte del rivestimento vaginale, facendolo sporgere all’esterno del corpo. Il tessuto vaginale che si sfrega contro gli indumenti può portare a ferite (ulcere). Raramente le piaghe possono infettarsi.

Prevenzione

Per ridurre il rischio di prolasso uterino, provare a:

  • Eseguire gli esercizi di Kegel regolarmente. Questi esercizi possono rafforzare i muscoli del pavimento pelvico, soprattutto dopo aver avuto un bambino.
  • Trattare e prevenire la stitichezza. Bere molti liquidi e mangiare cibi ricchi di fibre, come frutta, verdura, fagioli e cereali integrali.
  • Evitare il sollevamento di carichi pesanti e imparare la tecnica di sollevamento corretto. Quando si solleva, usare le gambe anziché la schiena.
  • Controllo della tosse. Ottenere un trattamento per una tosse cronica o bronchite, e non fumare.
  • Evita l’aumento di peso.

Diagnosi

Una diagnosi di prolasso uterino si verifica generalmente durante un esame pelvico.

In caso di grave incontinenza, il medico potrebbe raccomandare test per misurare la funzionalità della vescica (test urodinamici).

Trattamenti e cure

Il trattamento dipende dalla gravità del prolasso uterino. Il medico potrebbe raccomandare:

  • Misure di auto-cura. Se il tuo prolasso uterino causa pochi o nessun sintomo, semplici misure di auto-cura possono fornire sollievo o aiutare a prevenire un peggioramento del prolasso. Le misure di auto-cura includono l’esecuzione di esercizi di Kegel per rafforzare i muscoli pelvici, perdere peso e trattare la stitichezza.
  • Pessario. Un pessario vaginale è un anello di plastica o gomma inserito nella vagina per sostenere i tessuti rigonfi. Un pessario deve essere rimosso regolarmente per la pulizia.

Chirurgia

Se il prolasso uterino è grave, il medico potrebbe raccomandare un intervento chirurgico. La chirurgia mini-invasiva (laparoscopica) o vaginale potrebbe essere un’opzione.

La chirurgia può comportare:

  • Riparazione dei tessuti indeboliti del pavimento pelvico. Questo intervento viene generalmente affrontato a volte attraverso l’addome. Il chirurgo potrebbe innestare il tessuto, da donatore o un materiale sintetico su strutture del pavimento pelvico indebolite per sostenere gli organi pelvici.
  • Rimozione del tuo utero (isterectomia). L’isterectomia potrebbe essere raccomandata se il prolasso uterino è grave. Ma l’isterectomia è un intervento chirurgico importante, e recenti ricerche suggeriscono che la chirurgia pone rischi a lungo termine per la salute, tra cui un aumento del rischio di malattie cardiache e dei vasi sanguigni (cardiovascolari) e alcune condizioni metaboliche.

Parlare con il  medico di tutte le opzioni di trattamento per essere sicuri di comprendere i rischi e i benefici di ciascuno in modo da poter scegliere ciò che è meglio.

Referenze »

Lobo RA, et al. Difetti anatomici della parete addominale e del pavimento pelvico: ernie addominali, ernie inguinali e prolasso di organi pelvici: diagnosi e gestione. In: ginecologia completa. Settimo ed. Philadelphia, Pa .: Elsevier; 2017. https://www.clinicalkey.com. Accesso effettuato il 12 aprile 2017.
Ferri FF. Prolasso dell’organo pelvico (prolasso uterino). In: Ferri’s Clinical Advisor 2017. Philadelphia, Pa .: Elsevier; 2017. https://www.clinicalkey.com. Accesso 14 aprile 2017.
Rogers RG, et al. Prolasso di organi pelvici nelle donne: epidemiologia, fattori di rischio, manifestazioni cliniche e gestione. https://www.uptodate.com/home. Accesso 18 aprile 2017.
Handa VL. Incontinenza urinaria e prolasso di organi pelvici associati a gravidanza e parto. https://www.uptodate.com/home. Accesso 18 aprile 2017.
Fashokun TB, et al. Prolasso di organi pelvici nelle donne: valutazione diagnostica. https://www.uptodate.com/home. Accesso 10 maggio 2017.
Ridgeway BM. Prolassa uguale isterectomia? Il ruolo della conservazione dell’utero nelle donne con prolasso uterovaginale. American Journal of Obstetrics & Gynecology. 2015; 213: 802.
Lobo RA, et al. Funzione e disturbi del tratto urinario inferiore: fisiologia e minzione, disfunzione minzionale, incontinenza urinaria, infezioni del tratto urinario e sindrome della vescica dolorosa. In: ginecologia completa. Settimo ed. Philadelphia, Pa .: Elsevier; 2017. https://www.clinicalkey.com. Accesso 13 aprile 2017.
Hokenstad ED, et al. Qualità della vita correlata alla salute e risultati dopo il trattamento chirurgico delle complicanze della rete posizionata in vagina. Medicina pelvica femminile e chirurgia riproduttiva. 2015; 21: 176.
Laughlin-Tommaso SK, et al. Morbilità cardiovascolare e metabolica dopo isterectomia con conservazione ovarica: studio di coorte. Menopausa. In stampa. Accesso effettuato il 15 gennaio 2018.

Link sponsorizzati

Lascia un commento