Gastrectomia a manica: rischi e risultati

La gastrectomia a manica, detta anche gastrectomia a manica verticale, è una procedura chirurgica per la perdita di peso. Questa procedura viene in genere eseguita per via laparoscopica, che prevede l’inserimento di piccoli strumenti attraverso più piccole incisioni nell’addome superiore. Durante la gastrectomia delle maniche, circa l’80 percento dello stomaco viene rimosso, lasciando uno stomaco a forma di tubo delle dimensioni e della forma di una banana.

Link sponsorizzati

Limitare le dimensioni dello stomaco limita la quantità di cibo che si può consumare. Inoltre, la procedura suggerisce cambiamenti ormonali che aiutano con la perdita di peso. Gli stessi cambiamenti ormonali  aiutano anche ad alleviare le condizioni associate al sovrappeso, come l’ipertensione o le malattie cardiache.

Perché viene eseguita

La gastrectomia della manica viene eseguita per aiutarti a perdere peso in eccesso e ridurre il rischio di problemi di salute potenzialmente mortali legati al peso, tra cui:

La gastrectomia a manica viene in genere eseguita solo dopo aver provato a perdere peso migliorando la dieta e lo stile di vita ma senza alcun successo.

In generale, la chirurgia potrebbe essere un’opzione valida per il paziente se:

  • I’indice di massa corporea (BMI) è 40 o superiore (obesità estrema).
  • I’indice di massa corporea varia da 35 a 39,9 (obesità) e si ha un grave problema di salute correlato al peso, come il diabete di tipo 2, l’ipertensione arteriosa o l’apnea notturna grave.
  • In alcuni casi, è possibile qualificarsi per determinati tipi di chirurgia per la perdita di peso se l’indice di massa corporea è da 30 a 34 e si hanno problemi di salute gravi legati al peso.
  • Il paziente deve anche essere disposto a fare cambiamenti permanenti per condurre uno stile di vita più sano. Potrebbe essere richiesto di partecipare a piani di follow-up a lungo termine che includono il monitoraggio della nutrizione, dello stile di vita e delle condizioni mediche.

Rischi

Come con qualsiasi intervento chirurgico importante, la gastrectomia a manica pone potenziali rischi per la salute, sia a breve che a lungo termine.

I rischi associati alla gastrectomia a manica possono includere:

  • Sanguinamento eccessivo
  • Infezione
  • Reazioni avverse all’anestesia
  • Coaguli di sangue
  • Problemi respiratori
  • Perdite dal bordo tagliato dello stomaco

I rischi e le complicanze a più lungo termine della chirurgia della gastrectomia possono includere:

  • Ostruzione gastrointestinale
  • Ernie
  • Reflusso gastroesofageo
  • Basso livello di zucchero nel sangue (ipoglicemia)
  • Malnutrizione
  • Vomito
  • Molto raramente, le complicanze della gastrectomia a manica possono essere fatali.

Cibo e farmaci

Prima dell’intervento, è fondamentale comunicare al medico un elenco di tutti i medicinali, vitamine, minerali e integratori a base di erbe o di alimenti che si assumono. Questo perchè potrebbero essere necessarie restrizioni sul mangiare e bere e sui farmaci da assumere.

Altre precauzioni

Verrà richiesto di avviare un programma di attività fisica.

Verrà richiesto di interrompere l’uso del tabacco 12 settimane prima dell’intervento chirurgico.

Potrebbe anche essere necessario prepararsi pianificando in anticipo il recupero dopo l’intervento chirurgico. Le persone che hanno subito una gastrectomia a manica sono di solito fuori dal lavoro per quattro settimane.

La gastrectomia della manica viene eseguita in ospedale. A seconda del recupero, la degenza ospedaliera può durare da una a due notti.

Durante la procedura

Le specifiche dell’intervento dipendono dalla situazione individuale e dalle pratiche dell’ospedale o del medico. Alcune gastrectomie a manica sono fatte con le tradizionali grandi incisioni (aperte) nell’addome. Ma la gastrectomia a manica viene in genere eseguita per via laparoscopica, che prevede l’inserimento di piccoli strumenti attraverso più piccole incisioni nell’addome superiore.

Il chirurgo crea quindi una manica stretta pinzando verticalmente lo stomaco e rimuovendo la parte più grande e curva dello stomaco.

La chirurgia richiede solitamente da una a due ore. Dopo l’intervento chirurgico, il paziente si risveglia una stanza di recupero, dove lo staff medico  controlla per eventuali complicazioni.

Dopo la procedura

Dopo la gastrectomia a manica, la dieta inizia con liquidi e senza carboidrati per i primi sette giorni, quindi progredisce in cibi purificati per tre settimane e infine in alimenti regolari circa quattro settimane dopo l’intervento. Verrà richiesto di assumere un multivitaminico due volte al giorno, un supplemento di calcio una volta al giorno e un’iniezione di vitamina B-12 una volta al mese per tutta la vita, salvo direttive differenti.

Potrebbero verificarsi cambiamenti in quanto il corpo reagisce alla rapida perdita di peso nei primi tre-sei mesi dopo la gastrectomia a manica, tra cui:

  • Dolori muscolari
  • Stanchezza
  • Sensazione di freddo
  • Pelle secca
  • Assottigliamento dei capelli e perdita di capelli
  • Cambiamenti di umore

Risultati

La gastrectomia a manica può fornire una perdita di peso a lungo termine. La quantità di peso che si perde dipende dal cambiamento delle abitudini di vita. È possibile perdere circa il 60 percento, o anche più, del peso in eccesso entro due anni.

Oltre alla perdita di peso, la gastrectomia può migliorare o risolvere le condizioni legate al sovrappeso.

La chirurgia  può anche migliorare la capacità di svolgere attività quotidiane di routine e può contribuire a migliorare la qualità della vita.

Quando la chirurgia per la perdita di peso non funziona

È possibile non perdere abbastanza peso o riguadagnare peso dopo l’intervento chirurgico. Questo aumento di peso può verificarsi se non si seguono le modifiche raccomandate allo stile di vita. Se si mangiano spesso cibi ipercalorici, si potrebbe avere una perdita di peso inadeguata. Per evitare di riguadagnare peso, è necessario apportare modifiche permanenti e salutari alla dieta e svolgere regolarmente attività fisica ed esercizio fisico.

È importante mantenere tutti gli appuntamenti di follow-up programmati dopo un intervento di dimagrimento, in modo che il medico possa monitorare i progressi.

Referenze »

Lim RB. Procedure bariatriche per la gestione dell’obesità grave: Descrizioni. http://wwwuptodate.com/home. Accesso effettuato il 20 marzo 2017.
Procedure di chirurgia bariatrica. Società americana per la chirurgia metabolica e bariatrica. https://asmbs.org/patients/bariatric-surgery-procedures. Accesso effettuato il 20 marzo 2017.
Jameson JL, et al., Eds. Chirurgia bariatrica. In: Endocrinologia: adulti e pediatrici. Settimo ed. Philadelphia, Pa .: Saunders Elsevier; 2016. http://www.clinicalkey.com. Accesso effettuato il 20 marzo 2017.
Chirurgia bariatrica. Istituto Nazionale su Diabete e Malattie Digestive e Rene. https://www.niddk.nih.gov/health-information/health-topics/weight-control/bariatric-surgery/pages/overview.aspx. Accesso effettuato il 20 marzo 2017.
Lim RB. Operazioni bariatriche: morbilità e mortalità perioperatoria. http://www.uptodate.com/home. Accesso effettuato il 20 marzo 2017.
Khatri VP. Resezione della manica laparoscopica con interruttore duodenale. In: Atlas of Advanced Operative Surgery. Philadelphia, Pa .: Saunders Elsevier; 2013. http://www.clinicalkey.com. Accesso effettuato il 20 marzo 2017.
Cameron JL. Chirurgia laparoscopica per obesità patologica. In: Current Surgical Therapy. Philadelphia, Pa .: Elsevier; 2017. http://www.clinicalkey.com. Accesso effettuato il 20 marzo 2017.

Link sponsorizzati

Lascia un commento