Biopsia cutanea: tecniche, rischi e risultati

Una biopsia della cute rimuove le cellule o campioni di pelle dalla superficie del corpo. Il campione prelevato da una biopsia cutanea viene esaminato per fornire informazioni sulla  condizione medica.  Il medico usa la biopsia cutanea per diagnosticare o escludere determinate condizioni e malattie della pelle.

Link sponsorizzati

Esistono tre principali tipi di biopsie cutanee:

  • Biopsia a rasatura. Il medico usa uno strumento simile a un rasoio per rimuovere una piccola sezione degli strati superiori della pelle (epidermide e una parte del derma).
  • Biopsia punch. Viene usato uno strumento circolare per rimuovere una piccola sezione di pelle compresi gli strati più profondi (epidermide, derma e grasso superficiale).
  • Biopsia escissionale. Il medico usa un piccolo bisturi per rimuovere un intero nodulo o un’area di pelle anormale, inclusa una porzione di pelle normale fino o attraverso lo strato di grasso della pelle.

Perché viene fatta

La biopsia cutanea viene utilizzata per diagnosticare o escludere condizioni e malattie della pelle. Può anche essere usata per rimuovere le lesioni cutanee.

Una biopsia cutanea può essere necessaria per diagnosticare o per aiutare a trattare le condizioni e le malattie della pelle, tra cui:

  • Cheratosi attinica
  • Pemfigoide bolloso e altri disturbi cutanei vescicanti
  • Dermatiti, psoriasi e altre condizioni infiammatorie della pelle
  • Cancro della pelle, incluso carcinoma a cellule basali, carcinoma a cellule squamose e melanoma
  • Infezione della pelle
  • Tag della pelle
  • Altre escrescenze
  • Verruche

Rischi

Una biopsia cutanea è una procedura generalmente sicura, ma possono verificarsi complicazioni, tra cui:

  • Emorragia
  • Lividi
  • Cicatrici
  • Infezioni
  • Reazione allergica all’antibiotico topico

A seconda della posizione della biopsia cutanea, potrebbe essere chiesto di spogliarsi e cambiarsi. Un medico o un infermiere pulisce quindi la zona della pelle che deve essere sottoposta a biopsia. La pelle può essere contrassegnata con un pennarello chirurgico o una penna per evidenziare l’area della biopsia.

Quindi si riceve un anestetico locale per intorpidire il sito della biopsia. Questo di solito viene dato per iniezione con un ago sottile. Il farmaco paralizzante può causare una sensazione di bruciore nella pelle per alcuni secondi. In seguito, il sito bioptico è intorpidito e il paziente non sente alcun dolore o disagio durante la biopsia cutanea.

Durante la biopsia

Per una biopsia a rasatura, il medico usa uno strumento affilato, un rasoio a doppio taglio o un bisturi per tagliare il tessuto. La profondità dell’incisione varia a seconda del tipo di biopsia e della parte del corpo sottoposta a biopsia. Una biopsia della rasatura provoca sanguinamento. Il sanguinamento viene interrotto applicando una pressione sull’area o mediante una combinazione di pressione e un farmaco topico applicato al sito bioptico.

Per una biopsia punch o  biopsia escissionale, la procedura prevede il taglio nello strato superiore di grasso sotto la pelle, in modo che punti possano essere necessari per chiudere la ferita. Una fasciatura o una benda adesiva viene quindi posta sopra il sito per proteggere la ferita e prevenire il sanguinamento.

Una biopsia cutanea richiede in genere circa 15 minuti in totale, inclusi il tempo di preparazione, la medicazione della ferita e le istruzioni per la cura a domicilio.

Dopo la procedura

Il medico può prescrivere di tenere la benda sul sito della biopsia fino al giorno successivo. Occasionalmente, il sito della biopsia sanguina. Questo è più probabile nelle persone che assumono farmaci che fluidificano il sangue. In tal caso, esercitare una pressione diretta sulla ferita per 10-20 minuti. Se il sanguinamento continua, contattare il medico.

Tutte le biopsie causano una piccola cicatrice. Alcune persone sviluppano una cicatrice prominente e sollevata. Il rischio di ciò aumenta quando si esegue una biopsia sul collo o sulla parte superiore del busto, come la schiena o il torace. Inizialmente, la cicatrice sarà rosa e poi sbiadirà in bianco o talvolta marrone. Le cicatrici si attenuano gradualmente. Il colore permanente della cicatrice sarà evidente uno o due anni dopo la biopsia.

Cerca di non urtare l’area del sito di biopsia o di fare attività che potrebbero allungare la pelle. Allungare la pelle potrebbe far sanguinare la ferita o ingrandire la cicatrice.

La guarigione della ferita può richiedere diverse settimane, ma di solito è completa entro due mesi. Le ferite su gambe e piedi tendono a guarire più lentamente rispetto a quelle su altre parti del corpo.

Come prendersi cura della piccola ferita mentre guarisce:

  • Lavarsi le mani con acqua e sapone prima di toccare la ferita.
  • Lavare il sito bioptico con acqua e sapone. Se il sito è sul cuoio capelluto, usare lo shampoo.
  • Risciacquare bene la ferita.
  • Tamponare con un asciugamano pulito.
  • Coprire la zona con una benda adesiva che consenta alla pelle di avere aria.
  • Continuare a prendersi cura del sito per la biopsia finché i punti non sono stati rimossi. Per le biopsie che non richiedono punti, continuare la cura della ferita fino a quando la pelle non è guarita.

Risultati

Dopo la biopsia, il medico invia il campione a un laboratorio per eseguire dei test. A seconda delle condizioni della pelle, del tipo di biopsia e delle procedure di laboratorio, i risultati possono richiedere diversi giorni o un paio di settimane. I risultati delle biopsie per i test metabolici o genetici possono richiedere diversi mesi o più.

Il medico può fissare un appuntamento in ufficio per discutere i risultati del test.

Referenze »

Alguire PC, et al. Tecniche di biopsia della pelle. http://www.uptodate.com/home. Accesso 21 ottobre 2015.
Habif TP, ed. Procedure chirurgiche dermatologiche In: Clinical Dermatology. Sesto ed. Philadelphia, Pa .: Elsevier; 2015. http://www.clinicalkey.com. Accesso 1 ottobre 2015.
Goldman L, et al., Eds. Esame della pelle e approccio alla diagnosi delle malattie della pelle. In: Medicina Goldman-Cecil. 25 ed. Philadelphia, Pa .: Saunders Elsevier; 2016. http://www.clinicalkey.com. Accesso 21 ottobre 2015.
Pfenninger JL, et al., Eds. Biopsia della pelle In: Pfenninger e Fowler’s Procedure per le cure primarie. 3a ed. Philadelphia, Pa .: Mosby Elsevier; 2011. http://www.clinicalkey.com. Accesso 1 ottobre 2015.

Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Il Dr. Roberto Marino laureato in Medicina e Chirugia, ha eseguito la revisione e gli aggiornamenti. di questo articolo. Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto su questo sito al solo ed unico scopo informativo!

Lascia un commento

avatar