Colonscopia virtuale: come funziona?

La colonscopia virtuale è un esame minimamente invasivo per lo screening del cancro dell’intestino crasso (tumore del colon).  A differenza della colonscopia tradizionale, che richiede l’inserimento di una sonda nel retto e l’avanzamento attraverso il colon, la colonscopia virtuale utilizza una scansione TC per produrre centinaia di immagini trasversali degli organi addominali.

Link sponsorizzati

Le immagini vengono combinate e manipolate digitalmente per fornire una vista dettagliata dell’interno del colon e del retto. La colonscopia virtuale è un’opzione utilizzata per lo screening del cancro al colon. Discutere le opzioni di screening del cancro del colon con il proprio medico per determinare se la colonscopia virtuale è l’opzione.

Perché viene fatta?

Viene utilizzata per lo screening del carcinoma del colon in persone di almeno 50 anni di età e a rischio medio della malattia.

Per fare chiarezza,Il medico può suggerire la colonscopia virtuale se:

  • I pazienti sono riluttanti al fare la classica colonscopia
  • I pazienti sono a rischio di complicanze da colonscopia, come il sanguinamento in eccesso perché il sangue non si coagula normalmente
  • E’ presente un’ostruzione intestinale

Non si è un candidato ideale per questo esame virtuale se:

  • Si ha una storia di cancro al colon o di polipi nel colon
  • Si ha una storia familiare di cancro al colon o polipi del colon
  • E’ presente la malattia infiammatoria cronica dell’intestino (morbo di Crohn o colite ulcerosa)
  • Si ha la diverticolite acuta

Gli studi hanno dimostrato che la colonscopia virtuale ha tassi di rilevamento simili alla colonscopia tradizionale per il cancro e per la maggior parte dei tipi di polipi. Alcuni polipi, compresi quelli piccoli, hanno meno probabilità di essere rilevati con la colonscopia virtuale.

Poiché la colonscopia virtuale coinvolge l’imaging dell’intera area addominale e pelvica, i problemi non correlati al cancro del colon, come un’anomalia nel rene, nel fegato o nel pancreas che possono o non possono essere importanti , potrebbero essere potenzialmente rilevati. Ciò potrebbe portare a ulteriori esami di approfondimento.

Rischi

La colonscopia virtuale è generalmente sicura.

Tuttavia i rischi includono:

  • Lacerazione (perforazione) nel colon o nel retto. Il colon e il retto sono gonfiati con aria o anidride carbonica durante il test e questo comporta un piccolo rischio di provocare una lacerazione.
  • Esposizione a un basso livello di radiazioni. La colonscopia virtuale utilizza una piccola dose di radiazioni per creare le immagini del colon e del retto. I medici utilizzano la dose minima di radiazioni possibile per creare un’immagine chiara. Generalmente si tratta della stessa quantità di radiazioni naturali a cui potresti essere esposto in due anni con il sole, e molto meno della quantità utilizzata per una scansione TAC diagnostica.

Come ci si prepara

Prima di una colonscopia virtuale, si deve svuotare il colon. Qualsiasi residuo nel colon potrebbe oscurare le immagini scattate durante l’esame.

Per svuotare il colon, seguire attentamente le istruzioni del medico.

Potrebbe essere richiesto di:

  • Seguire una dieta speciale il giorno prima dell’esame. In genere, si parla di digiuno. Le bevande possono essere limitate a liquidi chiari. Di solito non si deve mangiare o bere nulla dopo la mezzanotte della sera prima dell’esame.
  • Prendere un lassativo la sera prima dell’esame. Potrebbe anche essere necessario utilizzare una supposta per eliminare eventuali residui nel colon.
  • Prendere farmaci per identificare le feci nel colon. Il farmaco aiuterà il medico a distinguere tra anomalie del colon e residui di feci.
  • Regolare i  soliti farmaci. Potrebbe essere necessario interrompere temporaneamente l’assunzione di determinati farmaci giorni o ore prima dell’esame.

Durante l’esame

La sedazione di solito non è necessaria, ma potrebbe essere somministrato un farmaco per rilassare il colon.

L’esame inizia con il paziente sdraiato di lato sul lettino, di solito con le ginocchia tirate verso il petto. Il medico posizionerà un piccolo tubo (catetere) all’interno del retto per riempire il colon con aria o anidride carbonica. L’aria o il gas aiutano a creare immagini chiare e possono causare una sensazione di pressione nell’addome.

Per la parte successiva dell’esame, viene chiesto di stendersi sulla schiena. Il tavolo degli esami verrà spostato nella macchina TAC e il corpo verrà scansionato. Poi al paziante verrà chiesto di  sdraiarsi sull’addome, e il tuo corpo sarà nuovamente scansionato.

Potrebbe essere richiesto di girare e tenere varie altre posizioni, oltre a trattenere il respiro, a volte.

Una colonscopia virtuale richiede in genere circa 10-15 minuti.

Si possono riprendere le solite attività dopo la colonscopia virtuale. E’ normale sentirsi gonfi o avere molto gas per alcune ore dopo l’esame.

Risultati

Il medico esaminerà i risultati della colonscopia e poi li condividerà con il paziente.

I risultati del test potrebbero essere:

  • Negativo, se il medico non trova alcuna anomalia nel colon. Se si è a rischio medio di cancro al colon e non si hanno altri fattori di rischio per il tumore del colon diversi dall’età, il medico può raccomandare di ripetere l’esame dopo cinque anni.
  • Positivo, se le immagini rivelano polipi o altri tessuti anormali nel colon. A seconda delle dimensioni e del numero di polipi, il medico può raccomandare una colonscopia tradizionale per ottenere campioni del tessuto anomalo o rimuovere i polipi. In alcuni casi, la colonscopia tradizionale o la rimozione dei polipi può essere eseguita lo stesso giorno della colonscopia virtuale.
  • Individuazione di altre anomalie, se il test di imaging rilevano problemi al di fuori del colon, come nei reni, fegato o pancreas. Questi risultati possono o non possono essere importanti, ma il medico può raccomandare test aggiuntivi per determinarne la causa.

Referenze »

Bibbins-Domingo K, et al. Screening per il tumore del colon-retto: dichiarazione di raccomandazione della Task Force dei servizi preventivi statunitensi. JAMA. 2016; 315: 2564.
Johnson CD, et al. Colonografia tomografica computerizzata (colonscopia virtuale): un nuovo metodo per la rilevazione di neoplasie del colon-retto. Endoscopia. 1997; 29: 454.
Hara AK, et al. Rilevazione di polipi colorettali mediante colografia tomografica computerizzata: fattibilità di una nuova tecnica. Gastroenterologia. 1996; 110: 284.
Screening del cancro colorettale. Fort Washington, Pa .: National Comprehensive Cancer Network. http://www.nccn.org/professionals/physician_gls/f_guidelines.asp. Accesso 24 agosto 2017.
Colonscopia virtuale. Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Renali. https://www.niddk.nih.gov/health-information/diagnostic-tests/virtual-colonoscopy. Accesso 24 agosto 2017.
Riggin EA. Allscripts EPSi. Mayo Clinic, Rochester, Minn. 31 gennaio 2017.

Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Il Dr. Roberto Marino laureato in Medicina e Chirugia, ha eseguito la revisione e gli aggiornamenti. di questo articolo. Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto su questo sito al solo ed unico scopo informativo!

Lascia un commento

avatar