Circoncisione: benefici, rischi e salute

Il termine circoncisione, viene usato per descrivere la rimozione chirurgica della pelle che copre la punta del pene. La circoncisione è abbastanza comune per i neonati in alcune parti del mondo. La circoncisione dopo il periodo neonatale è possibile, ma è una procedura più complessa e spesso fatta per problemi di salute.

Link sponsorizzati

In alcuni casi, la circoncisione è un rituale religioso. Ma può anche essere una questione di tradizione familiare, igiene personale o semplicemente  un intervento di assistenza sanitaria preventiva. Per gli altri, tuttavia, la circoncisione sembra non necessaria o sfigurante, questo perchè dopo la circoncisione, non è generalmente possibile ricreare l’aspetto di un pene non circonciso.

L’American Academy of Pediatrics (AAP) afferma che i benefici della circoncisione superano i rischi. Tuttavia, l’AAP non raccomanda la circoncisione di routine per tutti i neonati maschi. L’AAP lascia la decisione ai genitori e supporta l’uso di anestetici per i bambini che devono sottoporsi alla procedura. Viene citata l’AAP, perchè negli stati uniti è una pratica molto comune.

Benefici

La circoncisione potrebbe avere vari benefici per la salute, tra cui:

  • Igiene più facile. La circoncisione rende più semplice lavare il pene. Lavare sotto il prepuzio di un pene non circonciso è generalmente facile, tuttavia molti affermano che la circoncisione garantisca una igiene migliore, anche se non tutti concordano.
  • Diminuzione del rischio di infezioni del tratto urinario. Il rischio complessivo di infezioni del tratto urinario nei maschi è basso, ma queste infezioni sono più comuni nei maschi non circoncisi. Infezioni gravi nei neonati possono portare a problemi renali in seguito.
  • Diminuzione del rischio di infezioni a trasmissione sessuale. Gli uomini circoncisi potrebbero avere un minor rischio di alcune infezioni sessualmente trasmissibili, incluso l’HIV. Tuttavia, le pratiche sessuali sicure rimangono essenziali.
  • Prevenzione dei problemi del pene. Occasionalmente, il prepuzio su un pene non circonciso può creare irritazioni o fimosi. Questo può portare a infiammazione del prepuzio o glande.
  • Diminuzione del rischio di cancro del pene. Sebbene il cancro del pene sia raro, è meno comune negli uomini circoncisi. Inoltre, il cancro cervicale è meno comune nei partner sessuali femminili degli uomini circoncisi, statisticamente parlando.

La circoncisione potrebbe non essere un’opzione se sono presenti alcuni disturbi della coagulazione del sangue. Inoltre, la circoncisione potrebbe non essere appropriata per i bambini prematuri che necessitano ancora di cure mediche nell’asilo.

La circoncisione non influisce sulla fertilità, e non è generalmente pensata per migliorare o sminuire il piacere degli uomini o dei loro partner.

Rischi e complicazioni

Le complicanze più comuni associate sono il sanguinamento e l’infezione. Sono possibili anche gli effetti collaterali legati all’anestesia, ma queste sono comuni a tutti gli interventi chirurgici

Raramente, la circoncisione potrebbe causare problemi al prepuzio. Per esempio:

  • Potrebbe essere tagliato troppo corto o troppo lungo
  • Potrebbe non riuscire a guarire correttamente
  • Il prepuzio rimanente potrebbe riattaccarsi alla fine del pene, richiedendo una piccola riparazione chirurgica in seguito.

Prima della circoncisione, il medico spiegherà i rischi e i benefici della procedura.

Come avviene la circoncisione

La circoncisione neonatale viene spesso praticata entro uno o 10 giorni dopo la nascita.

Per la circoncisione neonatale, un anestetico viene iniettato nella base del pene o applicato in gel o crema. Una pinza speciale o un anello di plastica saranno attaccati al pene e il prepuzio sarà rimosso. In seguito, il pene sarà coperto con un unguento,  e avvolto liberamente con una garza. La procedura richiede generalmente circa 10 minuti.

La circoncisione è simile per i ragazzi più grandi e gli adulti. Tuttavia, potrebbe essere necessario eseguire la procedura in anestesia generale con passaggi aggiuntivi, come la sutura, per prevenire un’eccessiva emorragia.

Dopo la procedura

Di solito ci vogliono dai sette ai dieci giorni per guarire. All’inizio la punta del pene potrebbe essere dolorante e il pene potrebbe apparire rosso, gonfio o livido. Non è inusuale notare una crosta gialla sulla punta.

Ci si puo’ lavare normalmente, ma vista la soggettività delle risposte dei pazienti agli interventi chirurgici, meglio chiedere delucidazioni al chirurgo.

I problemi dopo la circoncisione sono rari, tuttavia è bene contattare il medico se:

  • La normale minzione non riprende entro 12 ore dalla fine della procedura
  • C’è un’emorragia persistente
  • C’è un drenaggio maleodorante dalla punta del pene
  • L’anello di plastica ( nel neonato) rimane in posizione due settimane dopo la circoncisione

Referenze »

Weismiller DG. Tecniche per la circoncisione neonatale. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 28 gennaio 2015.
Baskin LS. Circoncisione neonatale: rischi e benefici. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 28 gennaio 2015.
Yiee JH, et al. Complicazioni della circoncisione. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 28 gennaio 2015.
McInerny TK, et al. Manuale di pediatria dell’American Academy of Pediatrics. Elk Grove Village, Illinois: American Academy of Pediatrics; 2009: 828.
Provencio-Vasquez E. Rivisitazione della circoncisione. Rivista per specialisti in infermieristica pediatrica. 2009; 14: 295.
Brown-Trask B, et al. Cura della circoncisione. RN. 2009; 72: 22.
Dichiarazione sulla politica di circoncisione. Politica dell’American Academy of Pediatrics. http://aappolicy.aappublications.org. Consultato il 28 gennaio 2015.
Kigozi G, et al. L’effetto della circoncisione maschile sulla soddisfazione e sulla funzione sessuale, deriva da uno studio randomizzato di circoncisione maschile per la prevenzione del virus dell’immunodeficienza umana, Rakai, Uganda. BJU International. 2008; 101: 65.
Task Force sulla circoncisione. Circoncisione maschile Pediatria. 2012; 130: E756.

Link sponsorizzati

Lascia un commento