Osteotomia del ginocchio : procedura, rischi, benefici e recupero

Ultimo aggiornamento Settembre 26th, 2019 at 05:39 pm

L’osteotomia del ginocchio è una procedura chirurgica che può essere consigliata se si hanno danni da artrite in una sola zona del ginocchio. Nella osteotomia del ginocchio, un chirurgo rimuove o aggiunge un cuneo di osso sulla tibia o nel femore. Questo aiuta a spostare il peso del corpo al di fuori della parte danneggiata.

Link sponsorizzati

L’osteotomia del ginocchio è più comunemente eseguita su persone che possono essere considerate troppo giovani per la sostituzione totale del ginocchio. Protesi totali del ginocchio si usurano molto più rapidamente nelle persone di età inferiore ai 55 che nelle persone di età superiore ai 70 anni.

Molte persone che si sottopongono a osteotomia del ginocchio alla fine hanno comunque bisogno di una sostituzione totale del ginocchio di solito circa 10 – 15 anni dopo l’osteotomia.

Perché viene fatta?

La cartilagine consente alle estremità delle ossa in un ginocchio sano di passare agevolmente l’una contro l’altra. Nella osteoartrite, la cartilagine è danneggiata e portata via creando una superficie ruvida.

La parte inferiore del femore ha due “manopole” che si muovono contro la superficie della parte superiore della tibia. Se il danno colpisce una sola di queste manopole, può rendere il ginocchio irregolare facendolo piegare verso l’interno o verso l’esterno. La rimozione o l’aggiunta di un cuneo di osso nella tibia o femore adiacenti con l’articolazione del ginocchio può aiutare a raddrizzare questo problema spostando il peso verso la parte danneggiata del ginocchio.

esempio di osteotomia del ginocchio.jpg

Rischi

I rischi della osteotomia del ginocchio possono includere:

  • Infezione nell’osso o nei tessuti molli circostanti
  • Lesioni ai nervi o vasi sanguigni intorno al ginocchio

Come ci si prepara

Prima dell’intervento, il chirurgo richiederà che vengano effettuati esami a raggi X per determinare se una osteotomia è appropriata.

Poiché verrà somministrata l’anestesia, è necessario astenersi dal mangiare o bere prima della procedura.

Cosa ci si può aspettare

Una volta che è stata praticata l’anestesia, il chirurgo pratica un’incisione sopra l’area di osso che deve  essere ristrutturata. A seconda della gravità e della posizione del danno all’interno del ginocchio, l’intervento chirurgico può toccare la tibia o il femore. La forma più comune di osteotomia del ginocchio è generalmente fatta sulla tibia.

Nella più semplice osteotomia del ginocchio, il chirurgo rimuove un cuneo di osso. I bordi di taglio dei dell’osso vengono riuniti e fissati con metallo. Un’altra opzione è quella di tagliare la tibia e il femore, quindi inserire un cuneo di osso, che può essere preso dal bacino o da una banca dell’osso.

Dopo la procedura

A seconda della complessità dell’intervento e da quanto bene si recupera, si potrebbe rimanere in ospedale per una notte o due. Si avrà bisogno di usare le stampelle per circa due mesi in modo che l’osso possa guarire completamente. La riabilitazione può richiedere fino a sei mesi e comprende esercizi finalizzati a:

  • Rafforzare i muscoli della coscia (quadricipite)
  • Aumentare il range di movimento del ginocchio
  • Migliorare la guarigione
  • Di tanto in tanto un tutore viene utilizzato per fornire un sostegno aggiuntivo durante la guarigione.

Risultati

Nella maggior parte dei casi, l’osteotomia del ginocchio allevia il dolore da artrite e posticipa la necessità di una sostituzione totale del ginocchio da 10 a 15 anni.

Referenze
Osteotomia del ginocchio. American Academy of Orthopaedic Surgeons. https://orthoinfo.aaos.org/en/treatment/osteotomy-of-the-knee/
Martin GM, et al. Artroplastica totale del ginocchio. https://uptodate.com/contents/search
Brouwer RW, et al. Osteotomia per il trattamento dell’osteoartrosi del ginocchio. Database Cochrane di revisioni sistematiche. http://www.cochrane.org/CD004019/MUSKEL_osteotomy-for-treating-knee-osteoarthritis. 
Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Laureato in Medicina e Chirugia all'Università degli Studi di Milano, Spec. in Anatomia patologica - Patologie orali Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto al solo ed unico scopo informativo!

6
Lascia un commento

avatar
3 Comment threads
3 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
5 Comment authors
Dr. Roberto FerrariCorradoDr. Roberto MarinoGiovannaAntonella Recent comment authors
più nuovi più vecchi più votati
Antonella
Ospite
Antonella

Buonasera mio figlio è stato operato nel 2017 di osteotemia tibiale. Ha tolto i mezzi di sintesi a maggio 2018 ma continua ad avere dolore nonostante i raggi eseguiti dopo l’intervento è ancora a distanza di 4 gg. Non mostrino niente di anomalo. Sta facendo fisioterapia ma il dolore persiste cosa consigliate di fare?

Giovanna
Ospite
Giovanna

Ho subito una osteotomia 7 mesi fa e il mese scorso mi hanno rimosso i mezzi di sintesi per intolleranza che mi provocavano forti dolori. Dopo un mese dall’intervento i dolori sn quasi scomparsi ma ho il ginocchio ancora rigido e sn ancora con le stampelle
È normale? Dovrò fare terapia? E poi dopo 6 mesi dall osteotomia è possibile che fosse tutto calcificato?

Corrado
Ospite
Corrado

Buona sera sono stato operato circa 5 mesi fa di osteotomia ginocchio varo dx.ho appoggiato il piede dopo circa 45 giorni incominciando la fisioterapia. Dopo 30 sedute di fisioterapia ho lasciato come detto dal medico per la piscina e palestra ma ancora adesso ho dolori e problemi dopo una camminata. Domanda è tutto normale? Il dolore pian.piano svanira? Grazie per una risposta

Dr. Roberto Ferrari
Membro

Conti che per circa 30 gg non si deve appoggiare il piede, dopo 40-45gg, si puo’ passare a un carico a tolleranza in base al dolore percepito, ed entro i tre mesi circa, arrivare a un carico completo (riprendere completamente tutte le attivita). Queste sono mediamente le linee base, ma ovviamente ogni singolo caso deve essere valutato. Il fisioterapista ( figura importantissima) le potrà spiegare meglio questo concetto del carico. Per il resto, se ai controlli il suo medico ha riscontrato che tutto procede nella norma, direi che è sulla buona strada. Purtroppo è una problematica che conosco da molto… Leggi il resto »