Disturbo oppositivo provocatorio (ODD) : sintomi, cause, diagnosi e terapie

Ultimo aggiornamento 13 gennaio, 2018 at 03:39 pm

Anche i bambini più educati, a volte possono essere difficili da gestire ed impegnativi. Ma se il bambino o l’adolescente ha un modello persistente di capricci, sostenendo un comportamento aggressivo o distruttivo verso le autorità, può avere il disturbo oppositivo provocatorio (ODD).

Link sponsorizzati

I medici i consulenti, o gli esperti dello sviluppo infantile possono aiutare a gestire la situazione.

Il trattamento dell’ ODD coinvolge la terapia, la formazione per aiutare a costruire interazioni familiari positive, ed eventualmente farmaci per il trattamento di condizioni legate alla salute mentale.

Sintomi

Può essere difficile a volte riconoscere la differenza tra un bambino con una forte personalità emotiva e uno con disturbo oppositivo-provocatorio. È normale esibire un comportamento oppositivo, in determinate fasi dello sviluppo.

Segni di ODD generalmente iniziano prima degli 8 anni. A volte si può sviluppare in seguito, ma quasi sempre prima dell’adolescenza. Quando si sviluppa un comportamento strano, i segni tendono ad iniziare gradualmente e poi peggiorare nel corso di mesi o anni.

Il bambino può mostrare segni di ODD invece di un normale malumore se i comportamenti:

  • Sono persistenti
  • Sono durati almeno sei mesi
  • Sono chiaramente dannosi per l’ambiente familiare o la scuola

Di seguito sono riportati i comportamenti associati con il Disturbo oppositivo provocatorio:

  • Negatività
  • Comportamento di sfida verso i genitori
  • Disobbedienza
  • L’ostilità diretta verso le figure di autorità

Questi comportamenti potrebbero causare:

  • Scatti d’ira
  • Essere polemici con gli adulti
  • Rifiutarsi di soddisfare le richieste o le regole degli adulti
  • Infastidire gli altri deliberatamente
  • Incolpare gli altri per errori o cattivo comportamento
  • Essere permalosi
  • Provare rabbia e risentimento
  • Essere dispettosi o vendicativi
  • Agire in modo aggressivo verso i coetanei
  • Avere difficoltà a mantenere le amicizie
  • Avere problemi scolastici
  • Sentire la mancanza di autostima

odd1.png

Inoltre, il bambino non è in grado di vedere il suo comportamento come un problema. Invece, il bambino vede le richieste fatte verso di lui irragionevoli ed insensate.

Problemi di salute mentale correlati

Il disturbo oppositivo-provocatorio si presenta spesso insieme ad altri problemi di salute mentale o comportamentali, quali:

  • Attenzione ed iperattività (ADHD)
  • Ansia
  • Depressione

I sintomi di ODD possono essere difficili da distinguere rispetto ad altri problemi di salute mentale o comportamentali.

E’ importante diagnosticare e trattare eventuali co-malattie che si verificano perché possono creare o peggiorare l’irritabilità se non trattati. Inoltre, è importante identificare e trattare qualsiasi abuso di sostanze o dipendenza correlata. L’abuso di sostanze e dipendenza nei bambini può essere associata con irritabilità e cambiamenti di personalità abituale del bambino.

Cause

Non esiste nessuna causa nota per il disturbo oppositivo-provocatorio. Le cause possono essere una combinazione di fattori ereditari e ambientali, tra cui:

  • Naturale predisposizione
  • Limitazioni o ritardi nello sviluppo
  • Mancanza di controllo
  • Disciplina incoerente o troppo dura
  • Abusi o negligenza
  • Uno squilibrio di alcune sostanze chimiche del cervello, come la serotonina

Fattori di rischio

L’ODD è un problema complesso che coinvolge una varietà di influenze, circostanze e componenti genetiche. Non esiste un vero e proprio singolo fattore che causa il Disturbo oppositivo provocatorio.

Possibili fattori di rischio includono:

  • Essere trascurati
  • Una disciplina imposta dai genitori troppo dura
  • Mancanza di controllo
  • Mancanza di coinvolgimento dei genitori nelle attività del bambino
  • Avere i genitori con un matrimonio gravemente turbato
  • I genitori con una storia di ADHD, disturbo oppositivo-provocatorio o problemi di comportamento
  • I problemi finanziari della famiglia
  • Instabilità familiare, come avviene spesso con il divorzio

Cambiamenti stressanti che destabilizzano il bambino come un divorzio o altri problemi familiari, possono aumentare il rischio di comportamento dirompente.

Complicazioni

Molti bambini con disturbo oppositivo-provocatorio hanno altre condizioni curabili, come ad esempio:

  • Attenzione ed iperattività (ADHD)
  • Depressione
  • Ansia
  • Disturbi di apprendimento e di comunicazione

Se queste condizioni non vengono trattate, la gestione dell’ODD può essere molto difficile per i genitori, e frustrante per il bambino affetto. I bambini con disturbo oppositivo-provocatorio potrebbero avere problemi a scuola con gli insegnanti e fare molta fatica a crearsi nuove amicizie.

Il Disturbo oppositivo provocatorio può essere un precursore di più gravi problemi, quali disturbo della condotta, abuso di sostanze e la delinquenza.

Diagnosi

Per essere diagnosticati con disturbo oppositivo-provocatorio, un bambino deve soddisfare i criteri enunciati nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM). Questo manuale è pubblicato dalla American Psychiatric Association e viene utilizzato da molti operatori di salute mentale per diagnosticare le condizioni mentali.

Criteri per il disturbo oppositivo-provocatorio devono includere un modello di comportamento che dura almeno sei mesi e comprende almeno quattro dei seguenti elementi:

  • Perdere le staffe spesso
  • Litigare spesso con gli adulti
  • Opporsi sempre alle richieste degli adulti o alle loro regole
  • Irritare deliberatamente le persone
  • Accusare gli altri per i propri errori
  • Essere suscettibile o facilmente irritabile
  • Essere spesso arrabiato o risentito
  • Essere dispettoso e  vendicativo

Questi comportamenti devono essere presenti in modo continuativo e non sporadicamente.

Inoltre, per essere diagnosticati con disturbo oppositivo-provocatorio, il comportamento distruttivo di un bambino:

  • Deve causare problemi significativi al lavoro, a scuola o a casa
  • Non avere un altro problema di salute mentale, come la depressione o il disturbo bipolare
  • Non deve soddisfare i criteri diagnostici per disturbo della condotta o, se la persona interessata ha più di 18 anni, il disturbo antisociale di personalità
  • Può essere difficile per i medici escludere altre patologie mentali.

 

ODD21.jpgTrattamenti e cure

Trattare il disturbo oppositivo-provocatorio generalmente coinvolge diversi tipi di psicoterapia e di formazione per il bambino – così come il genitore. Il trattamento dura spesso parecchi mesi o più.

I capisaldi del trattamento per l’ODD solitamente includono:

  • Terapia individuale e familiare. La terapia individuale per il bambino può aiutarlo a imparare a gestire la rabbia ed esprimere i suoi sentimenti in modo più sano. La consulenza familiare può contribuire a migliorare la comunicazione e le relazioni.
  • Genitore-figlio terapia di interazione (PCIT). Come risultato di questa terapia, i genitori migliorano la qualità del rapporto genitore-figlio.
  • Terapia cognitiva. Questo tipo di terapia ha lo scopo di aiutare il bambino ad identificare e modificare il comportamento.
  • Formazione professionale. IL bambino potrebbe anche trarre beneficio dalla terapia che insegna ad interagire con i coetanei.
  • Formazione per i genitori. Questa formazione, può aiutare a sviluppare le abilità che permettono ad genitore di affrontare questo problema in modo positivo. In alcuni casi, il bambino può partecipare a questo tipo di formazione.

Come parte della formazione dei genitori, si può imparare a:

  • Evitare lotte di potere con i figli
  • Rimanere calmi e impassibili di fronte all’opposizione
  • Riconoscere e lodare i buoni comportamenti del bambino e le caratteristiche positive
  • Offrire scelte accettabili per il bambino, dando a lui un certo controllo
  • Stabilire un programma per la famiglia che comprenda  pasti specifici che saranno consumati a casa insieme, e attività specifiche da fare con il bambino

Anche se alcune tecniche possono sembrare semplici, imparare a usarle a fronte di un comportamento aggressivo non è facile, soprattutto se ci sono altri fattori di stress a casa. Imparare queste abilità richiederà pratica costante e pazienza.

Più importante del trattamento,è mostrare amore incondizionato e l’accettazione del bambino anche in situazioni difficili.

Referenze »

Disturbo oppositivo-provocatorio. In: Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM-IV-TR. 4a ed. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association, 2000. http://www.psychiatryonline.com. Consultato il 25 ottobre, 2011.
Nurcombe B. disturbo oppositivo provocatorio e disturbo della condotta. In: Ebert MH, et al, eds. Diagnosi e trattamento attuale: Psichiatria. 2nd ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2011. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=3290408. Consultato il 25 ottobre, 2011.
Dirompenti disturbi comportamentali. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. Consultato il 25 ottobre, 2011.
Hamilton SS. Disturbo oppositivo-provocatorio. Famiglia medico americano. 2008; 78:861.
I bambini con disturbo oppositivo-provocatorio. Accademia Americana di Psichiatria Infantile e dell’Adolescenza. http://www.aacap.org/cs/root/facts_for_families/children_with_oppositional_defiant_disorder~~V. Consultato il 25 ottobre, 2011.
H. Steiner parametro Practice per la valutazione e il trattamento di bambini e adolescenti con disturbo oppositivo-provocatorio. Journal of the American Academy of Child Adolescent Psychiatry e. 2007; 46:126.
Loeber R, et al. Prospettive sulla oppositivo provocatorio, disturbo della condotta e le caratteristiche psicopatiche. Journal of Child Psychology and Psychiatry. 2009; 50:133.

Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Il Dr. Roberto Marino laureato in Medicina e Chirugia, ha eseguito la revisione e gli aggiornamenti. di questo articolo. Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto su questo sito al solo ed unico scopo informativo!

Lascia un commento

avatar