Demenza frontotemporale : sintomi, cause, diagnosi e cure

Ultimo aggiornamento 18 gennaio, 2018 at 01:44 pm

La demenza frontotemporale (degenerazione lobare frontotemporale) è un termine generico per un gruppo eterogeneo di malattie rare che colpiscono soprattutto i lobi frontale e temporali del cervello, che sono le aree generalmente associate con personalità, comportamento e il linguaggio.

Link sponsorizzati

I segni e sintomi variano, a seconda della parte del cervello colpita. Alcune persone affette da demenza frontotemporale subiscono cambiamenti drammatici nella loro personalità e diventano socialmente inappropriati, impulsivi o emotivamente indifferenti, mentre altri perdono la capacità di utilizzare e comprendere il linguaggio.

La demenza frontotemporale è spesso mal diagnosticata come problema psichiatrico o morbo di Alzheimer. Ma la demenza frontotemporale tende a manifestarsi in età più giovane di quanto non faccia la malattia di Alzheimer.

Sintomi

Identificare con precisione quali patologie rientrano nella categoria della demenza frontotemporale presenta una sfida particolare per gli scienziati. I segni ed i sintomi possono variare notevolmente da un individuo all’altro. I ricercatori hanno identificato diversi cluster di sintomi che tendono a verificarsi insieme e sono dominanti in sottogruppi di persone con la malattia. Più di un cluster  possono essere evidenti nella stessa persona. I segni e sintomi di demenza frontotemporale progressivamente peggiorano con il tempo, quasi sempre nel corso degli anni.

Cambiamenti comportamentali

I più comuni segni e sintomi di demenza frontotemporale comportano cambiamenti estremi di comportamento e personalità. Questi includono:

  • Azioni sempre più inadeguate
  • Perdita di empatia e di altre abilità interpersonali
  • La mancanza di giudizio e di inibizione
  • Apatia
  • Ripetitivo comportamento compulsivo
  • Un calo dell’igiene personale
  • Cambiamenti nelle abitudini alimentari, prevalentemente mangiare troppo
  • La mancanza di consapevolezza di pensiero o di cambiamenti comportamentali
  • Problemi di linguaggio

Alcuni sottotipi di demenza frontotemporale sono caratterizzati dalla compromissione o perdita della parola e difficoltà linguistiche. Ad esempio, l’afasia progressiva primaria è caratterizzata da una crescente difficoltà nell’utilizzo e nella comprensione del linguaggio scritto e parlato. Le persone con un altro sottotipo, la demenza semantica, riescono a fare un discorso grammaticalmente corretto che non ha alcuna rilevanza per la conversazione o possono avere difficoltà a ricordare le parole per gli oggetti comuni.

lobi del carvello1.jpg

Disturbi del movimento

Rari sottotipi di demenza frontotemporale sono caratterizzati da problemi con il movimento, simili a quelli associati con la malattia di Parkinson o la sclerosi laterale amiotrofica (ALS).

Segni e sintomi possono includere:

  • Tremore
  • Rigidità
  • Spasmi muscolari
  • Scarso coordinamento
  • Difficoltà a deglutire
  • Debolezza muscolare

Cause

Una varietà di mutazioni in diversi geni sono stati collegati a specifici sottotipi di demenza fronto-temporale. Ma più della metà delle persone che sviluppano la demenza frontotemporale non hanno una storia familiare di demenza.

In alcuni casi di demenza frontotemporale, le parti interessate del cervello contengono organismi microscopici con proteine ​​anormali piene di strutture che si sviluppano all’interno delle cellule cerebrali. La demenza frontotemporale una volta era conosciuta come morbo di Pick, ma ora la terminologia è riservata per il sottotipo che è caratterizzato da queste strutture anomale.

Fattori di rischio

Il rischio di sviluppare demenza frontotemporale è maggiore se si dispone di una storia familiare di demenza. Non ci sono altri fattori di rischio noti.

Diagnosi

Nessun singolo test è in grado di identificare la demenza frontotemporale, per cui i medici cercano di individuare alcuni elementi caratteristici, escludendo altre possibili cause.

Gli esami del sangue

Per vedere se i sintomi sono causati da una condizione diversa, come ad esempio malattie epatiche o renali, il medico può prescrivere le analisi del sangue.

Test neuropsicologici

A volte i medici consigliano una valutazione più ampia di ragionamento e capacità di memoria. Questo tipo di test, che può richiedere diverse ore per essere completato, è particolarmente utile nel tentativo di distinguere tra i diversi tipi di demenza in una fase precoce.

Le scansioni del cervello

Osservando le immagini del cervello, i medici possono essere in grado di individuare eventuali anomalie visibili, come ad esempio la formazione di coaguli, sanguinamento o tumori  che possono causare segni e sintomi.

  • La risonanza magnetica (MRI). Una macchina per la risonanza magnetica utilizza le onde radio e un forte campo magnetico per produrre immagini dettagliate del cervello.
  • La tomografia computerizzata (TAC).
  • Tomografia a emissione di positroni (PET). Le scansioni PET utilizzano una piccola quantità di basse dosi di materiale radioattivo che viene iniettato in una vena per aiutare a visualizzare il metabolismo cerebrale, che può aiutare ad identificare anomalie.

demenza fronto-temporale21.jpg

Trattamenti e cure

Non c’è cura per la demenza frontotemporale e non c’è modo efficace per rallentare la sua progressione. Il trattamento si basa sulla gestione dei sintomi.

Farmaci

  • Antidepressivi. Alcuni tipi di antidepressivi, come il trazodone (Desyrel, Oleptro), possono ridurre i problemi comportamentali associati alla demenza frontotemporale. Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) sono stati efficaci in alcuni casi, anche se i risultati dello studio sono confusi.
  • Antipsicotici. Anche se i farmaci antipsicotici sono a volte utilizzati per combattere i problemi comportamentali della demenza frontotemporale, gli effetti collaterali possono includere un aumento del rischio di decesso nelle persone anziane.

Terapia

Le persone che incontrano difficoltà linguistiche possono beneficiare della logopedia, per imparare strategie alternative per la comunicazione.

Referenze »

AH Ropper, et al. Le malattie degenerative del sistema nervoso. In: AH Ropper, et al. Adams e Victor Principi di Neurologia. 9a ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2009. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=3639100&searchStr=frontotemporal+dementia. Consultato il 7 novembre, 2010.
RP Simon, et al. Disturbi della funzione cognitiva. In: RP Simon, et al. Clinica Neurologica. 7 ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2009. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=5145195&searchStr=frontotemporal+dementia. Consultato il 7 novembre, 2010.
Randall C. demenza frontotemporale: Caratteristiche cliniche e diagnosi. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 7 novembre, 2010.
NINDS demenza frontotemporale pagina di informazioni. Istituto nazionale dei disordini neurologici e colpo. http://www.ninds.nih.gov/disorders/picks/picks.htm. Consultato il 7 novembre, 2010.
Seelaar H, et al. Clinica, l’eterogeneità genetica e patologica della demenza frontotemporale: una revisione. Journal of Neurology, Neurosurgery and Psychiatry. In corso di stampa. Consultato il 7 novembre, 2010.
Kirshner HS. La demenza frontotemporale e la afasia progressiva primaria: un aggiornamento. Attuali Neurologia e Neuroscienze Reports. 2010; 10:504.
Uccello TD, et al. Demenza. In: Fauci AS, et al. Harrison Principi di Medicina Interna. 17a ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies. 2008. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=2904115&searchStr=frontotemporal+dementia. Consultato il 7 novembre, 2010.
Shadlen M, et al. Valutazione del deterioramento cognitivo e la demenza. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 7 novembre, 2010.
Neurologici test e procedure diagnostiche. Istituto nazionale dei disordini neurologici e colpo. http://www.ninds.nih.gov/disorders/misc/diagnostic_tests.htm. Consultato il 7 novembre, 2010.
Premere D, et al. Il trattamento di sintomi comportamentali correlati alla demenza. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 7 novembre, 2010.

Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Il Dr. Roberto Marino laureato in Medicina e Chirugia, ha eseguito la revisione e gli aggiornamenti. di questo articolo. Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto su questo sito al solo ed unico scopo informativo!

6
Lascia un commento

avatar
3 Comment threads
3 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
4 Comment authors
Dr. Roberto Marinomarianna giovinazzoivano conventoDr. Roberto Marinosilvana Recent comment authors
più nuovi più vecchi più votati
silvana
Ospite
silvana

Buonasera,papa’ da qualche mese ha avuti comportamenti insoliti,apatia,ma sopratutto ansia il non trovare riposo in nessuna azione.Tra I vari esami tra cui spet risonanza…..il neurologo ha diagnosticato una demenza fronto temporale dandogli una terapia madopar minias e un antipsicotico.La cura sembra non dare nessun risultato e ‘ sempre agitato ……possibile non.ci sia un farmaco che lo faccia stare piu sereno?Silvana

ivano convento
Ospite
ivano convento

Buona sera mi chiamo Convento Ivano,e sono di PD,a mio fratello che ha 47 anni hanno diagnosticato questa malattia rara,degenerazione frontotemporale,tramite una puntura spinale e tac speciale,attualmente ha questi sintomi scarsa igiene pers.comportamenti di nervosismo per le buche per le strade do,o quando si sbattono delle porte ora ha iniziato a pugnarsi il petto ,cosi’ senza perchè,ha qualche volta difficoltà nel deglutire e questa malattia gli è stata diagnosticata a natale2018,ora ha iniziato un percorso qui a MT di Calcutta a PD,speriamo bene ,ma è difficile,possibile che non ci siano cure adeguate per questa malattia?

marianna giovinazzo
Ospite
marianna giovinazzo

buongiorno dottore, mi chiamo Marianna Giovinazzo, da circa due anni mia mamma è in cura con dei farmaci per la demenza frontotemporale, sembra che però risponda meglio al farmaco serenase, noi ne diamo poche gocce da 3 a 5 al giorno ma non sempre, so che è un farmaco che da diversi sintomi e rischi per la salute. Comunque abbiamo notato che quando prende queste poche gocce lei risponde meglio alle domande, anzi fa anche qualche domanda è tranquilla e non ha più quei brutti tic che le coinvolgono il viso labbra e occhi. Non so più che cosa fare… Leggi il resto »