Osteomalacia : sintomi, cause, cure e prevenzione

Ultimo aggiornamento 8 febbraio, 2016 at 08:16 pm

Il termine osteomalacia si riferisce a un ammorbidimento delle ossa, spesso causato da una carenza di vitamina D. Nei bambini, questa condizione si chiama rachitismo. Ossa molli hanno più probabilità di assumere la classica forma ad arco e di fratturarsi.

Link sponsorizzati

L’osteomalacia non è l’osteoporosi, un altro disturbo osseo che può anche portare a fratture ossee. L’osteomalacia è il risultato di un difetto nel processo di costruzione delle ossa, mentre l’osteoporosi si sviluppa a causa di un indebolimento delle ossa precedentemente costruite.

La debolezza muscolare e dolori alle ossa sono il segno più importante di osteomalacia. Il trattamento per l’osteomalacia comporta il reintegro dei livelli di vitamina D e calcio, e il trattamento delle patologie di base che possono essere la causa del deficit.

Sintomi

Nelle fasi iniziali, si possono non avere sintomi, sebbene i segni di osteomalacia possa essere apparenti su radiografie o altri esami diagnostici. Come l’osteomalacia peggiora, possono verificarsi dolore alle ossa e debolezza muscolare.

Il dolore osseo

Il sordo dolore associato con l’osteomalacia più comunemente colpisce:

  • La parte Inferiore della colonna vertebrale
  • Bacino
  • Fianchi
  • Gambe
  • Costole

La debolezza muscolare

Può causare:

  • Diminuzione del tono muscolare
  • Debolezza nelle braccia e gambe
  • Ridotta capacità di deambulare
  • Una andatura ondeggiante

Osteomalacia1.jpg

Cause

Il corpo utilizza il calcio e fosfato per costruire ossa forti. L’osteomalacia può verificarsi se non si ha abbastanza di questi minerali nella dieta o se il corpo non li può assorbire correttamente.

Questi problemi possono essere causati da:

  • La carenza di vitamina D. La luce solare produce vitamina D nella pelle. Il corpo ha bisogno di vitamina D. L’osteomalacia può svilupparsi in persone che trascorrono poco tempo al sole, o vivono in aree dove ci sono brevi ore di luce solare o l’aria è inquinata.
  • Alcuni interventi chirurgici. La rimozione parziale o totale dello stomaco (gastrectomia) possono causare osteomalacia.
  • La malattia celiaca.
  • Malattie renali o del fegato. Problemi ai reni o al fegato possono interferire con la capacità di assorbire la vitamina D.
  • Farmaci. Alcuni farmaci come la fenitoina (Dilantin, Phenytek) e fenobarbital, possono causare osteomalacia.

Fattori di rischio

Il rischio di sviluppare osteomalacia è più alto nelle persone che hanno inadeguato apporto alimentare di vitamina D e poca esposizione alla luce solare, come gli anziani e coloro che sono in casa o in ospedale.

Complicazioni

Se si dispone di osteomalacia, è molto più probabile che si verifichino fratture ossee, in particolare nelle costole, colonna vertebrale e gambe.

Diagnosi

Al fine di individuare la causa di osteomalacia ed escludere altre malattie delle ossa, come l’osteoporosi, si può subire una o più delle seguenti prove:

  • Gli esami del sangue e delle urine. Nei casi di osteomalacia causata da carenza di vitamina D o dalla perdita di fosforo, livelli anormali di vitamina D,calcio e fosforo sono spesso rilevati.
  • Raggi -X. Lievi crepe nelle ossa sono visibili ai raggi X, denominate zone Looser, sono una caratteristica delle persone affette da osteomalacia.
  • Biopsia ossea. Anche se una biopsia ossea è molto precisa nel rilevare l’osteomalacia, non è spesso necessaria per fare la diagnosi.

osteomalacia 21.jpgTrattamenti e cure

L’osteomalacia quando deriva da una carenza alimentare o di luce solare, il reintegro dei bassi livelli di vitamina D nel corpo di solito guarisce la condizione.

Generalmente, le persone con osteomalacia prendono supplementi di vitamina D per via orale per un periodo di diverse settimane a diversi mesi. Meno comunemente, la vitamina D è somministrata per iniezione o attraverso una vena.

Inoltre, trattando tutte le condizioni che interessano il metabolismo della vitamina D, come l’insufficienza renale o cirrosi biliare primaria, spesso migliorano i segni e i sintomi di osteomalacia.

Prevenzione

L’osteomalacia causata da inadeguata esposizione al sole o da una dieta a basso contenuto di vitamina D spesso può essere prevenuta. Ecco alcuni suggerimenti per aiutare a ridurre il rischio di sviluppare l’osteomalacia:

  • Passare qualche minuto sotto il sole. Il sole è una fonte naturale di vitamina D. Anche se è importante limitare il tempo senza protezione al sole, brevi periodi di esposizione al sole diretto contribuiranno alla produzione di vitamina D. Chiedete al medico maggiori informazioni.
  • Mangiare cibi ad alto contenuto di vitamina D. Tra questi alimenti che sono naturalmente ricchi di vitamina D, troviamo il pesce grasso (salmone, sgombro, sardine) e i tuorli d’uovo. E’ anche utile mangiare alimenti che sono fortificati con vitamina D, come cereali, pane, latte e yogurt.
  • Assumere integratori, se necessario e solo dopo aver consultato il medico.

Referenze »

Bhan A, et al. Osteomalacia a causa di carenza di vitamina D. Cliniche metabolismo endocrinologia del Nord America. 2010; 39:321.
Rachitismo. In: Ferri FF. Advisor Clinica Ferri 2011: Diagnosi e trattamento immediato. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier; Accede 1 Aprile 2011.
Rachitismo e osteomalacia. In: Kronenberg HM, et al. Williams Textbook of Endocrinology. 11 ° ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2008. http://www.mdconsult.com/das/book/body/191205553-3/0/1555/0.html #. Accede 1 Aprile 2011.
Menkes CJ. Diagnosi e trattamento di osteomalacia. http://www.uptodate.com/home/index.html. Accede 1 Aprile 2011.
Rachitismo e ipervitaminosi D. In: RM Kliegman. Nelson Textbook of Pediatrics. 18 ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2007. http://www.mdconsult.com/das/book/body/208746819-6/0/1608/0.html. NGC. http://www.guideline.gov/content.aspx?id=13540. Accede 1 Aprile 2011.
Binkley N, et al. Bassi di vitamina D: Definizione, prevalenza, le conseguenze, e la correzione. Cliniche metabolismo endocrinologia del Nord America. 2010; 39:287.
Menkes CJ. Le manifestazioni cliniche ed eziologia di osteomalacia. http://www.uptodate.com/home/index.html. Accede 1 Aprile 2011.
Chang-Miller A (opinione di esperti). Mayo Clinic, Rochester, Minnesota 4 APRILE 2011.

 

Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Il Dr. Roberto Marino laureato in Medicina e Chirugia, ha eseguito la revisione e gli aggiornamenti. di questo articolo. Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto su questo sito al solo ed unico scopo informativo!

Lascia un commento

avatar