Cheratosi pilare : sintomi, cause, diagnosi e trattamenti

Ultimo aggiornamento Novembre 12th, 2018 at 10:25 pm

La cheratosi pilare è una condizione comune della pelle che provoca macchie ruvide e piccole, tipo acne, di solito sulle cosce braccia e glutei. La cheratosi pilare si presenta con bozzi che sono generalmente bianchi, a volte rossi, e in generale non fanno male ne prudono. La cheratosi pilare può essere frustrante, perché è difficile da trattare. Alcuni farmaci e la cura della pelle, possono migliorarne l’aspetto.

Link sponsorizzati

Anche se esteticamente non è gradevole, la cheratosi pilare non è grave e non ha implicazioni a lungo termine sulla salute. In realtà, anche se alcuni casi possono persistere, la cheratosi pilare sparisce di solito dopo i 30 anni.

Sintomi

Segni e sintomi di cheratosi pilare includono:

  • Piccole screscenze tipo acne
  • Pelle secca
  • Bozzi sulla pelle indolore
  • In alcuni casi, prurito

La cheratosi pilare di solito appare sulla parte superiore delle braccia, gambe o glutei, ma può anche comparire sul viso. Le piccole dimensioni dei bozzi e la sua associazione con la pelle secca e screpolata la rende facilmente distinguibile dall’acne pustolosa. A differenza di altre parti del corpo, la cheratosi pilare sul viso può lasciare piccole cicatrici.

Anche se abbastanza comune  nei bambini, la cheratosi pilare può verificarsi a qualsiasi età. Può migliorare, in particolare durante i mesi estivi, e peggiorare in seguito. Gradualmente, la cheratosi pilare di solito si risolve da sola.

cheratosi pilare1.jpg

Cause

La cheratosi pilare è il risultato di un problema con la cheratina, una proteina dura che protegge la pelle dalle sostanze nocive e dalle infezioni. La cheratina forma un tappo che blocca l’apertura del follicolo pilifero. Questo causa pelle ruvida e irregolare.

Perché in alcuni soggetti si accumula la cheratina è sconosciuto. Ma può verificarsi in associazione con malattie genetiche o con altre malattie della pelle, come ittiosi volgare o dermatite atopica. La cheratosi pilare si verifica anche in persone sane.

Diagnosi

Non esiste un test di laboratorio o un test cutaneo per diagnosticare la cheratosi pilare. Di solito diagnosticata sulla base di un esame della pelle e una revisione della  storia clinica.

Trattamenti

Nessun trattamento migliora universalmente la cheratosi pilare. La maggior parte delle opzioni, tra cui la cura di sé e creme medicati, si concentrano sull’ammorbidire i depositi di cheratina nella pelle.

Il trattamento della cheratosi pilare può includere i seguenti farmaci:

  • Esfolianti. Creme contenenti alfa-idrossiacidi, acido lattico o salicilico e urea possono idratare e ammorbidire la pelle secca aiutando a rimuovere le cellule in eccesso della pelle. A seconda della loro forza, alcune creme sono disponibili senza una prescrizione medica. Il dermatologo può consigliare la soluzione migliore a seconda della pelle. Gli acidi in queste creme possono causare irritazione arrossamento e bruciore,  quindi non sono consigliate per i bambini.
  • Corticosteroidi topici. Questi farmaci anti-infiammatori aiutano il ricambio delle cellule. Pomate di corticosteroidi, come l’idrocortisone o prodotti derivati, di solito sono raccomandate per le aree sensibili come il viso e per il trattamento delle zone diffuse. I medici di solito prescrivono corticosteroidi per un trattamento a breve termine o per il sollievo temporaneo dei sintomi.
  • Retinoidi topici. I retinoidi possono essere un trattamento efficace, ma possono causare irritazioni cutanee fastidiose, come secchezza severa, arrossamento e desquamazione.

Utilizzare un farmaco regolarmente può migliorare l’aspetto della pelle. Ma se ci si ferma, la condizione ritorna. Anche con un trattamento medico, la cheratosi pilare tende a persistere per anni.

keratosi pilare21.jpg

Misure di automedicazione

Queste misure non curano la cheratosi pilare, ma possono contribuire a migliorare l’aspetto della pelle.

  • Non strofinare la pelle. Un lavaggio vigoroso può irritare la pelle e aggravare la condizione.
  • Asciugare delicatamente la pelle. Dopo il lavaggio o il bagno, tamponare delicatamente la pelle con un asciugamano in modo che una certa percentuale di umidità rimanga sulla pelle.
  • Utilizzare una lozione idratante o una crema lubrificante. Mentre la pelle è ancora umida dopo un bagno, applicare una crema idratante che contiene urea o glicole propilenico, sostanze chimiche che ammorbidiscono la pelle secca e ruvida.
  • Acido lattico. Applicare un prodotto che contenga acido lattico due volte al giorno. L’acido lattico aiuta a rimuovere la cheratina in eccesso dalla superficie della pelle.
  • Utilizzare un umidificatore. Un umidificatore portatile a casa aggiunge umidità dell’aria all’interno della casa.
[spoiler show=”Referenze”]Cheratosi pilare. American Osteopathic College of Dermatology. http://www.aocd.org/skin/dermatologic_diseases/keratosis_pilaris.html. Consultato il 4 novembre 2015.
Cheratosi pilaris. Versione professionale manuale di Merck. http://www.merckmanuals.com/professional/print/dermatologic_disorders/cornification_disorders/keratosis_pilaris.html. Consultato il 4 novembre 2015.
I 10 migliori consigli dei dermatologi per alleviare la pelle secca. American Academy of Dermatology. https://www.aad.org/dermatology-a-to-z/health-and-beauty/general-skin-care/dry-skin-tips. Consultato il 4 novembre 2015.[/spoiler]
Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Laureato in Medicina e Chirugia all'Università degli Studi di Milano, Spec. in Anatomia patologica - Patologie orali Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto al solo ed unico scopo informativo!

Lascia un commento

avatar