Artroscopia : procedura, preparazione, diagnostica e chirurgia

Ultimo aggiornamento Novembre 13th, 2018 at 08:39 pm

L’artroscopia è una procedura per diagnosticare e trattare problemi articolari. Durante l’artroscopia, un chirurgo inserisce un tubo sottile che contiene una fibra ottica attraverso una piccola incisione. Le immagini poi vengono trasmesse ad un monitor.

Link sponsorizzati

L’artroscopia permette al chirurgo di vedere all’interno, senza dover fare una grande incisione. I chirurghi possono anche riparare alcuni tipi di danni articolari durante l’artroscopia, con strumenti chirurgici inseriti attraverso piccole incisioni aggiuntive.

Perché viene fatta?

I medici usano l’artroscopia per diagnosticare e trattare una varietà di condizioni comuni, più comunemente quelle che riguardano:

  • Ginocchio
  • Spalla
  • Gomito
  • Caviglia
  • Anca
  • Polso

Procedure diagnostiche

I medici si rivolgono spesso all’artroscopia se i raggi X hanno lasciato alcuni dubbi diagnostici.

Procedure chirurgiche

Condizioni trattate con l’artroscopia sono:

  • Speroni ossei o frammenti ossei allentati
  • Cartilagine danneggiata o strappata
  • Infiammazioni
  • Infezioni articolari
  • Legamenti e tendini strappati
  • Cicatrici o crescita eccessiva di tessuto all’interno delle articolazioni

a0000001.jpg

Rischi

Complicazioni, anche se rare, possono includere:

  • Danni ai tessuti. Il posizionamento e il movimento degli strumenti all’interno dell’articolazione può danneggiare le strutture dell’articolazione, i vasi sanguigni o nervi.
  • Coaguli di sangue. Procedure che durano più a lungo di un’ora possono aumentare il rischio di sviluppare coaguli di sangue nelle gambe.
  • Infezione. Qualsiasi tipo di intervento chirurgico invasivo comporta un rischio di infezione.

Come ci si prepara

La preparazione varia a seconda di quali  articolazioni devono essere esaminate. In generale, è necessario:

  • Evitare alcuni farmaci. Il medico può decidere di evitare di assumere farmaci o integratori alimentari che possono aumentare il rischio di emorragie.
  • Digiuno. A seconda del tipo di anestesia, il medico può decidere di far smettere di mangiare la sera prima della procedura.
  • Organizzarsi. Non sarà permesso guidare dopo la procedura, assicurarsi di essere accompagnati.
  • Scegliete abiti larghi. indossare abiti larghi e comodi.

Che cosa ci si può aspettare

Sebbene l’esperienza vari a seconda del motivo per cui viene eseguita la procedura, alcuni aspetti sono abbastanza standard.

Un infermiere posizionerà un catetere endovenoso per iniettare un blando sedativo.

Durante la procedura

Il tipo di anestesia utilizzata varia a seconda della procedura.

  • L’anestesia locale. Viene iniettata sotto la pelle per bloccare la sensazione in una zona limitata, come il ginocchio. Con l’anestesia locale, si rimane svegli durante l’artroscopia, e al massimo si può sentira una sensazone di pressione o movimento all’interno dell’articolazione.
  • Anestesia regionale. La forma più comune di anestesia regionale è fornita attraverso un piccolo tubo posto tra due vertebre della colonna vertebrale . Questo intorpidisce la metà inferiore del corpo.
  • L’anestesia generale. L’anestesia generale viene effettuata per via endovenosa.

Questo tipo di anestesia è stato spiegato accuratamente  in questo articolo

a0001.jpg

Dopo la procedura

La chirurgia artroscopica di solito prende da 30 minuti a due ore, a seconda della procedura eseguita. Dopo di che, si viene portati in una stanza separata per il recupero un paio d’ore prima di andare a casa.

Le cure post operazione possono includere:

  • Farmaci. Il medico può prescrivere antibiotici per prevenire l’infezione, così come farmaco per alleviare il dolore e l’infiammazione.
  • Avrete bisogno di riposo, ghiaccio, compressione ed elevazione dell’arto per diversi giorni per ridurre il gonfiore e il dolore.
  • Protezione. Potrebbe essere necessario utilizzare temporaneamente stecche, imbracature o stampelle per il comfort e la protezione.
  • Esercizi. Il medico può prescrivere una terapia fisica e riabilitativa per contribuire a rafforzare i muscoli e migliorare la funzione dell’arto.

Chiamare il medico se si sviluppano:

  • Una temperatura di 38 gradi o superiore
  • Il dolore non migliora coi farmaci
  • Drena liquido dalle ferite
  • Si presenta rossore o gonfiore
  • Intorpidimento o formicolio

In generale, si dovrebbe essere in grado di riprendere il lavoro in una settimana, e le attività più faticose in circa quattro settimane. Ricordare sempre però, che la situazione potrebbe richiedere un periodo di recupero più lungo.

Risultati

Il chirurgo passerà in rassegna i risultati della artroscopia il più presto possibile. È inoltre possibile ricevere una relazione scritta, per il medico di base.

Dopo l’intervento chirurgico in artroscopia, la guarigione può richiedere diverse settimane. Il chirurgo può monitorare i progressi e risolvere eventuali problemi che si presentano.

[spoiler show=”Referenze”]Che cosa è l’artroscopia? American Academy of Orthopaedic Surgeons. http://www.orthoinfo.aaos.org/topic.cfm?topic=A00109.
Domande frequenti sulle infezioni del sito chirurgico. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. https://www.cdc.gov/hai/ssi/faq_ssi.html[/spoiler]
Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Laureato in Medicina e Chirugia all'Università degli Studi di Milano, Spec. in Anatomia patologica - Patologie orali Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto al solo ed unico scopo informativo!

Lascia un commento

avatar