La febbre Q: sintomi, cause, rischi, diagnosi e terapie

Ultimo aggiornamento 28 luglio, 2016 at 10:49 pm

La febbre Q è di solito una malattia lieve, con sintomi simil-influenzali. Molte persone non hanno alcun sintomo. Ma in una piccola percentuale di persone, l’infezione può riemergere anni dopo. Questa forma è la più letale della febbre Q, e può danneggiare il cuore, fegato, cervello e polmoni.

Link sponsorizzati

La febbre Q è trasmessa all’uomo dagli animali, per lo più pecore, capre e bovini. L’infezione avviene tramite inalazione di polvere contaminata o contatto con secrezioni biologiche di animali infetti. Esistono occupazioni ad alto rischio come gli allevatori, veterinari e persone che lavorano con le pecore nei laboratori di ricerca.

La forma lieve di febbre Q passa di solito entro un paio di settimane senza trattamento. Ma se la febbre Q è ricorrente potrebbe essere necessario assumere una combinazione di antibiotici per almeno 18 mesi.

Sintomi

Molte persone infettate dalla febbre Q non presentano sintomi. Se si hanno sintomi, possono includere:

  • Febbre alta, fino a 40,5 C
  • Forte mal di testa
  • Fatica
  • Tosse
  • Nausea

febbre Q

Cause

La febbre Q è causata da un tipo di batterio chiamato Coxiella burnetii, più comunemente riscontrato negli ovini, caprini e bovini. Può anche infettare gli animali domestici, come cani, gatti e conigli.

Questi animali trasmettono i batteri attraverso l’urina, feci, latte, placenta e  liquido amniotico. L’infezione è generalmente trasmessa agli esseri umani attraverso i polmoni, quando si inalano polveri contaminate da cortile.

Fattori di rischio

Alcuni fattori possono aumentare il rischio di essere infettati con i batteri della febbre Q, tra cui:

  • Alcuni lavori. A rischio sono le occupazioni di medicina veterinaria, lavorazione delle carni, allevamento e  ricerca sugli animali.
  • Posizione. semplicemente vivere vicino a un impianto di allevamento animale può mettere ad alto rischio di febbre Q, perché i batteri possono percorrere lunghe distanze trasporati nell’aria.

Rischi per la febbre Q cronica

Il rischio di sviluppare la forma più letale della febbre Q è maggiore nelle persone che hanno:

  • Valvole cardiache malfunzionanti
  • Anomalie dei vasi sanguigni
  • Un sistema immunitario indebolito

Complicazioni

Le recidive possono influenzare il  cuore, fegato, polmoni e cervello, dando luogo a complicazioni gravi, quali:

  • Endocardite. L’infiammazione della membrana che circonda il cuore, l’endocardite può danneggiare gravemente le valvole cardiache.
  • Problemi ai polmoni. Alcune persone che hanno la febbre Q sviluppano la polmonite.
  • Problemi di gravidanza. La febbre Q cronica aumenta il rischio di aborto spontaneo, basso peso alla nascita, parto prematuro e decesso del feto.
  • Danno epatico. Alcune persone che hanno la febbre Q sviluppano l’epatite.
  • Meningite. La febbre Q può anche causare la meningite, un’infiammazione della membrana che circonda il cervello e il midollo spinale.

febbre q

Diagnosi

Per la diagnosi di febbre Q, il medico eseguirà uno o più esami del sangue, insieme a ulteriori test specifici.

Prove di laboratorio

Il medico potrebbe voler controllare il sangue per verificare la presenza degli anticorpi contro l’antigene Coxiella burnetii o per cercare l’evidenza di danno epatico.

Radiografie

  • La radiografia del torace. La febbre Q può causare polmonite in alcune persone. Una radiografia del torace può essere usata per vedere se i polmoni hanno un aspetto sano.
  • L’ecocardiografia. Se si sospetta la febbre Q cronica il medico può richiedere un ecocardiogramma per controllare i problemi alle valvole cardiache.

Trattamenti

Il trattamento per la febbre Q dipende dalla gravità dei sintomi. I casi lievi o non sintomatici di febbre Q  spesso migliorano in circa due settimane senza trattamento.

Farmaci

Se si hanno sintomi più gravi, il medico prescriverà antibiotici. La gente che ha la febbre Q cronica di solito deve prendere una combinazione di antibiotici per almeno 18 mesi. Anche dopo il trattamento della febbre Q cronica, devono essere eseguiti test di controllo per anni.

Chirurgia

Se si dispone di endocardite da febbre Q, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico per sostituire le valvole cardiache danneggiate.

Referenze »

Longo DL, et al. In linea di Harrison. 18 ° ed. New York, NY: The McGraw-Hill; 2012. http://www.accessmedicine.com/resourceTOC.aspx?resourceID=4. Consultato il 12 maggio 2014.
Raoult D. Le manifestazioni cliniche e diagnosi di febbre Q. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 12 maggio 2014.
Raoult D. Trattamento e prevenzione della febbre Q. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 12 maggio 2014.
Febbre Q: sintomi, diagnosi e trattamento. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. http://www.cdc.gov/qfever/symptoms/index.html. Consultato il 15 maggio 2014.
Georgiev M, et al. Febbre Q nell’uomo e negli animali da allevamento in quattro paesi europei, il 1982 e il 2010. europeo di sorveglianza. 2013; 8: 1.
Febbre Q: Statistiche ed epidemiologia. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. http://www.cdc.gov/qfever/stats/index.html. Consultato il 15 maggio 2014.
Papadakis MA, ed., Et al. Current Medical Diagnosis & Treatment 2014. 53a ed. New York, NY: The McGraw-Hill; 2014. http://www.accessmedicine.com/resourceTOC.aspx?resourceID=1. Consultato il 12 maggio 2014.

 

Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Il Dr. Roberto Marino laureato in Medicina e Chirugia, ha eseguito la revisione e gli aggiornamenti. di questo articolo. Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto su questo sito al solo ed unico scopo informativo!

Lascia un commento

avatar