La gastrite: sintomi e cure

Ultimo aggiornamento 21 gennaio, 2018 at 10:14 am

Il termine Gastrite descrive un gruppo di condizioni con una cosa in comune: l’infiammazione del rivestimento dello stomaco. L’infiammazione  è spesso il risultato di una infezione con lo stesso batterio che causa la maggior parte delle ulcere allo stomaco. Tuttavia, altri fattori, come l’uso regolare di alcuni antidolorifici o un consumo elevato di alcolici , possono anche contribuire alla malattia.

Link sponsorizzati

La Gastrite puòverificarsi improvvisamente (gastrite acuta) oppure può avvenire lentamente nel tempo (gastrite cronica). In alcuni casi, la gastrite può portare a ulcere e ad un aumentato rischio di cancro allo stomaco. Per molte persone, tuttavia, la gastrite non è grave e migliora rapidamente con il trattamento.

Sintomi

I segni ed i sintomi della gastrite sono:

  • Bruciore o dolore allo stomaco che migliora o peggiora mangiando
  • Nausea
  • Vomito
  • Una sensazione di pienezza eccessiva dopo aver mangiato
  • La gastrite non provoca sempre sintomi.

Quasi tutti hanno sperimentato una indigestione o l’irritazione dello stomaco. Nella maggior parte dei casi questi problemi sono di breve durata e non richiedono cure mediche. Ma se si verificano segni e sintomi di gastrite costantemente per una settimana o più, consultare il medico.

Cause

La gastrite di solito si sviluppa quando strato protettivo dello stomaco diventa debole o danneggiato. Una barriera protegge la parete dello stomaco dagli acidi che aiutano a digerire il cibo. Le carenze della barriera permettono che gli acidi gastrici infiammino le pareti dello stomaco. Un certo numero di malattie e condizioni possono rendere lo stomaco vulnerabile  e aumentare il rischio di gastrite.

La gastrite può manifestarsi improvvisamente o svilupparsi nel corso di settimane e mesi:

  • La gastrite acuta è l’infiammazione allo stomaco che si sviluppa rapidamente e dura per un breve periodo di tempo.
  • La gastrite cronica si sviluppa gradualmente e può durare per un lungo periodo di tempo.

Fattori di rischio

I fattori che aumentano il rischio di gastrite sono:

  • L’infezione batterica. persone con infezione da Helicobacter pylori possono avere la gastrite e più comunemente cronica.
  • L’uso regolare di analgesici. analgesici comuni, come l’aspirina, ibuprofene  e naproxene (Aleve, Anaprox), possono causare sia gastrite acuta che gastrite cronica.
  • Età  avanzata. Gli anziani hanno un aumentato rischio di gastrite in quanto il rivestimento dello stomaco tende ad assottigliarsi con l’età .
  • L’uso eccessivo di alcol. L’alcol può irritare e corrodere il  rivestimento dello stomaco.
  • Stress. Uno stress grave a causa di interventi di chirurgia maggiore, lesioni, ustioni o gravi infezioni può causare gastrite acuta.
  • Malattia da reflusso. Già discussa ampiamente in questo sito.
  • La malattia di Hashimoto e diabete di tipo 1. Una gastrite autoimmune può anche essere associata con un forte deficit di vitamina B-12
  • Altre malattie e condizioni . La gastrite può essere associata ad altre condizioni mediche, compresa l’AIDS, malattia di Crohn e le infezioni parassitarie.

Complicazioni

Se non trattata, può portare a  ulcere allo stomaco e sanguinamento dello stomaco. Alcune forme di gastrite cronica possono aumentare il rischio di cancro allo stomaco.

Diagnosi

  • I test per H. pylori. Il medico può raccomandare test per determinare se il batterio H. pylori è presente nel  corpo.
  • Endoscopia digestiva. Durante l’endoscopia, il medico passa un tubo  dotato di una lente (endoscopio), giù per la gola e nell’esofago, per poi passare nello stomaco e nell’intestino tenue.
  • Raggi X con solfato di bario. Oggi usato molto poco.

Trattamenti

Il trattamento della gastrite dipende dalla causa specifica. Una gastrite acuta causata da FANS o alcol può essere fermata interrompendo tali sostanze. La gastrite cronica causata da infezione da H. pylori è trattata tentando di eradicare il batterio. La maggior parte dei piani di trattamento della gastrite incorporano anche i farmaci contro l’acidità di stomaco, al fine di ridurre i segni ed i sintomi.

Farmaci usati per curare la gastrite sono:

  • Farmaci antibiotici per eliminare l’H. pylori.
  • I farmaci inibitori della pompa protonica . Omeprazolo , lansoprazolo , rabeprazolo , Esomeprazolo , dexlansoprazole  e pantoprazolo. L’uso a lungo termine degli inibitori della pompa protonica, specialmente ad alti dosaggi, può aumentare il rischio di rottura dell’anca, del polso e di fratture della colonna vertebrale.
  • Farmaci per ridurre la produzione di acido. Ranitidina , famotidina , cimetidina  e nizatidina .
  • Gli antiacidi che neutralizzano l’acidità di stomaco. Il medico può includere un antiacido nel regime farmacologico.

 

Referenze »

Gastrite. Istituto Nazionale di Diabete e Malattie Digestive e Renali. https://www.niddk.nih.gov/health-information/health-topics/digestive-diseases/gastritis/Pages/facts.aspx. Consultato il 14 novembre 2016.
Ferri FF. Gastrite. In: Ferri’s Clinical Advisor 2017. Philadelphia, Pa .: Elsevier; 2017. https://www.clinicalkey.com. Consultato il 14 novembre 2016.
Jensen PJ, et al. Gastrite acuta e cronica a causa di Helicobacter pylori. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 14 novembre 2016.
Linea guida American College of Gastroenterology sulla gestione dell’infezione da Helicobacter pylori. Bethesda, Md .: American College of Gastroenterology. http://gi.org/guideline/management-of-helicobacter-pylori-infection. Consultato il 14 novembre 2016.
Nordenstedt H, et al. Gastrite da Helicobacter pylori-negativo: prevalenza e fattori di rischio. American Journal of Gastroenterology. 2013; 108: 65.
Feldman M, et al. Classificazione e diagnosi di gastrite e gastropatia. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 14 novembre 2016.

Link sponsorizzati

Dr. Roberto Marino

Il Dr. Roberto Marino laureato in Medicina e Chirugia, ha eseguito la revisione e gli aggiornamenti. di questo articolo. Si ricorda che le informazioni contenute in questo sito non devono mai sostituire il rapporto con il proprio medico, si raccomanda di chiedere sempre al medico o allo specialista, e di utilizzare quanto letto su questo sito al solo ed unico scopo informativo!

Lascia un commento

avatar