Indigestione: cosa la causa?


Quando parliamo di indigestione ci riferiamo ad un termine generico che descrive il disagio nell’addome superiore. L’Indigestione non è una malattia, ma piuttosto un insieme di sintomi che si verificano, tra cui gonfiore, eruttazione e nausea. Anche se l’indigestione è comune, i sintomi e i disagi provati potrebbero cambiare da persona a persona.. I sintomi di indigestione potrebbe essere sentiti occasionalmente o con  frequenza giornaliera.

Link sponsorizzati

Fortunatamente, si è essere in grado di prevenire o curare i sintomi di un’indigestione

Sintomi

La maggior parte delle persone con indigestione presenta uno o più dei seguenti sintomi:

  • Precoce sensazione di pienezza durante un pasto. Sentirsi già pieni e non può essere in grado di finire di mangiare.
  • Pienezza scomoda dopo un pasto. Un senso di pienezza che disturba o non è registrato come normale dal paziente.
  • Dolore nella parte superiore dell’addome. Un dolore da lieve a grave nella zona tra la parte inferiore dello sterno  e l’ombelico.
  • Bruciore nella parte superiore dell’addome. Si sente un calore avvertito come un disagio o sensazione di bruciore tra la parte inferiore dello sterno e l’ombelico.

indigestione.jpg

Esistono poi sintomi meno frequenti tra cui:

  • Nausea.
  • Gonfiore.

A volte le persone con  indigestione provano un forte o lieve bruciore di stomaco,  ma l’indigestione e il bruciore sono due condizioni distinte. Il bruciore di stomaco è un dolore o bruciore al centro del petto che si può irradiare al collo o alla schiena dopo aver mangiato.

Una lieve indigestione di solito non è nulla di cui preoccuparsi. Consultare il medico se il disturbo persiste per più di due settimane. Contattare immediatamente il medico se il dolore è grave o accompagnato da:

  • Perdita di peso o perdita di appetito
  • Vomito
  • Ittero, o colorazione gialla della pelle e degli occhi

Contattare immediatamente il 118 o il medico se :

  • Manca il respiro, c’è sudorazione, dolore al petto irradiato al collo, mandibola o al braccio

Cause

Ci sono molte possibili cause di indigestione. Alcune sono legati allo stile di vita e a ciò che si mangia o beve. Una indigestione può essere causata anche da altre condizioni digestive.

Le cause più comuni sono:

  • Eccesso di cibo
  • Mangiare troppo in fretta
  • Cibi grassi
  • Cibi piccanti
  • Troppa caffeina
  • troppo alcool
  • troppa cioccolata
  • Troppe bevande gassate
  • Fumo
  • Nervosismo
  • Trauma emotivo
  • Farmaci, compresi gli antibiotici, l’aspirina e farmaci antinfiammatori non-steroidei
  • Infiammazione dello stomaco detta gastrite
  • Infiammazione del pancreas detta pancreatite
  • Ulcere peptiche
  • Calcoli biliari
  • Cancro dello stomaco

Quando una causa dell’indigestione non può essere trovata dopo una valutazione approfondita, una persona può avere dispepsia funzionale. La dispepsia funzionale è un tipo di indigestione, che può compromettere la capacità dello stomaco di accettare e digerire il cibo .

Complicazioni

Anche se l’indigestione di solito non causa gravi complicazioni, può influenzare la qualità della vita, facendo sentire a disagio .

Diagnosi

Per studiare i segni e sintomi di una indigestione, il medico probabilmente effettuerà una accurata anamnesi e un esame fisico. Per escludere altre condizioni che possono causare indigestione, il medico potrebbe prescrivere esami, tra cui:

  • Raggi X dell’esofago, stomaco e intestino tenue. Questo esame utilizza i raggi X per mostrare immagini della parte interna del  corpo.
  • Test del respiro con esame delle feci e del sangue. Questi consentono di determinare se l’ulcera peptica è la causa dei sintomi.
  • Endoscopia gastrointestinale superiore. La classica gastroscopia
  • Ecografia addominale. Molto utile per verificare anomalie interne
  • TAC addominale.

Trattamenti

Se le modifiche dello stile di vita , non aiutano si può far ricorso a farmaci . La maggior parte di questi farmaci è  progettato per ridurre l’acidità di stomaco o per aiutare lo svuotamento gastrico.

Tipi di farmaci :

  • Antiacidi. Alka-Seltzer, Maalox, Mylanta, Rolaids, Riopan e altri sono disponibili per neutralizzare l’acidità dello stomaco.
  • H2-antagonisti. Questi comprendono Axid, Tagamet, Pepcid e Zantac. Essi riducono l’acidità di stomaco ma non velocemente come gli antiacidi.
  • Inibitori della pompa protonica (PPI). Aciphex, Nexium, Prevacid, Prilosec, Protonix e Zegerid sono più efficaci per le persone che hanno anche malattia da reflusso gastroesofageo . Questi farmaci riducono l’acidità dello stomaco .
  • Procinetici. farmaci come Reglan possono essere utili se lo stomaco si svuota lentamente.
  • Gli antibiotici. Se i batteri  causano l’ulcera peptica (Helicobacter pylori) , il medico può prescrivere un antibiotico.

Se una valutazione approfondita non rivela una causa per i sintomi e le terapie convenzionali sopra non funzionano, il medico può consigliare un farmaco antidepressivo. Questi farmaci di prescrizione possono migliorare il disagio da indigestione diminuendo la  sensazione di dolore.

Link sponsorizzati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *