Esofagite : sintomi, cause, diagnosi e cure


Il termine esofagite si riferisce all’infiammazione che può interessare i tessuti dell’esofago, ovvero il l’organo a forma cilindrica  che trasporta il cibo dalla bocca allo stomaco. Un paziente affetto da esofagite, può accusare dolore, difficoltà nella deglutizione e dolore toracico. Tra le cause di esofagite possiamo ricordare l’eccesso di acidi dello stomaco che rientrano  in esofago, infezioni, farmaci per via orale e alcuni tipi di allergie.

Link sponsorizzati

I vari trattamenti per l’esofagite dipendono dalla causa dalla gravità del danno arrecato all’esofago. Se non viene trattata, l’esofagite può danneggiare il rivestimento dell’esofago, e quindi interferire con la funzione dell’organo e portare a complicazioni come stenosi, difficoltà di deglutizione e cicatrici.

Sintomi

Segni e sintomi di esofagite più comuni includono:

  • Disfagia (difficoltà nella deglutizione)
  • Odinofagia (deglutizione dolorosa)
  • Dolore toracico, soprattutto dietro lo sterno, che si verifica con l’introduzione del cibo
  • Cibo che si blocca in esofago
  • Bruciore di stomaco
  • Reflusso acido

Nei bambini e neonati segni di esofagite possono includere:

  • Difficoltà ad alimentarsi
  • Problemi nella crescita

La maggior parte dei segni e sintomi di esofagite possono essere causati da una serie di diverse condizioni che colpiscono il sistema digestivo.

E’ importante recarsi in ospedale se:

  • Il dolore al petto che dura più di un paio di minuti
  • Si sospetta di aver il cibo incastrato in esofago
  • Si hanno patologie cardiache

Cause

L’esofagite viene classificata in base alle condizioni che provoca. In alcuni casi, le cause di esofagite possono essere più di una.

Reflusso gastroesofageo

Lo sfintere esofageo inferiore  mantiene l’ acido dello stomaco fuori dell’esofago. Se lo sfintere esofageo si apre quando non dovrebbe o peggio ancora, non si chiude correttamente, il contenuto dello stomaco può risalire in esofago. La malattia da reflusso gastroesofageo (GERD) è una condizione in cui il riflusso acido diventa cronico. Una complicazione di questa condizione è appunto l’infiammazione dei tessuti in maniera cronica che produce danni nell’esofago.


Esofagite eosinofila

Il termine eosinofili  si riferisce ai globuli bianchi, che svolgono un ruolo chiave nelle reazioni allergiche. Nel caso di esofagite eosinofila si verifica con una elevata concentrazione di questo tipo di globuli bianchi del sangue in esofago, probabilmente in risposta ad un allergene o reflusso acido, in molti casi ad entrambi.

I pazienti che presentano questo tipo di esofagite sono spesso allergici ad uno o più alimenti. Alcuni alimenti che sono stati correlati all’esofagite eosinofila sono il latte, le uova, il grano, soia, arachidi, fagioli, segale e carne di manzo. Tuttavia, i test allergologici  non identificano in modo affidabile la correlazione tra questi alimenti ed esofagite.

Le persone con esofagite eosinofila possono avere altri tipi di allergie non di tipo alimentare. Ad esempio, posso essere allergici al polline, che puo’ in alcuni casi esserne la causa.

Esofagite da farmaci

Alcuni farmaci orali possono causare danni al rivestimento dell’esofago se vi rimangono a contatto per troppo tempo. Per citare un esempio, se si inghiotte una pillola con poca o senza acqua, la stessa pillola o residui dalla pillola possono rimanere nell’esofago.

I farmaci più comunemente collegati alla esofagite includono:

  • Antidolorifici, ad esempio, l’aspirina, ibuprofene e naprossene sodico
  • Antibiotici, tipo la tetraciclina e doxiciclina
  • Cloruro di potassio
  • Bifosfonati, utilizzati per il trattamento di ossa deboli e fragili
  • Chinidina, utilizzata per problemi cardiaci

Esofagite infettiva

Vari tipi di infezione tra cui quella batterica, virale o fungina nei tessuti dell’esofago possono causare esofagite. Tuttavia l’esofagite infettiva è relativamente rara e si verifica più spesso nelle persone con scarsa funzionalità del sistema immunitario.

La Candida albicans è  spesso causa  di esofagite infettiva. Queste infezioni sono spesso correlate a un debole sistema immunitario, diabete, cancro e l’uso di antibiotici.

Fattori di rischio

I fattori di rischio  variano a seconda delle  cause.

Reflusso esofageo

I fattori che aumentano il rischio della malattia da reflusso gastroesofageo sono fattori anche fatto di rischio per l’esofagite da reflusso e questi sono:

  • Mangiare prima di andare a letto
  • Eccesso di alcol, caffeina, cioccolato e menta
  • Pasti troppo grassi o troppo abbondanti

Un certo numero di alimenti possono aggravare i sintomi di GERD o di esofagite da reflusso:

  • Pomodoro
  • Agrumi
  • Caffeina
  • Alcol
  • Cibi piccanti
  • Aglio e cipolle
  • Cioccolato
  • Menta

Eosinofila

Fattori di rischio per l’esofagite eosinofila possono includere:

  • Storia medica di reazioni allergiche, tra cui rinite allergica, asma o dermatite atopica
  • Una componente familiare di esofagite eosinofila

Farmaco-indotta

I fattori che possono aumentare il rischio di esofagite indotte da farmaci sono generalmente correlati a problemi che impediscono il passaggio rapido dei farmaci nello stomaco.

Questi fattori includono:

  • Ingoiare farmaci con poca o senza acqua
  • Assumere farmaci da sdraiati
  • Assumere farmaci prima del sonno
  • Età avanzata, a causa di cambiamenti legati ai muscoli dell’esofago o alla diminuzione della produzione di saliva
  • Pillole di grandi dimensioni

Infettiva

Fattori di rischio per l’esofagite infettiva spesso si riferiscono ai farmaci, come gli steroidi e gli antibiotici. Le persone con diabete hanno un aumentato rischio di Candida.

Altre cause di esofagite infettiva possono riguardare una carenza della funzione del sistema immunitario. Ciò può essere dovuto ad altre patologie. Inoltre, alcuni trattamenti contro il cancro e immunosoppressori possono aumentare il rischio di esofagite infettiva.

Complicazioni

Se non trattata, l’esofagite può portare a cambiamenti nella struttura dell’esofago.

Possibili complicazioni includono:

  • Stenosi esofagea
  • Esofago di Barrett, con conseguente aumento del rischio di cancro esofageo

Diagnosi

Il gastroenterologo per formulare una diagnosi esegue in prima battuta un esame fisico, e poi uno o più esami diagnostici.

Questi  possono includere:

Raggi X con bario

Il paziente beve una soluzione contenente un composto chiamato bario o prendere una pillola rivestita di bario. Questo composto copre il rivestimento delle dell’esofago e dello stomaco e rende gli organi visibili. Queste immagini possono aiutare a identificare se è presente restringimento dell’esofago, un’ernia iatale, tumori o altre anomalie che potrebbero causare i sintomi.

Endoscopia

L’endoscopia digestiva e’ un esame effettuato tramite un piccolo tubo, con alla sua estremità una telecamera che viene fatto passare dall’esofago fino allo stomaco. Per approfondire meglio questo argomento consigliamo la lettura di questo articolo sulla procedura endoscopica.

Esami di laboratorio

Una biopsia durante un esame endoscopico può essere eseguita per effettuare poi esami sul campione prelevato.

Queste ulteriori indagini diagnostiche possono essere utilizzate per:

  • Diagnosticare una infezione batterica, virale o fungina
  • Determinare la concentrazione di globuli bianchi allergie legate (eosinofili)
  • Identificare le cellule anomale che potrebbero indicare il cancro esofageo o cambiamenti precancerosi

Trattamenti e cure

I trattamenti per l’esofagite si concentrano sul ridurre i sintomi, gestire le complicazioni e trattare cause alla base del disturbo. Le strategie del trattamento variano in base alla causa del disturbo.

Nel caso del trattamento per esofagite da reflusso questo può includere:

  • Trattamenti con antiacidi. Questi farmaci riducono la produzione di acido, sono chiamati bloccanti dei recettori H-2, come la cimetidina e ranitidina (Zantac); e farmaci che bloccano la produzione di acido, chiamati inibitori della pompa protonica, come lansoprazolo (Prevacid) e omeprazolo (Prilosec).
  • Farmaci da prescrizione. Questi includono farmaci come la famotidina, nizatidina  e ranitidina. Questi comprendono anche gli inibitori della pompa protonica, come esomeprazolo, lansoprazolo, omeprazolo, pantoprazolo, rabeprazolo e dexlansoprazolo.
  • Baclofen è un farmaco che può diminuire la frequenza dei rilassamenti dello sfintere esofageo inferiore e quindi diminuire gli episodi di reflusso gastroesofageo.
  • Chirurgia. La Fundoplicatio può essere utilizzata per migliorare la condizione dell’esofago se altri interventi non funzionano. Una porzione dello stomaco viene avvolto intorno alla valvola che separa l’esofago dallo stomaco. Questo rafforza lo sfintere e impedisce che l’acido possa rientrare nell’esofago.

Un altro metodo innovativo è il Linx, un nuovo dispositivo , con un anello di piccole perle di titanio magnetiche. Quando questo dispositivo è avvolto intorno alla giunzione dello stomaco e dell’esofago diventa utile per rafforzare lo sfintere esofageo inferiore. Questo dispositivo può essere impiantato con metodi di chirurgia mini-invasiva.

Cure per l’esofagite eosinofila

Il trattamento per l’esofagite eosinofila è in prima battuta evitare l’allergene e riducendo la reazione allergica con i farmaci.

I farmaci utilizzati possono includere:

  • Inibitori della pompa protonica. Il medico probabilmente prima prescrivere un inibitore della pompa protonica, come ad esempio Esomeprazolo (Nexium), lansoprazolo (Prevacid), omeprazolo (Prilosec, Zegerid), pantoprazolo (Protonix), rabeprazolo (Aciphex) o dexlansoprazolo (Dexilant).
  • Gli steroidi topici ingestione. Steroidi per inalazione agiscono localmente nelle vie aeree e vengono utilizzati per gestire l’asma. Alcuni studi hanno dimostrato che gli steroidi ingerito Può simile agire localmente in esofago e contribuire a trattare esofagite eosinofila.
  • Dieta ad eliminazione. L’eliminazione del cibo “sospetto” potrebbe essere una strategia di trattamento efficace.

Tuttavia, allo stato attuale non esiste un esame che possa confermare quale cibo sta provocando il problema

Cura dell’esofagite da farmaci

Il trattamento per l’esofagite indotta da farmaci è principalmente evitando il consumo dei farmaci problematici, quando possibile e riducendo il rischio migliorando la tecnica di assunzione delle pillole.

Il medico può quindi raccomandare:

  • Un farmaco alternativo che ha meno probabilità di causare esofagite
  • La versione liquida del farmaco, se disponibile
  • Bere un intero bicchiere di acqua con le pillole
  • Stare seduti o in piedi per almeno 30 minuti dopo l’assunzione di un farmaco orale

Esofagite infettiva

Il medico può prescrivere un farmaco per il trattamento di una infezione batterica, virale, fungina o parassitaria che causa esofagite infettiva.

Medicina alternativa

Non esistono terapie di medicina alternativa capaci di trattare l’esofagite. Tuttavia, alcune terapie possono dare qualche sollievo dai sintomi insieme alle cure tradizionali.  Consultare sempre il gastroenterologo prima di prova cure alternative, anche se vengono usate solo di supporto a quelle classiche

Referenze »

Sanguinamento nel tratto digestivo. National Institute of Diabetes e Digestiva e Malattie renali. http://digestive.niddk.nih.gov/DDISEASES/pubs/bleeding/. Consultato il 11 luglio 2014.
Bruciore di stomaco, reflusso gastroesofageo (GER), e la malattia da reflusso gastroesofageo (GERD). National Institute of Diabetes e Digestiva e Malattie renali. http://digestive.niddk.nih.gov/ddiseases/pubs/gerd/index.aspx. Consultato il 10 Luglio 2014.
Castell DO. Farmaco-indotta. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 10 Luglio 2014.
BOPE ET, et al. La terapia attuale di Conn. Philadelphia, Pa .: Saunders Elsevier; 2014. http://www.clinicalkey.com. Consultato il 2 gennaio 2014.
Ek WE, et al. contributi genetici germinali al rischio per l’adenocarcinoma esofageo, esofago di Barrett, e reflusso gastroesofageo. Journal of National Cancer Institute. 2013; 105: 1711.
Feldman M, et al. Sleisenger & Fordtran di gastrointestinali e malattie del fegato: Fisiopatologia, diagnosi, gestione. 9 ° ed. Philadelphia, Pa .: Saunders Elsevier; 2010. http://www.clinicalkey.com. Consultato il 11 luglio 2014.
Almashat SJ, et al. esofagite da reflusso non-: Una rassegna di malattie infiammatorie del esclusiva esofago di esofagite da reflusso. Seminari in diagnostica patologia. 2014; 31: 89.
Kauffman CA. Le manifestazioni cliniche della orofaringea e candidiasi esofagea. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 10 Luglio 2014.
Goldman L, et al. Medicina Cecil di Goldman. ed il 24. Philadelphia, Pa .: Saunders Elsevier; 2012. http://www.clinicalkey.com. Consultato il 16 luglio 2014.
Uso sicuro dei prodotti per la salute e le pratiche complementari. Centro Nazionale per la medicina complementare e alternativa. http://nccam.nih.gov/health/safety. Consultato il 5 gennaio 2014.
Migliori ospedali. US News & World Report. http://health.usnews.com/best-hospitals/area/mn/mayo-clinic-661MAYO. Consultato il 2 settembre 2014.
Geagea A, et al. Ambito di farmaco-indotta, lesioni esofagee infettive e allergiche. Current Opinion in Gastroenterology. 2008; 24: 496.
Dellon ES, et al. ACG linea guida clinica: Come emerge approccio alla diagnosi e gestione di eosinofilia esofageo e esofagite eosinofila (EoE). The American Journal of Gastroenterology. 2013; 108: 679.
Katz PO, et al. Linee guida per la diagnosi e la gestione della malattia da reflusso gastroesofageo. American Journal of Gastroenterology. 2013; 108: 308.
esofagite eosinofila. American Academy of Asthma, Allergy & Immunology. http://www.aaaai.org/conditions-and-treatments/related-conditions/eosinophilic-esophagitis.aspx. Consultato il 17 Luglio, 2014.
Estores D, et al. Esofago di Barrett: epidemiologia, patogenesi, la diagnosi e la gestione. Problemi attuali in chirurgia. 2013; 50: 192.
Kahrilas PJ. gestione medica della malattia da reflusso gastroesofageo negli adulti. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 1 Gennaio, 2014.
Tomizawa Y, et al. Valutazione delle prestazioni e inter diagnostico variabilità delle endocytoscopy in esofago di Barrett: uno studio pilota ex-vivo. World Journal of Gastroenterology. 2013; 19: 8652.
Lipham JC, et al. Il sistema di gestione di riflusso LINX®: la sicurezza e l’efficacia Confermato ora a 4 anni. Endoscopia Chirurgica. 2012; 26: 2944.
Rakel D. medicina integrativa. 3a ed. Philadelphia, Pa .: Saunders Elsevier; 2012. http://www.clinicalkey.com. Consultato il 2 gennaio 2014.
Patrick L. malattia da reflusso gastroesofageo (GERD): Una rassegna di trattamenti convenzionali e alternative. Review Medicina alternativa. 2011; 16: 116.

Link sponsorizzati