Nefrolitotomia percutanea : rischi, benefici e risultati


La Nefrolitotomia percutanea  è una procedura utilizzata per rimuovere i calcoli renali dal corpo quando non possono essere espulsi in maniera natuale. Questa procedura utilizza piccoli telescopi e strumenti inseriti attraverso una piccola incisione nella schiena per rimuovere i calcoli renali.

Link sponsorizzati

La nefrolitotomia percutanea è usata più spesso per calcoli  grandi o quando altre procedure, come lo shock extracorpore ad onde di litotripsia o ureteroscopia, non hanno successo o non è possibile utilizzarli.

La nefrolitotomia percutanea è raccomandata molto spesso nelle seguenti situazioni:

  • Grandi calcoli renali stanno bloccando più di un ramo del sistema di raccolta del rene, fenomeno noto anche come  calcoli renali staghorn
  • I calcoli renali sono più grandi di 1,5 centimetri di diametro
  • Grossi calcoli sono all’interno dell’uretere
  • Altre terapie hanno fallito
  • La persona è obesa

Prima di sottoporsi alla nefrolitotomia percutanea, il medico effettuerà diversi test, compresa la verifica delle urine per cercare segni di infezione o  altri problemi, analisi del sangue e la tomografia computerizzata (CT) per determinare l’esatta posizione dei calcoli renali.

Nefrolitotomia percutanea.jpg

I rischi più comuni dati dalla nefrolitotomia percutanea sono i seguenti:

  • Sanguinamento
  • Infezione
  • Lesioni al rene
  • Lesioni ad altri organi

Ovviamente, la nefrolitotomia percutanea viene eseguita in ospedale, e il paziente verrà sedato in anestesia generale, nel senso che sarà addormentato durante la procedura.

Il medico può prescrivere antibiotici per ridurre le probabilità di sviluppare un’infezione dopo la procedura.

Accesso al rene

Prima di subire la nefrolitotomia percutanea, il chirurgo deve avvalersi dell’aiuto dell reparto di radiologia. Il radiologo utilizzerà CT, ultrasuoni, o l’imaging a raggi X per guidare l’accesso al rene, con il paziente in anestesia locale. A seguito di questo, il paziente verrà quindi trasferito in sala operatoria per la procedura definitiva.

Tuttavia, il chirurgo può preferire accedere al rene in sala operatoria in anestesia generale. In questo caso, il chirurgo mettere un tubo attraverso la vescica e fino in reni, e userà imaging radiografico per fare fori nel rene in modo che i calcoli  possano essere rimossi. Se si dispone di calcoli grossi, il chirurgo può avere bisogno di effettuare più di una “foratura”.

Rimuovere i cacoli renali

Quando il medico ha accesso ai calcoli renali, distruggerà i calcoli nel rene rendendoli in piccoli frammenti. Quando i frammenti sono abbastanza piccoli, il medico li rimuove. Quando la procedura è completa, il chirurgo può lasciare tubi di drenaggio nel rene per assicurarsi che tutti i frammenti siano usciti.

Il medico può inviare i frammenti del calcolo al rene ad un laboratorio per controllarli o per verificare la presenza di infezione.

Dopo la procedura

Si può rimanere in ospedale per uno o due giorni dopo la procedura. Il medico consiglia di evitare il sollevamento di carichi pesanti, e vari sforzi fisici per due-quattro settimane. Tuttavia, spesso i pazienti sono in grado di tornare al lavoro dopo una settimana.

Se il medico ha lasciato tubi di drenaggio nel rene, è necessario controllare che non si verifichi del sanguinamento. Se si nota significativo sanguinamento nelle urine o dal tubo esce del sangue denso, come ketchup, o coaguli di sangue, andare al pronto soccorso.

Se si sviluppa febbre o brividi, contattare il medico. Questi potrebfbero essere segni e sintomi di infezione. Se si dispone di dolore significativo che non è alleviato dai farmaci prescritti dal medico, andare in ospedale.

Risultati

Il medico probabilmente vorrà vedere di nuovo dopo quattro a sei settimane. In quella visita, il medico può utilizzare gli ultrasuoni o raggi X per verificare eventuali pietre che possono essere lasciati e fare in modo che l’urina sta prosciugando normalmente dal rene.

Il medico inoltre di fare alcuni altri test per aiutare a determinare cosa ha causato i calcoli renali. Sarà inoltre discutere i modi per prevenire i calcoli renali ottenere più in futuro.

Referenze »

Wein AJ, et al. Campbell-Walsh Urology. 10 ° ed. Philadelphia, Pa .: Saunders Elsevier; 2012. http://www.clinicalkey.com. Consultato il 14 novembre 2014.
Preminger GM. Opzioni nella gestione di calcoli renali e ureterali negli adulti. http://www.uptodate.com/home. Consultato il 14 novembre 2014.
Melmed S, et al. Williams Textbook of Endocrinology. 12 ° ed. Philadelphia, Pa .: Saunders Elsevier; 2011. https://www.clinicalkey.com. Consultato il 14 novembre 2014.
Antonelli JA, et al. I progressi nella nephrolithotomy percutanea. Urologia Cliniche del Nord America. 2013; 40: 99.
Ferri FF. Consigliere clinico di Ferri 2015: 5 libri in 1. Philadelphia, Pa .: Mosby Elsevier; 2015. https://www.clinicalkey.com. Consultato il 14 novembre 2014.
Smith JA, et al. Atlante di Hinman di Urologia Chirurgia. 3a ed. Philadelphia, Pa .: Saunders Elsevier; 2012. https://www.clinicalkey.com. Consultato il 14 novembre 2014.
Calcoli renali negli adulti. National Kidney Diseases e urologiche Information Clearinghouse. http://kidney.niddk.nih.gov/kudiseases/pubs/stonesadults/. Consultato il 14 novembre 2014.

Link sponsorizzati