Cardo mariano : dosi, patologie e risultati


Il Cardo mariano è stato utilizzato in medicina per oltre 2.000 anni, più comunemente per il trattamento dei disturbi del fegato e della cistifellea. La Silimarina viene dai semi di cardo mariano e si crede sia la parte attiva del cardo mariano.

Link sponsorizzati

Prodotti a base di cardo mariano sono popolari in Europa e negli Stati Uniti per vari tipi di malattie del fegato. Anche se numerosi studi umani sono stati pubblicati, la maggior parte degli studi hanno grosse lacune e mancano di prove conclusive.

Il Cardo mariano è stato ben tollerato con lievi effetti collaterali quando usato in una quantità consigliata .

Dosaggio utilizzato nella ricerca

Le dosi qui di seguito si basano sulla ricerca scientifica, pubblicazioni, o perizie. Quindi di seguito verranno riportare le patologie le dosi e i tempi in cui il cardo mariano è stato testato. A seguito di questo elenco, verranno poi mostrati i gradi di rilevanza scientifica e di efficacia del cardo mariano riportati dalle varie ricerche effettuate sull’uomo. Le dosi quindi non sono da prendere come esempio o da imitare.

Cardo mariano.jpg

Adulti (oltre 18 anni)

Per l’epatite virale acuta, 160-800 milligrammi di silimarina (es Legalon®) sono stati somministrati per via orale al giorno in tre dosi divise per tre settimane.

Per i sintomi nasali allergici, 140 milligrammi di silimarina  sono stati somministrati per bocca tre volte al giorno per un mese.

Per avvelenamento da Amanita phalloides  silibinin per via orale; 20-50 milligrammi per chilogrammo in 500 ml di soluzione di destrosio al 5% è stato iniettato nella vena ogni sei ore per un giorno.

Per gli effetti antiossidanti, 140 milligrammi di silimarina (Livergol®) per via orale tre volte al giorno per tre settimane.

Per la cirrosi, 160-800 milligrammi di silimarina (es Legalon®) per via orale in 2-3 dosi frazionate ogni giorno per via orale per un massimo di due anni.

Per il diabete (di tipo 2), 200-230 milligrammi di silimarina (es Legalon®) sono stati somministrati per via orale una a tre volte al giorno per quattro settimane a 12 mesi, insieme con la terapia normale.

Per la nefropatia diabetica, 140 mg di silimarina  per bocca tre volte al giorno per tre mesi.

Per i danni al fegato dati dai  farmaci o tossine, 160-800 milligrammi di silimarina (es Legalon®) per via orale al giorno in tre dosi divise per periodi che vanno da 15 giorni a cinque settimane; 70 milligrammi di silibinin sono stati somministrati per via orale tre volte al giorno per 6-12 mesi.

Per la fertilità, tre dosi di 70 mg di silimarina per via orale (in aggiunta alla terapia standard) nel corso di un giorno.

Per il colesterolo alto, 200-600 milligrammi di silimarina sono stati somministrati per via orale una volta o tre volte al giorno per quattro mesi in aggiunta alla terapia standard.

Per la malattia epatica cronica 160-480 milligrammi silibina (Silipide®, IdB 1016) è stato assunto per via orale una volta o tre volte al giorno per un massimo di tre mesi, 120-420 milligrammi di silimarina (Legalon®) per via orale ogni giorno tre somministrazioni per quattro settimane a 12 mesi; silibinin (es Legalon® SIL) è stato iniettato in vena per periodi di 10-14 giorni.

Per l’osteoartrite, 150 milligrammi di silimarina è stata presa per via orale due volte al giorno per otto settimane.

Per le irritazioni della pelle date da radiazioni, una crema a base di silimarina-(Leviaderm®) è stata applicata alla pelle.

Bambini (sotto i 18 anni)

Per i danni al fegato da farmaci o tossine, 80-320 milligrammi di silibinin sono stati somministrati presa per via orale una sola volta al giorno per 28 giorni.

Come leggere e capire gli studi scientifici

Di seguito vengono riportati gli usi del cardo mariano in alcune patologie, questi sono in riferimento alle dosi descritte nel paragrafo precedente.. Vicino ad ogni patologia  è presente una lettera che ne classifica lo studio e l’efficacia delle prove scientifiche. La didascalia mostra una scala dove “La” rappresenta il massimo della prova scientifica sull’efficacia del cardo mariano e “F” mostra la totale inefficacia.

Gradi di classificazione scientifica

La Forte prova scientifica che ne prova l’efficacia

B Buon prova scientifica

C Prove scientifiche non chiare per poter essere certi dell’efficacia

D Potrebbe non funzionare

F  Non funziona

Evidenze scientifiche dell’efficacia del cardo mariano in alcune patologie

B Cirrosi (cicatrizzazione del fegato)

Molteplici studi europei indicano benefici del cardo mariano assunto per via orale nella cirrosi. In studi lunghi fino a cinque anni, il cardo mariano ha dimostrato che  migliora lievemente la funzionalità epatica ed ha  diminuito il numero di decessi nelle persone con malattia epatica. Anche se questi risultati sono promettenti, la maggior parte degli studi sono stati mal progettati. Servono quindi altri studi.

B Diabete (tipo 2)

La ricerca ha dimostrato che il cardo mariano ha migliorato il controllo della glicemia nelle persone con diabete con e senza malattia epatica. Ricerca di qualità superiore è necessaria prima di trarre delle conclusioni.

B Nefropatia diabetica

La ricerca suggerisce che la silimarina migliora nel sangue e nelle urine i marcatori associati alla nefropatia diabetica. Sono necessarie ulteriori ricerche.

B Malattia del fegato (cronica)

Diversi studi sul cardo mariano hanno dato riscontri positivi nelle malattie del fegato causate da virus o miglioramenti del rapporto alcol/ test epatici. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche prima di poter trarre una conclusione certa.

C Epatite virale acuta

Le ricerche esistenti mostrano benefici poco chiari circa l’uso di cardo mariano nell’epatite virale acuta, o nell’infiammazione del fegato a causa di una infezione da un virus.

C Sintomi nasali di tipo allergico

La ricerca ha dimostrato che il cardo mariano ha ridotto la gravità dei sintomi nasali di tipo allergico.

C Amanita phalloides (avvelenamento da funghi)

Il Cardo mariano è stato utilizzato tradizionalmente per trattare l’avvelenamento da funghi. La ricerca sugli esseri umani tuttavia  è carente. Ulteriori ricerche sono necessarie

C Antiossidante

Le prime ricerche suggeriscono che il cardo mariano, da solo o dato con la vitamina E, migliora lo stato antiossidante.

C Cancro

Risultati non chiari sono emersi per l’uso di cardo mariano in combinazione con altri integratori in persone con il cancro. Una persona ha riportato un miglioramento del cancro al fegato dopo l’assunzione di cardo mariano.

C Fertilità

Nelle donne sottoposte a fecondazione artificiale (fecondazione in vitro, IVF), la silimarina utilizzata in combinazione con la terapia standard ha dimostrato risultati contrastanti.

C Bruciore di stomaco

Una preparazione a base di erbe contenenti cardo mariano può essere efficace nel ridurre il bruciore di stomaco.

C Colesterolo alto

Anche se la ricerca non umano suggerisce effetti ipocolesterolemizzanti del cardo mariano, studi sull’uomo hanno fornito risultati contrastanti.

C Danno epatico da farmaci o tossine

Diversi studi suggeriscono i possibili benefici del cardo mariano per trattare o prevenire danni al fegato causati da farmaci o sostanze chimiche tossiche. Purtroppo i risultati di questi studi sono poco chiari e contrastanti

C Menopausa

Una preparazione a base di erbe contenente cardo mariano può essere efficace nel ridurre i sintomi della menopausa.

C Malattie neurodegenerative (disturbi dovuti alla distruzione dei neuroni)

Nelle prime ricerche, una preparazione di cardo e altri integratori ha dimostrato un effetto benefico sulle persone con diverse malattie neurodegenerative, tra cui la sclerosi multipla (SM), il morbo di Parkinson e il morbo di Alzheimer. Ulteriori ricerche sono necessarie.

C Disturbo ossessivo compulsivo

Nella ricerca umana, il cardo mariano ha ridotto i sintomi del disturbo ossessivo compulsivo (OCD), ma i benefici non erano superiori rispetto al trattamento standard.

C Artrosi

Primi dati disponibili indicano che il cardo mariano ha effetti anti-infiammatori in persone con osteoartrite. Sono necessarie ulteriori ricerche

C Radiazioni e irritazione della pelle

Le prime ricerche in pazienti con carcinoma mammario suggeriscono che la silimarina (Levidaerm®) aiuta a facilitare reazioni cutanee alla radioterapia-indotta rispetto alle cure standard.

F Beta-talassemia (malattia genetica del sangue)

La ricerca ha dimostrato che l’aggiunta di cardo mariano alla terapia regolare non portava ulteriori benefici per il sovraccarico di ferro nei pazienti con beta-talassemia. Sono necessari ulteriori studi.

Interazioni con i farmaci

Il cardo mariano può interferire con il modo in cui il corpo processa alcuni farmaci che utilizzano il sistema enzimatico del fegato “citocromo P450”. Di conseguenza, i livelli di questi farmaci possono essere aumentati nel sangue, e possono causare un aumento degli effetti o potenzialmente gravi reazioni avverse. Le persone che utilizzano i farmaci dovrebbero controllare il foglietto illustrativo.

Il cardo mariano può abbassare i livelli di zucchero nel sangue. Le persone che assumono farmaci per il diabete per via orale o l’insulina devono essere attentamente monitorate da un operatore sanitario qualificato.

Allergie

Evitare la somministrazione in persone con allergia nota o sensibilità nota al cardo mariano, le sue parti, o membri della sua famiglia di piante (ad esempio margherite, carciofi, cardo comune, e kiwi). Shock anafilattico (una grave reazione allergica) e rash da cardo mariano sono stati segnalati in diverse persone.

Effetti collaterali e avvertenze

Il Cardo mariano è abbastanza sicuro se assunto in dosi raccomandate per 4-6 anni.

Il Cardo mariano è probabilmente sicuro se assunto in dosi superiori rispetto a quanto raccomandato, o se assunto per più di 4-6 anni.

Usare cautela in combinazione con agenti elaborati dal sistema enzimatico del fegato “citocromo P450”.

Usare cautela in combinazione con agenti che subiscono un processo chimico chiamato glucuronidazione.

Usare con cautela in donne in gravidanza o che allattano.

Evitare in persone con allergia nota o sensibilità al cardo mariano

Gravidanza e allattamento

Usare con cautela in donne in gravidanza o che allattano a causa della mancanza di prove sufficienti per sostenere un suo uso sicuro.

Il Cardo mariano è stato usato storicamente per migliorare il flusso di latte materno, e lo studio non ha segnalato effetti collaterali.

Referenze »

Beinhardt S, Rasoul-Rockenschaub S, Scherzer TM, et al. Monoterapia Silibinin previene l’infezione dopo trapianto di fegato in un paziente con epatite cronica CJHepatol. 2011; 54 (3): 591-592.
Brinda BJ, Zhu HJ, e Markowitz JS. A sensitive assay LC-MS / MS per l’analisi simultanea dei principali componenti attivi di silimarina nel plasma umano. J.Chromatogr.B Analyt.Technol.Biomed.Life Sci. 2012/08/01; 902: 1-9.
Fallahzadeh MK, Dormanesh B, Sagheb MM, et al. Effetto di aggiunta di silimarina per renina-angiotensina-inibitori di sistema sul proteinuria nei pazienti diabetici tipo 2 con nefropatia conclamata: una, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo. Am.J.Kidney Dis. 2012; 60 (6): 896-903.
Flaig TW, Glode M, Gustafson D, et al. Uno studio di alte dosi per via orale silibina-fitosoma seguito da prostatectomia in pazienti con carcinoma della prostata localizzato. Prostata 2010/06/01; 70 (8): 848-855.
Fried MW, Navarro VJ, Afdhal N, et al. Effetto della silimarina (cardo mariano) sulla malattia epatica nei pazienti con epatite cronica C, senza successo, trattati con terapia con interferone: uno studio randomizzato controllato. JAMA 2012/07/18; 308 (3): 274-282.
Giorgi VS, Peracoli MT, Peracoli JC, et al. Silibinin modula il pathway NF-kB e la produzione di citochine pro-infiammatorie da parte di cellule mononucleate da donne con preeclampsia. J.Reprod.Immunol. 2012; 95 (1-2): 67-72.
Loguercio C, Andreone P, Brisc C, et al. Silibina combinato con fosfatidilcolina e vitamina E nei pazienti con steatosi epatica non alcolica: uno studio randomizzato controllato. Gratis Radic.Biol.Med. 2012/05/01; 52 (9): 1658-1665.
McBride A, Augustin KM, Nobbe J, et al. Silybum Marianum (cardo mariano) nella gestione e prevenzione di epatotossicità in una terapia reinduzione paziente sottoposto per la leucemia mieloide acuta. J.Oncol.Pharm.Pract. 2012; 18 (3): 360-365.
Molto J, Valle M, Miranda C, et al. Effetto di cardo mariano sulla farmacocinetica di darunavir-ritonavir nei pazienti affetti da HIV. Antimicrob.Agents Chemother. 2012; 56 (6): 2837-2841.
Oeckinghaus R, Cuneo A, Brockmeier J, et al. [Insufficienza epatica acuta dopo l’ingestione di funghi]. Internist (Berl) 2012; 53 (5): 619-624.
Reddy KR, Belle SH, Fried MW, et al. Razionale, le sfide, ed i partecipanti in uno studio di Fase II di un prodotto botanico per l’epatite cronica C. Clin.Trials 2012; 9 (1): 102-112.
Sarris J, Camfield D, e Berk M. Medicina complementare, di auto-aiuto, e gli interventi di lifestyle per il disturbo ossessivo compulsivo (OCD) e lo spettro OCD: una revisione sistematica. J.Affect.Disord. 2012; 138 (3): 213-221.
Suksomboon N, N Poolsup, Boonkaew S, et al. Meta-analisi degli effetti del supplemento di erbe sul controllo glicemico nel diabete di tipo 2. J.Ethnopharmacol. 10-11-2011; 137 (3): 1328-1333.
Tiwari P, Kumar A, S Balakrishnan, et al. Apoptosi Silibinin indotta nelle cellule di carcinoma mammario umano MCF7 e T47D comporta l’attivazione delle caspasi-8 e via mitocondriale. Cancro Invest 2011; 29 (1): 12-20.
Yakoot M e Salem A. Spirulina platensis contro silimarina nel trattamento dell’infezione da virus dell’epatite C cronica. Un pilota randomizzato, studio clinico comparativo. BMC.Gastroenterol. 2012; 12: 32.

 

Link sponsorizzati