Xantelasmi : cause, segni e cure


Con il termine xantelasmi  delle palpebre, ci riferiamo ad una condizione della pelle che  sviluppa escrescenze gialle e piatte sulle palpebre. Gli xantelasmi sono spesso riscontrati in persone con colesterolo alto o altri grassi (lipidi) nel sangue, queste lesioni contengono depositi che sono ricchi di grassi.

Link sponsorizzati

Fattori di rischio

Gli xantelasmi possono verificarsi in persone di qualsiasi razza e di entrambi i sessi. Tuttavia, le femmine sembrano essere più frequentemente colpite rispetto ai maschi. Inoltre, è insolito per un bambino o un adolescente  sviluppare xantelasmi; la maggior parte degli individui  sviluppano questa condizione nella mezza età. Circa la metà dei pazienti con xantelasmi hanno elevate quantità di grassi nel sangue, come il colesterolo alto o i trigliceridi alti.

Sintomi

Le posizioni più comuni per gli xantelasmi includono:

  • Una o entrambe le palpebre superiori, in particolare vicino al naso
  • Una o entrambe le palpebre inferiori

Gli xantelasmi appaiono come una macchia di colore giallo-arancio o bozzo. Variano nella forma da 2-30 mm, e quelli piatti possono avere una superficie con contorni distinti (ben definiti). Una volta presente, gli xantelasmi di solito non vanno via da soli. In realtà, le lesioni spesso si sviluppano e diventano più grandi. Gli xantelasmi non provocano prurito. Gli individui con xantelasmi di solito non hanno sintomi, ma sono preoccupati per l’impatto estetico.

xantelasma.jpg

Andare dal dermatologo o dal medico di famiglia in presenza di uno xantelasma.

Trattamenti e cure

Per confermare la diagnosi di xantelasmi, il medico può decidere di eseguire una biopsia della pelle.

La procedura prevede:

  • Intorpidire la pelle con un anestetico iniettabile.
  • Prelevare un piccolo pezzo di pelle con una lama di rasoio flessibile, un bisturi o una siringa speciale. Se viene eseguita una biopsia, un punto di sutura o due possono essere messi e dovranno essere rimossi entro 6-14 giorni.
  • Il campione di pelle viene poi esaminato al microscopio da un medico specializzato (dermatopatologo).

Una volta che la diagnosi di xantelasma è confermata, il medico probabilmente controllerà i livelli di colesterolo nel sangue (pannello dei lipidi). In presenza di una anomalia lipidica, probabilmente saranno raccomandate modificazioni dietetiche. Molte persone necessitano anche di un farmaco orale. Il trattamento delle dislipidemie sottostanti non cura ogni xantelasma. Se lo xantelasmi è esteticamente poco attraente e se non risponde alle terapie ipolipemizzanti, altri trattamenti includono:

  • Congelamento con azoto liquido (crioterapia)
  • Escissione chirurgica
  • Trattamento laser
  • Applicazione di una soluzione di acido acetico appositamente formulato per sciogliere lo xantelasma
  • Trattamento con un ago elettrico (electrodissecazione)

Tutte queste opzioni di trattamento possono causare cicatrici, e non escludono una recidiva del problema.

Relazione tra xantelasmi e malattie cardiovascolari

Spesso si associano gli xantelasmi al rischi di malattie cardiovascolari, tuttavia molti pazienti possono presentare questa condizione, senza necessariamente avere anomalie lipidiche soprattutto se giovani.

Quindi, gli xantelasmi spesso rappresentano una condizione della pelle non legata a problemi metabolici o sistemici.

Cure alternative

Uno studio del 1954 pubblicato sul Journal of Investigative Dermatology ha evidenziato il ruolo della vitamina b12 nel miglioramento della condizione.

Nello specifico sessantacinque pazienti con xantelasmi sono stati trattati con vitamina B12. Trenta pazienti sono stati trattati con il farmaco per via orale con scarsi risultati. Trentacinque pazienti sono stati trattati con la somministrazione parenterale di vitamina B12 con  risultati positivi.

Tuttavia, la ragione per cui è avvenuto questo miglioramento non è del tutto chiara.

Referenze »

Ling, CT e Chow, BF:. L’influenza della vitamina Bi2 sul metabolismo dei carboidrati e dei lipidi J. Biol. Chem. In corso di stampa.
Ling, CT e Chow, BF:. Effetto della vitamina Bi 2 sulla composizione corporea dei ratti J. Biol. Chem. , 198 : 439, 1952.
Trattamento dello xantelasma perioculare http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19229739?dopt=Abstract
Lo xantelasma non è associato con il rischio di aterosclerosi in pazienti normolipidici http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/18036167?dopt=Abstract

 

Link sponsorizzati