Disturbo esplosivo intermittente : cause e cure


Il disturbo esplosivo intermittente comporta ripetuti episodi di comportamento impulsivo, aggressivo o violento in cui si reagisce in maniera sproporzionata alla situazione. Lancio di oggetti, rottura di cose o altri eccessi di collera possono essere segni di disturbo esplosivo intermittente.

Link sponsorizzati

Le persone con disturbo esplosivo intermittente possono attaccare gli altri, provocando lesioni e danni fisici. Possono anche ferirsi durante un attacco di ira. Più tardi, le persone con disturbo esplosivo intermittente possono provare rimorso, rimpianto o imbarazzo.

Se si dispone di disturbo esplosivo intermittente, il trattamento può comportare farmaci e la psicoterapia per aiutare a controllare gli impulsi aggressivi.

Queste “eruzioni di collera”, di solito durano meno di 30 minuti, spesso sfociano in aggressioni verbali, ferite e la distruzione deliberata di cose. Questi episodi possono verificarsi di seguito o essere separati da settimane o mesi.

Sintomi

Episodi aggressivi possono essere preceduti o accompagnati da:

  • Irritabilità
  • Aumento di energia
  • Rabbia
  • Pensieri maniacali
  • Formicolio
  • Tremori
  • Palpitazioni
  • Oppressione toracica
  • Sensazione di pressione nella testa
  • Depressione e stanchezza  possono verificarsi dopo l’episodio.

 

disturbo esplosivo intermittente.jpg

Cause

La causa esatta del disturbo esplosivo intermittente è sconosciuta, ma la malattia è probabilmente causata da una serie di fattori ambientali e biologici.

  • Ambiente. maggior parte delle persone con questo disturbo sono cresciute in famiglie dove il comportamento esplosivo, abusi verbali e fisici erano comuni. Essere esposti a questo tipo di violenza in età precoce rende più probabile che questi bambini espongano questi stessi tratti crescendo.
  • Genetica. Ci può essere una componente genetica, che causa il disturbo che deve essere tramandata dai genitori ai figli.
  • Chimica del cervello. Ci possono essere differenze nel modo in serotonina, un importante messaggero chimico nel cervello, lavora in persone con disturbo esplosivo intermittente.
  • Le persone con altre malattie mentali – come umore, ansia o disturbi di personalità – o alcune condizioni mediche – come il morbo di Parkinson o lesione traumatica cerebrale – può visualizzare comportamenti aggressivi. Tuttavia, essi non sarebbero diagnosticati come avendo disturbo esplosivo intermittente, perché la causa è da un’altra condizione.

Una serie di fattori aumentano il rischio di sviluppare il disturbo esplosivo intermittente:

  • Storia di abuso di sostanze. persone che abusano di droghe o alcol hanno un aumentato rischio di disturbo esplosivo intermittente.
  • La storia di abuso fisico. persone che sono stati abusati da bambini o vissuto più eventi traumatici hanno un aumentato rischio di disturbo esplosivo intermittente.
  • Età. L’inizio del disturbo esplosivo intermittente più comunemente si verifica nelle persone intorno ai 20 anni.
  • Essere di sesso maschile. Gli uomini hanno più probabilità di avere il disturbo esplosivo intermittente che le donne sono.

Le persone con disturbo esplosivo intermittente hanno un aumentato rischio di:

  • Autolesionismo. Questi soggetti non dirigono sempre la loro rabbia verso gli altri. Sono a rischio significativamente aumentato di danneggiare se stessi, sia con lesioni intenzionali o tentativi di suicidio. Coloro che sono anche dipendenti da droghe o avere un altro disturbo mentale grave, come la depressione, sono a maggior rischio di danneggiare se stessi.
  • Deteriorate relazioni interpersonali. Sono spesso percepiti dagli altri come sempre arrabbiato. Questo può portare a problemi di relazione, il divorzio e lo stress familiare.
  • Problemi al lavoro, a casa oa scuola. Altre complicazioni del disturbo esplosivo intermittente possono includere perdita di posti di lavoro, la sospensione scuola, incidenti d’auto, problemi finanziari o guai con la legge.

Se sei preoccupato perché stai avendo esplosioni emotive reiterate, parlare con il medico di assistenza primaria o prendere un appuntamento con qualcuno che è specializzato nel trattamento dei disturbi emotivi, come uno psichiatra, psicologo o assistente sociale.

Diagnosi

Per formulare una diagnosi di disturbo esplosivo intermittente ed eliminare altre condizioni che possono causare i sintomi, il medico potrebbe:

Effettuare un esame fisico. Il medico cercherà di escludere problemi fisici che potrebbero causare i sintomi. L’esame può includere test di laboratorio.
Valutazione psicologica. Un medico può raccogliere dati sui sintomi, pensieri, sentimenti e comportamenti. È possibile che venga chiesto di compilare un questionario per aiutare a rispondere a queste domande.

Per essere diagnosticati con disturbo esplosivo intermittente, il medico può verificare se i sintomi soddisfano i criteri del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM). Questo manuale viene utilizzato per diagnosticare le condizioni mentali.

Criteri del DSM includono:

  • Molteplici episodi di impossibilità a resistere agli impulsi aggressivi che hanno comportato la distruzione intenzionale di proprietà o di aggressione di un’altra persona
  • Un certo grado di aggressività in caso di incidenti che è completamente sproporzionato all’evento che ha attivato il comportamento
  • Episodi aggressivi che non sono giustificati da un altro disturbo mentale e non sono dovuti agli effetti di un farmaco o di una condizione medica
  • Altre condizioni che devono essere escluse prima di fare una diagnosi di disturbo esplosivo intermittente comprendono altri disturbi mentali o problemi da uso di sostanze.

Non esiste un trattamento uguale per tutti quelli con il disturbo esplosivo intermittente. Il trattamento comprende generalmente psicoterapia e farmaci.

Psicoterapia

Sedute di terapia individuale o di gruppo possono essere molto utili. La terapia cognitivo-comportamentale, aiuta le persone con disturbo esplosivo intermittente ad identificare quali situazioni o comportamenti possono innescare una risposta aggressiva. E, cosa più importante, questo tipo di terapia insegna alle persone come gestire la rabbia.

Farmaci

Diversi tipi di farmaci possono aiutare nel trattamento del disturbo esplosivo intermittente. Questi farmaci comprendono:

  • Gli antidepressivi, come la fluoxetina (Prozac) e altri
  • Farmaci antiepilettici, come la carbamazepina (Tegretol), oxcarbazepina (Trileptal), fenitoina (Dilantin) , Topiramato (Topamax) e Lamotrigina (Lamictal)
  • Agenti anti-ansia nella famiglia delle benzodiazepine, come il lorazepam (Ativan) e clonazepam (Klonopin)
  • Stabilizzatori dell’umore, come il litio (Lithobid)

Controllo

Se si riconosce il proprio comportamento nella descrizione del disturbo esplosivo intermittente, parlare con il medico circa le opzioni di trattamento o chiedere un rinvio ad un professionista della salute mentale. Alcune tecniche che possono essere parte del trattamento includono:

  • Disimparare un cattivo comportamento.  La terapia cognitivo-comportamentale la terapia per la  gestione della rabbia aiuta a riconoscere ciò che attiva gli stati di aggressività
  • Sviluppare un piano. Lavorare con il medico sullo sviluppo di un piano d’azione per quando ci si sente arrabbiarsi. Ad esempio, se si pensa di poter perdere il controllo, tentare di rimuovere se stessi da quella situazione. Andare a fare una passeggiata o chiamare un amico fidato per cercare di calmarsi.
  • Evitare alcol e di altre sostanze. Queste possono aumentare l’aggressività.

Prevenzione

Se si dispone di disturbo esplosivo intermittente, la prevenzione si basa sul controllo, a meno che non si ottienga un trattamento medico particolare. In combinazione con, o come parte del, trattamento, questi suggerimenti possono aiutare a prevenire alcuni episodi collera fuori controllo:

  • Partecipare ai trattamenti. Non saltare le sessioni di terapia, e se il medico ha prescritto farmaci, non saltare le dosi.
  • Tecniche di rilassamento. L’uso regolare della respirazione profonda, o yoga rilassante può aiutare a mantenere la calma.
  • Sviluppare nuovi modi di pensare (ristrutturazione cognitiva). Cambiare il modo di pensare in una situazione frustrante utilizzando pensieri razionali, e la logica può migliorare il modo di vedere e reagire ad un evento.
  • Utilizzare problem-solving. Fare un piano per trovare un modo per risolvere un problema frustrante. Anche se non è possibile risolvere il problema subito, si può rimettere a fuoco la vostra energia.
  • Imparare modi per migliorare la comunicazione. Ascoltare il messaggio che l’altra persona sta cercando di condividere, e quindi pensare alla migliore risposta piuttosto che dire la prima cosa che viene in mente.
  • Cambiare ambiente. Se possibile, lasciare o evitare situazioni che sconvolgono. Inoltre, la pianificazione del tempo personale può consentire di gestire meglio una imminente situazione stressante o frustrante.
  • Evitare sostanze che alterano l’umore. Non usare alcol o droghe.

Referenze »

Ebert MH, et al. Current Diagnosi e Trattamento: Psichiatria. 2nd ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2008. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=3289149. Letta 7 ago 2012.
Nickerson A, et al. La relazione tra esposizione dei bambini al trauma e disturbo esplosivo intermittente. Psychiatry Research. 2012; 197:128.
Disturbo esplosivo intermittente. In: Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM-IV-TR. 4a ed. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association, 2000. http://www.psychiatryonline.com. Letta 7 ago 2012.
Coccaro E. Disturbo Esplosivo Intermittente negli adulti: Epidemiologia, caratteristiche cliniche, la valutazione e la diagnosi. http://www.uptodate.com/index. Letta 7 ago 2012.
Coccaro E. Disturbo Esplosivo Intermittente negli adulti: trattamento e la prognosi. http://www.uptodate.com/index. Letta 7 ago 2012.
McCloskey MS, et al. Prevalenza di comportamento  autolesionistico tra i soggetti con disturbo esplosivo intermittente. Psychiatry Research. 2008; 158:248.
Pianificazione della sicurezza. National Domestic Violence Hotline. http://www.thehotline.org/get-help/safety-planning/. Letta 7 ago 2012.
Trovare le risorse nella tua zona. National Domestic Violence Hotline. http://www.thehotline.org/2012/07/finding-resources-in-your-area/. Letta 7 ago 2012.

 

Link sponsorizzati