Lesioni del midollo spinale : sintomi, complicazioni e terapie


Una lesione del midollo spinale provoca spesso variazioni permanenti di forza, sensazioni e altre funzioni del corpo al di sotto del sito della lesione. Una lesione del midollo spinale, può influenzato ogni aspetto della vita.

Link sponsorizzati

Molti scienziati sono ottimisti sul fatto che i progressi nella ricerca saranno un giorno in grado di riparare le lesioni del midollo spinale. Le ricerche sono in corso in tutto il mondo. Nel frattempo, trattamenti e riabilitazione permettono a molte persone con una lesione del midollo spinale di condurre una vita produttiva e indipendente.

Sintomi

La capacità di controllare le membra dopo una lesione del midollo spinale dipende da due fattori: il luogo della lesione e la gravità delle lesioni al midollo spinale. La parte più bassa del midollo spinale è indicata come livello neurologico della lesione. La gravità del danno è spesso  classificata come:

  • Completo. Se quasi tutta la parte sensoriale e la capacità di controllare il movimento (funzione motoria) viene persa al di sotto della lesione del midollo spinale, questa si chiama completa.
  • Incompleto. Se viene preservata qualche funzione sensitiva sotto l’area interessata o motoria questo tipo di danno si chiama incompleto. Ci sono vari gradi di lesioni incomplete.

Inoltre, la paralisi da lesioni del midollo spinale può essere indicata come:

  • Tetraplegia o tetraparesi. Ciò significa che le braccia, le mani, tronco, gambe e organi pelvici sono tutte influenzate dalla lesione del midollo spinale.
  • Paraplegia. Questa paralisi interessa tutto o parte del tronco, gambe e organi pelvici.

Il team di assistenza sanitaria effettuerà una serie di test per determinare il livello neurologico e la completezza dell’infortunio.

barella spinale.jpg

Lesioni del midollo spinale di qualsiasi tipo possono causare uno o più dei seguenti segni e sintomi:

  • Perdita di movimento
  • Perdita di sensibilità, compresa la capacità di sentire il calore e il freddo
  • Perdita di controllo dell’intestino o della vescica
  • Spasmi
  • Cambiamenti nella funzione sessuale
  • Dolore o una sensazione di bruciore intenso causato da un danno alle fibre nervose nel midollo spinale
  • Difficoltà di respirazione

Segnali emergenza

Segnali emergenza e sintomi di lesioni del midollo spinale dopo un incidente possono includere:

  • Mal di schiena e pressioni al collo, testa o alla schiena
  • Debolezza, paralisi in qualsiasi parte del corpo
  • Intorpidimento, formicolio o perdita di sensibilità alle mani, dita, piedi
  • Perdita di controllo della vescica o dell’intestino
  • Difficoltà a camminare e mantenere l’equilibrio
  • Respirazione compromessa
  • Collo o schiena stranamente posizionati

Chiunque sperimenti un trauma significativo alla testa o al collo deve essere immediatamente valutato dal medico. I motivi per cui è fondamentale la valutazione medica sono molto importanti ovvero:

  • Una grave lesione spinale non è sempre immediatamente evidente. Se non viene riconosciuta, può verificarsi una lesione più grave.
  • Intorpidimento o paralisi possono arrivare immediatamente o gradualmente come sanguinamento o gonfiore che si verifica nel o intorno al midollo spinale.
  • Il tempo tra la lesione e il trattamento può essere critico nel determinare l’entità di complicazioni il recupero.

Cosa fare in caso di sospetta lesione del midollo spinale

Se si sospetta che qualcuno abbia una lesione alla schiena o al collo:

  • Non spostare l’infortunato, una paralisi permanente e altre gravi complicazioni possono derivare da un incauto spostamento
  • Chiamare il 118
  • Tenere la persona ferma e calma
  • Mettere asciugamani pesanti su entrambi i lati del collo o tenere la testa e il collo fermi pe rimpedirne il movimento
  • Fornire la base del primo soccorso, come ad esempio fermare qualsiasi sanguinamento senza muovere la testa o il collo.

Le lesioni del midollo spinale possono derivare da un danno alle vertebre, legamenti o dischi della colonna vertebrale e al midollo spinale stesso. Una lesione traumatica del midollo spinale può derivare da un improvviso, colpo traumatico alla colonna vertebrale. Ulteriori danni si verificano di solito nell’arco di giorni o settimane a causa di sanguinamento, gonfiore, infiammazione e accumulo di liquidi nel e intorno al midollo spinale.

Cause

Una lesione traumatica del midollo spinale può essere causata da artrite, cancro, infiammazioni, infezioni, o degenerazione della colonna vertebrale.

Il sistema nervoso centrale comprende il cervello e il midollo spinale. Il midollo spinale, fatto di tessuti molli e circondato da ossa (vertebre), si estende verso il basso dalla base del cervello ed è costituito da cellule nervose e gruppi di nervi, che vanno a diverse parti del corpo. L’estremità inferiore del midollo spinale si ferma poco sopra la vita nella regione chiamata cono midollare. Sotto questa regione esiste un gruppo di radici nervose chiamate coda equina.

Tratti nel midollo spinale portano messaggi tra il cervello e il resto del corpo. Tratti motori trasportano i segnali dal cervello per controllare il movimento dei muscoli. Tratti sensoriali trasportano i segnali provenienti da parti del corpo al cervello.

Danni alle fibre nervose

Se la causa è traumatica o non traumatica, il danno colpisce le fibre nervose che passano attraverso la zona lesa e può compromettere  i muscoli e nervi corrispondenti in maniera totaleo parziale. Lesioni della cassa toracica o della zona lombare possono influenzare il busto, le gambe, il controllo dell’intestino, della vescica e della zona pelvica . Inoltre, un infortunio cervicale colpisce i movimenti delle braccia e, a volte, la capacità di respirare.

Cause più comuni di lesioni del midollo spinale

Le cause più comuni di lesioni del midollo spinale sono:

  • Incidenti automobilistici. Gli incidenti in moto o auto sono la principale causa di lesioni del midollo spinale, che rappresentano oltre il 40 per cento delle nuove lesioni del midollo spinale ogni anno.
  • Caudte. Lesioni del midollo spinale dopo i 65 anni sono spesso causate da cadute.
  • Sport. Attività sportive, come sport d’impatto e le immersioni in acque poco profonde, causano circa l’8 per cento delle lesioni del midollo spinale.
  • Alcol. L’uso di alcol è un fattore di rischio per le lesioni del midollo spinale.
  • Malattie. Cancro, artrite, osteoporosi e infiammazione del midollo spinale possono causare lesioni del midollo spinale.

Fattori di rischio

Anche se una lesione del midollo spinale di solito è il risultato di un incidente e può capitare a chiunque, alcuni fattori possono predisporre ad un rischio maggiore di subire una lesione del midollo spinale, tra cui:

  • Essere maschii. Le lesioni del midollo spinale interessano una quantità sproporzionata di uomini. In realtà, le donne rappresentano solo circa il 20 per cento delle lesioni traumatiche
  • Avere tra i 16 ei 30 anni. Gli incidenti stradali sono la principale causa di lesioni del midollo spinale per le persone sotto i 65 anni, mentre le cadute causano la maggior parte degli infortuni negli adulti più anziani.
  • Impegnarsi in comportamenti a rischio. Tuffarsi in acque troppo basse o fare sport senza indossare l’attrezzatura adeguata può portare a lesioni del midollo spinale.
  • Avere una malattia alle ossa. Una lesione relativamente minore può provocare una lesione del midollo spinale, se si dispone di un disturbo che colpisce le ossa o le articolazioni, come l’artrite o l’osteoporosi.

Diagnosi

Al pronto soccorso, un medico può essere in grado di escludere una lesione del midollo spinale da un’attenta ispezione. Ma se l’infortunato lamenta dolore al collo, non è completamente sveglio, o ha evidenti segni di debolezza o lesioni neurologiche, possono essere necessari test diagnostici di emergenza.

Questi test possono includere:

  • I raggi X. I raggi X possono rivelare problemi, tumori, fratture o alterazioni degenerative della colonna vertebrale.
  • La tomografia computerizzata (TC). La TC può fornire una visione migliore rispetto ad una radiografia. Questa scansione utilizza i computer per formare una serie di immagini in sezione trasversale.
  • La risonanza magnetica (MRI). La RM utilizza un forte campo magnetico con onde radio per produrre immagini generate al computer. Questo test è molto utile per guardare il midollo spinale e identificare l’ernia del disco, coaguli di sangue o altre masse che possono essere la causa della compressione del midollo spinale.

Purtroppo, non esiste modo di invertire i danni al midollo spinale. Ma i ricercatori stanno continuamente lavorando su nuovi trattamenti, tra cui protesi e farmaci che possono promuovere la rigenerazione delle cellule nervose o migliorare la funzione dei nervi che rimangono dopo una lesione del midollo spinale.

Nel frattempo, il trattamento delle lesioni del midollo spinale si concentra sul prevenire ulteriori lesioni e dare alle persone una vita normale.

Trattamenti e cure

Cure mediche urgenti sono fondamentali per minimizzare gli effetti di qualsiasi trauma alla testa o al collo. Quindi, il trattamento per una lesione del midollo spinale spesso inizia nella scena dell’incidente.

Il personale di emergenza in genere immobilizzare la colonna vertebrale  delicatamente e rapidamente, utilizzando un collare rigido e una barella rigida.

Al pronto soccorso, i medici si concentrano su:

  • Mantenere la  capacità respiratoria
  • Prevenzione
  • Immobilizzazione
  • Evitare le possibili complicazioni
  • Il paziente può essere sedato in modo che non si muova

Una lesione del midollo spinale, è solitamente trattata nel reparto di terapia intensiva. Il paziente può anche essere trasferito in un centro lesioni della colonna vertebrale, che ha un team di neurochirurghi, chirurghi ortopedici, specialisti di medicina del midollo spinale, psicologi, infermieri, terapisti e operatori sociali con esperienza in lesioni del midollo spinale.

Terapie combinate

  • Farmaci.Il metilprednisolone (Medrol) è un’opzione di trattamento per una lesione acuta del midollo spinale. Se il metilprednisolone viene dato entro otto ore dal trauma, alcune persone provano un miglioramento lieve. Sembra funzionare, riducendo i danni alle cellule nervose e riducendo l’infiammazione nei pressi del sito di lesione. Tuttavia, non è una cura per una lesione del midollo spinale.
  • Immobilizzazione. Potrebbe essere necessaria una  trazione per stabilizzare la colonna vertebrale, o per portare la colonna vertebrale in corretto allineamento.
  • Chirurgia. Spesso, la chirurgia è necessaria per rimuovere frammenti di ossa, corpi estranei, ernia del disco o vertebre fratturate. La chirurgia può essere necessaria per stabilizzare la colonna vertebrale per prevenire il dolore o deformità future.
  • Trattamenti sperimentali. Gli scienziati stanno cercando di capire i modi per fermare la necrosi delle cellule, controllare l’infiammazione e promuovere la rigenerazione dei nervi.

Prognosi e recupero

Il medico può non essere in grado di dare una prognosi subito. Il recupero, se si verifica, di solito inizia una settimana a sei mesi dopo un infortunio.

Un incidente che si traduce in paralisi è un evento che cambia la vita. Improvvisamente avere una disabilità può essere spaventoso.

Il recupero da un evento del genere richiede tempo, ma molte persone che sono paralizzate riescono a condurre una vita produttiva e soddisfacente. E’ essenziale per rimanere motivati ​​e ottenere il supporto necessario.

La ricerca

Grazie alle nuove tecnologie, trattamenti e dispositivi, le persone con lesione del midollo spinale giocano a basket e vivono normalmente.

Oggi, i progressi nella ricerca sulle cellule staminali e la rigenerazione delle cellule nervose danno speranza per un maggior recupero per persone con lesioni del midollo spinale. Allo stesso tempo, i nuovi farmaci molto utili per le persone con lesioni del midollo spinale di lunga data. Nessuno sa quando  nuovi trattamenti saranno disponibili, ma fortunatamente la ricerca è in continuo sviluppo

Cura continua

Dopo la lesione iniziale o che la malattia si stabilizza, i medici rivolgono la loro attenzione alla prevenzione dei problemi secondari che potrebbero sorgere, come decondizionamento, contratture muscolari, ulcere da pressione, problemi intestinali e della vescica, infezioni respiratorie, e coaguli di sangue.

La lunghezza del ricovero dipende dalle condizioni. Una volta che il paziente può partecipare a terapie e trattamenti, è possibile trasferirlo in un centro di riabilitazione.

  • Riabilitazione. membri del team di riabilitazione iniziano a lavorare nelle prime fasi del miglioramento. La squadra può includere un fisioterapista, terapista occupazionale, infermiera esperta nella riabilitazione, psicologo, assistente sociale, dietista,  terapeuta e un medico specializzato in medicina fisica (fisiatra) o lesioni del midollo spinale.

Durante le fasi iniziali della riabilitazione, i terapisti di solito si concentrano sul mantenimento e il rafforzamento della funzione muscolare esistente, riqualificare le capacità motorie e l’apprendimento di tecniche adattive per svolgere compiti giorno per giorno.

  • Farmaci. farmaci possono essere utilizzati per gestire alcuni degli effetti delle lesioni del midollo spinale. Questi includono farmaci per controllare il dolore e la spasticità muscolare, così come farmaci che possono migliorare il controllo della vescica, controllo intestinale e il funzionamento sessuale.

Nuove tecnologie

Dispositivi medici possono aiutare le persone con lesione del midollo spinale a diventare più indipendenti e più mobili. Alcuni dispositivi possono inoltre ripristinare molte funzioni.

Questi includono:

  • Carrozzine moderne. Sedie a rotelle più leggere sono più confortevoli e aiutare a viaggiare su terreni accidentati senza aiuto.
  • Adeguamenti informatici. I computer possono essere strumenti molto potenti, ma sono difficili da gestire. Adeguamenti informatici vanno dal semplice al complesso, e tramite riconoscimento vocale o movimento oculare possono permettere alle persone di comunicare.
  • Dispositivi di stimolazione elettrica. Questi dispositivi sofisticati utilizzano la stimolazione elettrica per produrre azioni. Sono spesso chiamati dispositivi a stimolazione elettrica funzionale (FES), i sistemi, usano stimolatori elettrici per il controllo del braccio e della gamba, per permettere alle persone con lesione del midollo spinale di stare in piedi, camminare o afferrare.
  • Parti robotiche. Questa tecnologia emergente è utilizzata per la riqualificazione della capacità di camminare dopo una lesione del midollo spinale.

Prevenzione

Una vera e propria prevenzione non è sempre possibile quando si tratta di fatalità, tuttavia è possibile prevenire o ridurre il rischio di una lesione del midollo spinale:

  • Guidare in modo sicuro. Gli incidenti stradali sono una delle cause più comuni di lesioni del midollo spinale. Indossare la cintura di sicurezza ogni volta che si guida.
  • Controllare la profondità dell’acqua prima di immergersi. Per essere sicuri di non tuffarsi in acque poco profonde, non tuffarsi se non si è certi che l’acqua sia profonda
  • Prevenire le cadute.  Mettere tappetini antiscivolo su pavimenti nella vasca o doccia. Per i bambini piccoli, utilizzare cancelli di sicurezza per bloccare le scale e prendere in considerazione l’installazione di protezioni delle finestre.
  • Prendere precauzioni quando si pratica sport. Indossare sempre l’equipaggiamento di sicurezza consigliato.
  • Non bere e guidare. Non guidare in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti

Referenze »

Lesioni del midollo spinale: Speranza attraverso la ricerca. Istituto nazionale dei disordini neurologici e colpo. http://www.ninds.nih.gov/disorders/sci/detail_sci.htm. ACCEDE 28 giugno 2011.
Trauma spinale. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. http://www.merck.com/mmpe/print/sec21/ch311/ch311a.html. ACCEDE 28 giugno 2011.
Lesione del midollo. American Association of Neurological Surgeons. http://www.aans.org/Patient% 20Information/Fact% 20Sheets.aspx. ACCEDE 28 giugno 2011.
Hansebout RR, et al. Lesione del midollo spinale traumatica acuta. http://www.uptodate.com/home/index.html. ACCEDE 21 Giugno 2011.
Lesioni del midollo spinale (SCI): Suggerimenti per la prevenzione. Centri per il Controllo e la prevenzione delle malattie. http://www.cdc.gov/ncipc/factsheets/sciprevention.htm. ACCEDE 28 giugno 2011.
Spinale lesioni del midollo atti e figure a colpo d’occhio. Spinal Cord Injury Centro nazionale di statistica. www.nscisc.uab.edu / Public_content / pdf / Fatti% 202011% 20Feb% 20Final.pdf. ACCEDE 28 giugno 2011.
Revel SMH. Gruppi di sintomi di lesione traumatica del midollo spinale: una revisione della letteratura esplorativo. Journal of Neuroscience Nursing. 2011; 43:85.
Abrams GM, et al. Complicanze croniche della lesione del midollo spinale. http://www.uptodate.com/home/index.html. ACCEDE 21 Giugno 2011.
Fouad K, et al. Lesioni del midollo spinale e plasticità: opportunità e sfide. Cervello Research Bulletin. 2011; 84:337.
Van den Berg MEL, et al. La sopravvivenza dopo la lesione del midollo spinale: una revisione sistematica. Journal of Neurotrauma. 2010; 27:1517.
Marsh BC, et al. Movimento e riabilitazione dopo lesioni del midollo spinale: concetti emergenti e le direzioni future. Cervello Research Bulletin. 2011; 84:327.
A colpo d’occhio: Lesioni del midollo spinale. ThinkFirst Fondazione Nazionale di prevenzione degli infortuni. http://www.thinkfirst.org/About/Facts.asp. ACCEDE 1 luglio 2011.
Emken JL, et al. Fattibilità della formazione robotica dopo la lesione del midollo spinale. Operazioni su Ingegneria Biomedica. 2008; 55:322.

 

Link sponsorizzati