Colectomia : procedure e malattie


La colectomia è una procedura chirurgica per rimuovere tutto o parte del colon. Il colon, chiamato anche intestino crasso, è un lungo organo tubolare alla fine del  sistema digestivo. La colectomia può essere necessaria per curare o prevenire malattie e condizioni che colpiscono il colon.

Link sponsorizzati

Ci sono vari tipi di operazioni per eseguire la colectomia:

  • Colectomia totale comporta la rimozione dell’intero colon.
  • Colectomia parziale comporta la rimozione di parte del colon e può anche essere chiamata colectomia subtotale.
  • Emicolectomia, che comporta la rimozione della parte destra o sinistra del colon.
  • Proctocolectomia, che comporta la rimozione sia del colon che del retto.

La chirurgia per la colectomia di solito richiede altre procedure per ricollegare le restanti parti del sistema digestivo e permettere alle feci di lasciare il corpo.

Colectomia.jpg

La colectomia è usata per trattare e prevenire le malattie e condizioni che colpiscono il colon, come ad esempio:

  • Sanguinamento che non può essere controllato. Emorragie gravi dal colon possono richiedere un intervento chirurgico per rimuovere la porzione di colon con il problema.
  • Occlusione intestinale. Un colon bloccato è una emergenza che può richiedere colectomia totale o parziale, a seconda della situazione.
  • Il cancro del colon. Tumori nella fase iniziale possono richiedere che solo una piccola parte del colon debba essere rimossa durante la colectomia. Tumori in una fase successiva possono richiedere una colectomia di maggiore entità.
  • Malattia di Crohn. Se i farmaci non aiutano, rimuovere la parte di colon interessata dalla malattia può offrire sollievo temporaneo dai sintomi. La colectomia può anche essere un’opzione se cambiamenti precancerosi sono trovati durante un test per esaminare il colon (colonscopia).
  • Colite ulcerosa. Il medico può raccomandare la colectomia totale se i farmaci non stanno aiutando a controllare i segni ed i sintomi.
  • Diverticolite. Il medico può raccomandare un intervento chirurgico per rimuovere la parte interessata del colon se la diverticolite recidiva o se si verificano complicanze.
  • Chirurgia preventiva. Se si ha un rischio molto elevato di cancro al colon a causa della formazione di molteplici polipi precancerosi, si può scegliere di sottoporsi a colectomia totale per prevenire il cancro. La colectomia può essere un’opzione per le persone con malattie genetiche ereditarie che aumentano il rischio di cancro al colon, come la poliposi adenomatosa familiare o la sindrome di Lynch.

Discutere le opzioni di trattamento con il medico. In alcune situazioni, si può avere una scelta tra vari tipi di colectomia. Il medico può discutere i benefici ei rischi di ciascuna opzione.

Complicazioni

La colectomia comporta un rischio di gravi complicazioni. Il rischio di complicanze è basato sulla  salute generale, il tipo di colectomia e l’approccio che il chirurgo utilizza per eseguire l’operazione. In generale, le complicazioni possono includere:

  • Emorragia
  • Coaguli di sangue nelle gambe (trombosi venosa profonda) e nei polmoni (embolia polmonare)
  • Infezione
  • Lesioni agli organi vicini, come la vescica e l’intestino tenue
  • Lacerazioni nelle suture che ricollegano le parti restanti del sistema digestivo

Il paziente dopo la colectomia deve trascorrere del tempo in ospedale per consentire al sistema digestivo di guarire.  Il tempo di degenza in ospedale varia da un paio di giorni ad una settimana, a seconda della condizione.

Durante i giorni che precedono l’intervento chirurgico al colon, il medico può richiedere di:

  • Interrompere l’assunzione di alcuni farmaci. Alcuni farmaci possono aumentare il rischio di complicazioni durante l’intervento chirurgico.
  • Istruzioni specifiche. È possibile che venga richiesto di smettere di mangiare e bere parecchie ore prima della procedura.
  • Bere una soluzione che pulisce l’intestino. Il medico può prescrivere una soluzione lassativa che si mescolano con l’acqua. Si beve la soluzione per diverse ore, seguendo le indicazioni. La soluzione provoca diarrea per contribuire a svuotare il colon.
  • Prendere antibiotici. In alcuni casi, il medico può prescrivere antibiotici per sopprimere i batteri che si trovano naturalmente nel colon e per aiutare a prevenire l’infezione.

La preparazione per colectomia non è sempre possibile. Ad esempio, se si ha bisogno di una colectomia di emergenza a causa di ostruzione intestinale o perforazione intestinale, potrebbe non esserci tempo per prepararsi.

Il giorno dell’intervento, al paziente viene applicata una una canula venosa nel braccio e viene monitorato per i parametri vitali

Chirurgia

La procedura viene eseguita in sala operatoria in anestesia generale.

Il team chirurgico procede poi con la colectomia. La chirurgia del colon può essere eseguita in due modi:

  • Aperta. La chirurgia aperta consiste nel fare un’incisione nell’addome per accedere al colon. Il chirurgo utilizza strumenti chirurgici per liberare il colon dal tessuto circostante e ritaglia sia una porzione del colon o tutto il colon.
  • Colectomia laparoscopica. La colectomia laparoscopica, è minimamente invasiva. Il chirurgo passa una minuscola telecamera attraverso una incisione e inserisce strumenti chirurgici speciali attraverso le incisioni. Il chirurgo tramite uno schermo guida gli strumenti per liberare il colon dal tessuto circostante. Il colon viene poi portato fuori attraverso una piccola incisione nell’addome. Questo permette al chirurgo di operare su due punti al di fuori del tuo corpo. Una volta che la riparazioni del colon è fatta, il chirurgo reinserisce il colon attraverso l’incisione.

Il tipo di operazione al quale il paziente viene sottoposto dipende dalla situazione e dall’esperienza del chirurgo. La colectomia laparoscopica può ridurre il tempo di  recupero dopo l’intervento chirurgico. Ma non tutti sono candidati ideali per questa procedura. Inoltre, in alcune situazioni l’operazione può iniziare come colectomia laparoscopica, ma le circostanze possono costringere il team chirurgico a convertirla in colectomia aperta.

Una volta che il colon è stato riparato o rimosso, il chirurgo ricollega il sistema digestivo per consentire al corpo di espellere i rifiuti organici. Le opzioni possono includere:

  • Ricongiungere le restanti parti del colon. Il chirurgo può cucire le restanti parti del colon insieme, creando quella che viene chiamata anastomosi. Questo permette una espulsione normale delle feci
  • Collegamento dell’intestino tramite un’apertura creata nell’addome. Il chirurgo può allegare il colon (colostomia) o dell’intestino tenue (ileostomia) per un’apertura creata nel vostro addome. Questo permette rifiuti di lasciare il vostro corpo attraverso l’apertura (stoma). Si può indossare un sacchetto all’esterno dello stoma per raccogliere le feci. Questo può essere permanente o temporanea.
  • Collegamento del piccolo intestino. Dopo aver rimosso sia il colon che il retto (proctocolectomia), il chirurgo può utilizzare una parte del piccolo intestino per creare un sacchetto ovvero l’anastomosi ileoanale.

Il chirurgo deve comunque discutere con il paziente le varie opzioni di trtattamento

Dopo la colectomia

Dopo l’intervento chirurgico il paziente viene portato in sala risveglio in attesa che l’anestesia svanisca.

Può accadere che il paziente debba soggiornare in ospedale fino al completo ritrovamento della funzione intestinale. Questa operazione potrebbe richiedere un paio di giorni o una settimana. La dieta in un primo momento potrebbe essere fatta solo di cibi liquidi, e piano piano mentre l’intestino recupera effettuare un graduale passaggio ai cibi solidi

Se l’intervento ha comportato una colostomia o ileostomia per collegare l’intestino verso l’esterno dell’addome, un infermiere mostrerà come pulire e prendersi cura della ileostomia.

Una volta che il paziente lascia l’ospedale, deve comunque effettuare 2 o 3 settimane di riposo a casa. Tuttavia, il medico potrebbe suggerire tempi di recupero differenti a seconda dei casi.

Referenze »

Informazioni per il paziente per la resezione laparoscopica del colon da saggi. Society of American Gastrointestinal e Chirurgia endoscopica. http://www.sages.org/publication/id/PI09/. Letta 27 set 2012.
Townsend CM Jr., et al. Sabiston Textbook of Surgery: le basi biologiche della moderna pratica chirurgica. 19 ° ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2012. http://www.mdconsult.com/das/book/body/208746819-6/0/1565/0.html. Letta 27 set 2012.
La chirurgia per cancro colorettale. American Cancer Society. http://www.cancer.org/Cancer/ColonandRectumCancer/DetailedGuide/colorectal-cancer-treating-surgery. Letta 1 ottobre 2012.
Feldman M, et al. Sleisenger & gastrointestinali di Fordtran e malattie del fegato: Fisiopatologia, diagnosi, gestione. 9 ° ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2010. Letta 1 ottobre 2012.

 

Link sponsorizzati