Contrattura di Dupuytren


La contrattura di Dupuytren provoca l’ispessimento dei tessuti nel palmo. Se la malattia progredisce,le dita si piegano all’interno del palmo della mano. La causa non è nota. In molti casi la malattia rimane lieve e non richiede alcun trattamento. Se la condizione diventa più grave o la funzione della mano diventa compromessa potrebbero essere necessari vari trattamenti.

Link sponsorizzati

Sintomi e segni clinici

La contrattura di Dupuytren è una malattia delle mani e delle dita. A volte viene chiamata malattia di Dupuytren, perché non tutti i pazienti con questa condizione sviluppano contratture.

All’inizio, si presenta un ispessimento di alcuni tessuti sotto la pelle del palmo della mano. Se la malattia progredisce possono svilupparsi contrattura ad uno o più dita. Quando si ha una contrattura, il dito colpito curva verso il palmo e non si può raddrizzare pienamente. In genere, è l’anulare quello colpito per primo. Poi il mignolo, e il dito medio. Tuttavia, la progressione della malattia spesso richiede mesi o anni.

La contrattura di Dupuytren di solito non è dolorosa. Il problema principale è che se uno o più contratture si sviluppano, non è possibile utilizzare le dita colpite correttamente. L’entità di una contrattura varia da lieve a grave. Comunemente, colpisce entrambe le mani.

malattia di Dupuytren.jpg

Alcune persone con contrattura di Dupuytren presentano zone di pelle ispessita  in altre parti del corpo. Ad esempio, un ispessimento sulle nocche, sulle piante dei piedi, o sul pene.

Cause

Il tessuto connettivo nel palmo della mano diventa spesso e anormale. Questo forma bande di tessuto spesso che, quando la condizione peggiora tirano le dita verso il palmo. Il tessuto anormale che si forma è simile al tessuto cicatriziale che si forma a seguito di una ferita.

Il motivo per cui questo tessuto si ispessisce non è noto. Tuttavia, sembra che ci sia una componente genetica. E’ più comune nelle persone con diabete, epilessia e dipendenza da alcol, ma la maggior parte delle persone con contrattura di Dupuytren non hanno alcuna di queste condizioni. In alcuni casi si ritiene che un infortunio alla mano possa attivare la condizione in persone geneticamente inclini alla malattia.

Tuttavia, nella maggior parte delle persone con contrattura di Dupuytren, non vi è alcuna causa nota.

La contrattura di Dupuytren fu scoperta dal barone Dupuytren che descrisse la condizione nel 1831. Nella maggior parte dei casi si verifica in persone di mezza età o più anziane, ma a volte si sviluppa in giovani adulti. È più comune negli uomini che nelle donne, ed è più frequente  nelle persone di discendenza europea.

Trattamenti e cure

Il trattamento è necessario solo se la normale funzione della mano è compromessa o rischia di diventarlo.

Molte persone con contrattura di Dupuytren non hanno bisogno di alcun trattamento. In molti casi la condizione rimane mite e provoca poca interferenza con l’uso della mano. Ci può essere solo il tessuto ispessito, o tessuto ispessito con una contrattura lieve. In queste situazioni nessun trattamento di solito è consigliato. Inoltre, in circa 1 su 10 casi, la condizione migliora senza alcun trattamento. Tuttavia, in alcuni casi, la condizione tende a peggiorare nel tempo. La necessità di trattamento può essere rivista di volta in volta.

Come regola generale, il medico di famiglia farà riferimento ad uno specialista della mano per la valutazione. Lo specialista può prendere in considerazione le opzioni chirurgiche per il trattamento. Gli scopi del trattamento sono, ripristinare la funzione della mano e prevenire la progressione della malattia.

Opzioni di trattamento non chirurgico

Splintaggio, stretching e iniezioni di steroidi locali non sono raccomandate.

Radioterapia

La radioterapia per la contrattura di Dupuytren consiste nell’esporre a diverse basse dosi di raggi X per la mano colpita. La teoria è che questo possa ammorbidire il tessuto anormale, e quindi arrestare o rallentare la progressione della malattia. Vi è una certa incertezza su quanto bene funzioni questo trattamento. Tuttavia, alcuni studi suggeriscono che c’è una possibilità ragionevole che questo trattamento possa funzionare. Alcune persone sviluppano effetti collaterali in seguito al trattamento, come la pelle secca sulle mani. Inoltre, come con qualsiasi tipo di radioterapia, vi è un rischio teorico che il cancro possa svilupparsi nel tessuto trattato a lungo termine (anche se questo è molto improbabile). Il medico consiglierà le migliori opzioni di trattamento a seconda dei casi.

Trattamenti chirurgici per la contrattura di Dupuytren

Come regola generale, uno specialista può consigliare un trattamento per raddrizzare il dito colpito se:

  • C’è una contrattura di 30-40 ° o più alla giunzione tra il palmo e un dito ( metacarpofalangea (MCP) comune).
  • C’è una contrattura di 10-20 ° o più tra di una delle piccole articolazioni in un dito.

Esistono 2 principali tipi di intervento chirurgico:

Fasciotomia aperta

Fasciotomia significa semplicemente tagliare il tessuto ispessito. Fasciotomia aperta significa che per arrivare al tessuto ispessito, la pelle sovrastante viene aperta. Questo permette al chirurgo di vedere il tessuto ispessito, e reciderlo. La pelle viene poi suturata. Si tratta di una procedura relativamente facile che può essere fatta in anestesia locale.

Fasciotomia percutanea

Quello che succede in questo intervento, è che lo specialista spinge un ago sottile attraverso la pelle sopra la contrattura. Utilizza poi l’ago per tagliare il tessuto ispessito sotto la pelle. La procedura viene eseguita in anestesia locale e può essere realizzata in un ambulatorio.

La fasciotomia percutanea ha ricevuto un bel po’ fama, in quanto è breve, e poco invasiva. Tuttavia, non è sempre adatta. Questo perché:

  • È pricipalmente adatto dove la contrattura non interessa nervi importanti nella mano.
  • Tende a non essere adatta per contratture gravi.
  • Esiste una buona probabilità che non vi sarà beneficio a lungo termine. La contrattura ritorna in circa la metà dei casi entro 3-5 anni seguendo questa procedura.
  • IL medico rischia di creare danno a tendini vicini, vasi sanguigni e nervi, che possono causare problemi a lungo termine.

La Fasciotomia percutanea tende ad essere particolarmente adatta per i pazienti anziani che sono inadatti per la chirurgia più invasiva.

E bene ricordare, che tutte le operazioni (procedure chirurgiche) comportano un rischio, più o meno grave.

Referenze »

Fasciotomia percutanea per la contrattura di Dupuytren http://www.nice.org.uk/guidance/index.jsp?action=byID&r=true&o=11116
La radioterapia per la malattia di Dupuytren http://guidance.nice.org.uk/IPG368
La malattia di Dupuytren http://cks.nice.org.uk/dupuytrens-disease

Link sponsorizzati