Paura del dentista : rimedi e sedazione


I dentisti ( non tutti purtroppo) si sono resi conto del numero crescente di pazienti che hanno paura dei trattamenti odontoiatrici ( odontofobia), e hanno iniziato a specializzarsi nelle particolari esigenze di questo gruppo di pazienti. Da molti anni ormai, i medici più preparati e attenti, offrono metodi di trattamento speciali per i pazienti ansiosi, che hanno successo anche nelle persone più difficili da trattare.

Riconoscimento dei pazienti con paura del dentista

Il numero stimato di casi odontofobia è relativamente alto. Naturalmente, i pazienti non vogliono essere visti come codardi, perché si vergognano o non vogliono ammettere le proprie paure anche a se stessi. Questo lascia il dentista con il compito non sempre facile di riconoscere questi pazienti idealmente al momento del primo esame.

Link sponsorizzati

Ecco alcune linee guida su come identificare i pazienti con  paura del dentista:

  • Dialogo paziente: Un dentista esperto spesso può scoprire durante la prima discussione  se c’è un problema con l’ansia.
  • Comportamento durante il trattamento: In alcuni casi la fobia si sviluppa molto lentamente e quindi non viene rilevata per lungo tempo -anche dal paziente. Tuttavia, ci sono alcuni indizi che un dentista esperto è capace di identificare. Si inizia con la posizione del paziente sulla poltrona del dentista, la postura, ed eventualmente i movimenti di mani e piedi. La richiesta del paziente di frequente risciacquo  per interrompere il trattamento, può anche essere un segnale, così come un esagerato riflesso faringeo,deglutizione. Inoltre, forte sudorazione sulla fronte è un segno sicuro che il paziente non si sente bene. È importante riconoscere questi sintomi presto, in modo che il paziente con l’ansia possa essere trattato adeguatamente.

 

Paura del dentista,rimedi e sedazione.jpeg

Trattamento psicologico dei pazienti con ansia

Se è solo una questione di trattare una fobia, in questo caso una fobia dentale, questa dovrebbe essere principalmente il compito di uno psicologo, psicoterapeuta o psichiatra. Ci sono diversi schemi terapeutici che vanno da un approccio basato sulla psicoanalisi alla terapia conflittuale che portano alla terapia cognitiva. In singoli casi, i farmaci anti-ansia possono essere utilizzati terapeuticamente. Terapisti esperti possono fare riferimento ad alti tassi di successo con questi metodi. Tuttavia, nel trattamento delle pratiche odontoiatriche sono comprensibilmente meno sensate le procedure basate solamente sull’azione psicologica. Ma in casi particolarmente gravi di fobia dentale, uno psicoterapeuta esperto può essere consultato proprio per agevolare le cure odontoiatriche.

Cure dentarie di pazienti con paura del dentista

Quando si trattano pazienti con fobia dentale, si dovrebbero raggiungere due obiettivi:

1. Il modo migliore di condurre il trattamento, senza angoscia e senza stress.

2. Risolvere la paura del dentista del paziente e permanentemente eliminarla.

Strategie vincenti

Al fine di raggiungere questi obiettivi, si dovrebbero seguire dei passi consecutivi riassunti nei sui seguenti punti:

  • Costruzione della fiducia
  • Fornire una atmosfera rilassante
  • Fare in modo che il trattamento sia delicato e senza stress
  • Interagire con il paziente

Costruire la fiducia

Molti pazienti odontofobici riferiscono di essere stati traumatizzati in passato da un dentista in cui avevano fiducia. Questo incidente potrebbe essere avvenuta molti anni fa, per esempio da parte di un dentista poco accorto. Inoltre, la promessa facilmente proposta dal dentista “di sicuro non farà male”, che poi non mantenuta, può facilmente compromettere la fiducia del paziente ed essere traumatizzante.

Ciò conferma che il trattamento odontoiatrico dei pazienti con ansia può avere successo soltanto se il paziente si può fidare assolutamente del suo dentista. Il paziente ansioso si aspetta non solo il lavoro dentale perfetto, ma anche dettagli chiari e affidabili circa il trattamento, così come l’attenzione, pazienza e comprensione per le sue paure. Cosa che spesso non avviene.

Queste esigenze possono essere una vera sfida per il dentista. Oltre alla pazienza e formazione psicologica, una grande quantità di empatia è necessaria per comprendere le paure del paziente e poi cercare la sua fiducia.

Creare la giusta atmosfera

Per il paziente  con odontofobia, la pratica dentale è un carico di tutte le esperienze fatte in passato. Questo condizionamento negativo del paziente incline a stimoli chiave deve essere ridotto al minimo con misure adeguate.

In teoria, questo dovrebbe  essere proprio parte dell’arredamento dello studio, ma  non sempre è possibile

Altro aspetto veramente inquietante per il paziente in attesa, sono i rumori  tipo trapano, aspirazione, e gli odori tipici (disinfettanti, ecc), anche questo dovrebbe certamente essere evitato.

Pertanto, lunghi tempi di attesa promuovono solo l’ansia e devono essere evitati quando possibile. L’area di attesa dovrebbe offrire diversi materiali di lettura e distrazione per i pazienti.

Il trattamento senza stress

Un trattamento delicato e indolore dovrebbe essere effettivamente parte dei corsi di formazione fin dalle università, e non solo per i pazienti con ansia. Ormai, l’efficacia degli anestetici locali è stata perfezionata al punto, che non solo i trattamenti dentali, ma anche importanti interventi possono essere condotti interamente senza dolore.

Pertanto, il timore che la anestesia non possa avere un effetto è infondata. Ovviamente a patto che sia iniettata correttamente.

A causa del fatto che molti pazienti odontofobici soffrono di  paura delle iniezioni, la somministrazione dell’anestesia deve essere effettuata con particolare cura. Le procedure seguenti hanno dimostrato di essere efficaci nel minimizzare il dolore da puntura:

  • Paralizzante la zona dodve si farà l’iniezione con una crema anestetizzante o ghiaccio spray
  • Utilizzare aghi particolarmente sottili
  • Anestesia intra-legamentosa: Qui la gengiva non viene forata, ma l’anestetico viene canalizzato direttamente nell’osso attraverso la radice del dente. L’anestesia intra-legamentosa praticamente non fa male. Essa agisce immediatamente e evita la sgradevole sensazione di intorpidimento delle labbra e della lingua, che a volte può durare per ore con i normali anestetici locali.
  • Anestesia locale tramite computer: La maggior parte del tempo, il dolore durante l’iniezione non arriva dalla puntura, ma dalla pressione con cui l’anestetico viene iniettato nel tessuto. Vi è ora un computer per anestesia disponibile. Si tratta,  di una bacchetta che controlla elettronicamente la pressione per l’iniezione in modo da consentire un’iniezione assolutamente indolore.

Naturalmente, un trattamento delicato e senza stress richiede personale addestratoe preparato. Molti pazienti ansiosi apprezzano gli auricolari per filtrare i rumori di perforazione disagio durante il trattamento e la riproduzione di musica rilassante.

Tuttavia, tutte queste precauzioni non sono abbastanza per la maggior parte dei pazienti odontofobici. Tuttavia,la sedazione (calmante) con gas esilarante o sedativi sono spesso considerati integrazione ideale per le misure sopra menzionate.

L’esame iniziale

Molti pazienti odontofobici hanno spesso denti rovinati o gengive con problemi,questo perchè evitano i trattamenti dentistici. Pertanto, un esame approfondito è necessario, ma non si dovrebbe mai mettere più attenzione del necessario sul paziente ansioso.

Molti odontoiatri, durante la prima visita fanno provare il gas esilarante ai pazienti ansiosi durante la loro prima visita. I vantaggi di questo metodo altamente efficace sono meravigliosi. Il protossido di azoto (gas esilarante) non solo fornisce un’atmosfera rilassata ma allevia il paziente dalla sua ansia per le prossime sessioni di trattamento.

Sedazione per inalazione con protossido di azoto (gas esilarante)

Un paziente con fobia dentale viene trattato con protossido d’azoto nel seguente modo: Si inala una miscela di ossido di azoto e ossigeno attraverso una maschera nasale. Attraverso auricolari, anche se facoltativo, si isola il paziente dai rumori del trattamento. Dopo i primi respiri, una leggera sensazione di formicolio alle mani e ai piedi indica l’inizio dell’effetto del gas esilarante. Poi, la paura è sostituita da una confortante sensazione di calore e sicurezza. Il paziente è in una sorta di condizione di trance, lontano dall’attività del trattamento. Il paziente sperimenta pensieri piacevoli e il tempo sembra volare. Allo stesso tempo, la sensibilità al dolore e riflessi sgradevoli come conati di vomito e deglutizione vengono notevolmente ridotti.

Il gas esilarante (protossido di azoto, chimicamente N2O) è  utilizzato da oltre 150 anni, ed è il più antico e ricercato gas anestetico. Horace Wells ( ritenuto l’inventore dell’anestesia) nel 1844 evidenziò gli effetti narcotici del gas incolore, dall’odore leggermente dolce. In un primo momento, il gas esilarante è stato utilizzato puro, senza aggiunta di ossigeno, ma questo ha portato ad una perdita di coscienza transitoria del paziente, e a volte  incontrollabili attacchi di risate, da cui deriva il suo nome.

Oggi il flusso di gas e la concentrazione di gas esilarante (miscela di ossido di ossigeno / azoto) sono progressivamente variabili. Questo è importante perché la sensibilità al gas può essere molto diversa da una persona all’altra. Vi è un rapporto di miscela ottimale per ogni paziente, che è determinata in anticipo.

Il protossido di azoto è somministrato solo in combinazione con l’ossigeno, dove la percentuale di ossigeno è almeno 30%. Effetti collaterali negativi o potenzialmente dannosi, come la perdita di coscienza, sono quindi impediti in modo sicuro. Il gas raggiunge il flusso sanguigno dai polmoni e si lega transitoriamente a determinati recettori cerebrali. Nel cervello si svolge la sua azione, che si caratterizza per i seguenti tre diversi effetti:

  • Analgesia: Il trattamento con ossido nitroso sposta notevolmente la soglia del dolore ad un livello superiore. Ad esempio, l’iniezione locale dell’anestesia dentale, che altrimenti è spesso sperimentata come molto scomoda, può essere somministrata senza dolore per il paziente. Ovviamente, l’anestesia locale viene somministrata ugualmente per garantire cure al 100% indolore.
  • Ansiolisi: Nella maggior parte dei pazienti odontofobici, la sedazione con protossido di azoto ha un marcato effetto ansiolitico. Questo rende anche trattamenti lunghi facili da sopportare. Poiché il gas esilarante attiva piacevoli pensieri e fantasie, il tempo di trattamento effettivo è soggettivamente sentito come molto più breve di quello che effettivamente è.
  • L’inibizione dei conati: Un problema frequente per il trattamento dentale è l’impulso ad avere conati, in particolare nei casi di fobia dentale. Durante la sedazione con gas esilarante questo riflesso è fortemente ridotto. Anche le procedure cruciali, per esempio impronte dentarie o immagini radiografiche catturate nella zona posteriore della bocca, sono possibili senza problemi. In casi molto gravi, il trattamento può anche essere combinato con un antiemetico.

Per oltre 150 anni, il protossido di azoto è stato somministrato con successo in odontoiatria. In passato, quando l’anestesia locale non era disponibile, l’effetto di questo gas è stato di grande importanza. Negli Stati Uniti, oltre il 50% dei dentisti usano gas esilarante, così come negli altri paesi anglosassoni e in Scandinavia. Negli ultimi decenni, tuttavia, il protossido di azoto  è stato quasi dimenticato in molti paesi europei, ma ha subito una notevole rinascita negli ultimi anni.

Il protossido d’azoto non solo è somministrato a pazienti con dentofobia, ma a causa del suo effetto gradevole è anche apprezzato dai pazienti, non necessariamente considerati ansiosi. Inoltre, in odontoiatria pediatrica, la sedazione con protossido di azoto è un valido aiuto nel trattamento di bambini ansiosi o non cooperativi. Tuttavia, il trattamento non è adatto per i  bambini piccoli di età inferiore ai 6 anni, o persone che non possono respirare attraverso il naso.

I vantaggi del protossido di azoto

Il grande vantaggio della sedazione con protossido di azoto è il controllo ottimale della procedura. L’ansia si riduce subito dopo le prime inalazioni e il grado di sedazione può essere influenzata variando il rapporto azoto / ossigeno della miscela. Alla fine del trattamento, la somministrazione di protossido di azoto è inibita, e il paziente inala ossigeno puro per qualche istante.

Poiché il protosido di azoto non può essere metabolizzato, il gas viene espirato entro un periodo di tempo molto breve e viene completamente rimosso dal corpo. A differenza di tutti gli altri metodi di sedazione, il paziente può lasciare da solo lo studio dentistico senza accompagnatori . Negli Stati Uniti, che è noto per la sua legislazione sulla responsabilità molto severa, al paziente è permesso di andare a casa in auto dopo un periodo di attesa di 15 minuti.

Un altro vantaggio decisivo è la sicurezza della procedura . Se usato correttamente, il protossido di azoto  non ha praticamente effetti collaterali,fatta eccezione per la nausea a volte sperimentata. Il gas esilarante è stato utilizzato per scopi medici per oltre 150 anni e quindi è il metodo più ricercato di sedazione. Concludendo, il protossido di azoto per inalazione è visto come la più sicura forma di sedazione in odontoiatria.

Come per ogni farmaco, ci sono alcune, anche se poche, controindicazioni. Queste sono le condizioni in cui non deve essere utilizzato:

  • Gravidanza: soprattutto non durante i primi tre mesi
  • Broncopneumopatia cronica ostruttiva grave (BPCO)
  • Carenza di vitamina B12
  • Impossibilità di respirare con il naso

Tuttavia, nei pazienti estremamente claustrofobici, la maschera nasale e intollerabile.

Protossido di azoto come terapia

In termini etici, se si  mira a ridurre permanentemente la paura del dentista, il protossido di azoto è un aiuto ottimale. I pazienti percepiscono il trattamento senza paura e sono rilassati, ma ancora pienamente coscienti. Questo è molto importante dal punto di vista terapeutico. Dopo aver condotto con successo l’esame iniziale, il timore del paziente è già ridotto, in modo che il trattamento può essere iniziato. Poi, dopo il trattamento completo con protossido di azoto, il paziente sa che le opere di sedazione lo aiutano a superare la sua fobia. Ciò significa che il ciclo vizioso “paura della paura” è rotto. Molti pazienti con il tempo decidono spontaneamente di interrompere la sedazione e di sottoporsi ai trattamenti senza paura e senza sedazione.Quando viene raggiunto questo stadio, la battaglia contro la fobia dentale è vinta, e il paziente può essere trattato in un modo del tutto normale e senza alcun tipo di sedazione.

Come mai alcuni dentisti non lo utilizzano? Questo andrebbe chiesto direttamente a loro.

Referenze »

Effetti del protossido di azoto in combinazione con la terapia cognitivo comportamentale http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12790506
Benefici del protossido di azoto in pazienti con fobia del dentista http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9779079

Link sponsorizzati