Stimolazione del nervo vago


La stimolazione del nervo vago è una procedura che stimola il nervo vago con impulsi elettrici. Questa stimolazione può essere utilizzata per il trattamento dell’epilessia quando altri trattamenti non hanno funzionato. La stimolazione del nervo vago è anche un trattamento per la depressione, ed è in fase di studio per le condizioni come la sclerosi multipla, l’emicrania e la malattia di Alzheimer.

Link sponsorizzati

Esiste un nervo vago su ciascun lato del corpo, che va dal tronco encefalico attraverso il collo, torace e all’addome.

Con la stimolazione del nervo vago, un dispositivo viene impiantato chirurgicamente sotto la pelle sul petto. Un filo è impiantato sotto la pelle per collegare il dispositivo al nervo vago di sinistra. Quando viene attivato, il dispositivo invia i segnali elettrici lungo il nervo vago al tronco encefalico, che invia segnali ad alcune aree nel cervello.

Perché viene fatto?

Molte persone con l’epilessia che non rispondono ai farmaci. La stimolazione del nervo vago può essere un’opzione per ridurre la frequenza delle crisi epilettiche in persone che non hanno giovamento dai farmaci.

La stimolazione del nervo vago può anche essere utile per le persone che non hanno benefici dai trattamenti della depressione standard, come i farmaci antidepressivi e consulenza psicologica (psicoterapia).

La Food and Drug Administration (FDA) ha approvato la stimolazione del nervo vago per le persone che:

  • Hanno almeno 12 anni
  • Soffrono di epilessia
  • Hanno crisi epilettiche che non sono ben controllate con i farmaci

Inoltre, la FDA ha approvato stimolazione del nervo vago per il trattamento della depressione in adulti che:

  • Hanno una depressione resistente al trattamento
  • Non sono migliorate dopo aver provato quattro o più farmaci o terapia elettroconvulsiva (ECT)

 

Stimolazione del nervo vago.jpeg

Rischi

Per la maggior parte delle persone, la stimolazione del nervo vago è sicura. Tuttavia, esistono alcuni rischi, sia dalla chirurgia per impiantare il dispositivo che dalla stimolazione del cervello.

Complicazioni chirurgiche con la stimolazione del nervo vago sono rare e sono simili ai pericoli di tutti i tipi di chirurgia. Esse includono:

  • Il dolore in cui si effettua il taglio (incisione) per impiantare il dispositivo
  • Infezioni
  • Cicatrici troppo evidenti
  • Difficoltà di deglutizione
  • Paralisi delle corde vocali, che di solito è temporanea, ma può essere permanente

Effetti collaterali dopo l’intervento chirurgico

Alcuni degli effetti collaterali associati con la stimolazione del nervo vago possono includere:

  • Voce che cambia
  • Raucedine
  • Mal di gola
  • Tosse
  • Mal di testa
  • Dolore toracico
  • Problemi respiratori, specialmente durante l’esercizio fisico
  • Difficoltà di deglutizione
  • Dolori addominali o nausea
  • Formicolio

Per molte persone, gli effetti collaterali sono tollerabili. Essi possono diminuire nel corso del tempo, ma alcuni effetti collaterali possono essere fastidiosi. Regolare gli impulsi elettrici può aiutare a minimizzare questi effetti. Se gli effetti collaterali sono intollerabili, il dispositivo può essere spento.

Come ci si prepara

E’ importante considerare attentamente i pro ei contro di stimolazione del nervo vago prima di decidere di sottoporsi a tale procedura.

Prima di un intervento chirurgico, il medico farà un esame fisico. Nel 100 % dei casi ci sarà bisogno di esami del sangue o altri test per assicurarsi che non si dispone di eventuali problemi di salute che potrebbero essere un problema. Potrebbe essere necessario interrompere l’assunzione di alcuni farmaci prima del tempo, e il medico può chiedere di non mangiare la sera prima della procedura.

Durante l’intervento

La  chirurgia per impiantare il dispositivo di stimolazione del nervo vago è effettuata sia a livello ambulatoriale, che permette di andare a casa il giorno stesso, o in regime di ricovero, che richiede un pernottamento in ospedale.

L’intervento richiede solitamente una o due ore. Si può effettuare in anestesia locale, o in anestesia generale.

L’intervento consiste in  due incisioni una sul petto e l’altra sul lato sinistro del collo. Il generatore di impulsi è impiantato nella parte superiore sinistra del petto. Il dispositivo è destinato a essere una protesi permanente, ma può essere rimossa se necessario.

Il generatore di impulsi è delle dimensioni di un cronometro e funziona a batteria. Un filo conduttore è collegato al generatore di impulsi. Il filo conduttore è guidato sotto la pelle dal petto fino al collo, dove è attaccato al nervo vago di sinistra attraverso una seconda incisione.

Dopo la procedura

Il generatore di impulsi viene acceso un paio di settimane dopo l’intervento chirurgico.

La stimolazione del nervo vago di solito inizia a un livello basso ed è aumentata gradualmente, in base ai sintomi e gli effetti collaterali.

Spesso la stimolazione è programmata per attivare e disattivare cicli specifici. Si può avere qualche sensazione di formicolio o lieve dolore al collo quando la stimolazione del nervo è attiva.

Lo stimolatore non rileva attività convulsive o di sintomi di depressione. Quando è acceso, lo stimolatore si accende e si spegne ad intervalli selezionati dal medico.

Verrà dato un dispositivo magnetico in modo da poter controllare la stimolazione. Questo permette di disattivare temporaneamente la stimolazione del nervo vago, che può essere necessaria quando si fanno certe attività, come parlare in pubblico, cantare o quando si sta mangiando se sono presenti problemi di deglutizione.

Per problemi di sicurezza, la risonanza (risonanza magnetica) è in genere limitata se si dispone di uno stimolatore del nervo vago. In generale, risonanza magnetica della testa può essere fatta se si utilizza il giusto tipo di macchina.

Risultati

La stimolazione del nervo vago non è una cura per l’epilessia. La maggior parte delle persone con epilessia non smetteranno di avere degli attacchi al 100%. Ma molte persone hanno un minor numero di attacchi, e si parla dal 30 al 50 per cento in meno. Anche l’intensità delle crisi può diminuire.

Possono essere necessari fino a due anni di stimolazione del nervo vago prima di notare una significativa riduzione del numero degli attacchi.  Le persone che hanno avuto la stimolazione del nervo vago per il trattamento dell’epilessia hanno generalmente una migliore qualità della vita.

I risultati dello studio sono ancora poco lineari sulla depressione. E può richiedere diversi mesi di trattamento prima di notare qualche miglioramento dai sintomi della depressione.

Inoltre, la stimolazione del nervo vago non funziona per tutti

Tutti gli studi fatti in altre condizioni con la stimolazione del nervo vago, come il morbo di Alzheimer, l’emicrania e la sclerosi multipla, sono stati troppo brevi o circoscritti per trarre conclusioni definitive su quanto bene questo trattamento potrebbe funzionare per questi problemi. Sono necessarie ulteriori ricerche.

Referenze »

Beekwilder JP, et al. Panoramica delle applicazioni cliniche della stimolazione del nervo vago. Giornale di Neurofisiologia Clinica. 2010; 27:130.
Krahl SE. Stimolazione del nervo vago per l’epilessia: Una revisione dei meccanismi periferici. Surgical Neurology internazionale. 2012; 3 (Suppl 1): S47.
Chengyuan Wu, et al. Neurostimolazione per il trattamento della epilessia: Una rassegna di interventi chirurgici attuali. Neuromodulazione. In corso di stampa. Consultato
VNS Therapy System – P970003s050. US Food and Drug Administration. Consultato il 23 OTTOBRE 2012.
Stimolazione del nervo vago. Associazione americana dei Neurochirurghi. Consultato il 23 OTTOBRE 2012.
Martin JLR, et al. Revisione sistematica ed una meta-analisi di stimolazione del nervo vago nel trattamento della depressione: risultati variabili basati su disegni di studio. Psichiatria europeo 2012; 27:147.

Link sponsorizzati