Galattorrea : cause, sintomi e cure


La galattorrea è una secrezione dal capezzolo lattiginosa estranea alla normale produzione di latte nell’allattamento. La galattorrea non è una malattia, ma potrebbe essere un segno di un problema di fondo. Di solito si verifica nelle donne, anche in coloro che non hanno mai avuto figli o dopo la menopausa. Ma la galattorrea colpisce anche uomini e neonati.

Link sponsorizzati

Stimolazione del seno, eccessivi effetti collaterali dei farmaci o disturbi della ghiandola pituitaria possono contribuire alla galattorrea. Spesso, la galattorrea è data da un aumento dei livelli di prolattina, l’ormone che stimola la produzione di latte.

Talvolta, la causa di galattorrea non può essere determinata. La condizione spesso si rivolve da sola.

Sintomi

Segni e sintomi associati con la galattorrea includono:

  • Secrezione dal capezzolo lattea persistente o intermittente che non ha alcuna traccia di sangue
  • Secrezione dal capezzolo che coinvolge più dotti del latte
  • Secrezione dal capezzolo spontanea o tramite spremitura manuale
  • Uno o entrambi i seni colpiti
  • Mestruazioni assenti o irregolari
  • Mal di testa o problemi della vista

Se si dispone di una secrezione persistente dal capezzolo di uno o entrambi i seni e non si è in gravidanza o in allattamento, prendere un appuntamento con il medico.

Se la stimolazione eccessiva del seno  scatena la secrezione dal capezzolo da più canali, c’è poco da preoccuparsi. La secrezione comunque in molti casa non segnala il cancro al seno, ma si dovrebbe comunque vedere un medico per effettuare una valutazione.

galattorrea.jpg

Cause

La galattorrea spesso deriva da un eccesso di prolattina, l’ormone responsabile della produzione di latte quando si ha un bambino. La prolattina è un prodotto dalla ghiandola pituitaria, una ghiandola alla base del cervello che secerne e regola diversi ormoni.

Possibili cause di galattorrea includono:

  • Farmaci, come alcuni sedativi, antidepressivi, antipsicotici e farmaci per l’alta pressione sanguigna
  • Cocaina o oppiacei
  • Integratori a base di erbe, come il finocchio, anice o semi di fieno greco
  • La pillola anticoncezionale
  • Tumore ipofisario (prolattinoma) o altri disturbi della ghiandola pituitaria
  • Tiroide (ipotiroidismo)
  • La malattia renale cronica
  • Eccessiva stimolazione del seno, che può essere associata con frequente auto-esame del seno, una eruzione cutanea sul petto o un prolungato attrito dato dall’abbigliamento
  • Danno ai nervi nella parete toracica a causa di un intervento chirurgico al torace, ustioni o altre lesioni al torace
  • Chirurgia del midollo spinale, lesioni o tumori

Idiopatica

A volte i medici non riescono a trovare una causa di fondo, in questo caso,  la galattorrea è detta idiopatica.

Galattorrea negli uomini

Nei maschi, la galattorrea può essere associata a carenza di testosterone (ipogonadismo maschile) e di solito si verifica con la ginecomastia. Anche la disfunzione erettile e la mancanza del desiderio sono associati con un deficit di testosterone.

Galattorrea nei neonati

La galattorrea, a volte si verifica nei neonati. Alti livelli di estrogeni materni attraversano la placenta e arrivano nel sangue del bambino. Ciò può causare appunto la galattorrea dei neonati.

Diagnosi

Trovare la causa di fondo della galattorrea può essere un compito complesso, tuttavia i medici seguono un iter ben preciso.

  • Un esame fisico, durante il quale il medico può tentare di spremere il liquido dal capezzolo spremendo delicatamente o premendo l’area intorno al capezzolo. Il medico può anche verificare la presenza di noduli al seno o altre aree sospette nel tessuto mammario denso.
  • Analisi del liquido secreto dal capezzolo, per vedere se goccioline di grasso sono presenti nel fluido, questo può aiutare a confermare la diagnosi di galattorrea.
  • Un esame del sangue, per verificare la quantità di prolattina nel sangue. Se il livello di prolattina è elevato, il medico potrebbe anche controllare il livello dell’ormone stimolante la tiroide (TSH).
  • Un test di gravidanza, per escludere o confermare una gravidanza come una possibile causa della secrezione dal capezzolo.
  • Mammografia, ecografia o entrambe, per generare le immagini del tessuto del seno, se il medico trova un tessuto mammario sospetto nodulo o altro durante l’esame fisico.
  • La risonanza magnetica (MRI) per verificare la presenza di un tumore o di altre anomalie della ghiandola pituitaria, se il test del sangue rivela elevati livelli di prolattina.
  • Se il medico sospetta che un farmaco può essere la causa di galattorrea, potrebbe consigliare di interrompere l’assunzione del farmaco per un breve periodo di tempo per valutare la possibile causa.

Trattamenti e cure

Quando necessario, il trattamento si concentra sulla risoluzione della causa di fondo della galattorrea.

A volte i medici non sono in grado di determinare una causa precisa di galattorrea. Il medico può consigliare il trattamento in ogni caso. In questi casi, potrebbe essere dato un farmaco per bloccare gli effetti della prolattina o per abbassare la quantità di prolattina nel corpo. Ridurre i livelli di prolattina può eliminare la galattorrea.

 

Causa base della galattorrea Trattamento possibile
L’uso di farmaci Interrompere l’assunzione di farmaci, cambiare la dose o passare ad un altro farmaco. Apportare modifiche farmaci solo se il medico dice che è possibile.
Ghiandola tiroide (ipotiroidismo) Prendere un farmaco, come levotiroxina, per contrastare la produzione di ormoni insufficienti dalla tiroide (terapia sostitutiva con ormoni tiroidei).
Tumore ipofisario (prolattinoma) Usare un farmaco per ridurre il tumore o  un intervento chirurgico per rimuoverlo.
Causa sconosciuta Provare un farmaco per abbassare il livello di prolattina, come bromocriptina (Parlodel) o cabergolina, e ridurre al minimo o eliminare la secrezione dal capezzolo. Gli effetti collaterali di questi farmaci sono comunemente nausea, vertigini e mal di testa.

Consigli

Spesso, la secrezione associata con la galattorrea idiopatica si risolve da sola, in particolare questo avviene se si può evitare la stimolazione del seno o altre  potenziali cause

Per ridurre al minimo la stimolazione del seno:

  • Non toccare i capezzoli
  • Evitare di eseguire auto-esami del seno più di una volta al mese
  • Indossare indumenti che riducono al minimo l’attrito con il tessuto

Referenze »

Lentz GM, et al. Ginecologia completo. 6 ° ed. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier; 2012. Consultato il 2 gennaio 2013.
Ferri FF. Clinical Advisor di Ferri 2013: 5 libri in 1. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier; 2012. Consultato il 2 gennaio 2013.
Snyder PJ. Cause di iperprolattinemia. http://www.uptodate.com/index. Consultato il 2 gennaio 2013.
Mancini T, et al. Iperprolattinemia e prolattinomi. Endocrinologia e Metabolismo Clinics of North America. 2008; 37:67.
Snyder PJ. Le manifestazioni cliniche e diagnosi di iperprolattinemia. http://www.uptodate.com/index. Consultato il 2 gennaio 2013.
Snyder PJ. Il trattamento di iperprolattinemia causa lactotroph adenoma e altre cause. http://www.uptodate.com/index. Consultato il 2 gennaio 2013.
DL longo, et al. In linea di Harrison. 18 ° ed. New York, NY: The McGraw-Hill, 2012. http://www.accessmedicine.com/resourceTOC.aspx?resourceID=4. Consultato il 3 gennaio 2013.

 

Link sponsorizzati