Carcinoma rinofaringeo : sintomi, cause e cure


Il carcinoma nasofaringeo è il cancro che si verifica nella rinofaringe, che si trova dietro il naso e sopra la parte posteriore della gola.

Link sponsorizzati

Il carcinoma rinofaringeo è raro in europa. In altre parti del mondo in particolare nel Sud-Est asiatico, il carcinoma nasofaringeo si verifica molto più frequentemente.

Il carcinoma rinofaringeo è difficile da rilevare in anticipo. Questo probabilmente perché la nasofaringe non è facile da esaminare ed i sintomi del carcinoma nasofaringeo imitano quelli di altre condizioni più comuni.

Il trattamento per il carcinoma nasofaringeo di solito comporta radioterapia, chemioterapia o una combinazione delle due.

Sintomi

Nelle sue fasi iniziali, il carcinoma nasofaringeo non  causa alcun sintomo. Possibili sintomi evidenti di carcinoma rinofaringeo includono:

  • Un grumo nel collo causato da un linfonodo gonfio
  • Sangue nella saliva
  • Perdita di sangue dal naso
  • Congestione nasale
  • La perdita dell’udito
  • Frequenti infezioni dell’orecchio
  • Mal di testa

I primi sintomi il carcinoma nasofaringeo non possono sempre richiedere di consultare il medico. Tuttavia, se si nota qualcosa di insolito e persistente come una insolita congestione nasale, consultare il medico.

Cause

Il cancro inizia quando una o più mutazioni genetiche causano che le cellule normali inizino a crescere fuori controllo, invadere le strutture circostanti ed eventualmente diffondersi (metastatizzare) ad altre parti del corpo. Nei carcinomi del rinofaringe, questo processo inizia nelle cellule squamose che rivestono la superficie della rinofaringe.

Esattamente cosa provoca le mutazioni genetiche che portano al carcinoma nasofaringeo non è noto, sebbene esistano alcuni fattori di rischio Tuttavia, non è chiaro perché alcune persone con tutti i fattori di rischio non sviluppino mai il cancro, mentre altri che non hanno fattori di rischio apparenti si.

Carcinoma rinofaringeo .jpg

Fattori di rischio

I ricercatori hanno identificato alcuni fattori che sembrano aumentare il rischio di sviluppare il carcinoma nasofaringeo, tra cui:

  • Sesso. Il carcinoma rinofaringeo è più comune negli uomini che nelle donne è.
  • Popolazioni. Questo tipo di cancro colpisce più comunemente le persone in Asia e in Africa settentrionale.
  • Età. Il cancro rinofaringeo può verificarsi a qualsiasi età, ma è più comunemente diagnosticato negli adulti in una età compresa tra i 30 ed i 50 anni.
  • Cibi sotto sale. I prodotti chimici rilasciati in forma di vapore quando viene eseguita la cottura di cibi sotto sale, come pesce e verdure conservate, possono entrare nella cavità nasale, aumentando il rischio di carcinoma rinofaringeo. Essere esposti a queste sostanze chimiche in tenera età può aumentare maggiormente il rischio.
  • Virus di Epstein-Barr. Questo virus comune produce solitamente segni e sintomi lievi, come quelli di un raffreddore. A volte può causare la mononucleosi infettiva. Il virus di Epstein-Barr è legato anche a diversi tumori rari, tra cui il carcinoma rinofaringeo.
  • Storia familiare di rinocarcinoma. Avere un membro della famiglia con carcinoma nasofaringeo aumenta il rischio della malattia.

Complicazioni

Le complicazioni date dal carcinoma rinofaringeo possono includere:

  • Il cancro che cresce ed invade le strutture vicine. Il carcinoma nasofaringeo avanzato può crescere talmente tanto da invadere le strutture vicine, come la gola, le ossa e il cervello.
  • Il cancro che si diffonde ad altre parti del corpo. Il carcinoma rinofaringeo si diffonde frequentemente (metastatizza) al di là del rinofaringe. La maggior parte delle persone affette da carcinoma rinofaringeo hanno metastasi regionali. Ciò significa che le cellule tumorali dal tumore iniziale sono migrate verso zone vicine, come linfonodi del collo. Le cellule tumorali che si diffondono ad altre parti del corpo (metastasi a distanza) viaggiano più frequentemente alle ossa, polmoni e fegato.

Diagnosi

Test e procedure utilizzate per la diagnosi di carcinoma rinofaringeo includono:

  • Esame fisico. La diagnosi di carcinoma nasofaringeo di solito inizia con un esame generale.
  • Esame utilizzando una telecamera per vedere all’interno della rinofaringe. Se si sospetta un carcinoma nasofaringeo, il medico può raccomandare una endoscopia nasale. Questo test utilizza un tubo sottile e flessibile con una telecamera alla fine per vedere all’interno della rinofaringe e per cercare anomalie. La fotocamera può essere inserita attraverso il naso o attraverso l’apertura nella parte posteriore della gola che conduce nel rinofaringe.
  • Rimuovere un campione di cellule sospette. Il medico può anche utilizzare l’endoscopio o un altro strumento per prendere un piccolo campione di tessuto (biopsia).

Test per determinare l’entità del cancro

  • Una volta che la diagnosi è confermata, il medico prescrive altri test per determinare l’estensione della malattia. Esami di imaging possono includere la tomografia computerizzata (TC), la risonanza magnetica (MRI), la tomografia ad emissione di positroni (PET) e la radiografia.

Una volta che il medico ha determinato le dimensioni del cancro, viene rilevata la diffusione ovvero in termini medici lo stadio della malattia.

Trattamenti e cure

Il trattamento per il carcinoma nasofaringeo di solito inizia con radioterapia o una combinazione di radiazioni e chemioterapia.

Radioterapia

La radioterapia utilizza raggi di energia ad alta potenza, come ad esempio i raggi X, per distruggere le cellule tumorali. La radioterapia per il carcinoma nasofaringeo è generalmente somministrata in una procedura chiamata radioterapia esterna.

Per i piccoli tumori del rinofaringe, la radioterapia può essere l’unico trattamento necessario. In altre situazioni, la radioterapia può essere combinata con la chemioterapia.

La radioterapia comporta il rischio di effetti collaterali, tra cui rossore della pelle temporaneo, la perdita dell’udito e la bocca asciutta.

Un altro tipo di radioterapia, una forma interna di radiazione (brachiterapia), a volte è usata nel carcinoma rinofaringeo ricorrente.

Chemioterapia

La chemioterapia è un trattamento farmacologico che utilizza sostanze chimiche per distruggere le cellule tumorali. I farmaci chemioterapici possono essere somministrati sotto forma di pillole, attraverso una vena o entrambi i modi. La chemioterapia può essere usata per trattare il carcinoma nasofaringeo in tre modi:

  • Chemioterapia con la radioterapia. Quando i due trattamenti sono combinati, la chemioterapia migliora l’efficacia della radioterapia. Questo trattamento combinato si chiama terapia concomitante o chemioradioterapia. Tuttavia, gli effetti collaterali della chemioterapia sono aggiunti gli effetti collaterali della radioterapia, rendendo la terapia più difficile da tollerare.
  • La chemioterapia dopo la radioterapia. Il medico potrebbe raccomandare la chemioterapia dopo la radioterapia o dopo la terapia concomitante. La chemioterapia viene utilizzata per attaccare eventuali cellule tumorali residue nel corpo. Molte persone che si sottopongono a chemioterapia dopo terapia concomitante non sono in grado di tollerare gli effetti collaterali e devono sospendere il trattamento.
  • La chemioterapia prima della radioterapia. La chemioterapia neoadiuvante è il trattamento di chemioterapia somministrata prima della radioterapia da sola o prima della terapia concomitante. Sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se la chemioterapia neoadiuvante possa migliorare i tassi di sopravvivenza nei pazienti con carcinoma rinofaringeo.

Gli effetti collaterali dipendono molto dal tipo di farmaci utilizzati.

Chirurgia

La chirurgia non è spesso usata come trattamento per il carcinoma nasofaringeo. La chirurgia può essere usato per rimuovere i linfonodi cancerogeni nel collo. In taluni casi, la chirurgia può essere usata per rimuovere un tumore nella nasofaringe.

Consigli

La radioterapia per il carcinoma nasofaringeo spesso provoca secchezza delle fauci (xerostomia). Avere una bocca secca può essere scomodo. E può anche portare infezioni frequenti in bocca e difficoltà a mangiare, deglutire e parlare. Si può trovare un po’ di sollievo  se:

  • Ci si lava i denti più volte al giorno. Utilizzare un spazzolino a setole morbide e spazzolare delicatamente i denti più volte al giorno.
  • Sciacquare la bocca con acqua salata tiepida dopo i pasti. Sciacquare la bocca con questa soluzione dopo ogni pasto.
  • Tenere la bocca umida con acqua o caramelle senza zucchero.
  • Sceglire alimenti umidi. Evitare cibi secchi. Inumidire cibo secco con salse, sugo, brodo, burro o latte.
  • Evitare cibi e bevande acide o piccanti. Evitare bevande contenenti caffeina e alcolici.

Prevenzione

Non esiste un modo sicuro per prevenire il carcinoma rinofaringeo. Tuttavia, si può considerare di evitare le abitudini che sono state associati con la malattia. Per esempio, si può scegliere di tagliare la quantità di cibi sotto sale che si mangia o evitare questi cibi del tutto.

Referenze »

Flint PW, et al. Cummings Otorinolaringoiatria: Head & Neck Surgery. 5th ed. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier; 2010. Consultato il 24 luglio 2012.
Testa e collo tumori. Fort Washington, Pennsylvania: National Comprehensive Cancer Network. http://www.nccn.org/professionals/physician_gls/f_guidelines.asp. Consultato il 24 luglio 2012.
Trattamento del cancro rinofaringeo. National Cancer Institute. http://www.cancer.gov/cancertopics/pdq/treatment/nasopharyngeal/healthprofessional. Consultato il 24 luglio 2012.
Rottey S, et al. Moderno trattamento per il carcinoma nasofaringeo: stato attuale e prospettive. Current Opinion in Oncologia. 2011; 23:254.
Hui EP, et al. Epidemiologia, eziologia e la diagnosi di carcinoma rinofaringeo. http://www.uptodate.com/index. Consultato il 24 luglio 2012.
Hui EP, et al. Il trattamento precoce di carcinoma nasofaringeo locoregionally avanzato. http://www.uptodate.com/index. Consultato il 24 luglio 2012.
Secchezza della bocca o xerostomia. Cancer.Net. Consultato il 24 luglio 2012.

 

Link sponsorizzati