Protonterapia : effetti ed utilizzo


La protonterapia è un tipo di radioterapia che utilizza raggi ad alta energia per il trattamento dei tumori. La protonterapia è un nuovo tipo di radioterapia che utilizza energia da particelle cariche positivamente chiamate protoni.

Link sponsorizzati

La protonterapia ha mostrato risultati promettenti nel trattamento di diversi tipi di cancro. Alcuni studi hanno suggerito che la terapia protonica possa causare meno effetti collaterali rispetto a quella tradizionale, dal momento che i medici possono controllare meglio dove i fasci di protoni depositano la loro energia. Tuttavia, pochi studi hanno direttamente confrontato la radioterapia protonica e la radiazione a raggi X, quindi non è chiaro se la terapia protonica è più efficace nel prolungare la vita.

Perché viene fatta?

La protonterapia è usata come trattamento per il cancro. La terapia protonica può essere utilizzato come unico trattamento, o può essere usata in combinazione con altri trattamenti, come la chirurgia e la chemioterapia.

La protonterapia è talvolta usata per il trattamento di alcune condizioni, come ad esempio:

  • I tumori al cervello
  • Cancro nei bambini
  • Melanoma dell’occhio
  • Tumori della testa e del collo
  • Il cancro del fegato
  • Il cancro al polmone
  • Tumore della ghiandola pituitaria
  • Il cancro alla prostata
  • I tumori che interessano la colonna vertebrale
  • Tumori della base del cranio

 

Protonterapia.jpeg

Studi clinici stanno utilizzando la terapia protonica come trattamento per altri tipi di cancro, come ad esempio:

  • Il cancro della vescica
  • Il cancro al seno
  • Il cancro della cervice
  • Cancro esofageo
  • Linfoma
  • Il tumore del pancreas
  • Sarcoma dei tessuti molli

Rischi

La terapia protonica può causare effetti collaterali come le cellule tumorali muoiono o quando l’energia dal fascio di protoni crea danni al tessuto sano. Poiché i medici possono controllare meglio dove la terapia protonica rilascia la sua alta concentrazione di energia,  questa causa meno effetti collaterali della radioterapia tradizionale. Quali effetti collaterali si verificano dipendono da quale parte del corpo è in trattamento e la dose della terapia protonica che si riceve.

In generale, gli effetti indesiderati più comuni della terapia protonica sono:

  • Fatica
  • La perdita dei capelli intorno alla parte del corpo da trattare
  • Arrossamento della pelle intorno alla parte del corpo da trattare
  • Dolore intorno alla parte del corpo da trattare

Come ci si prepara

Prima di sottoporsi a terapia protonica, il team sanitario guida il paziente attraverso un processo di pianificazione per garantire che il fascio di protoni raggiunga il punto preciso nel corpo dove è più necessario. La pianificazione in genere include:

  • Determinare la posizione migliore durante il trattamento. Durante la simulazione di radiazione, il team sanitario lavora per trovare una posizione comoda per il paziente, che al tempo stesso sia ottima per le radiazioni. .
  • Pianificazione del percorso dei protoni con esami di imaging. Il team sanitario può sottoporre a risonanza magnetica (MRI) o tomografia computerizzata (TC) per determinare la zona del corpo da trattare e il modo migliore per raggiungerlo con i protoni.

Durante la terapia protonica

In genere la  terapia protonica viene fatta cinque giorni alla settimana per diverse settimane. Tuttavia, in alcuni casi, solo uno o alcuni trattamenti, a seconda della condizione.

I tipi di macchine e trattamenti sono:

  • Una macchina di terapia protonica che ruota intorno al paziente. Se la  terapia protonica è eseguita con una macchina chiamata gantry, la macchina ruota intorno al paziente per dirigere fasci di protoni in punti precisi sul corpo.
  • Una macchina di terapia protonica, che non si muove. Se la terapia protonica viene eseguita con una macchina fissa, verrà mosso il lettino durante il trattamento.

Non si avvertiranno fastidi durante il trattamento.

Dopo la terapia protonica

Una volta che la sessione di trattamento è completa, è possibile riprendere le normali attività.

Gli effetti collaterali della radioterapia di solito si sviluppano nel tempo. Potrebbero verificarsi alcuni effetti collaterali in un primo momento. Ma dopo diversi trattamenti in alcuni casi si verifica affaticamento. Si può inoltre notare un arrossamento della pelle nella zona in cui sono diretti i fasci di protoni.

Risultati

Il medico può raccomandare test di imaging periodici durante e dopo la terapia protonica per determinare se il tumore sta rispondendo alle cure. La durata del trattamento dipende dalla situazione del paziente.

Referenze »

Brada M, et al. L’evidenza clinica per la terapia protonica. Cancer Journal. 2009; 15:319.
Olsen DR, et al. La protonterapia: Una revisione sistematica di efficacia clinica. Radioterapia e Oncologia. 2007; 83:123.
Flanz J, et al. La tecnologia per la terapia protonica. Cancer Journal. 2009; 15:292.
Devicienti S, et al. Posizionamento del paziente in epoca radioterapia protonica. Journal of Experimental & Clinical Cancer Research. 2010; 29:47.
Terapia protonica. RadiologyInfo.org. http://www.radiologyinfo.org/en/info.cfm?pg=protonthera. Consultato il 15 novembre 2010.
Trovato 105 studi con la ricerca di: terapia protonica e cancro. ClinicalTrials.gov. http://www.clinicaltrials.gov/ct2/results?term=proton+therapy+AND+cancer. Consultato il 23 novembre 2010.
Levin WP, et al. Terapia fascio di protoni. British Journal of Cancer. 2005; 93:849.
Greco C, et al. Stato attuale della radioterapia con protoni e fasci di ioni leggeri. Cancro. 2007; 109:1227.
Schulz-Ertner D. L’esperienza clinica con la terapia delle particelle negli adulti. Cancer Journal. 2009; 15:306.
Goitein M, et al. studi clinici randomizzati sono necessari per protone radioterapia? Journal of Clinical Oncology. 2008; 26:175.
Vestito H, et al.  fase III dati degli studi clinici positivi necessari prima terapia, il fascio di protoni è il più ampiamente adottato? No! Radioterapia e Oncologia. 2008; 86:148.

 

Link sponsorizzati