Idrocele : sintomi, cause e cure


Un idrocele è un sacco pieno di liquido che circonda un testicolo, e che provoca gonfiore. Esso è comune nei neonati, e la maggior parte scompare senza trattamento entro il primo anno di vita. Ragazzi più grandi e uomini adulti possono sviluppare un idrocele a causa di una infiammazione o lesioni all’interno dello scroto.

Link sponsorizzati

Un idrocele di solito non è doloroso. Un idrocele spesso non ha bisogno di alcun trattamento. Tuttavia, se si dispone di gonfiore dello scroto, consultare il medico per escludere altre cause.

Sintomi

Di solito l’unica indicazione di un idrocele è un gonfiore indolore di uno o entrambi i testicoli. Uomini adulti con un idrocele possono provare fastidio dalla pesantezza di un scroto gonfio. A volte, il testicolo gonfio può essere più piccolo al mattino e ingrossarsi nel corso della giornata.

E ‘importante escludere altre possibili cause per il gonfiore, quindi sempre meglio farsi visitare dal medico. A volte un idrocele è associato ad un ernia inguinale.

Se il bambino ha gonfiore scrotale, prendere un appuntamento con il pediatra. Se il medico determina che la causa del gonfiore è un idrocele, scomparirà da solo. Tuttavia, se l’idrocele del vostro bambino non scompare dopo un anno o se si ingrandisce, si dovranno eseguire altre valutazioni a seconda del caso.

Idrocele01.jpg

Cause

Per i neonati un idrocele può svilupparsi nel grembo materno. Normalmente, i testicoli scendono dalla cavità addominale del bambino.

Se questo non accade normalmente, si sviluppa una condizione nota come idrocele non comunicante. Di solito si risolve entro un anno.

In alcuni casi, può verificarsi una condizione, nota come idrocele comunicante.

Negli adulti, un idrocele si può sviluppare come conseguenza di infiammazione o lesioni all’interno dello scroto. L’infiammazione può essere il risultato di un’infezione dell’epididimo o del testicolo.

Fattori di rischio

La maggior parte dei casi di idrocele sono presenti alla nascita (congenita), e bambini che nascono prematuri hanno un rischio maggiore di avere un idrocele.

Fattori di rischio per lo sviluppo di un idrocele più tardi nella vita sono:

  • Lesioni scrotali
  • Infezioni, comprese le infezioni sessualmente trasmissibili

Complicazioni

Un idrocele in genere non è pericolosa e non influenza la fertilità. Tuttavia, può essere associata ad una condizione testicolare di fondo che può causare gravi complicazioni:

  • Infezione o tumore. Entrambi possono ridurre la fertilità
  • Ernia inguinale. un’ansa intestinale potrebbe diventare intrappolata nel punto debole della parete addominale (strozzata), una condizione pericolosa per la vita.

Diagnosi

Il medico farà un esame fisico. L’esame può rivelare un scroto allargato.

Poiché il fluido in un idrocele di solito è chiaro, il medico può controllare la condizione con la transilluminazione. Con un idrocele, la luce illustrerà il testicolo, che indica che il liquido chiaro circonda.

Se il medico sospetta che l’idrocele sia causata da una infiammazione, esami del sangue e delle urine possono aiutare a determinare se si dispone di una infezione, come epididimite.

Il fluido che circonda il testicolo inpedisce di analizzare il testicolo. In tal caso, potrebbe essere necessario un test di imaging ad ultrasuoni (ecografia).

Trattamenti e cure

Per i neonati, di solito il problema scompare da solo entro un anno. Se un idrocele non scompare dopo un anno o se continua ad allargarsi si può avere bisogno di un intervento chirurgico.

Per i maschi adulti, l’idrocele spesso va via da sola entro sei mesi. Un idrocele richiede un trattamento solo se diventa abbastanza grande da causare disagio o deturpazione.

Approcci di trattamento includono:

  • L’asportazione chirurgica (idrocelectomia). La rimozione di un idrocele può essere eseguita su base ambulatoriale in anestesia generale o spinale. Il chirurgo può effettuare un’incisione nella scroto o basso addome per rimuovere l’idrocele.
  • Un idrocelectomia può richiedere di avere un tubo di drenaggio e di indossare una medicazione ingombrante sopra il luogo della ferita per un paio di giorni dopo l’intervento. Inoltre, potrebbe essere consigliato di indossare un sostegno scrotale per un certo periodo di tempo dopo l’intervento chirurgico. Impacchi di ghiaccio applicati dopo l’intervento chirurgico possono aiutare a ridurre il gonfiore. Rischi chirurgici includono coaguli di sangue, infezioni o lesioni.
  • Ago aspirato. Un’altra opzione è quella di rimuovere il liquido con un ago. L’aspirazione e iniezione possono essere una opzione per gli uomini che hanno fattori di rischio che rendono la chirurgia pericolosa. I rischi di questa procedura includono infezioni e dolore.

A volte, un idrocele può ripresentarsi dopo il trattamento.

Referenze »

Elder JS. Disturbi e anomalie del contenuto scrotale. In: Kliegman RM, et al. Nelson Textbook of Pediatrics. 19 ° ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier; 2011. http://www.mdconsult.com/das/book/body/208746819-6/0/1608/0.html. Consultato il 17 Settembre 2011.
Idroceli ed ernie inguinali. American Urological Association. http://www.urologyhealth.org/urology/index.cfm?article=129. Consultato il 17 Settembre 2011.
Wampler SM. Problemi scrotale e testicolare comuni. Primary Care: Cliniche in Office Practice. 2010; 37:613.
Barthold JS. Anomalie dei testicoli e scroto e la loro gestione chirurgica. In: Wein AJ, et al. Campbell-Walsh Urology. 10 ° ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier; 2012. http://www.mdconsult.com/das/book/body/208746819-6/0/1445/0.html. Consultato il 17 Settembre 2011.
Albanese CT, et al. Chirurgia pediatrica. In: Doherty GM. La diagnosi attuale e Trattamento: Chirurgia. 13 ° ed. New York, NY: The McGraw-Hill, 2010. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=5316074. Consultato il 17 Settembre 2011.
Idrocele. Nazionale Guideline Clearinghouse. http://www.guideline.gov/content.aspx?id=12592. Consultato il 17 Settembre 2011.
Massa scrotale indolore. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. Consultato il 17 Settembre 2011.
Cimador M, et al. Gestione di idrocele in pazienti adolescenti. Nature Reviews urologia. 2010; 7:379.

 

Link sponsorizzati