Chirurgia di Mohs : procedura e risultati - Informazioni Mediche

Chirurgia di Mohs : procedura e risultati


La chirurgia di Mohs è una tecnica chirurgica di precisione utilizzata per il trattamento del cancro della pelle. Durante la chirurgia di Mohs, strati di pelle cancerosi vengono progressivamente rimossi ed esaminati. La chirurgia di Mohs è nota anche come chirurgia micrografica di Mohs.

Lo scopo della chirurgia di Mohs è quello di rimuovere il maggior numero di tumori della pelle il più possibile, creando il minimo danno al tessuto sano circostante. La chirurgia di Mohs di solito è fatta su base ambulatoriale in anestesia locale.

Questo tipo di chirurgia è un miglioramento alla chirurgia standard (escissione locale), che comporta la rimozione del tumore visibile e un piccolo margine di tessuto sano tutto in una volta. La chirurgia di Mohs permette ai chirurghi di verificare che tutte le cellule tumorali siano state rimosse al momento della chirurgia. Questo aumenta la possibilità di una cura e riduce la necessità di ulteriori trattamenti o interventi chirurgici aggiuntivi.

Perché viene fatta?

La chirurgia di Mohs è usata nel trattamento dei tumori più comuni della pelle, carcinoma basocellulare e carcinoma a cellule squamose, così come alcuni tipi di melanoma e di altri tumori della pelle più insoliti. La chirurgia di Mohs è particolarmente utile per i tumori della pelle che:

  • Hanno un alto rischio di recidiva o che si sono ripresentati dopo un precedente trattamento
  • Sono situati in zone in cui si desidera mantenere più tessuto sano possibile
  • Hanno confini che sono difficili da definire
  • Sono grandi o aggressivi

 

Chirurgia di Mohs.jpg

Rischi

Come con qualsiasi procedura chirurgica, la chirurgia di Mohs comporta il rischio di:

  • Sanguinamento dalla ferita
  • Sanguinamento nella ferita (ematoma)
  • Dolore intorno al sito chirurgico
  • Infezione

Il chirurgo può consigliare antidolorifici dopo l'intervento per aiutare a gestire il dolore. L'infezione è rara, ma di solito può essere trattata con antibiotici per via orale.

Altre complicazioni che possono derivare dalla chirurgia di Mohs sono rare ma possono includere:

  • Intorpidimento temporaneo o permanente che circonda l'area chirurgica, se le piccole terminazioni nervose vengono tagliate
  • Debolezza temporanea o permanente dell'area chirurgica, se il tumore è di grandi dimensioni e un nervo muscolare viene reciso
  • Prurito o dolore lancinante nella zona interessata
  • Una cicatrice allargata (cheloidi)

Come si si prepara

La chirurgia di Mohs può essere tecnicamente impegnativa. Qualsiasi dermatologo può effettuare la chirurgia di Mohs. Alcuni chirurghi ricevono tuttavia una formazione specialistica per saperne di più sulla chirurgia di Mohs.

Prima della chirurgia potrebbe essere richiesto di:

  • Interrompere l'assunzione di alcuni farmaci. Informare il chirurgo su eventuali farmaci o integratori, cercando di non dimenticare tutti quelli che fluidificano il sangue, come il warfarin (Coumadin), Clopidogrel (Plavix) o aspirina. Alcuni integratori - vitamina E, ginkgo, zenzero e altri, che possono influenzare la probabilità di sanguinamento dopo l'intervento chirurgico.
  • Cancellare il programma della giornata. Non è possibile prevedere quanto tempo ci vorrà per la chirurgia di Mohs. Per la maggior parte delle persone, la procedura richiede meno di quattro ore. Ma il chirurgo può potrebbe necessitare di più tempo.
  • Indossare abiti comodi. Vestirsi a strati in modo da potersi adattare facilmente se la stanza è calda o fredda.
  • Portare qualcosa per passare il tempo.  Pianificare in anticipo l'attesa portando un libro, una rivista o altre attività per aiutare a passare il tempo.

Che cosa ci si può aspettare

La chirurgia di Mohs è fatta su base ambulatoriale in una sala operatoria spesso con annesso un laboratorio che permette al chirurgo di esaminare il tessuto dopo che è stato rimosso.

Nella maggior parte dei casi, la procedura dura circa quattro ore. Ma quanto può essere difficile dipende, da quanto è esteso un tumore della pelle.

Per preparare la zona alla chirurgia, il chirurgo o un infermiere pulisce la zona da operare, delinea esso con una penna speciale e inietta l'area con un anestetico locale.

Una volta che l'anestetico ha fatto effetto, il chirurgo utilizza un bisturi per rimuovere la parte visibile del cancro con un sottile strato sottostante di tessuto che è leggermente più grande del tumore visibile. Un bendaggio temporaneo viene inserito sulla incisione. Questo richiede solo pochi minuti.

Il chirurgo usa poi questo tessuto in laboratorio per l'analisi.

E' nromale attendere circa un'ora prima che il chirurgo abbia analizzato il tessuto.

Durante l'attesa, il chirurgo o il tecnico taglia il campione di tessuto in sezioni e li esamina con un microscopio. Il chirurgo ha grande cura di tenere traccia del punto esatto in cui è stato rimosso ogni pezzo di tessuto. In questo modo, se una piccola area di cancro si trova in un pezzo di tessuto, il chirurgo sa esattamente dove continuare con la chirurgia.

Se il cancro rimane, il chirurgo rimuove un ulteriore strato di tessuto dalla zona interessata, avendo cura di rimuovere il tessuto che contiene cancro lasciando più tessuto sano possibile.

Il processo viene ripetuto fino a quando l'ultimo campione di tessuto canceroso viene rimosso. L'anestetico locale può essere ri-somministrato come necessario.

Dopo la procedura

Dopo che tutto il tumore è stato rimosso, il chirurgo può decidere come riparare la ferita. A seconda dell'entità del taglio, questo potrebbe includere:

  • Lasciando che la ferita guarisca da sola
  • Utilizzare punti di sutura per chiudere la ferita
  • Utilizzare un innesto di pelle da un'altra parte del corpo, come dietro l'orecchio, per coprire la ferita
  • Spostare la pelle da una zona adiacente (lembo di pelle) per coprire la ferita

Se l'area chirurgica è ampia e complessa, il chirurgo può chiudere temporaneamente l'area e con l'aiuto di un altro chirurgo di chirurgia ricostruttiva riparare la ferita.

Risultati

Uno dei vantaggi della chirurgia di Mohs è che si sanno immediatamente i risultati. Si può effettuare una visita di controllo con il chirurgo o il medico di riferimento per monitorare il recupero e per assicurarsi che la ferita stia guarendo correttamente.

Anche se la chirurgia di Mohs ha un alto tasso di cura per il cancro della pelle, si avrà sempre un piccolo rischio di recidiva del tumore o di sviluppare un altro tumore della pelle. Le persone che sono state diagnosticate con il cancro della pelle hanno un aumentato rischio di recidiva, rispetto alle persone che non hanno mai avuto il cancro della pelle.

E' fondamentale sottoporsi a regolari visite di follow-up con il medico per individuare qualsiasi nuovo cancro della pelle.

Referenze Sources



Link sponsorizzati


comments powered by Disqus