Iperplasia atipica della mammella : sintomi, cause e terapie


L’iperplasia atipica è una condizione precancerosa che colpisce le cellule del seno. L’iperplasia atipica descrive un accumulo di cellule anormali in un dotto mammario (iperplasia duttale atipica) o in un lobulo (iperplasia lobulare atipica).

Link sponsorizzati

L’iperplasia atipica non è il cancro, ma può essere un precursore per lo sviluppo del cancro al seno. Nel corso della vita, se le cellule della iperplasia atipica continuano a dividersi e diventano sempre più anormali, la condizione può essere riclassificata come cancro al seno invasivo (carcinoma in situ) o cancro al seno.

Se viene diagnosticata l’iperplasia atipica, si ha un aumento del rischio di sviluppare il cancro al seno in futuro. Per questo motivo, i medici consigliano a volte lo screening del cancro della mammella frequente e una attenta considerazione di farmaci e altre strategie per ridurre il rischio di cancro al seno.

Sintomi

L’iperplasia atipica non causa alcun segno o sintomo specifico.

L’iperplasia atipica non provoca segni e sintomi, ma di solito è scoperta durante una biopsia mammaria per indagare su sintomi causati da un’altra malattia o un’anomalia trovata su una mammografia.

Cause

Non è chiaro ciò che provoca l’iperplasia atipica. La condizione si forma quando le cellule del seno diventano anormali in numero, dimensione, forma, modello di crescita e aspetto. L’ubicazione delle cellule anomale all’interno del tessuto del seno (i lobuli o condotti galattofori) determina se le cellule sono atipiche per iperplasia lobulare o iperplasia duttale atipica.

L’iperplasia atipica è pensata come parte del complesso processo multifasico mediante il quale si sviluppa il cancro al seno. Il processo inizia quando lo sviluppo normale delle cellule e la loro crescita diventa anomala, provocando una sovrapproduzione di cellule dall’aspetto normale (iperplasia). Quindi essa si verifica quando le cellule in eccesso si impilano l’una sull’altra e cominciano ad assumere un aspetto anomalo. Le cellule anormali possono continuare a cambiare di aspetto e si moltiplicano, evolvendo in  cancro non invasivo in cui le cellule tumorali restano confinati alla zona in cui si iniziano a crescere. Se non curata, le cellule tumorali possono diventare cancro invasivo, invadendo i tessuti circostanti, i vasi sanguigni o linfatici.

iperplasia atipica della mammella.jpeg

Complicazioni

Se viene diagnosticata l’iperplasia atipica, si ha un aumento del rischio di cancro al seno. Donne con iperplasia atipica hanno un rischio di cancro al seno che è circa quattro volte superiore a quello delle donne che non hanno l’iperplasia atipica.

La diagnosi di iperplasia atipica in giovane età può aumentare il rischio di cancro al seno in percentuale maggiore. Le donne con diagnosi di iperplasia atipica prima dei 45 anni hanno un rischio maggiore di sviluppare il cancro al seno invasivo durante la loro vita, rispetto a donne più anziane, in particolare quelle di età superiore ai 55 anni.

Diagnosi

L’Iperplasia atipica di solito è scoperta dopo una biopsia per valutare un’area sospetta trovata su una mammografia o durante un esame clinico del seno. Durante la biopsia, campioni di tessuto vengono rimossi e inviati per l’analisi istologica. I campioni di tessuto vengono esaminati al microscopio, e il patologo identifica l’iperplasia atipica, se presente.

Per valutare ulteriormente l’iperplasia atipica, il medico può raccomandare un intervento chirurgico per rimuovere un campione più ampio di tessuto per cercare il cancro al seno. Una diagnosi di iperplasia atipica può portare ad una biopsia chirurgica (escissione locale ampia o mastectomia parziale) per rimuovere tutto il tessuto colpito. Il patologo esamina il campione per maggiore evidenza di carcinoma in situ o invasivo.

Trattamenti e cure

L’iperplasia atipica è generalmente trattata con un intervento chirurgico per rimuovere le cellule anormali e per assicurarsi che nessun cancro in situ o invasivo sia presente nella zona. I medici raccomandano spesso screening più frequenti per il cancro al seno e strategie per ridurre il rischio di cancro al seno.

il medico può anche raccomandare di sottoporsi a follow-up per lo screening per il cancro al seno. Questo può aumentare la probabilità che il cancro al seno sia diagnosticato precocemente, quando la cura è più facile. Le opzioni disponibili possono includere:

  • Auto-esame del seno per sviluppare familiarità rilevare eventuali cambiamenti insoliti
  • Esami clinico del seno una volta o due all’anno
  • Mammografie di screening ogni anno
  • Screening mammario con risonanza magnetica (MRI), a seconda di altri fattori di rischio, come ad esempio una forte storia familiare o una predisposizione genetica al cancro al seno

Modi per ridurre il rischio di cancro al seno

Per ridurre il rischio di sviluppare il cancro al seno, il medico può raccomandare di:

  • Prendere farmaci preventivi. Il trattamento con un modulatore selettivo del recettore dell’estrogeno (SERM), come il tamoxifene o raloxifene (Evista), per cinque anni può ridurre il rischio di cancro al seno. Questi farmaci agiscono bloccando gli estrogeni dal legarsi ai recettori nel tessuto mammario. Un’altra opzione per alcune donne può essere l’exemestane (Aromasin), che diminuisce la produzione di estrogeni nel corpo.
  • Evitare la terapia ormonale della menopausa. I ricercatori hanno concluso che la terapia ormonale per trattare i sintomi della menopausa  aumenta il rischio di cancro al seno nelle donne in postmenopausa. Molti tumori al seno dipendono dagli ormoni della crescita.
  • Partecipare a una sperimentazione clinica. Gli studi clinici testano nuovi trattamenti non ancora disponibili per il grande pubblico che possono rivelarsi utili nel ridurre il rischio di cancro al seno associato ad iperplasia atipica.
  • Mastectomia. Per le donne ad alto rischio di cancro al seno, la mastectomia riduce il rischio di sviluppare il cancro al seno in futuro.

Ma questo intervento non è indicato per tutti. Discutere con il medico i rischi, i vantaggi ei limiti di questo intervento chirurgico.

Referenze »

Lester SC. Il seno. In: Kumar V, et al. Robbins e Cotran Le basi patologiche delle malattie. 8 ° ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier; 2010. Consultato il 17 agosto 2011.
Bombonati A, et al. La patologia molecolare della progressione del cancro al seno. Journal of Pathology. 2011; 223:307.
Hartmann LC, et al. Patologie mammarie benigne e il rischio di cancro al seno. Il New England Journal of Medicine. 2005; 353:229.
Londra SJ, et al. Uno studio prospettico di patologie mammarie benigne e il rischio di cancro al seno. Journal of American Medical Association. 1992; 267:941.
Degnim AC, et al. Stratificazione del rischio di cancro al seno nelle donne con atipie: uno studio di coorte di Mayo. Journal of Clinical Oncology. 2007; 25:2671.
Dupont WD, et al. Il rischio di cancro al seno associato a malattie del seno proliferativa e iperplasia atipica. Cancro. 1993; 71:1258.
Riduzione del rischio di cancro al seno. Fort Washington, Pennsylvania: National Comprehensive Cancer Network. http://www.nccn.org/professionals/physician_gls/f_guidelines.asp. Consultato il 17 agosto 2011.
Screening del cancro al seno e la diagnosi. Fort Washington, Pennsylvania: National Comprehensive Cancer Network. http://www.nccn.org/professionals/physician_gls/f_guidelines.asp. Consultato il 17 agosto 2011.
PE Goss, et al. Exemestane per la prevenzione del cancro al seno nelle donne in postmenopausa. Il New England Journal of Medicine. 2011; 25:2381.

 

Link sponsorizzati