Polipi uterini : sintomi, cause, diagnosi e cure


I polipi uterini sono escrescenze fissate alla parete interna dell’utero che si estendono nella cavità uterina. Una crescita eccessiva di cellule nel rivestimento dell’utero (endometrio) porta alla formazione di polipi uterini, fenomeno noto anche come polipi endometriali. Questi polipi sono di solito non tumorali (benigni), anche se alcuni possono essere cancerosi o  trasformarsi in cancro (polipi precancerosi).

Link sponsorizzati

Le dimensioni dei polipi uterini varia da pochi millimetri  a diversi centimetri. Si attaccano alla parete uterina da una base di grandi dimensioni o da un gambo sottile.

Si possono polipi singoli o multipli. Di solito rimangono all’interno dell’utero, ma a volte, anche andare attraverso l’apertura dell’utero (cervice) nella vagina. I polipi uterini più comunemente si verificano in donne che stanno attraversando o che hanno completato la menopausa, anche se donne più giovani possono comunque avere questo problema.

Sintomi

I sintomi dei polipi uterini sono:

  • Sanguinamento mestruale irregolare
  • Sanguinamento tra i periodi mestruali
  • Periodi mestruali eccessivamente pesanti
  • Sanguinamento vaginale dopo la menopausa
  • Infertilità
  • Alcune donne possono avvertire solo leggero sanguinamento o essere senza sintomi.

 

Polipi uterini.jpeg

Consultare il medico se si dispone di:

  • Sanguinamento vaginale dopo la menopausa
  • Sanguinamento tra i periodi mestruali
  • Sanguinamento mestruale irregolare

Cause

Anche se la causa esatta dei polipi uterini è sconosciuta, fattori ormonali sembrano giocare un ruolo chiave. I polipi uterini sono estrogeno-sensibili, il che significa che rispondono agli estrogeni come il rivestimento dell’utero.

Fattori di rischio

I fattori di rischio per lo sviluppo di polipi uterini sono:

  • Utilizzo di Tamoxifene, una terapia spesso usata per il cancro al seno

Complicazioni

I polipi uterini può essere associati a sterilità. Se si dispone di polipi uterini e si verifica infertilità, la rimozione dei polipi potrebbe consentire una gravidanza.

I polipi uterini possono anche presentare un aumentato rischio di aborto spontaneo nelle donne che si sottopongono a fecondazione in vitro (IVF).

Diagnosi

Se il medico sospetta la presenza di polipi uterini, potrebbe eseguire uno dei seguenti accertamenti diagnostici:

  • Ecografia transvaginale. Questo tipo di ecografia, crea un’immagine dell’utero, compreso il suo interno.
  • Isteroscopia. I medici possono eseguire una procedura chiamata isteroscopia per la diagnosi e il trattamento di polipi uterini. L’isteroscopia consente al medico di esaminare l’interno dell’utero e rimuovere tutti i polipi presenti. Questo elimina la necessità di una procedura di controllo.
  • Raschiamento. Durante il raschiamento, il medico utilizza uno strumento lungo in metallo con un anello alla fine per raschiare le pareti interne dell’utero. Ciò può essere fatto per raccogliere un campione di cellule o per rimuovere un polipo.
  • La maggior parte dei polipi uterini sono benigni. Tuttavia, alcune modifiche precancerose dell’utero (iperplasia endometriale) o tumori uterini (carcinomi endometriali) appaiono come polipi uterini. Il medico può inviare un campione di tessuto per l’analisi di laboratorio ed essere certi che non vi sia cancro uterino.

Trattamenti e cure

Per i polipi uterini, il medico potrebbe raccomandare:

  • Vigile attesa. Polipi piccoli senza sintomi (asintomatici) possono risolversi da soli. Il trattamento non è necessario a meno che non vi sia rischio di cancro uterino.
  • Farmaci. Alcuni farmaci ormonali, tra cui progestinici e gonadotropina-agonisti possono ridurre un polipo uterino e ridurre i sintomi. Ma prendere tali farmaci è di solito una soluzione a breve termine, perché nel migliore dei casi, i sintomi di solito tornano una volta che si interrompe il trattamento con il farmaco.
  • Raschiamento. Il medico può effettuare il raschiamento con l’assistenza di un isteroscopio, che permette al medico di visualizzare l’interno dell’utero, prima e dopo la procedura.
  • Rimozione chirurgica. Durante l’isteroscopia, strumenti inseriti attraverso l’isteroscopio – il dispositivo medico utilizza per vedere dentro il tuo utero – permettono di rimuovere i polipi una volta che sono identificati. Il polipo rimosso può essere inviato ad un laboratorio per l’esame microscopico.
  • Se un polipo uterino contiene cellule cancerose, il medico informerà circa le prossime fasi della valutazione e trattamento.

Raramente, i polipi uterini possono ripresentarsi. Se lo fanno, potrebbe essere necessario un trattamento aggiuntivo.

Referenze »

Kumar V, et al. Robbins e Cotran Le basi patologiche delle malattie. 8a ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2010. Consultato il 14 Agosto 2012.
Stewart EA. Polipi endometriali. http://www.uptodate.com/index. Consultato il 14 Agosto 2012.
Lee JH, et al. Postmenopausa sanguinamento endometriale. Ultrasuoni Cliniche. 2012; 7:123.
Lentz GM, et al. Ginecologia completa. 6 ° ed. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier, 2012. Consultato il 15 Agosto 2012.
Salim S, et al. Diagnosi e gestione dei polipi endometriali: una revisione critica della letteratura. Il giornale di Ginecologia Mini Invasiva. 2011; 18:569.
Pundir J, et al. Cavità uterina valutazione prima di fecondazione in vitro. Salute della donna. 2010; 6:841.

 

Link sponsorizzati