Incisione transuretrale della prostata (TUIP)


L’incisione transuretrale della prostata (TUIP) è un tipo di intervento chirurgico alla prostata fatto per alleviare i sintomi causati dall’ingrossamento della prostata, noto anche come iperplasia prostatica benigna (BPH).

Link sponsorizzati

Durante la TUIP, uno strumento chiamato resettoscopio viene inserito nell’uretra. L’uretra è circondata da tessuto prostatico. Nessun tessuto prostatico viene rimosso durante la TUIP. Il medico taglia uno o due piccole scanalature nella zona di connessione della prostata e della vescica (collo vescicale) per aprire il canale urinario. Ciò consente all’urina di passare più facilmente.

Al momento di decidere se il trattamento con TUIP è una buona opzione, il medico prenderà in considerazione la gravità dei sintomi, altri problemi di salute,dimensioni e forma della prostata.

Prima di effettuare qualsiasi procedura di ingrossamento della prostata, il medico può decidere di fare un test che utilizza uno strumento per guardare dentro l’uretra e nella vescica (cistoscopia). Questo permette al medico di controllare la dimensione della prostata ed esaminare il sistema urinario.

Perché viene fatta?

La TUIP è usata per alleviare i sintomi causati dall’ ingrossamento della prostata. I sintomi possono includere:

  • Un frequente ed urgente bisogno di urinare
  • Difficoltà ad iniziare la minzione
  • Minzione lenta e prolungata
  • Nicturia
  • Minzione interrotta e frammentata
  • Sensazione di non svuotamento della vescica
  • Infezioni del tratto urinario

La TUIP può essere fatta anche per trattare o prevenire complicazioni dovute al flusso di urina bloccato, ad esempio:

  • Ricorrenti infezioni del tratto urinario
  • Danni renali
  • Incontinenza
  • Sangue nelle urine
  • Calcoli vescicali

 

Incisione transuretrale della prostata (TUIP).jpeg

La TUIP è un’opzione solo quando la prostata è relativamente piccola. Se si dispone di una prostata molto grande o con gravi sintomi urinari, una procedura diversa può essere una scelta migliore.

La TUIP è meno probabile che causi gravi emorragie e complicanze. Altri trattamenti per l’ingrossamento della prostata, sembrano essere più efficaci sui sintomi urinari a lungo termine.

Rischi

Rischi della TUIP possono includere:

  • Ritenzione urinaria. Si può avere difficoltà a urinare per alcuni giorni dopo la procedura. Fino a quando non si può urinare da soli, è necessario disporre di un catetere urinario.
  • Infezione delle vie urinarie. L’infezione è più probabile che si verifichi se si usa il catetere per lungo tempo.
  • Incontinenza. Si può avere difficoltà a controllare la minzione (incontinenza urinaria) subito dopo l’intervento chirurgico.
  • La TUIP può causare eiaculazione retrograda, questa cosa può interferire con la capacità di generare figli.
  • Necessità di un ulteriore trattamento. Per alcuni pazienti è necessario un follow-up con TURP o un’altra procedura.

Come ci si prepara

Seguire le istruzioni del medico su cosa fare prima del trattamento. Ecco alcuni esempi:

  • Chiedi informazioni su farmaci che fluidificano il sangue. Il chirurgo può chiedere di interrompere l’assunzione di farmaci che possono aumentare il rischio di sanguinamento diversi giorni prima dell’intervento. Questi includono il warfarin (Coumadin), clopidogrel (Plavix), e mitigatori di dolore senza ricetta medica come l’aspirina, ibuprofene (Advil, Motrin, altri) e naproxene (Aleve, altri). Parlate con il medico che ha prescritto il farmaco prima di apportare qualsiasi modifica.
  • Non mangiare prima della procedura. Il medico probabilmente vi chiedo di non mangiare o bere qualcosa dopo la mezzanotte. La mattina della routine, prendere solo i farmaci il medico ti dice di con un sorso d’acqua.
  • Organizzare un passaggio a casa. Non sarà in grado di guidare da soli a casa dopo la procedura. Si può essere in grado di tornare a casa il giorno dell’intervento, o potrebbe essere necessario rimanere in ospedale durante la notte. Chiedete al vostro medico prima del tempo in cui ci si può aspettare di tornare a casa.
  • Piano per assentarsi dal lavoro. Potrebbe non essere in grado di lavorare o fare attività faticose per diverse settimane dopo l’intervento chirurgico. Chiedete al vostro medico quanto tempo di recupero potrebbe essere necessario.

Che cosa ci si può aspettare

La TUIP richiede in genere da 20 a 30 minuti. Si possono utilizzare anestetici locali, anestesia spinale o generale.

Il medico può mettere gel anestetizzante all’interno dell’uretra e intorpidire la zona della prostata con una iniezione attraverso il retto.

Una volta che l’anestetico è in funzione, il medico inserisce il resettoscopio. Il resettoscopio è dotato di una lente o videocamera, un dispositivo di taglio, e valvole per rilasciare fluido per il lavaggio (irrigazione) dell’area chirurgica. Il resettoscopio è di circa 30,5 centimetri di lunghezza e 1 centimetro di diametro.

Utilizzando il resettoscopio, il medico pratica una o due incisioni sulla superficie interna della prostata in cui la vescica si unisce alla prostata (collo vescicale).

Dopo la procedura

Si può essere in grado di lasciare l’ospedale il giorno stesso della procedura, o potrebbe essere necessario il pernottamento.

Si avrà un catetere iper drenare l’urina. Il catetere può essere lasciato in posizione per uno o due giorni. In alcuni casi, un catetere è necessario per un periodo di tempo più lungo.
La minzione può essere dolorosa, o si può avere un senso di urgenza come l’urina passa sopra l’area chirurgica. Si può anche bisogno di urinare più spesso del solito. La minzione dolorosa migliora in genere in una o quattro settimane.
E’ normale avere un po’ di sangue nelle urine.

Questi passaggi possono aiutare a recuperare velocemente dopo l’intervento.

  • Bere molta acqua per irrigare la vescica.
  • Evitare la costipazione. Mangiare alimenti che aiutano ad evitare la stitichezza.
  • Non assumere farmaci per fluidificare il sangue fino a quando il medico dice che è possibile farlo.
  • Non fare qualsiasi attività faticosa, fino a quando il medico dice che è possibile.

Risultati

Nella maggior parte degli uomini, la TUIP migliora la capacità di urinare e facilita i sintomi correlati.
Il medico richiederà regolari appuntamenti per controllare lo stato della prostata e di discutere eventuali sintomi.

Se la procedura non fa abbastanza per ridurre i sintomi, potrebbe essere necessario prendere in considerazione altri trattamenti. Un certo numero di uomini che si sottopongono a TUIP, hanno bisogno di una procedura di controllo per trattare l’allargamento della prostata, in particolare dopo diversi anni.

Dopo La TUIP, è importante sottoporsi ad un esame rettale digitale una volta l’anno per controllare la prostata.

Referenze »

GR Cunningham, et al. Terapie chirurgiche invasive e altre dell’iperplasia prostatica benigna. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 2 gen 2011.
Allargamento della prostata: iperplasia prostatica benigna. Istituto Nazionale del Diabete e Malattie Digestive e Renali. http://kidney.niddk.nih.gov/kudiseases/pubs/prostateenlargement. Consultato il 11 febbraio 2011.
Fitzpatrick JM, et al. Gestione mini-invasiva endoscopica e di iperplasia prostatica benigna. In: Wein AJ, et al. Campbell-Walsh Urology. 9a ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2007. http://www.mdconsult.com/das/book/body/125743340-3/0/1445/91.html?tocnode=54305416&fromURL=91.html. Consultato il 27 gennaio, 2011.
Indirizzo relativo alla gestione di iperplasia prostatica benigna (BPH). Baltimore, MD. American Urological Association. http://www.auanet.org/content/guidelines-and-quality-care/clinical-guidelines.cfm?sub=bph. Consultato il 27 gennaio, 2011.
Lourenco T. L’efficacia clinica di incisione transuretrale della prostata: Una revisione sistematica di studi randomizzati e controllati. World Journal of Urology. 2010; 28:23.

 

Link sponsorizzati