Calazio : sintomi, cause, e cure


Un calazio è un grumo della palpebra superiore o inferiore causato da ostruzione e infiammazione di una ghiandola (sebacea) della palpebra.
Un calazio non è un tumore e non provoca cambiamenti permanenti nella vista. Un calazio è molto comune e di solito va via senza la necessità di intervento chirurgico.

Link sponsorizzati

Cause

Un calazio è causato da un condotto bloccato in una delle ghiandole di Meibomio. Queste ghiandole si trovano nella palpebra direttamente dietro le ciglia e producono un sottile fluido oleoso che lubrifica l’occhio.

Un calazio è un grumo della palpebra superiore o inferiore causata da una infiammazione di una di queste ghiandole. Può essere morbido e pieno di liquido. Un calazio è indicato anche come cisti di Meibomio , cisti tarsale o granuloma congiuntivale.

Le ghiandole delle palpebre chiamate ghiandole Meibomio, sono note anche come le ghiandole palpebrali, ghiandole tarsali, o ghiandole tarsocongiuntivali. Ci sono 30 a 40 di queste ghiandole in ciascuna delle palpebre superiori e inferiori. Queste ghiandole producono un liquido denso che viene scaricato nel film lacrimale dell’occhio (lacrima). Questo liquido è una miscela di olio e muco ed è chiamato sebo . Il liquido agisce per lubrificare la superficie dell’occhio.

Sintomi

Un calazio si sviluppa spesso dopo un orzaiolo interno. La palpebra di solito diventa rossa, gonfia e calda. A volte, la ghiandola ostruita che causa l’orzaiolo non si scaricherà anche se il rossore e gonfiore se ne andranno. A seguito di questo, la ghiandola formerà un nodulo nella palpebra che si chiama appunto calazio.

calazio_occhiosx.jpeg

Se la ghiandola ostruita, ha dei batteri al suo interno, la ghiandola può essere infetta. Questo generalente genera un orzaiolo, che somiglia molto ad un brufolo. Un orzaiolo può essere doloroso al tatto. Al contraio,un calazio non è un’infezione, ma può seguire o precedere un orzaiolo.

Trattamenti e cure

Un calazio spesso scompare senza trattamento in un mese.

  • Il primo trattamento è quello di mettere impacchi caldi sulla palpebra per 10-15 minuti almeno quattro volte al giorno. Questo può ammorbidire i condotti induriti e promuovere il drenaggio e la guarigione.
  • Non spingere o schiacciare il calazio.
  • Se il calazio continua ad ingrandirsi, può essere necessario rimuoverlo con la chirurgia. Questo è più spesso fatto dall’interno della palpebra per evitare una cicatrice sulla pelle.
  • Iniezione di steroidi sono spesso una opzione di trattamento

Prognosi

Come accennato, il calazio di solito guarisce da solo, ed Il risultato con il trattamento di solito è eccellente. In generale, un calazio non influisce sulla vista. La pressione del calazio sull’occhio non provoca glaucoma . Un calazio non è maligno e non ha potenziale per diventare maligno. Un calazio non è contagioso!

Tuttavia, esistono possibili complicazioni. Raramente, un calazio può lasciare una cicatrice sulla palpebra. Questo problema è più comune dopo l’intervento chirurgico anche seraro. È possibile perdere alcune ciglia o  avere un piccolo segno sul bordo della palpebra. La complicanza più comune è un ritorno del problema.

Chiamate il medico se grumi sulla palpebra continuano a diventare più grandi nonostante il trattamento, o si dispone di perdita delle ciglia.

Prevenzione

Alcuni individui hanno secrezioni maggiori dalle ghiandole di Meibomio rispetto ad altri e, quindi, hanno un rischio maggiore di sviluppare un calazio. Se si ha avuto uno calazio, si è a maggior rischio di sviluppare un altro in futuro. Le persone con l’acne rosacea , a causa delle alterazioni all’interno delle ghiandole sebacee del viso, sono a maggior rischio. L’uso regolare di impacchi caldi applicato alle palpebre chiuse per cinque minuti prima di coricarsi può essere utile nella prevenzione. Nelle persone con seborrea, impacchi caldi e pulizia dei margini di coperchio può essere utile per la prevenzione . Alcuni pazienti con redive del calazio  possono trarre beneficio da un uso cronico di una basso dosaggio tetraciclina , che cambia il metabolismo deelle ghiandole sebacee.

Referenze »

Jackson JL. Calazio e orzaiolo. In: Pfenninger JL, Fowler GC eds. Pfenninger e Fowler Procedure di Cure Primarie, 3a ed. Philadelphia, PA: Mosby Elsevier, 2011: cap 65.
Marr BP, Shields CL, Shields JA. I tumori delle palpebre. In: Tasman W, Jaeger EA, eds.Duane ‘s Oftalmologia. 2012 ed. Philadelphia, Pa: Lippincott Williams & Wilkins, 2012: vol 4; cap 3.
Neff AG, Carter KD. Lesioni palpebrali benigne. In: Yanoff M, Duker JS, eds. Oftalmologia. 3rd ed. St. Louis, MO: Mosby Elsevier, 2008: cap 12.9.
Papier A, Tuttle DJ, Mahar TJ. La diagnosi differenziale della palpebra gonfia e rossa. Am Fam Physician. 2007; 76:1815-1824.

 

Link sponsorizzati