Stenosi della valvola aortica : cause, complicazioni e cure


La stenosi della valvola aortica o stenosi aortica, si verifica quando la valvola aortica del cuore si restringe. Questo restringimento della valvola gli impedisce di aprirsi completamente, ostacolando il flusso di sangue dal cuore all’aorta e quindi al resto del corpo.

Link sponsorizzati

Quando la valvola aortica è ostruita, il cuore ha bisogno di lavorare di più per pompare il sangue al corpo. Alla fine, questo lavoro supplementare limita la quantità di sangue che il cuore può pompare, e può indebolire il muscolo cardiaco, portando a sintomi, come stanchezza e vertigini.

Se si dispone di una grave stenosi valvolare aortica, è solitamente necessario un intervento chirurgico per sostituire la valvola. Se non curata, la stenosi della valvola aortica può portare a problemi cardiaci gravi.

Sintomi

La stenosi della valvola aortica varia da lieve a grave. Segni e sintomi di solito si sviluppano quando il restringimento della valvola è grave e possono includere:

  • Dolore al petto (angina) o senso di oppressione
  • Sensazione di svenimento o svenimento durante uno sforzo
  • Mancanza di respiro, soprattutto sotto sforzo
  • Fatica, soprattutto durante i periodi di maggiore attività
  • Palpitazioni cardiache
  • Mormorio cardiaco

Gli effetti sul cuore della stenosi della valvola aortica possono portare ad insufficienza cardiaca. Segni e sintomi di insufficienza cardiaca comprendono affaticamento, mancanza di respiro, e gonfiore alle caviglie e piedi.

La stenosi della valvola aortica non produce segnali di allarme da subito, il che la rende difficile da individuare. La condizione è spesso scoperta durante una visita medica di routine quando il medico sente un suono cardiaco anormale (soffio al cuore). Questo soffio può avvenire molto tempo prima che altri segni e sintomi si sviluppino.

A seconda della quantità di restringimento, un neonato o un bambino con stenosi della valvola aortica può non avere sintomi, o potrebbe stancarsi facilmente lamentando spesso dolore al petto con una intensa attività fisica.

La stenosi della valvola aortica di solito colpisce gli adulti, ma può verificarsi nei bambini. Neonati e bambini con la condizione possono avere sintomi simili a quelli degli adulti.

 

Stenosi della valvola aortica.jpg

Cause

La stenosi della valvola aortica è il restringimento della valvola aortica. Molte cose possono restringere il passaggio tra il cuore e l’aorta. Cause di stenosi della valvola aortica sono:

  • Difetto cardiaco congenito. La valvola aortica è composta da tre lembi di forma triangolare. Alcuni bambini nascono con una valvola aortica che ha un solo lembo o due. Questa deformità non può causare alcun problema fino all’età adulta. Nella maggior parte dei casi, i medici non sanno perché una valvola cardiaca non riesca a svilupparsi correttamente.
  • Accumulo di calcio sulla valvola. Con l’età, sulle valvole cardiache possono accumularsi depositi di calcio (calcificazione della valvola aortica). Il calcio è un minerale che si trova nel sangue. Quando il sangue scorre ripetutamente nella valvola aortica, depositi di calcio possono accumularsi sui lembi della valvola. Questi depositi generalmente non causano alcun problema. Tuttavia, in alcune persone, in particolare quelli con una valvola aortica bicuspide i depositi di calcio portano irrigidimento dei lembi della valvola. Tale irrigidimento restringe la valvola aortica. Questa causa della stenosi della valvola aortica è più comune nelle persone di età superiore ai 65 anni, ed i sintomi spesso non appaiono fino ai 70 anni.
  • La febbre reumatica. Una complicazione del mal di gola, può causare la formazione di tessuto cicatriziale sulla valvola aortica. Il tessuto cicatriziale può restringere la valvola aortica e portare a stenosi della valvola aortica. Il tessuto cicatriziale è anche possibile che crei una superficie ruvida su cui i depositi di calcio possono accumularsi. La febbre reumatica può danneggiare più di una valvola cardiaca, e in più di un modo. Una valvola cardiaca danneggiata non può aprirsi completamente o chiudersi completamente.

Come funziona il cuore

Il cuore, il centro del sistema circolatorio, è costituito da quattro camere. Le due camere superiori, gli atri, e le due inferiori, i ventricoli.

Il sangue quando torna al cuore entra nella camera superiore destra (atrio destro). Da lì, il sangue si svuota nel sottostante ventricolo destro. Il ventricolo poi, pompa nei polmoni, dove viene ossigenato. Il sangue dai polmoni ritorna al tuo cuore, ma questa volta sul lato sinistro nella camera superiore sinistra (atrio sinistro). Il sangue scorre poi nel ventricolo sinistro che lo pompa. Ad ogni battito del cuore, il ventricolo sinistro spinge il sangue attraverso la valvola aortica.

Il sangue scorre attraverso le camere del cuore, aiutato da quattro valvole cardiache. Queste valvole si aprono e chiudono per consentire al flusso di sangue di andare in una sola direzione attraverso il cuore:

  • Dalla valvola tricuspide
  • Valvola polmonare
  • Dalla valvola mitrale
  • Valvola aortica

La valvola aortica il cancello del  cuore verso l’aorta, si compone di tre lembi aderenti triangolari. Questi lembi si collegano con l’aorta mediante un anello chiamato annulus.

Le valvole cardiache, si aprono a senso unico. Una valvola cardiaca difettosa non riesce ad aprirsi o chiudersi completamente. Quando una valvola non si chiude ermeticamente, il sangue può refluire. Questo reflusso attraverso una valvola si chiama rigurgito. Quando una valvola si restringe, la condizione è chiamata stenosi.

Fattori di rischio

Alcuni fattori di rischio includono:

  • Una valvola aortica deformata. Alcune persone nascono con una valvola aortica già ridotta o deformata. La valvola aortica bicuspide è un importante fattore di rischio per la stenosi della valvola aortica.
  • Età. La stenosi della valvola può essere legata all’età, e ad un aumento e accumulo di depositi di calcio sulle valvole cardiache.
  • Precedente febbre reumatica. La febbre reumatica può causare irrigidimento sui lembi (pieghevoli) della valvola aortica con conseguente stenosi.

I fattori di rischio per la stenosi della valvola aortica e cardiopatia aterosclerotica, come la pressione alta, colesterolo alto, diabete di tipo 2 e il fumo possono indicare un legame tra i due.

Complicazioni

La stenosi della valvola aortica può essere una condizione grave perché può indebolire il cuore. Se la valvola aortica si restringe, il ventricolo sinistro deve lavorare di più per pompare una quantità sufficiente di sangue nell’aorta e poi al resto del corpo. In risposta, il ventricolo sinistro può ipertrofizzarsi. In un primo momento questi adattamenti aiutarano a pompare meglio il sangue con più forza. Ma alla fine questi cambiamenti indeboliscono il ventricolo sinistro e quindi la funzione cardiaca.

Senza trattamento, la stenosi della valvola aortica può portare a pericolosi problemi cardiaci, tra cui:

  • Svenimento (sincope)
  • Insufficienza cardiaca
  • Ritmi cardiaci irregolari (aritmie)
  • Arresto cardiaco

Diagnosi

Come parte di una visita medica di routine, il medico utilizza uno stetoscopio per ascoltare il cuore. Questo perchè ascolta il suono del cuore per cercare un rumore cardiaco anormale (soffio al cuore).

Molte malattie cardiache, tra cui la stenosi della valvola aortica, sono in grado di produrre un soffio al cuore. Nella stenosi della valvola aortica, questo avviene a causa del restringimento.

Se il medico sospetta una valvola aortica deformato o ridotta, potrebbe essere necessario sottoporsi a diversi test per confermare la diagnosi e valutare la gravità del problema. Si devec omunque fare riferimento ad un cardiologo per poi effettuare esami quali:

  • Elettrocardiogramma (ECG). In questo test, elettrodi sono attaccati alla pelle per misurare gli impulsi elettrici emessi dal cuore. Gli impulsi vengono registrati come onde visualizzati su un monitor o stampata su carta.
  • Radiografia del torace Una radiografia del torace consente al medico di controllare la dimensione e la forma del tuo cuore, per determinare se il ventricolo sinistro è allargato. Una radiografia del torace può anche rivelare depositi di calcio sulla valvola aortica. Inoltre, una radiografia del torace aiuta il medico a controllare lo stato dei polmoni. La stenosi della valvola aortica può portare a sangue e liquido nei polmoni.
  • Ecocardiogramma. Questo test utilizza onde sonore per produrre un’immagine del cuore. Un tipo specifico di ecocardiogramma, un ecocardiogramma Doppler, può essere usato per aiutare il medico a determinare la gravità della stenosi della valvola aortica e verificare la presenza di eventuali perdite (rigurgito).
  • Il cateterismo cardiaco. Il medico può ordinare questa procedura se test non invasivi non hanno fornito informazioni sufficienti per diagnosticare la condizione cardiaca.

Questi test aiutano il medico a determinare la salute del cuore in generale. Una volta che la stenosi della valvola aortica è scoperta, il medico o raccomandare un trattamento o suggerire un attento monitoraggio.

Trattamenti e cure

I farmaci a volte possono alleviare i sintomi della stenosi della valvola aortica. Tuttavia, l’unico modo per eliminare la stenosi valvolare aortica è un intervento chirurgico per riparare o sostituire la valvola e aprire il passaggio.

La chirurgia non è sempre necessaria da subito. Se i test rivelano una lieve stenosi della valvola aortica, il medico programmerà visite di controllo per monitorare attentamente la condizione.

In generale, l’intervento chirurgico è necessario quando il restringimento diventa grave ed i sintomi si sviluppano. Alcune persone non sviluppano mai grave stenosi della valvola aortica, per cui non hanno mai bisogno di un intervento chirurgico. Per altri, la condizione peggiora ed è necessaria la chirurgia.

Farmaci

Non esistono farmaci in grado di invertire la stenosi della valvola aortica. Tuttavia, il medico può prescrivere alcuni farmaci per aiutare il cuore, come ad esempio quelli per il controllo del ritmo cardiaco. L’abbassamento della pressione arteriosa o del colesterolo possono prevenire o rallentare lo sviluppo della stenosi aortica.

Potrebbe essere necessario riparare o sostituire la valvola per il trattamento di stenosi valvolare aortica. Sebbene approcci meno invasivi siano possibili in alcuni casi, la chirurgia è il trattamento primario per questa condizione.

Terapie per riparare o sostituire la valvola aortica sono:

  • Valvuloplastica (valvotomia). La valvuloplastica utilizza un catetere con un palloncino. Un medico guida il catetere attraverso un vaso sanguigno del braccio o dell’inguine al cuore e nella valvola aortica ristretta. Una volta in posizione, il palloncino sulla punta del catetere viene gonfiato. Il palloncino spinge la valvola aortica e si estende l’apertura della valvola, migliorando il flusso di sangue. Il palloncino viene sgonfiato e il catetere rimosso. La valvuloplastica può alleviare la stenosi della valvola aortica ed i suoi sintomi, soprattutto nei neonati e nei bambini. Tuttavia, negli adulti, la procedura non è di solito di successo. Per queste ragioni, i medici usano oggi raramente la valvuloplastica per il trattamento di stenosi valvolare aortica negli adulti, fatta eccezione per le persone che sono troppo malate per sottoporsi ad intervento chirurgico.
  • Sostituzione della valvola aortica. Questo è il trattamento primario per la stenosi della valvola aortica. Il chirurgo rimuove la valvola aortica ristretta e lo sostituisce con una valvola meccanica o una valvola di tessuto. Le valvole meccaniche, in metallo, sono durevoli, ma comportano il rischio di formazione di coaguli sanguigni sulla o vicino alla valvola. Se si innessta una valvola meccanica, il paziente avrà bisogno di prendere un farmaco anticoagulante, come il warfarin (Coumadin), per tutta la vita. atto a prevenire la formazione di coaguli di sangue. Le valvole biologiche che possono provenire da un suino, bovino o umano donatore deceduto col tempo, dovranno essere sostituite. Un altro tipo di sostituzione di tessuti della valvola che utilizza la valvola polmonare propria (autologo) è a volte possibile.
  • Sostituzione della valvola Aortica transcatetere (TAVR). La sostituzione della valvola aortica, è il trattamento più comune per la stenosi della valvola aortica, ed è stata tradizionalmente eseguita con chirurgia a cuore aperto. Un approccio meno invasivo della sostituzione aortica transcatetere della valvola, comporta la sostituzione della valvola aortica con una protesi valvolare attraverso l’arteria femorale della gamba (transfemorale) o l’apice del ventricolo sinistro del cuore (transapicale). La TAVR è solitamente riservata per le persone a maggior rischio di complicanze da chirurgia della valvola aortica.
  • Valvuloplastica chirurgica. In rari casi, la riparazione chirurgica può essere una soluzione efficace, come in bambini nati con una valvola aortica in cui vengono fusi i lembi della valvola insieme. Con i tradizionali strumenti chirurgici, un chirurgo agisce sulla valvola e separa questi lembi per ridurre la stenosi e migliorare il flusso sanguigno.

La stenosi della valvola aortica può essere trattata efficacemente con la chirurgia. Tuttavia, si può ancora essere a rischio di battiti cardiaci irregolari anche dopo il trattamento. Potrebbe essere necessario assumere farmaci per ridurre tale rischio. Se il cuore si è indebolito, potrebbe essere necessario trattare l’insufficienza cardiaca.

Se si ha avuto un intervento chirurgico per la sostituzione della valvola aortica, potrebbe essere necessario assumere antibiotici prima di alcune procedure dentistiche o mediche a causa del rischio di infezioni nel tessuto del cuore (endocardite).

Prevenzione

Alcuni modi possibili per evitare la stenosi della valvola aortica sono:

  • Adozione di misure per prevenire la febbre reumatica. Un mal di gola non trattato può evolvere in febbre reumatica. Fortunatamente, i mal di gola possono essere facilmente trattati con antibiotici.
  • Affrontare i fattori di rischio per la malattia coronarica. , tra cui la pressione alta, obesità e alti livelli di colesterolo. Questi fattori sono stati associati a stenosi della valvola aortica.
  • Prendersi cura di  denti e gengive. Ci può essere un legame tra le gengive infette (gengivite) e tessuto cardiaco infetto (endocardite). L’infiammazione del tessuto del cuore causato da una infezione può restringere le arterie e aggravare la stenosi aortica.

I pazienti con stenosi della valvola aortica, dovrebbero limitare l’attività intensa per evitare di stressare troppo il cuore.

Referenze »

Stenosi della valvola aortica (AVS). American Heart Association. Consultato il 10 giu 2011.
Rakel RE, et al. Malattia cardiaca valvolare. In: RE Rakel. Textbook of Family Medicine. 8a ed. Philadelphia, Pa: Saunders Elsevier, 2011. Consultato il 12 giugno 2011.
Grimard BH, et al. Stenosi aortica: Diagnosi e trattamento. Famiglia medico americano. 2008; 78:717.
Stenosi della valvola aortica (AS) e insufficienza aortica (AI). American Heart Association. http://www.heart.org/idc/groups/heart-public/ @ wcm / @ hcm/documents/downloadable/ucm_307649.pdf. Consultato il 12 giugno 2011.
Stenosi aortica. I Manuali Merck: Il Manuale Merck per gli Operatori Sanitari. http://www.merck.com/mmpe/sec07/ch076/ch076c.html. Consultato il 12 giugno 2011.
Otto CM, et al. Cardiopatia valvolare. In: Bonow RO, et al. Cuore di Braunwald Malattia di: A Textbook of Cardiovascular Medicine. 9a ed. Philadelphia, Pa: Saunders Elsevier, 2011. Consultato il 12 giugno 2011.
Come funziona il cuore sano. American Heart Association. Consultato il 12 giugno 2011.
Zigelman CZ, et al. Stenosi della valvola aortica. Cliniche Anestesiologia. 2009; 27:519.
Carabello BA, et al. Stenosi aortica. In: Crawford MH. Diagnosi e trattamento attuale: Cardiologia. 3rd ed. New York, NY: The McGraw-Hill Companies, 2009. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=3646810&searchStr=aortic+valve+stenosis # 3.646.810. Consultato il 12 giugno 2011.
Coeytaux RR, et al. Sostituzione della valvola cardiaca percutanea per la stenosi aortica: Stato delle prove. Annals of Internal Medicine. 2010; 153:314.
Smith CR, et al. Transcatetere rispetto chirurgico di sostituzione valvolare aortica in pazienti ad alto rischio. New England Journal of Medicine. 2011; 364:2187.
Lockhart PB, et al. Scarsa igiene orale come un fattore di rischio per l’endocardite infettiva batteriemia correlata. Journal of the American Dental Association. 2009; 140:1238.

 

Link sponsorizzati