Implantologia dentale : chirurgia, preparazione e risultati


L’implantologia  dentale è una procedura che sostituisce le radici dei denti con viti in metallo, che servono a sorreggere i denti artificiali che andranno a rimpiazzare quelli danneggiati o mancanti. L’implantologia  dentale in grado di offrire una valida alternativa a protesi o ponti che non si adattano bene.

Link sponsorizzati

Come la chirurgia implantare viene eseguita dipende dal tipo di impianto e dalla condizione della bocca. Ma tutta la chirurgia implantare avviene in più fasi e può coinvolgere diverse procedure. Il vantaggio principale degli impianti è un solido supporto per i nuovi denti. Tutavia il processo può richiedere molti mesi.

Perché viene fatta?

Gli impianti dentali sono chirurgicamente innestati nell’osso mascellare, dove rimpiazzano le radici dei denti mancanti. Poiché il titanio si innesta nella mandibola, non causarà danni ossei. Ma il più grande vantaggio, è che i materiali non possono cadere come nel caso dei ponti classici.

In generale, gli impianti dentali possono essere adatti se:

  • Si hanno uno o più denti mancanti
  • Si ha una mandibola che ha raggiunto il pieno sviluppo
  • Si ha una quantità di osso sufficiente per garantire un innesto osseo
  • Si hanno tessuti orali sani
  • Non si hanno condizioni di salute che possono influenzare la guarigione ossea
  • Non si è  in grado o non si vuole indossare protesi
  • Si vuole migliorare l’aspetto della propria bocca
  • Si èdisposti ad impegnarsi diversi mesi per il processo di innesto

 

implantologia dentale.png

Rischi

Come ogni intervento chirurgico, la chirurgia implantare pone alcuni rischi per la salute. I problemi sono rari, però, quando si verificano di solito sono lievi e facilmente curabili. I rischi includono:

  • Infezione nel sito dove si mette l’impianto
  • Lesioni o danni alle strutture circostanti, come gli altri denti e vasi sanguigni
  • Danni ai nervi, che possono causare dolore, intorpidimento o formicolio a gengive, labbra, denti o mento

Come ci si prepara

Poiché gli impianti dentali richiedono uno o più interventi chirurgici, è necessario disporre di una valutazione completa per prepararsi tra cui:

  • Completo esame odontoiatrico. Potrebbero essere necessarie radiografie o impronte dentali
  • Piano di trattamento. Il piano prende in considerazione fattori come il numero di denti che è necessario sostituire e la condizione della  bocca. Il processo di pianificazione può comportare una serie di specialisti dentali, tra cui un medico specializzato in condizioni della mandibola, e del viso (chirurgo maxillo-facciale) e un dentista parodontologo.
  • Informare il medico di tutte le condizioni mediche e gli eventuali farmaci assunti, compresi i farmaci da prescrizione e supplementi. Se si dispone di alcune condizioni cardiache o protesi ortopediche, il medico può prescrivere antibiotici prima di un intervento per aiutare a prevenire l’infezione.

Per il controllo del dolore, le opzioni di anestesia durante l’intervento chirurgico sono anestesia locale, sedazione o anestesia generale. Parlate con il vostro dentista specialista in merito a quale opzione è meglio per voi. La tua squadra cure dentistiche fornirà le istruzioni su mangiare e bere prima dell’intervento chirurgico, a seconda del tipo di anestesia che avete. Se hai l’anestesia generale, prevede di avere qualcuno che ti porti a casa dopo l’intervento chirurgico e si aspettano di riposare per il resto della giornata.

Che cosa ci si può aspettare

L’implantologia dentale è di solito un intervento chirurgico ambulatoriale effettuato in più fasi:

  • Il dente danneggiato viene rimosso.
  • La mascella è preparata per un intervento chirurgico, un processo che può comportare l’innesto osseo.
  • Dopo che la mandibola guarisce, il chirurgo orale pone il perno in metallo nella mandibola.
  • Si passa attraverso un periodo di guarigione che può durare diversi mesi.
  • Il chirurgo orale pone il perno in metallo seguito dal nuovo dente artificiale (corona).

L’intero processo può richiedere molti mesi dall’inizio alla fine, in genere da tre a nove mesi a volte di più. La maggior parte di quel tempo è dedicato alla guarigione.

Quando l’innesto osseo è necessario

Se la mascella non è abbastanza spessa o è troppo morbida, potrebbe essere necessario l’innesto osseo prima di poter effettuare un intervento chirurgico implantare. Questo perché l’azione potente della masticazione della bocca esercita una forte pressione sull’osso, e se non è possibile sostenere l’impianto, l’intervento probabilmente fallisce. Un innesto osseo può creare una base più solida per l’impianto.

Con l’innesto osseo, un pezzo di osso viene rimosso da un’altra parte della mascella o del corpo (l’anca, per esempio ) e trapiantato in bocca. Può richiedere fino a nove mesi affinchè l’osso trapiantato cresca per sostenere un impianto dentale. In alcuni casi, potrebbe essere necessario solo un innesto osseo secondario, che può essere fatto allo stesso tempo, come la chirurgia implantare. La condizione della bocca determina la procedura.

Inserimento dell’impianto dentale

Durante un intervento chirurgico per inserire un impianto dentale, il chirurgo orale fa un taglio per aprire la gengiva ed esporre l’osso. Dei fori vengono praticati nell’osso in cui il perno/vite in metallo verrà posizionato. Poiché servirà come radice del dente, è impiantato in profondità nel tessuto osseo.

In attesa della crescita delle ossa

Una volta che l’impianto metallico viene inserito nel mascellare, l’osteointegrazione  inizia. Durante questo processo, la mandibola cresce e si unisce con la superficie dell’impianto dentale. Questo processo, che può richiedere fino a sei mesi, ed aiuta a fornire una solida base per il nuovo dente artificiale -proprio come le radici dei denti naturali.

Quando osteointegrazione è completa, potrebbe essere necessario un ulteriore intervento chirurgico per posizionare meglio la corona. Questo piccolo intervento chirurgico è in genere fatto in anestesia locale.

Per posizionare la vita che ospiterà la corona:

  • Il chirurgo orale riapre la gengiva per esporre l’impianto dentale
  • Il pilastro viene fissato all’impianto dentale
  • Il tessuto gengivale viene chiuso

In molti casi, la vite viene fissata al perno, ciò significa che non sarà necessario un ulteriore intervento chirurgico. Poiché il perno sporge oltre il margine gengivale, tuttavia, è visibile quando si apre la bocca -e sarà così fino a quando il dentista completa la protesi.

Dopo che tutto è a posto, le gengive devono guarire per una o due settimane prima che il dente artificiale possa essere attaccato. La corona non può essere posizionata fino a quando la mandibola non è forte abbastanza per sostenere il nuovo dente.

Con il  dentista è possibile scegliere tra due tipi principali di denti artificiali:

  • Un impianto a protesi rimovibile. Questo tipo è simile a una protesi rimovibile convenzionale. Essa contiene i denti artificiali circondati da gomma plastica. E’ montata su un telaio metallico che è collegato al moncone, e non si blocca saldamente in posizione. Può essere facilmente rimossa per la pulizia giornaliera. E’spesso una buona scelta quando più denti nella mascella inferiore sono sostituiti.
  • Un impianto a protesi fissa. In questo tipo, un dente artificiale è permanentemente avvitato o cementato. Non è possibile rimuovere il dente per la pulizia o durante il sonno. Se l’accessibilità non è un problema, si può scegliere di sostituire i diversi denti mancanti in questo modo. Ogni corona è attaccata al suo impianto dentale.

Dopo l’intervento chirurgico

Se si dispone di chirurgia implantare in una sola fase o più fasi, si possono verificare alcuni dei disagi tipici associati con qualsiasi tipo di chirurgia dentale, come ad esempio:

  • Gonfiore delle gengive e del viso
  • Contusione della pelle e gengive
  • Dolore nel sito implantare
  • Sanguinamenti di minore entità

Se gonfiore, disagio o qualsiasi altro problema peggiora nei giorni dopo l’intervento, contattare il dentista. Potrebbero essere necessari farmaci per il dolore o antibiotici.

Dopo ogni fase di un intervento chirurgico, potrebbe essere richiesto di mangiare cibi morbidi. In genere, il chirurgo utilizza i punti che si sciolgono da soli. Se i punti non sono ad auto-dissoluzione, vanno rimossi in circa 10 gg.

Risultati

Gli impianti dentali hanno moltissimo successo. Ma a volte, tuttavia, l’osso non riesce a fondersi sufficientemente bene con l’impianto metallico. Il fumo, per esempio, può contribuire al fallimento dell’impianto e a creare complicazioni.

Se l’osso non riesce a fondersi in misura sufficiente, l’impianto viene rimosso, l’osso è pulito, e si può provare di nuovo la procedura in un mese o due.

E’ bene ricordare che si devono mantenere puliti i denti innestati con:

  • Una eccellente igiene orale. Proprio come con i denti naturali, è necessario mantenere gli impianti, i denti artificiali ed tessuto gengivale puliti.
  • Vedere il dentista regolarmente. Pianificare visite dentistiche ogni sei mesi per controllare la salute e il buon funzionamento degli impianti.
  • Evitare abitudini dannose. Non masticare cibi duri, come il ghiaccio e le caramelle, che possono rompere le corone ed i denti naturali.

Referenze »

Risposte alle domande più comuni sulle protesi. American College of Prosthodontists. http://www.gotoapro.org/faqs/. Consultato il 28 novembre, 2012.
Gli impianti dentali. Associazione americana di Chirurgia orale e maxillofacciale. http://www.aaoms.org/dental_implants.php. Consultato il 27 Novembre 2012.
Gli impianti dentali. American Academy of Periodontology. http://www.perio.org/consumer/dental-implants. Consultato il 27 Novembre 2012.
Rodriguez-Argueta DI, et al. Complicanze post-operatorie in pazienti fumatori trattati con impianti: uno studio retrospettivo. Gazzetta di Chirurgia Orale e Maxillo-Facciale. 2011; 69:2152.
Koh RU, et al. Impianto immediato posizionamento: aspetti positivi e negativi. Implant Dentistry. 2010; 19:98.
Impianti dentali denti singoli. American Academy of Periodontology. http://www.perio.org/consumer/single-tooth-implant. Consultato il 29 NOVEMBRE 2012.
Gli impianti dentali. American Dental Association. http://www.ada.org/sections/professionalResources/pdfs/ADA_PatientSmart_Implants.pdf. Consultato il 29 NOVEMBRE 2012.
Esposito M, et al. Interventi per la sostituzione di denti mancanti: tempi diversi per il carico impianti dentali. Cochrane Database of Systematic Reviews. http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/14651858.CD003878.pub4/abstract. Consultato il 5 dicembre 2012.
Esposito M, et al. Interventi per la sostituzione di denti mancanti: orizzontali e verticali tecniche di aumento osseo per il trattamento implantare. Cochrane Database of Systematic Reviews. http://onlinelibrary.wiley.com/doi/10.1002/14651858.CD003607.pub4/abstract. Consultato il 5 dicembre 2012.

Link sponsorizzati