Placenta previa : cause, complicazioni e cure


La placenta previa  si verifica quando parzialmente o totalmente copre il collo dell’utero della madre. La placenta previa può causare emorragie gravi prima o durante il parto.

Link sponsorizzati

La placenta fornisce ossigeno e sostanze nutritive per la crescita del bambino e rimuove i prodotti di scarto dal sangue del bambino. Si attacca alla parete dell’utero, e il cordone ombelicale del bambino deriva da esso. Nella maggior parte delle gravidanze, la placenta si attacca nella parte superiore o laterale dell’utero. Nella placenta previa, questa si attacca al settore inferiore dell’utero.

Se si dispone di placenta previa, probabilmente verrà richiesto un taglio cesareo per fornire garantire la sicurezza del bambino.

Sintomi

Un indolore, sanguinamento vaginale durante la seconda metà della gravidanza è il principale segno di placenta previa. La quantità di sanguinamento può variare da leggero a pesante. L’emorragia si ferma di solito senza trattamento, ma quasi sempre ricorre per giorni o settimane. Alcune donne sperimentano anche contrazioni.

Se si verifica un sanguinamento vaginale durante il secondo o terzo trimestre, chiamare immediatamente il medico. Se l’emorragia è grave, andare al pronto soccorso o chiamare il 118.

Cause

La placenta cresce dove l’embrione si impianta nell’utero. Se l’embrione si impianta nella parte inferiore dell’utero, la placenta potrebbe crescere nel collo dell’utero e causare la placenta previa.

La maggior parte dei casi di placenta previa sono diagnosticati durante un esame ecografico del secondo  trimestre. Se la placenta è raggiunge appena la cervice, la situazione si risolve da sola, perché l’espansione dell’utero tira la zona di distacco della placenta più in alto , lontano dall’apertura cervicale. Se la placenta risulta coprire completamente la cervice, tuttavia, è improbabile che risolva col tempo.

Tipi persistenti di placenta previa sono stati associati con:

  • Cicatrici nel rivestimento dell’utero
  • Un grande placenta, ad esempio con una gravidanza multipla
  • Un utero di forma anormale

 

Ecografia_della_Placenta_previa.jpg

Fattori di rischio

Le donne sono a maggior rischio di placenta previa, se hanno avuto precedenti interventi chirurgici che coinvolgono l’utero, come ad esempio:

  • Un parto cesareo
  • Intervento chirurgico per rimuovere fibromi uterini
  • Dilatazione e raschiamento, anche se si tratta di un rischio molto  basso

La placenta previa è più comune tra le donne che:

  • Hanno già partorito almeno un bambino
  • Hanno avuto la placenta previa con una precedente gravidanza
  • Hanno parti gemellari/ multipli
  • Hanno 35 anni o più
  • Sono asiatiche
  • Fumano

Complicazioni

Se si dispone di placenta previa, il medico controllerà la situazione con attenzione per ridurre il rischio di queste gravi complicanze:

  • Sanguinamento. Una delle maggiori preoccupazioni con la placenta previa è il rischio di grave sanguinamento vaginale (emorragia) durante il travaglio, il parto o le prime ore dopo il parto. Il sanguinamento può essere abbastanza pesante da essere pericoloso per la vita.
  • Nascita pretermine. Il grave sanguinamento può indurre a praticare un parto cesareo prima dello scadere dei termini della gravidanza.

Diagnosi

La placenta previa è diagnosticata attraverso l’ecografia, sia durante un appuntamento di routine prenatale o dopo un episodio di sanguinamento.

Tuttavia, per una diagnosi definitiva può essere necessaria una combinazione di ecografia addominale e transvaginale. In rari casi, la risonanza magnetica (MRI) può essere utilizzata per determinare con chiarezza la posizione della placenta.

Potrebbe essere necessario eseguire ulteriori esami ecografici per determinare la posizione esatta della placenta prima del parto.

Trattamenti e cure

Il trattamento della placenta previa dipende da vari fattori, tra cui:

  • La quantità di sanguinamento vaginale
  • Se l’emorragia si è fermata
  • A che punto è la gravidanza
  • La salute generale
  • La salute del bambino
  • La posizione della placenta e del bambino

Trattamento per il sanguinamento lieve

Se si dispone di scarso sanguinamento, il medico può raccomandare il riposo a letto. A seconda delle circostanze, potrebbe essere necessario stare a letto la maggior parte del tempo e seduti o in piedi solo quando necessario. L’esercizio fisico è solitamente off-limits, così come i rapporti.

Se la placenta non copre la cervice, si può essere autorizzati a tentare un parto vaginale. Se si inizia a sanguinare molto, potrebbe essere necessario un cesareo d’emergenza.

Trattamento per le forti emorragie

Se l’emorragia è grave, potrebbe essere necessaria una trasfusione di sangue per sostituire il sangue perso. Si può anche beneficiare di farmaci per prevenire un parto prematuro.

In questo caso, il medico probabilmente programmerà un cesareo, idealmente dopo 36 settimane di gravidanza. In questo caso, possono essere somministrati corticosteroidi per accelerare lo sviluppo dei polmoni del bambino.

Se l’emorragia non può essere controllata o il bambino è in difficoltà, può essere necessario un taglio cesareo di emergenza anche se il bambino è prematuro.

Referenze

Kay HH. Placenta previa e distacco. In: Gibbs RS, et al. Danforth di Ostetricia e Ginecologia. 10a ed. Philadelphia, Pa.: Wolters Kluwer Health Lippincott Williams & Wilkins, 2008. http://www.danforthsobgyn.com. Consultato il 29 Marzo 2011.
Sanguinamento durante la gravidanza. Congresso Americano di Ostetrici e Ginecologi. http://www.acog.org/publications/patient_education/bp038.cfm. Consultato il 29 Marzo 2011.
Houry DE, et al. Sanguinamento vaginale in gravidanza in seguito. In: Marx JA, et al. Emergency Medicine Rosen: Concetti e pratica clinica. 7a ed. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier, 2010. Consultato il 30 Marzo 2011.
DE Williams, et al. Placenta previa. In: RE Rakel. Textbook of Family Medicine. 7a ed. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2007. http://www.mdconsult.com/das/book/body/191205553-4/0/1481/0.html #. Consultato il 30 Marzo 2011.
Ramin KD, et al. Placenta previa. In: Bope ET, et al. La terapia attuale di Conn. Philadelphia, Pa.: Saunders Elsevier, 2011. Consultato il 30 Marzo 2011.
Lockwood CJ, et al. Le manifestazioni cliniche e diagnosi di placenta previa. http://uptodate.com/home/index.html. Consultato il 30 Marzo 2011.
Lockwood CJ, et al. Gestione di placenta previa. http://uptodate.com/home/index.html. Consultato il 30 Marzo 2011.

Link sponsorizzati