Malattia mentale : sintomi, complicazioni e salute


Il termine malattia mentale si riferisce ad una vasta gamma di condizioni di salute mentale, ovvero disturbi che colpiscono l’umore, il pensiero e il comportamento. Esempi di malattie mentali includono depressione, disturbi d’ansia, la schizofrenia, i disturbi alimentari e comportamenti da dipendenza.

Link sponsorizzati

Molte persone hanno problemi di salute mentale di volta in volta. Ma un problema di salute mentale diventa una malattia mentale quando segni e sintomi sono così frequenti, da influenzare la vita. Una malattia mentale può rednere infelici e causare problemi nella vita quotidiana, come ad esempio sul posto di lavoro o nelle relazioni. Nella maggior parte dei casi, i sintomi della malattia mentale possono essere gestiti con una combinazione di farmaci e consulenza (psicoterapia).

Sintomi

Segni e sintomi di malattia mentale possono variare, a seconda del particolare disordine, circostanze e altri fattori. Sintomi di malattia mentale possono influenzare le emozioni, pensieri e comportamenti.

Esempi  includono:

  • Tristezza
  • Pensieri confusi o ridotta capacità di concentrazione
  • Paure eccessive o preoccupazioni
  • Cambiamenti di umore estremi, con importanti fasi  di alti e bassi
  • Ritiro sociale
  • Stanchezza significativa, anche senza far nulla
  • Il distacco dalla realtà (deliri), paranoia o allucinazioni
  • Incapacità di far fronte ai problemi quotidiani o allo stress
  • Sensazione estrema di colpa
  • Alcol o droga
  • Importanti cambiamenti delle abitudini alimentari
  • Desiderio sessuale compulsivo
  • Eccessiva rabbia, ostilità o violenza
  • Pensieri autolesivi

A volte i sintomi di un disturbo di salute mentale, appaiono come problemi fisici, come dolori addominali, mal di schiena, mal di testa o altri dolori spesso immotivati.

grafico malattie mentali ultimo anno.jpg

In generale, i segni e sintomi possono indicare una malattia mentale quando interferiscono con la vita quotidiana. Si può avere difficoltà a far fronte allo stress, rabbia o altro. Oppure si può avere difficoltà a gestire le responsabilità della famiglia, il lavoro o la scuola.

Con alcuni tipi di malattie mentali,  come la schizofrenia e il disturbo bipolare, non si può capire la portata dei problemi, infatti in questi casi, sono spesso familiari o amici che per primi notano i sintomi di una malattia mentale.

In caso di segni o sintomi di una malattia mentale, consultare il medico quanto prima. La maggior parte dei disturbi mentali non migliorano da soli, e se non trattata, una malattia mentale può peggiorare nel tempo e causare problemi gravi.

Se si dispone di pensieri autolesivi

Pensieri e comportamenti suicidari sono comuni con alcune malattie mentali. In presenza di questo tipo di pensieri:

  • Chiamare il 118
  • Entrare in contatto con un amico o una persona cara
  • Rivolgersi al proprio medico, o psichiatra/psicologo

Cause

Le malattie mentali, in generale, sembrano causate da una varietà di fattori genetici e ambientali:

  • Tratti genetici. La malattia mentale è più comune nelle persone il cui i parenti stretti hanno una malattia mentale. Alcuni geni possono aumentare il rischio di sviluppare una malattia mentale.
  • Esposizioni ambientali prima della nascita. L’esposizione a virus, tossine, alcool o droghe, mentre il feto è nel grembo materno può essere a volte legato allo sviluppo di malattie mentali.
  • Esperienze di vita negative. Situazioni nella vita, possono svolgere un ruolo nel determinare la malattia mentale. Così può un’educazione che porta ad una scarsa autostima o una storia di abusi.
  • Chimica del cervello. Modifiche biochimiche nel cervello si pensa possano influenzare l’umore e altri aspetti della salute mentale.Le sostanze chimiche del cervello chiamate neurotrasmettitori svolgono un ruolo in alcune malattie mentali. In alcuni casi, gli squilibri ormonali incidono sulla salute mentale. Si ritiene che tratti ereditari, esperienze di vita e fattori biologici possano influenzare la chimica del cervello legata alle malattie mentali.

Fattori di rischio

Alcuni fattori possono aumentare il rischio di sviluppare problemi di salute mentale, tra cui:

  • Avere un un genitore o un fratello, con una malattia mentale
  • Esperienze nel grembo materno, per esempio avere una madre che è stato esposta a virus, tossine, farmaci o alcol durante la gravidanza
  • Sperimentare situazioni di vita stressanti, come ad esempio problemi finanziari, il decesso di una persona cara o  un divorzio
  • Avere una malattia cronica, come il cancro
  • Danni cerebrali a causa di una grave lesione traumatica del cervello
  • Avere esperienze traumatiche, come combattimenti militari o le aggressioni
  • L’uso di droghe illegali
  • Essere trascurati da bambini
  • Avere pochi amici o pochi rapporti sani
  • Avere un precedente di malattia mentale

La malattia mentale è comune. Circa 1 adulto su 4  ha una malattia mentale. Una malattia mentale può iniziare a qualsiasi età.

Complicazioni

La malattia mentale è una delle principali cause di disabilità. Oltre a ridurre la qualità della vita, la malattia mentale non curata può causare gravi problemi di salute, emotivi, comportamentali e fisici. La malattia mentale può anche causare problemi legali e finanziari. Le complicazioni legate alla malattia mentale sono:

  • Infelicità
  • Conflitti familiari
  • Difficoltà di relazione
  • Isolamento sociale
  • Problemi con il tabacco, alcol e altre droghe
  • Assenza dal lavoro o scuola
  • Povertà
  • Danni a sè stessi o a terzi
  • Aumento del rischio di incidenti automobilistici
  • Indebolimento del sistema immunitario
  • Malattie cardiache e altre condizioni mediche

Diagnosi

Per determinare una diagnosi e verificare la presenza di eventuali complicanze correlate ai disturbi mentali, è possibile che vengano eseguiti questi esami:

  • Esame fisico. Il medico cercherà di escludere problemi fisici che potrebbero causare i sintomi.
  • Le prove di laboratorio. Questi possono includere un controllo della funzionalità tiroidea o uno screening per l’alcol e le droghe
  • Valutazione psicologica. Un medico può analizzare i sintomi, pensieri, sentimenti e comportamenti. È possibile che venga chiesto di compilare un questionario.

A volte è difficile capire quale particolare malattia mentale può essere la causa dei sintomi. Ma col tempo, si può ottenere una diagnosi accurata che aiuterà a stabilire il trattamento appropriato.

I sintomi che definiscono ogni malattia mentale sono dettagliati e classificati nel Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali (DSM) pubblicato dalla American Psychiatric Association.

Tipi di malattia mentale

Le classi principali di malattia mentale sono:

  • Disturbi dell’umore. Questi includono disturbi che colpiscono come ci si sente emotivamente, come ad esempio il livello di tristezza e di felicità. Gli esempi includono la depressione ed il disturbo bipolare.
  • Disturbi d’ansia. L’ansia è un’emozione caratterizzata dalla previsione di pericolo futuro o la sfortuna, accompagnata dal sentirsi a disagio. Gli esempi includono disturbo d’ansia generalizzato, disturbo di panico, disturbo ossessivo-compulsivo, fobie e disturbo post-traumatico da stress.
  • Disturbi Correlati a Sostanze. Questi includono i problemi connessi con l’abuso di alcol e droghe.
  • Disturbi psicotici. I disturbi psicotici possono causare il distacco dalla realtà (deliri, paranoia e allucinazioni). L’esempio più notevole è la schizofrenia.
  • Disturbi cognitivi. I disturbi cognitivi influenzano la capacità di pensare e ragionare. Essi comprendono delirio, demenza e problemi di memoria. La malattia di Alzheimer è un esempio di un disturbo cognitivo.
  • Disturbi dello sviluppo. Questa categoria comprende una vasta gamma di problemi che di solito iniziano durante l’infanzia o l’adolescenza. Essi comprendono l’autismo, deficit di attenzione (ADHD) e difficoltà di apprendimento.
  • I disturbi di personalità. Un disturbo di personalità implicano un modello duraturo di instabilità emotiva e un comportamento malsano che causa problemi nella vita e nelle relazioni. Gli esempi includono disturbo borderline di personalità e disturbo di personalità antisociale.
  • Altri disturbi. Disturbi del controllo degli impulsi, a cui sono inclusi anche i disturbi dissociativi, mostrano spesso sono sintomi fisici senza una causa chiara.

Trattamenti e cure

Il particolare trattamento dipende dal tipo di malattia mentale, la sua gravità e ciò che funziona meglio per il paziente. In molti casi, una combinazione di trattamenti funziona meglio.

Se si dispone di una lieve malattia mentale con sintomi ben controllati, il trattamento con uno psicologo può essere sufficiente. Tuttavia, spesso un approccio di squadra è più opportuno. Questo è particolarmente importante per le gravi malattie mentali, come la schizofrenia.

Il team di trattamento

La tua squadra di trattamento può includere :

  • Il medico di assistenza primaria (medico di famiglia)
  • Psichiatra
  • Psicoterapeuta, come ad esempio uno psicologo
  • Farmacista
  • Assistente sociale
  • Membri della famiglia

Farmaci

Nonostante i medicinali non curino la malattia mentale, spesso possono migliorare significativamente i sintomi. Farmaci psichiatrici possono anche contribuire a rendere altri trattamenti più efficaci.

Ecco una panoramica di alcune delle classi di farmaci più comunemente usati:

  • Farmaci antidepressivi. Gli antidepressivi vengono utilizzati per il trattamento di vari tipi di depressione e talvolta altre condizioni. Gli antidepressivi possono aiutare a migliorare i sintomi come la tristezza, disperazione, mancanza di energia, difficoltà di concentrazione e mancanza di interesse per le attività. Diversi tipi di antidepressivi sono raggruppati per il modo in cui influenzano la chimica del cervello.
  • Stabilizzanti dell’umore. Farmaci stabilizzatori dell’umore sono più comunemente usati per trattare il disturbo bipolare, che è caratterizzato da un’alternanza di episodi di mania e depressione. A volte a questi farmaci vengono aggiunti agli antidepressivi per curare la depressione.
  • Anti-ansia. I farmaci ansiolitici sono usati per trattare i disturbi d’ansia, come il disturbo d’ansia generalizzato e il disturbo di panico. Essi possono anche contribuire a ridurre l’agitazione e l’insonnia. Questi farmaci sono in genere ad azione rapida, contribuendo ad alleviare i sintomi in soli 30 – 60 minuti. Un grave inconveniente tuttavia, è che causano dipendenza.
  • Farmaci antipsicotici. Questi farmaci chiamati anche neurolettici, sono tipicamente utilizzati per il trattamento di disturbi psicotici come la schizofrenia. Farmaci antipsicotici possono anche essere utilizzati per trattare disturbi bipolari o aggiunti agli antidepressivi nel trattamento della depressione.

Psicoterapia

La psicoterapia, è un processo di trattamento delle malattie mentali con la discussione delle questioni connesse ad essa con un terapeuta. Durante la psicoterapia, si impara a conoscere la condizione e gli stati d’animo, sentimenti, pensieri e comportamenti.

Esistono molti tipi di psicoterapia, ognuna con il proprio approccio per migliorare il benessere mentale. La psicoterapia spesso può essere completata con successo in pochi mesi, ma in alcuni casi, un trattamento a lungo termine può essere utile.

Stimolazione del cervello

Questi trattamenti sono a volte utilizzati per la depressione e altri disturbi di salute mentale. Essi sono generalmente riservati per le situazioni in cui i farmaci e la psicoterapia non hanno funzionato. Essi comprendono la terapia elettroconvulsiva (ECT), la stimolazione magnetica transcranica, stimolazione del nervo vago e un trattamento sperimentale chiamato stimolazione cerebrale profonda.

Assicurarsi di aver compreso tutti i rischi ei benefici di qualsiasi trattamento consigliato.

A volte la malattia mentale diventa così grave che si ha necessità di ricovero in ospedale psichiatrico.

Abuso di sostanze stupefacenti

L’abuso di sostanze si verifica comunemente con le malattie mentali. Spesso interferisce con il trattamento e peggiora la malattia mentale. I trattamenti per l’abuso di sostanze sono:

  • Psicoterapia, per saperne di più sulla tua malattia e la comprensione del problema
  • Farmaci, che possono contribuire ad alleviare i sintomi di astinenza o ridurre l’appetito
  • Degenza ospedaliera
  • Trattamento ambulatoriale
  • Gruppi di sostegno

Lavorando insieme con il terapeuta, si possono ottenere rapidi miglioramenti.

Consigli

Nella maggior parte dei casi, una malattia mentale non migliorerà senza assistenza professionale. Ma si possono fare alcune cose per migliorare il trattamento:

  • Attenersi al piano di trattamento. Non saltare le sedute di terapia. Anche se ci si sente meglio, non saltare mai i farmaci. Se ci si ferma, i sintomi possono tornare.
  • Evitare l’uso di alcol e droghe.
  • Restare attivi. L’esercizio fisico può aiutare a gestire i sintomi come la depressione, lo stress e l’ansia. L’attività fisica può anche contrastare gli effetti di alcuni farmaci psichiatrici che possono causare aumento di peso.
  • Non prendere decisioni importanti quando i sintomi sono gravi. Evitare di prendere decisioni quando si è nel profondo dei sintomi di malattia mentale, dal momento che non si può pensare con chiarezza.
  • Priorità per la propria vita. È possibile ridurre l’impatto della malattia mentale con una maggiore attenzione alla gestione del tempo e all’energia.
  • Imparare ad adottare un atteggiamento positivo. Concentrarsi sulle cose positive nella vita può rendere la vita migliore e può migliorare la salute. Cercare di accettare i cambiamenti quando si verificano, e mantenere i problemi in prospettiva.

Prevenzione

Non esiste un modo sicuro per prevenire la malattia mentale. Tuttavia, se si dispone di una malattia mentale, l’adozione di misure per controllare lo stress, per aumentare la resistenza e per aumentare la bassa autostima possono aiutare a mantenere i sintomi sotto controllo.

Attenersi alla seguente procedura:

  • Prestare attenzione ai segnali di pericolo. Lavorare con il medico o il terapista per imparare ciò che potrebbe scatenare i sintomi.
  • Cure mediche di routine. Non trascurare i controlli dal medico di famiglia, soprattutto se non ci si sente bene.
  • Ottenere aiuto quando se ne ha bisogno. Le condizioni di salute mentale possono essere più difficili da trattare se si aspetta fino a quando i sintomi sono gravi.
  • Prendersi cura di sè stessi. Questo include, il fare una vita sana, possibilmente con una sana alimentazione.

Referenze »

Psicoterapie. Istituto Nazionale di Salute Mentale. http://www.nimh.nih.gov/health/topics/psychotherapies/index.shtml. Consultato il 24 Luglio 2012.
La malattia mentale e la famiglia: Riconoscere segnali di pericolo e come affrontare. Mental Health America. Consultato il 23 luglio 2012.
Introduzione. In: Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM-IV-TR. 4a ed. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association, 2000. http://www.psychiatryonline.com. Consultato il 13 Giugno, 2012.
Stimolazione cerebrale terapie. Istituto Nazionale di Salute Mentale. http://www.nimh.nih.gov/health/topics/brain-stimulation-therapies/brain-stimulation-therapies.shtml. Consultato il 24 Luglio 2012.
Farmaci di salute mentale. Istituto Nazionale di Salute Mentale. http://www.nimh.nih.gov/health/publications/mental-health-medications/index.shtml. Consultato il 24 Luglio 2012.
Connessione mente / corpo: come le emozioni influenzano la salute. American Academy of Family Physicians. http://familydoctor.org/online/famdocen/home/healthy/mental/782.printerview.html. Consultato il 23 luglio 2012.
Malattia di sorveglianza mentale tra gli adulti degli Stati Uniti. Centers for Disease Control. http://www.cdc.gov/mentalhealthsurveillance/fact_sheet.html. Consultato il 23 luglio 2012.
Il trattamento si avvicina per la tossicodipendenza. National Institute on Drug Abuse. http://www.drugabuse.gov/publications/drugfacts/treatment-approaches-drug-addiction. Consultato il 24 Luglio 2012.
Comprendere l’ospedalizzazione per la salute mentale. Depressione e Support Alliance bipolare. http://www.dbsalliance.org/site/Search?query=hospitalization&inc=10&x=0&y=0Accessed 24 luglio, 2012.
Salgado MF, et al. Storia familiare di malattia mentale grave in bipolare di tipo I e II, i pazienti bipolari. Biological Psychiatry. 2012; 71:153 S.
Malattia mentale: Prendersi cura di sé.  medico di famiglia americano. 2008; 78:363.
Oro MS, et al. Trattamento psicosociale di abuso di alcol e dipendenza. http://www.uptodate.com/index. Consultato il 2 giugno 2012.
Rackley S, et al. La depressione nei pazienti clinicamente malati. Cliniche psichiatriche del Nord America. 2012; 35:231.
Depressione. Istituto Nazionale di Salute Mentale. http://www.nimh.nih.gov/health/publications/depression/index.shtml. Consultato il 23 luglio 2012.
Sadock BJ, et al. Comprehensive Textbook Kaplan & Sadock di Psichiatria. 9a ed. Philadelphia, Pa.: Wolters Kluwer Health Lippincott Williams & Wilkins, 2009. Consultato il 24 Luglio 2012.
X Li, et al. Revisione del trattamento farmacologico nei disturbi dell’umore e indicazioni future per lo sviluppo di farmaci. Neuropsicofarmacologia. 2012; 37:77.
McDowell AK, et al. gestione del rischio per il medico di assistenza primaria.
Chamberlain AM, et al. Associazioni di preesistente depressione e ansia con ospedalizzazione nei pazienti con malattie cardiovascolari.
Index. In: Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM-IV-TR. 4a ed. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association, 2000. http://www.psychiatryonline.com. Consultato il 13 Giugno, 2012.
Capire il suicidio: Foglio 2012. Centri per il Controllo e la Prevenzione. http://www.cdc.gov/ViolencePrevention/pub/Suicide_factsheet.html. Consultato il 23 luglio 2012.
Che cosa è malattia mentale: fatti malattia mentale. Alleanza Nazionale sulla malattia mentale. http://www.nami.org/template.cfm?section=about_mental_illness. Consultato il 23 luglio 2012.
Schreiber J, et al. Ideazione e comportamento suicidario negli adulti. http://www.uptodate.com/index. Consultato il 13 marzo 2012.
Disturbi di regolazione. In: Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali DSM-IV-TR. 4a ed. Arlington, Virginia: American Psychiatric Association, 2000. http://www.psychiatryonline.com. Consultato il 27 agosto 2012.

 

Link sponsorizzati