Distacco della placenta : cause, sintomi e prevenzione


Il distacco della placenta è una complicanza rara ma grave della gravidanza.

Link sponsorizzati

La placenta è una struttura che si sviluppa in utero durante la gravidanza per nutrire il bambino in crescita. Se la placenta si stacca dalla parete interna dell’utero prima del parto parzialmente o totalmente, il distacco della placenta può privare il bambino di ossigeno e sostanze nutritive e causare grave sanguinamento  nella madre.

Il distacco della placenta spesso accade all’improvviso. Se non curato, distacco della placenta pone madre e bambino in serio pericolo.

Sintomi

Il distacco della placenta è più probabile che si verifichi nelle ultime 12 settimane prima della nascita. Classici segni e sintomi di distacco di placenta sono:

  • Sanguinamento vaginale
  • Dolore addominale
  • Mal di schiena
  • Dolorabilità uterina
  • Rapide contrazioni uterine

Dolori addominali e mal di schiena spesso iniziano improvvisamente. La quantità di sanguinamento vaginale può variare notevolmente, e non corrisponde necessariamente alla quantità di placenta che è separata dalla parete interna dell’utero. E’ anche possibile avere un grave distacco placentare e nessun sanguinamento visibile, questo perchè il sangue diventa intrappolato all’interno dell’utero dalla placenta.

In alcuni casi, il distacco di placenta si sviluppa lentamente. In questo caso, si può notare sanguinamento vaginale intermittente. Il bambino potrebbe non crescere più rapidamente come previsto, e si potrebbe avere un basso liquido amniotico (oligoidramnios) o altre complicazioni.

Andare al pronto soccorso se si verificano i classici sintomi di distacco della placenta.

distacco della placenta_ecografia.jpg

Cause

La causa specifica del distacco della placenta è spesso sconosciuta. Le cause possono essere traumi o lesioni all’addome, o rapida perdita del fluido amniotico.

Fattori di rischio

Vari fattori possono aumentare il rischio di distacco della placenta, tra cui:

  • Precedente distacco della placenta. Se si ha avuto un distacco di placenta in precedenza, si è a più alto rischio.
  • Alta pressione sanguigna. L’alta pressione sanguigna, sia cronica che come conseguenza di una gravidanza aumenta il rischio di distacco della placenta.
  • Trauma addominale. Un trauma all’addome rende più probabile il distacco di placenta.
  • Abuso di sostanze. Il distacco della placenta è più comune nelle donne che fumano o usano cocaina durante la gravidanza.
  • Rottura prematura delle membrane. Durante la gravidanza, il bambino è circondato e ammortizzato da un fluido pieno di membrane chiamata sacco amniotico. Il rischio di distacco della placenta aumenta se il sacco si rompe prima del travaglio.
  • Disturbi della coagulazione del sangue. Qualsiasi condizione che danneggia la capacità del sangue di coagulare aumenta il rischio di distacco di placenta.
  • Gravidanza multipla.
  • Età materna. Il distacco della placenta è più comune nelle donne dopo i 40 anni.

Complicazioni

Il distacco della placenta può essere un serio pericolo per la vita  della madre e del bambino.

Per la madre, il distacco di placenta può portare a:

  • Shock a causa della perdita di sangue
  • Problemi di coagulazione del sangue (coagulazione intravascolare disseminata)
  • La necessità di una trasfusione di sangue
  • Danni ai reni o altri organi

Per il bambino, il distacco della placenta può portare a:

  • Privazione di ossigeno e nutrienti
  • Nascita prematura
  • Decesso alla nascita

Dopo che il bambino nasce, del sanguinamento dal sito del distacco della placenta è probabile. Se l’emorragia non può essere controllata, l’isterectomia è necessaria.

Diagnosi

Se medico sospetta un distacco della placenta, eseguirà un esame fisico per verificare la condizione uterina. Per aiutare ad identificare le possibili fonti di sanguinamento vaginale, potrebbe essere necessario esami del sangue o una ecografia.

Durante l’ecografia ad alta frequenza onde sonore vengono utilizzate per creare un’immagine dell’utero. Tuttavia, non è sempre possibile vedere un distacco di placenta con una ecografia.

Trattamenti e cure

Non è possibile riattaccare una placenta che si è separata dalla parete dell’utero. Le opzioni di trattamento per il distacco della placenta dipendono dalle circostanze:

  • Il bambino non è vicino al termine. Se il distacco sembra mite, la frequenza cardiaca del  bambino è normale ed è troppo presto per nascere, si potrebbe essere ricoverate in ospedale per un attento monitoraggio. Se l’emorragia si arresta e la condizione del bambino è stabile, si potrebbe essere in grado di ritornare a casa. In alcuni casi, potrebbero essere somministrati farmaci per aiutare i polmoni del  bambino a maturare, che in caso di parto anticipato diventa necessario.
  • Il bambino è vicino a termine. Se il bambino è vicino alla data di nascita, generalmente dopo le 34 settimane di gravidanza e il distacco di placenta sembra minimo, un parto vaginale strettamente monitorato potrebbe essere possibile. Se il distacco progredisce o mette in pericolo la salute, si dovrà effettuare un parto cesareo. In caso di emorragie gravi, potrebbe essere necessaria una trasfusione di sangue.

Prevenzione

Non è possibile evitare direttamente il distacco della placenta, ma è possibile ridurre alcuni fattori di rischio che rendono più probabile che accada. Ad esempio, non fumare o non usare droghe. Se si ha la pressione alta, lavorare con il medico per il controllo della condizione.

Se si ha avuto un distacco di placenta e si sta pianificando un’altra gravidanza, parlare con il proprio ginecologo sulle modalità per ridurre il rischio di un altro distacco prima di concepire di nuovo. Tuttavia il ginecologo, monitorerà attentamente la condizione per tutta la gravidanza.

Referenze »

Ananth CV, et al. Caratteristiche cliniche e diagnosi di distacco di placenta. http://www.uptodate.com/index.html. Consultato il 13 ottobre, 2011.
Oyelese Y, et al. Gestione e l’esito delle gravidanze complicate da distacco di placenta. http://www.uptodate.com/index.html. Consultato il 13 ottobre, 2011.
American College of Obstetricians and Gynecologists. La gravidanza e il parto mese in mese. 5th ed. Washington, DC: American College of Obstetricians and Gynecologists, 2010:373.
Emorragia ostetrica. In: FG Cunningham, et al. Williams Ostetricia. 23a ed. New York, NY, The McGraw-Hill Companies, 2010. http://www.accessmedicine.com/resourceTOC.aspx?resourceID=46. Consultato il 14 ottobre 2011.

 

Link sponsorizzati