Ricostruzione del legamento crociato anteriore : guarigione e chirurgia


La ricostruzione del legamento crociato anteriore (che chiameremo LCA per abbreviare) è un intervento chirurgico per riparare uno strappo in uno dei principali legamenti del ginocchio. Una ricostruzione del LCA può aiutare un atleta a tornare in campo in tempi brevi, ma molte persone con i legamenti strappati possono continuare le loro normali attività anche senza la ricostruzione del legamento crociato anteriore

Link sponsorizzati

La lacerazione del LCA è la più comune lesione ai legamenti del ginocchio. Sport e routine di fitness dove si deve correre, girare e saltare portano a molti casi di strappo del legamento crociato anteriore.

Il legamento crociato anteriore è uno dei principali legamenti di stabilizzazione del ginocchio. Impedisce all’osso inferiore della gamba (tibia) di andare troppo in avanti. Con la ricostruzione del LCA, la funzione del legamento lacerato non viene ripristinata. La ricostruzione comporta la creazione di un nuovo legamento crociato anteriore da tessuto innestato.

Perché viene fatta?

I legamenti sono fasce forti di tessuto osseo che si attaccano alle ossa. Il legamento crociato anteriore si trova nel centro del ginocchio, e collega il femore alla tibia. Il legamento mantiene gli stinchi a posto, stabilizza il ginocchio e impedisce l’instabilità, soprattutto nei cambi rapidi di direzione.

Non tutti quelli che hanno lacerazioni  nel legamento crociato anteriore necessitano della ricostruzione. A seconda dell’età e livello di attività, si può prendere in considerazione un intervento chirurgico se:

  • Si ha dolore persistente al ginocchio
  • Si è giovani e attivi
  • La lesione sta causando instabilità durante le attività quotidiane, come salire le scale
  • Più di un legamento o cartilagine nel ginocchio (menisco) sono compromessi
  • Si è atleti che vogliono continuare l’attività agonistica.

Rischi

La LCA è una procedura chirurgica. E, come per qualsiasi intervento chirurgico, emorragie e infezioni sono rischi potenziali. Altri rischi connessi con la ricostruzione del LCA sono:

  • Dolore al ginocchio
  • Rigidità, debolezza o perdita di ampiezza del movimento
  • Una limitata guarigione dell’innesto
  • Mancato raggiungimento del sollievo dai sintomi
  • Trasmissione di malattie da un innesto prelevato da un cadavere (allotrapianto)

 

Ricostruzione del legamento crociato anteriore.jpg

Come ci si prepara

Prima di sottoporsi alla procedura, è bene discutere con il medico i rischi e benefici della procedura. Il medico può descrivere i pro ei contro di ciascuna delle opzioni chirurgiche. Se i tendini non sono in condizione recuperabili, il medico può raccomandare un allotrapianto, che è un tessuto prelevato da un cadavere. Il cadavere viene accuratamente selezionato e testato per ridurre al minimo il rischio di trasmissione di malattie dal trapianto.

Assicurarsi che il medico sia a conoscenza di tutti i farmaci, vitamine o integratori che si stanno assumendo. In generale, per prepararsi si consiglia di:

  • Interrompere l’assunzione di aspirina o altri farmaci per fluidificare il sangue. Il medico può chiedere di interrompere l’assunzione una settimana o più, prima dell’intervento chirurgico per ridurre il rischio di sanguinamento.
  • Prendere solo i farmaci che il medico consigli il giorno della chirurgia, con un sorso d’acqua.
  • Non mangiare o bere 8 – 12 ore prima dell’intervento chirurgico, soprattutto se in anestesia generale.
  • Farsi accompagnare. Oltre ad offrire supporto, un’altra persona deve essere presente per ascoltare le istruzioni post-operatorie.

Che cosa ci si può aspettare

Nella maggior parte dei casi, la ricostruzione del LCA è una procedura ambulatoriale in anestesia generale e l’artroscopia. Con l’artroscopia, il chirurgo può vedere e operare sul ginocchio attraverso piccole incisioni, con un sottile tubo dotato di uno strumento ottico (artroscopia), collegato a una videocamera. Tuttavia, per comprendere meglio cosa  è l’artroscopia, consigliamo di leggere questo articolo.

Durante la procedura

Per l’intervento chirurgico, è necessario:

  • Indossare un camice e rimuovere gioielli e occhiali, se presenti
  • Avere una canula venosa generalmente nel braccio, in modo che il team di medici sia in grado di dare farmaci durante l’intervento chirurgico
  • Somministrare un sedativo
  • Un incontro con il chirurgo per discutere sugli ultimi dubbi pre-operatori
  • Un incontro con un anestesista
  • Prendere anestetici per intorpidire la zona (locale) per tutta la durata della procedura o una anestesia generale

Il chirurgo può fare una o due piccole incisioni e inserire poi l’artroscopio e gli strumenti. Dentro il ginocchio, la videocamera registra e contemporaneamente visualizza le immagini su un monitor accanto al tavolo operatorio. Queste immagini guidano il chirurgo nella riparazione del legamento crociato anteriore danneggiato. I passi per la riparazione possono includere:

  • Rimozione del legamento danneggiato
  • La rimozione di un pezzo di tendine da un’altra parte della gamba (autologo) o da un cadavere (allotrapianto)
  • Perforazione nel femore e tibia per ancorare l’innesto
  • Sostituzione del legamento danneggiato con l’innesto, collegandolo al femore e tibia, di solito con viti
  • Chiusura della ferita

Se i tendini stessi non forniscono il miglior sostituto per il legamento infortunato, il medico può raccomandare l’utilizzo di un tendine da un cadavere (allogenico). I cadaveri utilizzati per trapianti sono stati accuratamente selezionati.

Dopo l’intervento

Dopo l’intervento, si viene portati in una sala risveglio. Durante questo periodo, un infermiere controllerà la pressione sanguigna, il polso e la respirazione.

E’ bene ricordare che si avrà bisogno di:

  • Eventualmente indossare una ginocchiera per una o più settimane
  • Stampelle per un massimo di sei settimane
  • Comprendere che ci sarà un po ‘di dolore
  • Seguire le istruzioni circa la cura post-chirurgica, compresa la cura per l’incisione e la medicazione e riconoscere i segni di infezione
  • Seguire la prescrizione per farmaci antidolorifici
  • Considerare la terapia fisica

Si avranno restrizioni sulla normali attività, di solito per diversi mesi

Risultati

Il successo della ricostruzione del legamento crociato anteriore in coppia con la riabilitazione rigorosa, è in grado di ripristinare la stabilità e la funzione per il ginocchio. Entro le prime settimane dopo l’intervento chirurgico, si dovrebbe cercare di riacquistare il pieno controllo del ginocchio. Gli atleti spesso possono tornare alle loro attività sportive dopo sei o 12 mesi, ammesso che eseguano perfettamente il regime di riabilitazione.

Circa 9 persone su 10 che si sottopongono alla ricostruzione del legamento crociato anteriore hanno risultati eccellenti.

Referenze »

Clark JC, et al. Primaria ricostruzione del LCA con tessuto trapiantato. Clinica Medicina dello Sport. 2009; 28:223.
Anteriori lesioni del legamento crociato. In: Canale ST: Campbell Ortopedia Operativi. 11 ° ed. Philadelphia, Pa.: Mosby Elsevier; 2007:2496.
Muscolare e lesioni dei tendini. In: Brunicardi FC, et al. Schwartz Principi di Chirurgia. 8a ed. Columbus, Ohio: McGraw-Hill, 2005.. http://www.accessmedicine.com/content.aspx?aID=820647. Consultato il 30 settembre, 2009.
Fu F, et al. Le attuali tendenze in parte anteriore ricostruzione del legamento crociato 1: Biologia e biomeccanica della ricostruzione. American Journal of Sports Medicine. 1999; 27:821.
Lesione del LCA: Ha bisogno di un intervento chirurgico? American Academy of Orthopaedic Surgeons. http://orthoinfo.aaos.org/topic.cfm?topic=A00297. Consultato il 1 ottobre, 2009.
Friedberg RP. Lesione del legamento crociato anteriore. http://www.uptodate.com/home/index.html. Consultato il 1 Ottobre, 2009.
Spindler KP, et al. Rottura del legamento crociato anteriore. New England Journal of Medicine. 2008; 359:2135.

 

Link sponsorizzati